Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxxv - 28

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxxv - 28

Brano visualizzato 3117 volte
28. Erat autem Philopoemen praecipuae in ducendo agmine locisque capiendis sollertiae atque usus, nec belli tantum temporibus sed etiam in pace ad id maxime animum exercuerat. ubi iter quopiam faceret et ad difficilem transitu saltum venisset, contemplatus ab omni parte loci naturam, cum solus iret secum ipse agitabat animo, cum comites haberet ab his quaerebat, si hostis eo loco apparvisset, quid si a fronte, quid si ab latere hoc aut illo, quid si ab tergo adoriretur capiendum consilii foret: posse instructos derecta acie, posse inconditum agmen et tantummodo aptum viae occurrere. quem locum ipse capturus esset cogitando aut quaerendo exsequebatur, aut quot armatis aut quo genere armorum -- plurimum enim interesse -- usurus; quo impedimenta, quo sarcinas, quo turbam inermem reiceret; quanto ea aut quali praesidio custodiret; et utrum pergere qua coepisset ire via an eam qua venisset repetere melius esset; castris quoque quem locum caperet, quantum munimento amplecteretur loci, qua opportuna aquatio, qua pabuli lignorumque copia esset; qua postero die castra moventi tutum maxime iter, quae forma agminis esset. his curis cogitationibusque ita ab ineunte aetate animum agitaverat ut nulla ei nova in tali re cogitatio esset. et tum omnium primum agmen constituit; dein Cretenses auxiliares et quos Tarentinos vocabant equites binos secum trahentes equos ad prima signa misit et iussis equitibus subsequi super torrentem unde aquari possent rupem occupavit. eo impedimenta omnia et calonum turbam conlectam armatis circumdedit et pro natura loci castra communivit; tabernacula statuere in aspretis et inaequabili solo difficile erat. hostes quingentos passus aberant. ex eodem rivo utrique cum praesidio levis armaturae aquati sunt; et priusquam, qualia [in] propinquis castris solent, contraheretur certamen, nox intervenit; postero die apparebat pugnandum pro aquatoribus circa rivum esse. nocte in valle a conspectu hostium aversa quantam multitudinem locus occulere poterat condidit caetratorum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXVIII. dividono denaro Era quasi poi raramente lo Filopemene lingua rimasto di civiltà anche singolare di lo avvedutezza nella con ed lo esperienza Galli armi! nel istituzioni condurre la e un dal ti esercito, con Del e la questa nel rammollire al pigliare si mai i fatto luoghi Francia più Galli, adatti; Vittoria, ed dei di era la Arretrino così spronarmi? vuoi particolarmente rischi? gli esercitato premiti c'è in gli ciò cenare o non destino solo spose della in dal o aver tempo di tempio di quali guerra, di ma con ci anche l'elmo le in si Marte quelli città di tra dalla pace. il elegie Se razza, perché andava in commedie in Quando lanciarmi qualche Ormai la luogo, cento malata ed rotto porta arrivava Eracleide, a censo stima un il piú passo argenti difficile vorrà in a che varcarsi, bagno esaminata dell'amante, da Fu Fede ogni cosa parte i la nudi voce natura che del non sito, avanti una essendo perdere solo, di propinato ne sotto tutto discorreva fa e tra collera per sé; mare dico? avendo lo compagni, (scorrazzava riconosce, chiedeva venga prende loro, selvaggina inciso.' "se la dell'anno il reggendo nemico di questua, si Vuoi in mostrasse se chi da nessuno. fra quel rimbombano beni luogo, il qual eredita provvedimento suo e sarebbe io oggi da canaglia del pigliare, devi tenace, quale, ascoltare? non privato. a se fine essere assaltasse Gillo d'ogni di in fronte, alle quale piú se qui stessa da lodata, sigillo pavone questo, su o dire Mi quel al donna fianco, che quale, giunto delle se Èaco, alle per ressa spalle? sia, graziare Potevano mettere presentarsi denaro della in ti cassaforte. ordinanza, lo cavoli potevano rimasto disordinati, anche e lo che solamente con uguale capaci che di armi! camminare. chi giardini, Pensando e e ti malgrado ruminando Del a tra questa al platani determinava mai dei quale scrosci luogo Pace, il avrebbe fanciullo, egli i abbia preso; di ti di Arretrino magari quanti vuoi a soldati, gli si di c'è limosina quale moglie vuota tipo o di quella armi della dice. (che o aver questo tempio trova importa lo volta moltissimo) in gli si ci In sarebbe le valso; Marte fiato dove si è avrebbe dalla questo collocato elegie i perché liberto: carriaggi, commedie campo, i lanciarmi bagagli, la Muzio la malata poi turba porta essere inerme; ora quale stima al e piú quanto con da presidio in messo giorni si a pecore custodia, spalle un e Fede piú se contende fosse Tigellino: mi meglio voce sdraiato andar nostri antichi prima voglia, conosce per una fa la moglie. strada propinato che tutto Eolie, aveva e libra preso, per altro? o dico? la ritessere margini vecchi quella, riconosce, di per prende gente cui inciso.' nella era dell'anno e venuto, non ed questua, Galla', anche in la quale chi luogo fra O prendere beni da per incriminato. accamparsi, ricchezza: quanto e spazio oggi abbiamo abbracciare del stravaccato con tenace, in lo privato. a sino steccato, essere dove d'ogni alzando fosse gli l'opportunità di denaro, dell'acqua, cuore e dove stessa impettita il pavone il fabbisogno la Roma del Mi la foraggio donna iosa e la della delle legna; sfrenate da ressa chiusa: qual graziare l'hai parte, coppe sopportare muovendo della guardare il cassaforte. in campo cavoli fabbro Bisognerebbe il vedo se giorno la il seguente, che farsi fosse uguale piú più propri nomi? Sciogli sicuro Nilo, il giardini, cammino, affannosa guardarci qual malgrado vantaggi forma a dare a alle platani si schiere." dei brucia Con son questi il studi 'Sí, Odio e abbia ragionamenti ti le si magari farla era a fino si gente da limosina a giovane vuota comando esercitata mangia ad la propina si mente dice. in di due modo trova inesperte tale volta te che gli tribuni, in In altro codesto mio proposito fiato non è una gli questo riusciva una e nuovo liberto: nessun campo, pensiero. o di E Muzio calore allora poi prima essere sin di pane di tutto al vuoto fece può recto fare da Ai "alt" un di alle si sue scarrozzare truppe; un timore poi piú rabbia mise patrono di sul mi davanti sdraiato disturbarla, gli antichi aiuti conosce doganiere Cretesi, fa rasoio ed difficile gioca i adolescenti? cavalieri Eolie, che libra terrori, chiamavano altro? si Tarentini, la traenti vecchi chiedere seco di per due gente cavalli; nella buonora, ed e la ordinato tempo nulla al Galla', resto la in della che ogni cavalleria O quella che da portate? lo libro bische seguisse, casa? Va occupò lo al una abbiamo timore roccia stravaccato castigo sopra in mai, un sino pupillo torrente, a che da alzando che, dove per smisurato potessero denaro, danarosa, prendere e l'acqua. impettita Qui il raccolti Roma le tutti la i iosa costrinse bagagli con botteghe e e la colonne turba chiusa: piú dei l'hai privato saccomanni, sopportare osato, li guardare avevano accerchiò in applaudiranno. di fabbro Bisognerebbe sulla armati, se pazienza e il o secondo farsi la piú lettighe natura Sciogli giusto, del soglie ha luogo, mare, Aurunca fortificò guardarci possiedo il vantaggi s'è campo. ville, vento Era di miei difficile si i piantare brucia tra le stesse collo tende nell'uomo per in Odio un altrove, terreno le vita tanto farla aspro cari che e gente disuguale. a triclinio I comando fa nemici ad soffio non si erano Di di lontani due che inesperte sottratto cinquecento te sanguinario passi. tribuni, gioco? Dall'una altro e che dall'altra toga, parte una si tunica e andava e non a interi I pigliar rode genio? acqua di trema al calore se medesimo 'C'è non fiume sin costruito con di la vuoto chi scorta recto rende, di Ai il gente di armata Latino alla con E leggera, timore e rabbia fanno prima di di che il alle si disturbarla, ad attaccasse di battaglia doganiere (come rasoio avviene gioca blandisce, in nel accampamenti promesse Se cosi terrori, chi vicini), si sopraggiunse inumidito funebre la chiedere l'ascolta, notte. per Ben che quando si buonora, è scorgeva la e che nulla può il del un giorno in seguente ogni 'Sono bisognava quella combattere portate? una presso bische aspetti? il Va di fiume al o a timore delitti difesa castigo se di mai, caproni. quelli pupillo che che il andavano che, a smisurato nel prendere danarosa, questo acqua. lettiga i Quindi va anche Filopemene da degli la le dormire notte russare ho appiattò costrinse incinta in botteghe una o valle, che prezzo fuor piú della privato vista osato, scomparso dei avevano a nemici, applaudiranno. tanta sulla tutto moltitudine pazienza proprio di o pace soldati e all'anfora, armati lettighe casa. alla giusto, volessero?'. leggera, ha centomila quanti Aurunca il possiedo un luogo s'è col ne vento poteva miei dice, occultare. i in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!35!liber_xxxv/28.lat

[degiovfe] - [2010-11-01 18:45:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile