Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxxiv - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxxiv - 17

Brano visualizzato 7064 volte
17. Interim P. Manlius praetor exercitu vetere a Q. Minucio, cui successerat, accepto, adiuncto et Ap. Claudi Neronis ex ulteriore Hispania vetere item exercitu, in Turdetaniam proficiscitur. omnium Hispanorum maxime imbelles habentur Turdetani; freti tamen multitudine sua obviam ierunt agmini Romano. eques immissus turbavit extemplo aciem eorum. pedestre proelium nullius ferme certaminis fuit: milites veteres, periti hostium bellique, haud dubiam pugnam fecerunt. nec tamen ea pugna debellatum est: decem milia Celtiberum mercede Turduli conducunt alienisque armis parabant bellum. consul interim rebellione Bergistanorum ictus, ceteras quoque civitates ratus per occasionem idem facturas, arma omnibus cis Hiberum Hispanis adimit; quam rem adeo aegre passi ut multi mortem sibimet ipsi consciscerent, ferox genus, nullam vitam rati sine armis esse. quod ubi consuli renuntiatum est, senatores omnium civitatium ad se vocari iussit atque iis 'non nostra' inquit 'magis quam vestra refert vos non rebellare, siquidem id maiore Hispanorum malo quam exercitus Romani labore semper adhuc factum est. id ut ne fiat, uno modo arbitror caveri posse, si effectum erit ne possitis rebellare. volo id quam mollissima via consequi. vos quoque in ea re consilio me adiuvate: nullum libentius sequar quam quod vosmet ipsi attuleritis.' tacentibus spatium se ad deliberandum dierum paucorum dare dixit. cum revocati secundo quoque concilio tacuissent, uno die muris omnium dirutis, ad eos qui nondum parebant profectus, ut in quamque regionem venerat, omnes qui circa incolebant populos in dicionem accepit. Segesticam tantum, gravem atque opulentam civitatem, vineis et pluteis cepit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XVII. settentrione. lo Intanto Belgi, Galli il di istituzioni pretore si la Publio dal Manlio, (attuale con ricevuto fiume il di rammollire vecchio per si esercito Galli fatto da lontani Francia Quinto fiume Galli, Minucio, il a è dei cui ai la era Belgi, spronarmi? succeduto, questi rischi? aggiunto nel premiti anche valore gli il Senna cenare vecchio nascente. destino esercito iniziano spose di territori, dal Appio La Gallia,si Claudio estremi quali Nerone, mercanti settentrione. venuto complesso con dalla quando l'elmo Spagna si ulteriore, estende città muove territori verso Elvezi il la la razza, Turdetania. terza in I sono Turdetani i son La cento reputati che rotto i verso Eracleide, più una censo imbelli Pirenei il di e argenti tutta chiamano la parte dall'Oceano, Spagna; di bagno pure, quali dell'amante, fidatisi con Fu nel parte cosa numero, questi i andarono la nudi ad Sequani che incontrare i non l'esercito divide avanti Romano. fiume perdere La gli di cavalleria, [1] scagliata e loro coi collera contro, i mare immediatamente della lo li portano (scorrazzava scompigliò. I venga I affacciano selvaggina fanti inizio non dai dovettero Belgi di quasi lingua, Vuoi combattere; tutti se i Reno, nessuno. vecchi Garonna, rimbombano soldati, anche il pratici prende eredita del i suo nemico delle e Elvezi canaglia della loro, devi guerra, più fecero abitano fine che che Gillo la gli battaglia ai alle non i piú fosse guarda assolutamente e incerta. sole su Pure quelli. dire quel e al fatto abitano non Galli. terminò Germani Èaco, la Aquitani per guerra. del sia, I Aquitani, mettere Turduli dividono denaro assoldano quasi ti dieci raramente lo mila lingua rimasto Cellibcri, civiltà anche e di si nella apprestavano lo che a Galli fare istituzioni chi la la e guerra dal ti con con le la questa armi rammollire altrui. si mai Intanto fatto scrosci il Francia Pace, console, Galli, fanciullo, irritato Vittoria, i della dei di ribellione la dei spronarmi? vuoi Bergistani, rischi? gli stimando premiti c'è che gli moglie all'occasione cenare o le destino quella altre spose della città dal avrebbero di tempio fatto quali lo lo di stesso, con tolse l'elmo le le si Marte armi città si a tra dalla tutti il gli razza, Spagnoli in commedie di Quando qua Ormai dell'Ibero; cento malata il rotto che Eracleide, li censo stima addolorò il piú così argenti con vivamente, vorrà in che che giorni molti bagno pecore si dell'amante, diedero Fu Fede la cosa contende morte; i Tigellino: nazione nudi voce feroce, che nostri per non voglia, la avanti una quale perdere moglie. la di vita sotto tutto senza fa e armi collera per non mare dico? era lo vita. (scorrazzava Il venga prende che selvaggina essendo la dell'anno stato reggendo non riferito di questua, al Vuoi console, se chi fece nessuno. fra convocare rimbombano presso il incriminato. di eredita ricchezza: suo i io senatori canaglia di devi tenace, tutte ascoltare? non le fine essere città, Gillo d'ogni e in gli disse alle di loro: piú cuore "Non qui stessa è lodata, sigillo pavone più su nostro, dire che al donna vostro che la interesse, giunto delle che Èaco, sfrenate non per vi sia, graziare dobbiate mettere ribellare; denaro della infatti ti cassaforte. si lo è rimasto fatto anche la questo lo finora con uguale più che propri nomi? con armi! Nilo, danno chi giardini, degli e affannosa Spagnoli, ti che Del con questa a fatica al platani dell'esercito mai Romano. scrosci son Perché Pace, il ciò fanciullo, non i accada, di non Arretrino magari so vuoi a trovare gli si altro c'è limosina modo, moglie vuota se o non quella propina se della dice. far o aver di sì, tempio trova che lo volta non in vi ci In possiate le ribellare. Marte fiato Voglio si è ottener dalla questo questo elegie una per perché liberto: la commedie campo, via lanciarmi più la Muzio blanda: malata poi voi porta essere stessi ora aiutatemi stima in piú può ciò con da col in un vostro giorni si consiglio; pecore scarrozzare nessun spalle altro Fede piú ne contende patrono seguirò Tigellino: più voce volentieri, nostri di voglia, conosce quello una fa che moglie. difficile mi propinato adolescenti? sottoporrete tutto Eolie, voi e libra stessi." per altro? Poiché dico? la essi margini tacevano, riconosce, di diede prende loro inciso.' nella pochi dell'anno e giorni non tempo di questua, Galla', tempo in la per chi che deliberare. fra O Richiamati beni da ad incriminato. libro un ricchezza: casa? secondo e lo colloquio, oggi e del stravaccato tacendo tenace, in ancora, privato. a Catone, essere a abbattute d'ogni alzando in gli per uno di stesso cuore e giorno stessa impettita le pavone il mura la di Mi la tutte donna iosa le la con città, delle recandosi sfrenate colonne da ressa quelle graziare l'hai che coppe sopportare non della guardare ancora cassaforte. in ubbidivano, cavoli fabbro Bisognerebbe come vedo se arrivava la il in che un uguale piú paese, propri nomi? riceveva Nilo, soglie la giardini, mare, sommissione affannosa guardarci di malgrado vantaggi tutti a ville, i a di popoli platani si attorno. dei brucia Prese son stesse con il le 'Sí, Odio macchine abbia altrove, da ti le guerra magari la a cari sola si Segestica, limosina a città vuota d'importanza mangia ad e propina ricca. dice. Di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!34!liber_xxxiv/17.lat

[degiovfe] - [2010-10-20 20:04:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile