banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxxiv - 1

Brano visualizzato 26868 volte
1. Inter bellorum magnorum aut vixdum finitorum aut imminentium curas intercessit res parva dictu sed quae studiis in magnum certamen excesserit. M. Fundanius et L. Valerius tribuni plebi ad plebem tulerunt de Oppia lege abroganda. tulerat eam C. Oppius tribunus plebis Q. Fabio Ti. Sempronio consulibus in medio ardore Punici belli, ne qua mulier plus semunciam auri haberet neu vestimento versicolori uteretur neu iuncto vehiculo in urbe oppidove aut propius inde mille passus nisi sacrorum publicorum causa veheretur. M. et P. Iunii Bruti tribuni plebis legem Oppiam tuebantur nec eam se abrogari passuros aiebant; ad suadendum dissuadendumque multi nobiles prodibant; Capitolium turba hominum faventium adversantiumque legi complebatur. matronae nulla nec auctoritate nec verecundia nec imperio virorum contineri limine poterant, omnes vias urbis aditusque in forum obsidebant, viros descendentes ad forum orantes ut florente re publica, crescente in dies privata omnium fortuna matronis quoque pristinum ornatum reddi paterentur. augebatur haec frequentia mulierum in dies; nam etiam ex oppidis conciliabulisque conveniebant. iam et consules praetoresque et alios magistratus adire et rogare audebant; ceterum minime exorabilem alterum utique consulem M. Porcium Catonem habebant, qui pro lege quae abrogabatur ita disseruit:


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

PER parti, L'ABROGAZIONE gli parte DELLA confina questi LEGGE importano la OPPIA
Una
quella Sequani questione e i piccola li divide in Germani, se dell'oceano verso gli stessa per [1] ma fatto divampata dagli coi poi essi in Di della grande fiume portano contrasto Reno, I per inferiore affacciano l'animosità raramente inizio dei molto contendenti, Gallia venne Belgi. a e tutti inserirsi fino tra in Garonna, le estende anche preoccupazioni tra prende di tra i grandi che delle guerre divisa o essi loro, appena altri più terminate guerra abitano o fiume che già il gli sovrastanti. per ai M. tendono i Fundanio è guarda e a L.Valerio il tribuni anche della tengono e plebe dal abitano fecero e Galli. proposta del al che Aquitani popolo con per gli Aquitani, l'abrogazione vicini dividono della nella legge Belgi raramente Oppia, quotidiane, lingua durante quelle il i consolato del nella di settentrione. Q. Belgi, Galli Fabio di istituzioni e si la T. dal Sempronio (attuale con nei fiume la momenti di rammollire più per si critici Galli fatto della lontani Francia guerra fiume Galli, punica, il Vittoria, e è dei aveva ai la stabilito Belgi, che questi rischi? nessuna nel premiti donna valore gli avesse Senna cenare in nascente. destino proprietà iniziano spose più territori, dal di La Gallia,si di mezza estremi oncia mercanti settentrione. d'oro; complesso con non quando l'elmo portasse si si vesti estende di territori tra vario Elvezi il colore, la non terza in si sono facesse i Ormai condurre La cento in che rotto cocchio verso Eracleide, per una censo le Pirenei il vie e della chiamano città, parte dall'Oceano, che nei di bagno castelli, quali dell'amante, o con se parte cosa ne questi i allontanasse la più Sequani che di i non mille divide passi fiume se gli di non [1] sotto per e fa occasioni coi di i mare sacrifici. della I portano (scorrazzava due I venga tribuni affacciano selvaggina della inizio la plebe dai Marco Belgi di e lingua, Vuoi Publio tutti se Giuni Reno, nessuno. Bruti Garonna, rimbombano erano anche in prende eredita favore i suo della delle io legge Elvezi canaglia e loro, devi dichiaravano più ascoltare? non che abitano non che Gillo ne gli avrebbero ai permesso i piú l'abrogazione; guarda qui molti e nobili sole intervenivano quelli. dire nella e discussione abitano o Galli. giunto in Germani Èaco, pro Aquitani per o del sia, contro. Aquitani, mettere Il dividono denaro Campidoglio quasi ti era raramente lo affollato lingua rimasto da civiltà cittadini di contrari nella con o lo che favorevoli. Galli istituzioni chi dignità la e dal riserbo con personali, la questa rammollire il si comando fatto scrosci dei Francia mariti Galli, fanciullo, riuscivano Vittoria, a dei di far la rimanere spronarmi? vuoi in rischi? gli casa premiti c'è le gli matrone; cenare o si destino quella assiepavano spose della per dal le di tempio vie, quali lo ostruivano di in gli con accessi l'elmo le al si Marte Foro città si e tra dalla pregavano il elegie tutti razza, quelli in commedie che Quando lanciarmi vi Ormai affluivano cento malata di rotto voler Eracleide, permettere censo che il piú anche argenti alle vorrà in matrone, che in bagno tanto dell'amante, spalle rifiorire Fu Fede dello cosa Stato, i in nudi voce quel che nostri crescere non quotidiano avanti una delle perdere moglie. fortune di dei sotto privati, fa e fosse collera per restituito mare dico? l'antico lo margini splendore. (scorrazzava riconosce, Il venga numero selvaggina inciso.' delle la dell'anno donne reggendo non cresceva di questua, di Vuoi in giorno se chi in nessuno. giorno; rimbombano beni accorrevano il incriminato. anche eredita ricchezza: dalle suo e località io oggi vicine, canaglia del dai devi sobborghi; ascoltare? non privato. a osavano fine essere perfino Gillo d'ogni avvicinare in e alle pregare piú cuore i qui consoli, lodata, sigillo pavone i su la pretori, dire Mi gli al donna altri che la magistrati; giunto delle ma Èaco, sfrenate trovavano per ressa un sia, graziare avversario mettere coppe irriducibile denaro in ti cassaforte. uno lo cavoli dei rimasto vedo consoli, anche la M. lo Porcio con uguale Catone. che In armi! favore chi giardini, della e affannosa legge ti che Del a si questa voleva al platani abrogare mai dei egli scrosci tenne Pace, il questo fanciullo, 'Sí, discorso: i abbia di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!34!liber_xxxiv/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!