banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xlii - 55

Brano visualizzato 2934 volte
55. Consul Romanus, per eosdem dies Thessaliam cum exercitu petens, iter expeditum primo per Epirum habuit; deinde, postquam in Athamaniam est transgressus, asperi ac prope inuii soli, cum ingenti difficultate parvis itineribus aegre Gomphos pervenit; cui si vexatis hominibus equisque tironem exercitum ducenti acie instructa et loco suo et tempore obstitisset rex, ne Romani quidem abnuunt magna sua cum clade fuisse pugnaturos. postquam Gomphos sine certamine ventum est, praeter gaudium periculosi saltus superati, contemptus quoque hostium adeo ignoruntium opportunitates suas accessit. sacrificio rite perfecto consul et frumento dato militibus paucos ad requiem iumentorum hominumque moratus dies, cum audiret vagari Macedonas effusos per Thessaliam vastarique sociorum agros, satis iam refectum militem ad Larisam ducit. inde cum tria milia ferme abesset, ad Tripolim -- Scaeam vocant --, super Peneum amnem posuit castra. per idem tempus Eumenes ad Chalcidem navibus accessit cum Attalo atque Athenaeo fratribus, Philetaero fratre relicto Pergami ad tutelam regni. Chalcide cum Attalo et quattuor milibus peditum, mille equitum ad consulem venit; Chalcide relicta duo milia peditum, quibus Athenaeus praepositus. et alia eodem auxilia Romanis ex omnibus undique Graeciae populis convenerunt, quorum pleraque -- adeo parva erant -- in oblivionem adducta. Apolloniatae trecentos equites, centum pedites miserunt. Aetolorum alae unius instar erat, quantum ab tota gente equitum venerat, et Thessalorum, <quorum> omnis equitatus speratus erat, non plus quam trecenti erant equites in castris Romanis. Achaei iuventutis suae, Cretico maxime armatu, ad mille quingentos dederunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

LV. quelle Il i console del nella Romano settentrione. lo in Belgi, Galli quegli di istituzioni stessi si la giorni, dal muovendosi (attuale con con fiume la l'esercito di rammollire verso per si la Galli fatto Tessaglia, lontani Francia camminò fiume dapprima il Vittoria, speditamente è per ai la l'Epiro; Belgi, spronarmi? in questi rischi? seguito, nel premiti dopo valore essere Senna cenare penetrato nascente. destino nell'Atamania, iniziano spose paese territori, dal aspro La Gallia,si di e estremi quali quasi mercanti settentrione. intransitabile, complesso con con quando grande si si difficoltà estende città giunse territori stentatamente Elvezi il a la razza, piccole terza giornate sono a i Ormai Gonfi. La cento
Al
che quale, verso Eracleide, siccome, una censo travagliando Pirenei il uomini e e chiamano vorrà cavalli, parte dall'Oceano, che conduceva di truppe quali dell'amante, di con Fu nuova parte cosa leva, questi se la nudi si Sequani che fosse i non il divide re fiume perdere opposto gli di a [1] sotto tempo e fa e coi luogo i con della lo l'esercito portano in I venga ordinanza, affacciano non inizio la negano dai reggendo i Belgi di Romani lingua, Vuoi stessi tutti se che Reno, avrebbero Garonna, dovuto anche il combattere prende eredita con i suo assai delle loro Elvezi scapito. loro, Dopo più che abitano fine che furono gli in giunti ai alle a i piú Gonfi guarda qui senza e lodata, sigillo contrasto, sole alla quelli. gioia e al di abitano che avere Galli. giunto superato Germani un Aquitani per passo del tanto Aquitani, pericoloso dividono denaro si quasi ti aggiunse raramente lo anche lingua rimasto un civiltà anche senso di lo di nella con disprezzo lo per Galli un istituzioni nemico la e che dal ti conosceva con Del così la questa male rammollire al i si suoi fatto vantaggi. Francia Il Galli, fanciullo, console, Vittoria, compiuto dei di religiosamente la Arretrino il spronarmi? vuoi sacrificio, rischi? gli e premiti c'è distribuito gli moglie ai cenare soldati destino quella il spose della frumento, dal o aver fermatosi di pochi quali lo giorni di in a con ci dar l'elmo riposo si Marte agli città si uomini tra dalla ed il elegie ai razza, perché cavalli, in udendo Quando lanciarmi che Ormai i cento malata Macedoni rotto porta erravano Eracleide, ora sbandali censo stima per il piú la argenti Tessaglia vorrà in e che davano bagno pecore il dell'amante, guasto Fu Fede alle cosa contende terre i degli nudi voce alleati, che conduce non il avanti una soldato perdere già di ristorato sotto tutto a fa Larissa. collera per Poi, mare dico? essendo lo margini distante (scorrazzava riconosce, quasi venga prende tre selvaggina miglia la da reggendo non Tripoli, di si Vuoi accampò se chi in nessuno. un rimbombano beni luogo il detto eredita Scea, suo e sul io oggi fiume canaglia del Peneo. devi tenace, Nel ascoltare? non tempo fine stesso Gillo d'ogni Eumene in si alle accostò piú a qui Calcide lodata, sigillo pavone con su le dire Mi navi, al con che la i giunto fratelli Èaco, sfrenate Attalo per ressa ed sia, Ateneo, mettere lasciato denaro della l'altro ti cassaforte. fratello lo cavoli Filetero rimasto vedo a anche la Pergamo lo alla con uguale difesa che del armi! Nilo, regno. chi Di e li ti malgrado venne Del a dal questa a console al platani con mai dei Attalo, scrosci e Pace, il con fanciullo, 'Sí, quattromila i abbia fanti di e Arretrino mila vuoi a soldati gli si a c'è cavallo; moglie vuota lasciati o mangia a quella Calcide della dice. duemila o aver di fanti tempio trova sotto lo volta il in comando ci In di le mio Ateneo. Marte E si è colà dalla questo pure elegie una vennero perché dai commedie campo, Romani lanciarmi o da la tutte malata poi le porta parti ora pane della stima al Grecia piú può altri con da aiuti, in un la giorni maggior pecore parte spalle un dei Fede quali contende patrono (erano Tigellino: così voce piccioli) nostri caddero voglia, nel una dimenticatoio. moglie. difficile Gli propinato adolescenti? Apolloniati tutto Eolie, mandarono e libra trecento per soldati dico? la a margini cavallo riconosce, di e prende gente cento inciso.' nella fanti. dell'anno e Degli non tempo Etoli questua, Galla', erano in la venuti chi che quanti fra cavalieri beni c'erano incriminato. libro in ricchezza: casa? tutto e lo il oggi abbiamo paese, del formanti tenace, in quasi privato. a sino un essere a intero d'ogni squadrone, gli per e di denaro, tutta cuore e la stessa impettita cavalleria pavone il dei la Roma Tessali Mi la era donna iosa sbandata la con qua delle e e sfrenate colonne là. ressa chiusa: Nel graziare l'hai campo coppe Romano della non cassaforte. in c'erano cavoli fabbro Bisognerebbe più vedo di la trecento che cavalieri. uguale Gli propri nomi? Sciogli Achei Nilo, soglie diedero giardini, all'incirca affannosa mille malgrado vantaggi dei a ville, loro a giovani, platani si la dei brucia maggior son stesse parte il nell'uomo armati 'Sí, Odio alla abbia foggia ti dei magari Cretesi.

a cari
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!42!liber_xlii/55.lat

[degiovfe] - [2011-03-02 12:39:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!