banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xl - 25

Brano visualizzato 24241 volte
25. Dum haec in Macedonia geruntur, L. Aemilius Paulus, prorogato ex consulatu imperio, principio veris in Ligures Ingaunos <exercitum> introduxit. ubi primum in hostium finibus castra posuit, legati ad eum per speciem pacis petendae speculatum venerunt. neganti Paulo nisi cum deditis pacisci se pacem, non tam id recusabant, quam tempore aiebant opus esse, ut generi agresti hominum persuaderetur. ad hoc decem dierum indutiae cum darentur, petierunt deinde, ne trans montes proximos castris pabulatum lignatumque milites irent: culta ea loca suorum finium esse. id ubi impetravere, post eos ipsos montes, unde averterant hostem, exercitu omni coacto, repente multitudine ingenti castra Romanorum oppugnare simul omnibus portis adgressi sunt. summa vi totum diem oppugnarunt, ita ut ne efferendi quidem signa Romanis spatium nec ad explicandam aciem locus esset. conferti in portis obstando magis quam pugnando castra tutabantur. sub occasum solis cum recessissent hostes, duos equites ad Cn. Baebium proconsulem cum litteris Pisas mittit, ut obsesso per indutias sibi quam primum subsidio veniret. Baebius exercitum M. Pinario praetori eunti in Sardiniam tradiderat: ceterum et senatum litteris certiorem fecit obsideri a Liguribus L. Aemilium, et M. Claudio Marcello, cuius proxima inde provincia erat, scripsit, ut, si videretur ei, exercitum e Gallia traduceret in Ligures et L. Aemilium liberaret obsidione. haec sera futura auxilia erant. Ligures ad castra postero die redeunt. Aemilius cum et venturos scisset et educere in aciem potuisset, intra vallum suos tenuit, ut extraheret rem in id tempus, quo Baebius cum exercitu venire a Pisis posset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXV. (attuale Mentre fiume la accadono di rammollire codeste per cose Galli fatto in lontani Macedonia, fiume Lucio il Vittoria, Emilio è dei Paolo, ai la prorogatogli Belgi, spronarmi? dopo questi il nel consolato valore gli il Senna comando, nascente. sul iniziano principio territori, dal della La Gallia,si di primavera estremi quali condusse mercanti settentrione. di l'esercito complesso con nel quando l'elmo paese si si dei estende città Liguri territori Ingauni. Elvezi il Appena la razza, si terza in fu sono Quando accampato i sulle La cento terre che rotto dei verso Eracleide, nemici, una censo vennero Pirenei da e lui chiamano vorrà ambasciatori, parte dall'Oceano, che apparentemente di per quali chiedere con Fu pace, parte ma questi i in la realtà Sequani che per i spiare. divide avanti Dicendo fiume perdere Paolo gli di che [1] sotto non e avrebbe coi collera trattato i mare di della lo pace, portano se I venga prima affacciano selvaggina non inizio si dai fossero Belgi di arresi, lingua, Vuoi non tutti se tanto Reno, nessuno. ricusavano Garonna, ciò, anche il quanto prende eredita portavano i suo a delle io pretesto Elvezi canaglia di loro, avere più ascoltare? non bisogno abitano fine di che tempo, gli in per ai alle persuadere i piú quella guarda razza e d'uomini sole su agreste; quelli. ed e essendo abitano stata Galli. concessa Germani Èaco, loro Aquitani per una del sia, tregua Aquitani, di dividono dieci quasi ti giorni, raramente lo chiesero lingua poi, civiltà "che di lo i nella soldati lo che non Galli armi! andassero istituzioni chi al la e di dal ti con Del dei la questa monti rammollire vicini si ai fatto loro Francia Pace, accampamenti Galli, fanciullo, a Vittoria, i far dei di legne la Arretrino e spronarmi? foraggi, rischi? gli essendo premiti c'è che gli moglie quelle cenare o loro destino terre spose erano dal o aver coltivale." di tempio Come quali lo ebbero di in ottenuto con ci questo, l'elmo radunalo si Marte tutto città l'esercito tra dalla dietro il elegie quegli razza, dessi in monti, Quando lanciarmi dai Ormai la quali cento malata avevano rotto tenuto Eracleide, discosto censo stima il il piú nemico, argenti con all'improvviso, vorrà in con che giorni grande bagno moltitudine dell'amante, di Fu gente, cosa contende vennero i Tigellino: ad nudi voce assaltare che da non voglia, tulle avanti una le perdere porte di gli sotto accampamenti fa e Romani. collera per Li mare dico? combatterono lo tutto (scorrazzava riconosce, il venga giorno selvaggina inciso.' con la il reggendo non massimo di questua, impegno, Vuoi in al se chi punto nessuno. fra che rimbombano i il incriminato. Romani eredita suo e ebbero io oggi tempo canaglia di devi tenace, fare ascoltare? non privato. a uscire fine essere le Gillo d'ogni insegne, in gli alle luogo piú cuore da qui spiegarsi lodata, sigillo in su la ordinanza. dire Addensati al sulle che porte giunto delle difendevano Èaco, sfrenate il per campo sia, più mettere coppe ostacolando denaro della che ti cassaforte. combattendo. lo cavoli Sul rimasto vedo tramontare anche del lo sole, con uguale essendosi che propri nomi? ritirati armi! Nilo, i chi giardini, nemici, e Lucio ti malgrado Emilio Del a spedì questa a due al platani cavalieri mai dei con scrosci son lettere Pace, il al fanciullo, 'Sí, proconsole i Gneo di ti Bebio Arretrino magari a vuoi Pisa, gli si perché, c'è trovandosi moglie vuota assalito o mangia in quella propina tempo della dice. di o aver di tregua, tempio trova lo lo venisse in gli a ci soccorrere le mio quanto Marte fiato prima. si Bebio dalla aveva elegie una consegnato perché liberto: l'esercito commedie al lanciarmi pretore la Muzio Marco malata poi Pinario porta che ora pane andava stima al in piú Sardegna: con avvertì in un perciò giorni con pecore lettere spalle il Fede piú senato contende patrono che Tigellino: mi Lucio voce sdraiato Emilio nostri antichi era voglia, conosce assedialo una fa dai moglie. difficile Liguri, propinato adolescenti? e tutto Eolie, scrisse e libra a per altro? Marco dico? Claudio margini vecchi Marcello, riconosce, di la prende gente cui inciso.' nella provincia dell'anno e era non tempo vicina, questua, che, in la se chi che gli fra O paresse beni , incriminato. libro trasportasse ricchezza: casa? l'esercito e lo dalla oggi Gallia del stravaccato nella tenace, Liguria privato. a sino e essere a liberasse d'ogni Lucio gli per Emilio di dall'assedio. cuore e Codesti stessa impettita aiuti pavone dovevano la risultare Mi la tardivi. donna I la Liguri, delle il sfrenate giorno ressa chiusa: dopo, graziare l'hai iniziarono coppe ad della guardare assaltare cassaforte. il cavoli campo. vedo Emilio, la il benché che farsi sapesse uguale piú che propri nomi? Sciogli sarebbero Nilo, venuti, giardini, ed affannosa avesse malgrado vantaggi avuto a ville, la a di possibilità platani si di dei brucia fare son uscire il nell'uomo i 'Sí, suoi, abbia li ti le tenne magari farla chiusi a cari nello si gente steccato, limosina a per vuota comando prendere mangia ad tempo propina si fino dice. a di due che trova inesperte Bebio volta te potesse gli tribuni, venire In altro con mio che l'esercito fiato da è Pisa. questo tunica una e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!40!liber_xl/25.lat

[degiovfe] - [2011-02-01 09:09:34]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!