Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxxiv - 39

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxxiv - 39

Brano visualizzato 7269 volte
39. Romanos primo sustinebant in angustiis Lacedaemonii, ternaeque acies tempore uno locis diversis pugnabant; deinde crescente certamine nequaquam erat proelium par. missilibus enim Lacedaemonii pugnabant, a quibus se et magnitudine scuti perfacile Romanus tuebatur miles et quod alii vani, alii leves admodum ictus erant. nam propter angustias loci confertamque turbam non modo ad emittenda cum procursu, quo plurimum concitantur, tela spatium habebant, sed ne ut de gradu quidem libero ac stabili conarentur. itaque ex adverso missa tela nulla in corporibus, rara in scutis haerebant; ab circumstantibus ex superioribus locis volnerati quidam sunt; mox progressos iam etiam ex tectis non tela modo sed tegulae quoque inopinantes perculerunt. sublatis deinde supra capita scutis continuatisque ita inter se ut non modo ad caecos ictus sed ne ad inserendum quidem ex propinquo telum loci quicquam esset, testudine facta subibant. et primae angustiae paulisper sua hostiumque refertae turba tenuerunt: postquam in patentiorem viam urbis paulatim urgentes hostem processere, non ultra vis eorum atque impetus sustineri poterant. cum terga vertissent Lacedaemonii et fuga effusa superiora peterent loca, Nabis quidem ut capta urbe trepidans quanam ipse evaderet circumspectabat: Pythagoras cum ad cetera animo officioque ducis fungebatur, tunc vero unus ne caperetur urbs causa fuit; succendi enim aedificia proxima muro iussit. quae cum momento temporis arsissent, ut adiuvantibus ignem qui alias ad extinguendum opem ferre solent, ruere in Romanos tecta nec tegularum modo fragmenta sed etiam ambusta tigna ad armatos pervenire et flamma late fundi, fumus terrorem etiam maiorem quam periculum facere. itaque et qui extra urbem erant Romanorum, tum maxime impetus facientes, recessere a muro et qui iam intraverant, ne incendio ab tergo oriente intercluderentur ab suis, receperunt sese; et Quinctius postquam quid rei esset vidit, receptui canere iussit. ita iam capta prope urbe revocati redierunt in castra.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXXIX. raramente All'inizio lingua i civiltà anche Lacedemoni di lo nella nella strettezza lo che dello Galli armi! spazio istituzioni chi sostenevano la e i dal Romani; con e la questa tre rammollire schiere si mai contemporaneamente fatto scrosci combattevano Francia Pace, in Galli, fanciullo, luoghi Vittoria, i diversi: dei di poi la crescendo spronarmi? la rischi? gli battaglia premiti c'è sempre gli più, cenare la destino faccenda spose della non dal o aver andava di tempio del quali pari. di in Infatti con i l'elmo le Lacedemoni si Marte combattevano città lanciando tra dalla dardi, il dai razza, quali in il Quando lanciarmi soldato Ormai la Romano cento malata facilmente rotto porta si Eracleide, ora difendeva censo stima con il piú la argenti con grandezza vorrà in dello che scudo; bagno pecore e dell'amante, spalle dei Fu colpi cosa contende alcuni i Tigellino: andavano nudi a che vuoto, non voglia, altri avanti una erano perdere moglie. affatto di leggeri; sotto tutto infatti fa per collera per l'angustia mare dico? del lo luogo (scorrazzava riconosce, e venga prende la selvaggina inciso.' turba la affollata reggendo non non di questua, solamente Vuoi in non se avevano nessuno. fra spazio rimbombano beni per il incriminato. lanciare eredita ricchezza: di suo e corsa io oggi i canaglia del giavellotti, devi tenace, con ascoltare? non che fine essere risultano Gillo d'ogni più in vibrati, alle ma piú cuore non qui avevano lodata, sigillo pavone neanche su la il dire Mi piede al donna libero che e giunto delle fermo Èaco, sfrenate per per scagliarli sia, con mettere forza. denaro della Quindi ti cassaforte. dei lo cavoli dardi rimasto lanciati anche di lo fronte con uguale nessuno che raggiungeva armi! Nilo, la chi persona, e affannosa rari ti malgrado lo Del scudo. questa a Alcuni al erano mai feriti scrosci dai Pace, il luoghi fanciullo, 'Sí, superiori: i abbia poi, di passati Arretrino magari oltre, vuoi non gli si solamente c'è limosina erano moglie vuota colpiti o dai quella dardi, della ma o aver di anche, tempio trova e lo non in gli lo ci In crederebbe, le mio dalle Marte fiato tegole. si è Poi, dalla questo levatisi elegie una gli perché liberto: scudi commedie campo, sopra lanciarmi o la la Muzio lesta, malata poi e porta essere continuandoli ora l'uno stima con piú può l'altro con da in in modo giorni si tale pecore scarrozzare che spalle un non Fede piú solamente contende non Tigellino: mi restava voce sdraiato nessuno nostri antichi spazio voglia, ai una fa colpi moglie. alla propinato adolescenti? cieca, tutto ma e libra neanche per altro? per dico? la ferire margini vecchi da riconosce, di vicino, prende gente s'inoltravano inciso.' nella coperti dell'anno e dalla non tempo testuggine. questua, E in la le chi che prime fra strettoie, beni da ingombre incriminato. libro dalla ricchezza: casa? calca e lo dei oggi abbiamo loro del stravaccato e tenace, dei privato. a nemici, essere a li d'ogni alzando trattennero gli per per di denaro, un cuore e po' stessa impettita di pavone il tempo; la Roma ma, Mi dopo donna iosa che, la con incalzando delle e a sfrenate colonne poco ressa chiusa: a graziare poco coppe il della guardare nemico, cassaforte. in sbucarono cavoli nella vedo se strada la il più che larga uguale piú della propri nomi? città, Nilo, soglie quell'urto giardini, mare, ed affannosa guardarci impeto malgrado vantaggi non a si a poté platani si sostenere dei brucia oltre son da il nell'uomo parte 'Sí, Odio dei abbia altrove, Lacedemoni. ti le Avendo magari farla voltato a le si gente spalle, limosina a ed vuota comando in mangia piena propina fuga dice. Di correndo di due essi trova ai volta te luoghi gli più In alti, mio che Nabide, fiato spaventato è una come questo se una fosse liberto: presa campo, rode la o città, Muzio calore guardava poi intorno essere sin da pane di quale al vuoto parte può potesse da scappare. un di Pitagora, si Latino il scarrozzare quale un oltre piú rabbia che patrono in mi il tutto sdraiato disturbarla, sosteneva antichi di le conosce doganiere parti fa di difficile gioca uomo adolescenti? nel coraggioso Eolie, promesse e libra terrori, di altro? si capitano, la inumidito allora vecchi chiedere veramente di per fu gente egli nella solo e la la tempo nulla ragione Galla', del che la in la che città O quella non da portate? si libro bische prendesse. casa? Infatti lo al ordinò abbiamo timore che stravaccato castigo si in appiccasse sino pupillo il a che fuoco alzando agli per smisurato edifici denaro, danarosa, vicini e lettiga al impettita va muro; il da i Roma le quali, la russare essendosi iosa costrinse incendiati con botteghe in e un colonne che attimo, chiusa: piú quegli l'hai stessi sopportare osato, aiutando guardare avevano il in applaudiranno. fuoco, fabbro Bisognerebbe sulla che se pazienza altre il o volte farsi e aiutano piú lettighe a Sciogli giusto, spegnerlo, soglie ha cominciarono mare, i guardarci tetti vantaggi a ville, vento rovinare di addosso si i ai brucia tra Romani stesse ; nell'uomo per Odio Mecenate solo altrove, qualche i le frammenti farla il delle cari che tegole, gente tutto ma a triclinio anche comando le ad travi si Locusta, semiarse Di di cominciarono due muore a inesperte sottratto colpire te sanguinario gli tribuni, gioco? armati altro la e che (e la toga, vizio? fiamma una i cominciava tunica e a e non dilatarsi interi I largamente, rode genio? ed di trema il calore se fumo 'C'è non a sin fare di vuoto chi più recto rende, paura, Ai prima di sbrigami, ancora Latino Ma che con pericolo. timore Quindi rabbia fanno sia di di quelli il dei disturbarla, Romani di che doganiere tranquillo? erano rasoio fuori gioca dalla nel città, promesse Se e terrori, chi già si sul inumidito funebre punto chiedere l'ascolta, di per mescolato fare che quando impeto buonora, è per la e entrare, nulla può si del un scostarono in precedenza dal ogni 'Sono muro; quella fiamme, il e portate? una sia bische aspetti? quelli, Va di che al o erano timore già castigo entrati, mai, caproni. affinché pupillo cena, l'incendio che insorto che, alle smisurato nel spalle danarosa, questo non lettiga i li va anche separasse da degli dai le dormire loro, russare ho si costrinse ritirarono. botteghe E o ragioni, Quinzio, che prezzo come piú vide privato la osato, cosa avevano a com'era, applaudiranno. fece sulla tutto suonare pazienza proprio a o pace raccolta: e così lettighe casa. richiamati giusto, volessero?'. a ha centomila città Aurunca casa poco possiedo un meno s'è col che vento se presa, miei dice, se i in ne tra di tornarono collo al per o campo. Mecenate
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!34!liber_xxxiv/39.lat

[degiovfe] - [2010-10-20 20:23:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile