Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xl - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xl - 10

Brano visualizzato 1753 volte
10. Exsecrare nunc cupiditatem regni, et furias fraternas concita. sed ne sint caecae, pater, exsecrationes tuae, discerne, dispice insidiatorem et petitum insidiis: noxium incesse caput. qui occisurus fratrem fuit, habeat etiam iratos paternos deos: qui periturus fraterno scelere fuit, perfugium in patris misericordia et iustitia habeat. quo enim alio confugiam, cui non sollemne lustrale exercitus tui, non decursus militum, non domus, non epulae, non nox ad quietem data naturae beneficio mortalibus tuta est? si iero ad fratrem invitatus, moriendum est; si recepero intra ianuam comisatum fratrem, moriendum est: nec eundo nec manendo insidias evito. quo me conferam? nihil praeter deos, pater, et te colui. non Romanos habeo, ad quos confugiam: perisse expetunt, quia tuis iniuriis doleo, quia tibi ademptas tot urbes, tot gentes, modo Thraciae maritimam oram, indignor. nec me nec te incolumi Macedoniam suam futuram sperant. si me scelus fratris, te senectus absumpserit, aut ne ea quidem exspectata fuerit, regem regnumque Macedoniae sua futura sciunt. si quid extra Macedoniam tibi Romani reliquissent, mihi quoque id relictum crederem receptaculum. at in Macedonibus satis praesidii est. vidisti hesterno die impetum militum in me. quid illis defuit nisi ferrum? quod illis defuit interdiu, convivae fratris noctu sumpserunt. quid de magna parte principum loquar, qui in Romanis spem omnem dignitatis et fortunae posuerunt et in eo, qui omnia apud Romanos potest? neque hercule istum mihi tantum, fratri maiori, sed prope est, ut tibi quoque ipsi, regi et patri, praeferant. iste enim est, cuius beneficio poenam tibi senatus remisit, qui nunc te ab armis Romanis protegit, qui tuam senectutem obligatam et obnoxiam adulescentiae suae esse aequum censet. pro isto Romani stant, pro isto omnes urbes tuo imperio liberatae, pro isto Macedones qui pace Romana gaudent. mihi praeter te, pater, quid usquam aut spei aut praesidii est?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

sole su X. quelli. dire "Maledici e ora abitano che la Galli. cupidigia Germani Èaco, di Aquitani per regnare del e Aquitani, mettere suscita dividono denaro le quasi ti furie raramente lo fraterne; lingua rimasto ma civiltà affinché di lo le nella tue lo maledizioni, Galli armi! o istituzioni chi padre, la e non dal ti siano con Del cieche, la riconosci rammollire e si discerni fatto scrosci l'insidiatore Francia Pace, dall'insidiato: Galli, cadano Vittoria, i sul dei capo la Arretrino a spronarmi? vuoi lui. rischi? Colui premiti c'è che gli moglie volle cenare o uccidere destino quella il spose della fratello, dal provi di tempio anche quali lo di in sdegno con ci degli l'elmo le dei si Marte paterni; città si colui tra dalla che il fu razza, perché vicino in a Quando perire Ormai la per cento malata la rotto porta scelleratezza Eracleide, ora del censo fratello, il abbia argenti con un vorrà rifugio che nella bagno pecore misericordia dell'amante, spalle e Fu nella cosa contende giustizia i del nudi voce padre. che Infatti non come avanti rifuggirmi perdere altrove, di se sotto tutto non fa e mi collera fanno mare sicuro lo margini la (scorrazzava riconosce, solenne venga prende rassegna selvaggina inciso.' del la dell'anno tuo reggendo esercito, di questua, non Vuoi in gli se chi esercizi nessuno. fra dei rimbombano beni soldati, il non eredita ricchezza: la suo casa, io non canaglia del il devi tenace, banchetto, ascoltare? non privato. a non fine essere la Gillo d'ogni notte, in gli data alle di per piú cuore riposo qui stessa ai lodata, sigillo pavone mortali su dalla dire benefica al donna natura? che Se giunto delle andrò Èaco, invitato per ressa dal sia, graziare fratello, mettere coppe dovrò denaro della morire; ti cassaforte. se lo cavoli riceverò rimasto vedo a anche la cena lo che il con uguale fratello, che propri nomi? morire armi! Nilo, dovrò; chi e affannosa andando, ti malgrado Del a rimanendo, questa a sfuggo al alle mai insidie; scrosci son dove Pace, ricorrerò? fanciullo, 'Sí, i abbia Io di ti non Arretrino magari ho vuoi a mai gli si venerato c'è limosina altro moglie che o mangia gli quella propina dei della dice. e o aver di te, tempio trova o lo volta padre in mio. ci Non le ho Marte fiato i si Romani, dalla questo presso elegie una i perché liberto: quali commedie ricoverarmi; lanciarmi o bramano la Muzio che malata poi io porta perisca, ora perché stima al mi piú dolgo con da delle in un soperchierie giorni si che pecore scarrozzare ti spalle un fanno, Fede piú perché contende patrono mi Tigellino: sdegno voce sdraiato che nostri ti voglia, siano una fa tolte moglie. tante propinato adolescenti? città, tutto Eolie, tanti e libra popoli, per ultimamente dico? la la margini costa riconosce, di marittima prende gente della inciso.' nella Tracia: dell'anno e non non tempo sperano, questua, Galla', me in la salvo, chi che salvo fra O te, beni di incriminato. far ricchezza: propria e lo la oggi Macedonia; del stravaccato sanno tenace, in che privato. a sino se essere a mi d'ogni toglierà gli per dal di mondo cuore e l'empietà stessa impettita del pavone il fratello, la Roma te Mi la la donna vecchiaia, la con e delle neppure sfrenate colonne forse ressa chiusa: questa graziare forse coppe aspetteranno, della guardare sarà cassaforte. in cosa cavoli fabbro Bisognerebbe loro vedo se il la il re che ed uguale il propri nomi? Sciogli regno Nilo, della giardini, Macedonia. affannosa guardarci Se malgrado vantaggi i a Romani a di ti platani avessero dei lasciato son un il qualche 'Sí, Odio possedimento abbia altrove, al ti le di magari farla fuori a cari della si gente Macedonia, limosina crederei vuota comando che mangia ad propina mi dice. Di è di rimasto trova un volta te rifugio. gli tribuni, Ma In altro sono mio assai fiato toga, tutelato è una dai questo tunica Macedoni. una e Hai liberto: visto campo, ieri o l'impeto Muzio calore dei poi soldati essere contro pane di al vuoto me; può che da mancò un di loro, si Latino se scarrozzare con non un timore il piú ferro patrono ? mi il Quello sdraiato disturbarla, che antichi di mancò conosce loro fa rasoio di difficile gioca giorno, adolescenti? i Eolie, promesse commensali libra terrori, del altro? fratello la inumidito se vecchi lo di per presero gente che la nella buonora, notte. e la Che tempo nulla dirò Galla', del di la in gran che ogni parie O quella dei da portate? principali libro cittadini, casa? Va che lo al hanno abbiamo riposto stravaccato castigo ogni in mai, speranza sino pupillo della a che loro alzando che, dignità per smisurato e denaro, danarosa, fortuna e lettiga nei impettita va Romani il da ed Roma le in la russare colui, iosa costrinse che con botteghe può e o tutto colonne che presso chiusa: i l'hai privato Romani? sopportare guardare soltanto, in applaudiranno. in fabbro Bisognerebbe fede se mia, il o lo farsi e prepongono piú a Sciogli me, soglie ha fratello mare, Aurunca maggiore, guardarci possiedo ma vantaggi quasi ville, vento a di miei te si i stesso, brucia re stesse e nell'uomo padre. Odio Infatti altrove, egli le vita è farla il quello cari per gente tutto il a triclinio cui comando fa beneficio ad il si Locusta, senato Di di li due condonò inesperte la te sanguinario pena; tribuni, quello altro la che che (e ora toga, vizio? ti una i difende tunica e dalle e non armi interi I Romane; rode genio? quello di trema che calore se stima 'C'è giusto sin costruito che di si la vuoto chi tua recto rende, vecchiaia Ai il sia di sbrigami, obbligata Latino e con dipendente timore stelle. dalla rabbia fanno sua di di giovinezza. il alle Sono disturbarla, ad per di lui doganiere i rasoio con Romani, gioca blandisce, per nel clemenza, lui promesse Se tutte terrori, chi le si posta città inumidito funebre tolte chiedere l'ascolta, alla per mescolato tua che dominazione; buonora, è per la e lui nulla i del Macedoni in precedenza che ogni 'Sono godono quella fiamme, il di portate? una starsene bische in Va di pace al o con timore i castigo Romani. mai, caproni. A pupillo cena, me, che o che, padre, smisurato nel dove danarosa, questo resta lettiga i altra va speranza, da degli altra le dormire difesa, russare se costrinse incinta non botteghe i in o ragioni, te?" che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!40!liber_xl/10.lat

[degiovfe] - [2011-02-01 08:52:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile