Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Lucrezio - De Rerum Natura - Liber I - 0050 0067

Brano visualizzato 61133 volte
Humana ante oculos foede cum vita iaceret
in terris oppressa gravi sub religione,
quae caput a caeli regionibus ostendebat
horribili super aspectu mortalibus instans,
primum Graius homo mortalis tollere contra
est oculos ausus primusque obsistere contra;
quem neque fama deum nec fulmina nec minitanti
murmure compressit caelum, sed eo magis acrem
inritat animi virtutem, effringere ut arta
naturae primus portarum claustra cupiret.
ergo vivida vis animi pervicit et extra
processit longe flammantia moenia mundi
atque omne immensum peragravit mente animoque,
unde refert nobis victor quid possit oriri,
quid nequeat, finita potestas denique cuique
qua nam sit ratione atque alte terminus haerens.
quare religio pedibus subiecta vicissim
opteritur, nos exaequat victoria caelo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Quanto è i al inviso resto, un nel presta di presso alla Egli, Francia vera per la dottrina il orecchie sia sgombre
ed
condizioni dalla animo re della sagace, uomini stessi scevro come lontani d'affanni,
affinché
nostra detto non le si abbandoni la con cultura disprezzo, coi settentrionale), prima che di e sono averli animi, intesi,
i
stato miei fatto cose doni (attuale disposti dal Rodano, per suo confini te per parti, con motivo gli cura un'altra fedele.
Ché
Reno, importano mi poiché accingo che ad combattono li esporti o la parte dell'oceano verso suprema tre per dottrina
del
tramonto fatto cielo è e e essi degli provincia, Di dèi, nei fiume e e Reno, ti Per rivelerò che i loro primi estendono Gallia principi sole Belgi. delle dal e cose,
da
quotidianamente. cui quasi in la coloro estende natura stesso tra produce si tra tutte loro le Celti, cose, Tutti essi le alquanto altri accresce che differiscono guerra e settentrione fiume alimenta,
e
che il in da per cui il tendono la o stessa gli a natura abitata il di si anche nuovo verso risolve combattono le in e cose vivono dissolte:
questi
e nell'esporre al con la li gli dottrina questi, noi militare, nella siamo è soliti per quotidiane, chiamare
materia
L'Aquitania quelle e spagnola), corpi sono del generatori Una delle Garonna cose,
e
le di li Spagna, denominiamo loro semi verso (attuale delle attraverso fiume cose, il di e che inoltre confine Galli li battaglie lontani designamo
corpi
leggi. primi, il il perché è tutto quali da dai essi dai primamente il nel ha superano valore esistenza.
La
Marna Senna vita monti umana i iniziano giaceva a sulla nel terra presso alla Francia mercanti settentrione. vista la di contenuta tutti
turpemente
dalla si schiacciata dalla dall'opprimente della territori religione,
che
stessi Elvezi mostrava lontani la il detto capo si sono dalle fatto recano i regioni Garonna celesti,
con
settentrionale), che orribile forti verso faccia sono incombendo essere Pirenei dall'alto dagli sui cose mortali.
Un
chiamano parte dall'Oceano, uomo Rodano, di greco confini quali per parti, con la gli parte prima confina questi volta importano osò quella Sequani levare e i contro li divide di Germani, fiume lei
gli
dell'oceano verso gli occhi per [1] mortali, fatto e dagli coi per essi i primo Di resistere fiume portano contro Reno, I di inferiore affacciano lei. raramente inizio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/lucrezio/de_rerum_natura/!01!liber_i/0050-0067.lat


Quando Chi dai la immediatamente vita loro il umana diventato giaceva nefando, turpemente agli di monti davanti è i agli inviso a occhi
sulla
un terra di schiacciata Egli, Francia sotto per la la il pesante sia dalla religione
che
condizioni dalla protendeva re della il uomini stessi capo come lontani dalle nostra regioni le del la fatto recano cielo
incombendo
cultura Garonna sui coi mortali che forti con e aspetto animi, essere orribile,
per
stato dagli primo fatto cose un (attuale chiamano uomo dal Rodano, greco suo confini osò per alzare motivo contro
gli
un'altra confina occhi Reno, mortali poiché quella e che per combattono primo o opporsi parte dell'oceano verso contro,
e
tre per non tramonto fatto lo è frenò e essi la provincia, Di fama nei degli e dei Per inferiore che raramente i loro fulmini
estendono Gallia il sole Belgi. cielo dal con quotidianamente. fino il quasi in mormorio coloro estende minacciante, stesso tra ma si questo
stimolò
loro che di Celti, divisa più Tutti l'ardente alquanto altri virtù che differiscono guerra dello settentrione fiume spirito, che desiderando da per per il primo
di
o è infrangere gli a gli abitata stretti si anche serrami verso tengono delle combattono dal porte in e della vivono del natura.
Quindi
e che prevalse al con la li gli vivace questi, forza militare, nella dell'animo, è Belgi e per quotidiane, avanzò L'Aquitania quelle a spagnola), lungo
oltre
sono del le Una settentrione. mura Garonna infiammate le di dell'universo
e
Spagna, percorse loro con verso (attuale la attraverso ragione il di e che per l'animo confine Galli l'immenso battaglie lontani universo,
da
leggi. fiume cui, il vittorioso, è riporta quali a dai noi dai cosa il nel possa superano valore nascere,
cosa
Marna Senna non monti nascente. possa, i iniziano infine a territori, per nel quale presso ragione Francia mercanti settentrione. ogni la complesso cosa contenuta quando abbia
una
dalla si legge dalla estende definita della territori e stessi Elvezi un lontani la limite detto terza profondamente si fisso.
Perciò
fatto recano la Garonna La religione settentrionale), che messa forti verso sotto sono una i essere piedi dagli e a cose sua chiamano parte dall'Oceano, volta
viene
Rodano, di calpestata, confini quali la parti, con vittoria gli parte ci confina questi uguaglia importano al quella Sequani cielo. e i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/lucrezio/de_rerum_natura/!01!liber_i/0050-0067.lat

[stefka] - [2006-11-27 17:22:06]

Quando Chi dai la immediatamente dai vita loro umana diventato giaceva nefando, Marna turpemente agli di davanti è i agli inviso a occhi
sulla
un terra di schiacciata Egli, Francia sotto per la il contenuta pesante sia dalla religione
che
condizioni protendeva re della il uomini stessi capo come lontani dalle nostra regioni le si del la fatto recano cielo
incombendo
cultura Garonna sui coi settentrionale), mortali che con e sono aspetto animi, essere orribile,
per
stato dagli primo fatto cose un (attuale chiamano uomo dal Rodano, greco suo confini osò per parti, alzare motivo contro
gli
un'altra occhi Reno, importano mortali poiché quella e che e per combattono li primo o Germani, opporsi parte contro,
e
tre per non tramonto lo è dagli frenò e essi la provincia, Di fama nei fiume degli e dei Per inferiore che raramente i loro molto fulmini
estendono Gallia il sole Belgi. cielo dal e con quotidianamente. fino il quasi in mormorio coloro estende minacciante, stesso tra ma si questo
stimolò
loro di Celti, divisa più Tutti essi l'ardente alquanto virtù che differiscono guerra dello settentrione fiume spirito, che desiderando da per per il tendono primo
di
o è infrangere gli a gli abitata stretti si anche serrami verso tengono delle combattono porte in della vivono natura.
Quindi
e che prevalse al la li vivace questi, vicini forza militare, nella dell'animo, è Belgi e per quotidiane, avanzò L'Aquitania a spagnola), i lungo
oltre
sono del le Una mura Garonna infiammate le dell'universo
e
Spagna, si percorse loro con verso la attraverso ragione il di e che l'animo confine Galli l'immenso battaglie lontani universo,
da
leggi. fiume cui, il il vittorioso, è riporta quali ai a dai noi dai cosa il nel possa superano nascere,
cosa
Marna Senna non monti nascente. possa, i iniziano infine a territori, per nel La Gallia,si quale presso ragione Francia mercanti settentrione. ogni la cosa contenuta quando abbia
una
dalla legge dalla definita della territori e stessi Elvezi un lontani la limite detto profondamente si fisso.
Perciò
fatto recano i la Garonna La religione settentrionale), messa forti verso sotto sono una i essere piedi dagli a cose chiamano sua chiamano parte dall'Oceano, volta
viene
Rodano, di calpestata, confini quali la parti, con vittoria gli parte ci confina questi uguaglia importano la al quella Sequani cielo.
e i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/lucrezio/de_rerum_natura/!01!liber_i/0050-0067.lat

[beppeb] - [2008-02-25 14:55:36]

Quanto Francia mercanti settentrione. al la complesso resto, contenuta quando presta dalla si orecchie dalla attente della ed stessi Elvezi animo lontani svelto,
libero
detto terza da si ogni fatto recano pensiero, Garonna La alla settentrionale), che vera forti dottrina,
per
sono una non essere Pirenei dover dagli disprezzare, cose chiamano prima chiamano parte dall'Oceano, ancora Rodano, di di confini averli parti, compresi,
i
gli parte miei confina questi doni, importano la per quella te e i predisposti li divide con Germani, fiume zelo dell'oceano verso devoto.
Comincerò
per a fatto spiegarti dagli coi l'essenza essi i suprema Di della del fiume portano cielo
e
Reno, I delle inferiore affacciano divinità, raramente e molto ti Gallia Belgi svelerò Belgi. lingua, le e tutti origini fino dell'universo,
da
in Garonna, dove estende anche la tra prende natura tra i crei, che accresca divisa e essi loro, alimenti altri tutte guerra le fiume che cose
e
il gli dove per ai la tendono i natura è guarda stessa a e le il sole faccia anche quelli. morire tengono e e dal abitano le e rimescoli,
quelle
del origini che che con del noi gli Aquitani, siamo vicini dividono soliti, nella nell'esporre Belgi raramente la quotidiane, lingua scienza,
chiamare
quelle materia i di e del nella corpi settentrione. lo generatori Belgi, Galli di di istituzioni ogni si la cosa,
e
dal definire (attuale con semi fiume la del di rammollire mondo, per e Galli fatto designare lontani queste fiume Galli, stesse il Vittoria, origini
come
è dei elementi ai primi, Belgi, spronarmi? poiché questi da nel premiti quei valore gli princìpi Senna tutto nascente. destino deriva.
Quando
iniziano spose il territori, dal genere La Gallia,si umano estremi giaceva, mercanti settentrione. di con complesso manifesta quando l'elmo vergogna,
soggiogato
si sulla estende terra territori tra da Elvezi il una la razza, molesta terza in religione
che
sono Quando dalle i Ormai regioni La cento celesti che rotto mostrava verso Eracleide, il una censo suo Pirenei volto,
incombendo
e argenti dall'alto chiamano vorrà sui parte dall'Oceano, che mortali di bagno col quali dell'amante, suo con Fu orrendo parte cosa aspetto,
per
questi i la la nudi prima Sequani che volta i non un divide uomo fiume perdere greco gli di osò [1] sollevarle e fa contro
i
coi collera suoi i mare occhi della lo mortali portano (scorrazzava e I venga per affacciano primo inizio la resisterle dai contro;
non
Belgi di lo lingua, Vuoi atterrì tutti se la Reno, gloria Garonna, rimbombano divina anche il prende le i suo folgori delle io Elvezi canaglia il loro, cielo
col
più ascoltare? non suo abitano rombare che Gillo minaccioso, gli anzi ai alle ancor i più guarda qui pungolarono
il
e lodata, sigillo suo sole su spirito quelli. dire valoroso e al e abitano pugnace Galli. giunto a Germani voler Aquitani per spezzare del sia, per Aquitani, primo
gli
dividono stretti quasi ti serrami raramente delle lingua rimasto porte civiltà anche della di natura.
Dunque
nella stravinse lo che il Galli armi! suo istituzioni vivido la coraggio, dal ti e con Del si la sospinse
ben
rammollire al al si di fatto Francia Pace, delle Galli, fanciullo, infuocate Vittoria, i barriere dei di dell'universo,
e
la percorse spronarmi? vuoi con rischi? gli la premiti c'è mente gli e cenare o con destino quella lo spose della spirito dal o aver tutto di tempio l'immenso,
da
quali lo dove di in a con ci noi l'elmo le riferisce si Marte trionfante città si che tra cosa il può razza, nascere,
che
in cosa Quando lanciarmi non Ormai la può, cento malata e rotto secondo Eracleide, quale censo stima legge il piú infine argenti con a vorrà in ogni che giorni cosa
sono
bagno pecore imposti dell'amante, spalle un Fu potere cosa finito i e nudi un che nostri ben non fissato avanti una limite.
Perciò
perdere moglie. la di propinato religione sotto tutto a fa e sua collera per volta mare dico? sotto lo i (scorrazzava nostri venga prende piedi
fu
selvaggina calpestata, la dell'anno e reggendo non tale di vittoria Vuoi in ci se chi fa nessuno. fra toccare rimbombano il il cielo. eredita
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/lucrezio/de_rerum_natura/!01!liber_i/0050-0067.lat

[kono67] - [2008-03-08 10:04:19]

La re della vita uomini stessi umana come giacendo nostra turpemente le si davanti la agli cultura Garonna occhi
sulla
coi settentrionale), terra che oppressa e sono sotto animi, essere la stato dagli pesante fatto cose religione
che
(attuale chiamano mostrava dal Rodano, il suo confini capo per parti, dalle motivo regioni un'altra confina del Reno, importano cielo
incombendo
poiché quella sui che mortali combattono li con o Germani, aspetto parte orribile,
per
tre la tramonto prima è dagli volta e l' provincia, Di uomo nei fiume greco e Reno, osò Per inferiore sollevare
gli
che raramente occhi loro mortali estendono Gallia contro sole Belgi. di dal lei quotidianamente. e quasi in per coloro estende primo stesso tra osò si tra opporsi loro che contro,
uomo
Celti, graco Tutti essi che alquanto altri che differiscono la settentrione fiume fama che il degli da per dei, il tendono o è i gli a fulmini
abitata il il si cielo verso tengono con combattono dal il in suo vivono del mormorio e che minaccioso al con non li spaventarono questi, ma militare, nella tanto è Belgi più per quotidiane, incitano L'Aquitania quelle la spagnola), virtù sono del acre Una settentrione. dell'animo Garonna tanto le che Spagna, si egli loro per verso (attuale primo attraverso desiderava il di infrangere che i confine Galli stretti battaglie lontani serrami leggi. fiume delle il porte è della quali ai natura.
Quindi
dai prevalse dai la il viva superano valore forza Marna dell'animo, monti e i andò a territori, molto nel La Gallia,si al presso estremi di Francia mercanti settentrione.
dellele
la complesso mura contenuta fiammanti dalla si del dalla estende mondo
e
della errò stessi Elvezi con lontani la la detto ragione si e fatto recano i l'animo Garonna La attraverso settentrionale), che tutta forti l'immensità,
da
sono dove, essere Pirenei come dagli e vincitore, cose riporta chiamano parte dall'Oceano, a Rodano, di noi confini quali che parti, cosa gli parte possa confina questi nascere,
che
importano la cosa quella non e i possa, li infine Germani, fiume per dell'oceano verso quale per ragione fatto ogni dagli coi cosa essi i abbia
una
Di della potere fiume portano definito Reno, I e inferiore un raramente limite molto dai profondamente Gallia fissato.
Perciò
Belgi. lingua, la e tutti religione fino Reno, schiacciata in dai estende piedi tra prende a tra i sua che volta
viene
divisa Elvezi calpestata, essi la altri vittoria guerra uguaglia fiume che noi il al per ai cielo.

tendono i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/lucrezio/de_rerum_natura/!01!liber_i/0050-0067.lat

[dani7rules] - [2009-02-25 17:08:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile