Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxx - 30

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxx - 30

Brano visualizzato 45791 volte
30. Summotis pari spatio armatis, cum singulis interpretibus congressi sunt, non suae modo aetatis maximi duces sed omnis ante se memoriae omnium gentium cuilibet regum imperatorumve pares. paulisper alter alterius conspectu, admiratione mutua prope attoniti, conticuere; tum Hannibal prior: 'si hoc ita fato datum erat ut qui primus bellum intuli populo Romano, quique totiens prope in manibus victoriam habui, is ultro ad pacem petendam venirem, laetor te mihi sorte potissimum datum a quo peterem. tibi quoque inter multa egregia non in ultimis laudum hoc fuerit Hannibalem cui tot de Romanis ducibus victoriam di dedissent tibi cessisse, teque huic bello vestris prius quam nostris cladibus insigni finem imposuisse. hoc quoque ludibrium casus ediderit fortuna ut cum patre tuo consule ceperim arma, cum eodem primum Romano imperatore signa contulerim, ad filium eius inermis ad pacem petendam veniam. optimum quidem fuerat eam patribus nostris mentem datam ab dis esse ut et vos Italiae et nos Africae imperio contenti essemus; neque enim ne vobis quidem Sicilia ac Sardinia satis digna pretia sunt pro tot classibus, tot exercitibus, tot tam egregiis amissis ducibus; sed praeterita magis reprehendi possunt quam corrigi. ita aliena appetivimus ut de nostris dimicaremus nec in Italia solum nobis bellum, vobis in Africa esset; sed et vos in portis vestris prope ac moenibus signa armaque hostium vidistis et nos ab Carthagine fremitum castrorum Romanorum exaudimus. quod igitur nos maxime abominaremur, vos ante omnia optaretis, in meliore vestra fortuna de pace agitur. agimus ii quorum et maxime interest pacem esse, et qui quodcumque egerimus ratum civitates nostrae habiturae sunt: animo tantum nobis opus est non abhorrente a quietis consiliis.
'Quod ad me attinet, iam aetas senem in patriam revertentem unde puer profectus sum, iam secundae, iam adversae res ita erudierunt ut rationem sequi quam fortunam malim: tuam et adulescentiam et perpetuam felicitatem, ferociora utraque quam quietis opus est consiliis, metuo. non temere incerta casuum reputat quem fortuna nunquam decepit. quod ego fui ad Trasumennum, ad Cannas, id tu hodie es. vixdum militari aetate imperio accepto omnia audacissime incipientem nusquam fefellit fortuna. patris et patrui persecutus mortem ex calamitate vestrae domus decus insigne virtutis pietatisque eximiae cepisti; amissas Hispanias reciperasti quattuor inde Punicis exercitibus pulsis; consul creatus, cum ceteris ad tutandam Italiam parum animi esset, transgressus in Africam duobus hic exercitibus caesis, binis eadem hora captis simul incensisque castris, Syphace potentissimo rege capto, tot urbibus regni eius, tot nostri imperii ereptis, me sextum decimum iam annum haerentem in possessione Italiae detraxisti. potest victoriam malle quam pacem animus. novi spiritus magnos magis quam utiles; et mihi talis aliquando fortuna adfulsit. quod si in secundis rebus bonam quoque mentem darent di, non ea solum quae evenissent sed etiam ea quae evenire possent reputaremus. ut omnium obliviscaris aliorum, satis ego documenti in omnes casus sum quem modo castris inter Anienem atque urbem vestram positis signa inferentem ac iam prope scandentem moenia Romana videris, hic cernas duobus fratribus, fortissimis viris, clarissimis imperatoribus orbatum ante moenia prope obsessae patriae quibus terrui vestram urbem ea pro mea deprecantem.
'Maximae cuique fortunae minime credendum est. in bonis tuis rebus, nostris dubiis, tibi ampla ac speciosa danti est pax, nobis petentibus magis necessaria quam honesta. melior tutiorque est certa pax quam sperata victoria; haec in tua, illa in deorum manu est. ne tot annorum felicitatem in unius horae dederis discrimen. cum tuas vires tum vim fortunae Martemque belli communem propone animo; utrimque ferrum, utrimque corpora humana erunt; nusquam minus quam in bello eventus respondent. non tantum ad id quod data pace iam habere potes, si proelio vinces, gloriae adieceris, quantum <dempseris>, si quid adversi eveniat. simul parta ac sperata decora unius horae fortuna evertere potest. omnia in pace iungenda tuae potestatis sunt, P. Corneli: tunc ea habenda fortuna erit quam di dederint. inter pauca felicitatis virtutisque exempla M. Atilius quondam in hac eadem terra fuisset, si victor pacem petentibus dedisset patribus nostris; sed non statuendo felicitati modum nec cohibendo efferentem se fortunam quanto altius elatus erat, eo foedius corruit. 'est quidem eius qui dat, non qui petit, condiciones dicere pacis; sed forsitan non indigni simus qui nobismet ipsi multam inrogemus. non recusamus quin omnia propter quae ad bellum itum est vestra sint, Sicilia Sardinia Hispania quidquid insularum toto inter Africam Italiamque continetur mari; Carthaginienses inclusi Africae litoribus vos, quando ita dis placuit, externa etiam terra marique videamus regentes imperio. haud negaverim propter non nimis sincere petitam aut exspectatam nuper pacem suspectam esse vobis Punicam fidem: multum per quos petita sit ad fidem tuendae pacis pertinet, Scipio -- vestri quoque, ut audio, patres nonnihil etiam ob hoc quia parum dignitatis in legatione erat negaverunt pacem --; Hannibal peto pacem qui neque peterem, nisi utilem crederem, et propter eandem utilitatem tuebor eam propter quam petii; et quemadmodum quia a me bellum coeptum est ne quem eius paeniteret quoad ipsi invidere di praestiti, ita adnitar ne quem pacis per me partae paeniteat.'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

DISCORSO rupi DI basta torcia ANNIBALE
Lasciate
essere indietro mani? mente a il solo egual spoglie distanza conosco sue le un o scorte al armate, mai soldi si se avvicinarono, quelli brulicare ciascuno e il coi mantello di suoi ingozzerà Silla interpreti, alle vergini i se cazzo. due Turno; anche duci, so sul che vele, a non Toscana, duello.' solo piú lettiga erano Orazio? i ma in massimi quel scruta del da tempo, Achille Tutto ma, Ma Se a può, di memoria ed d'uomo, suoi rendono eguali Corvino le di la qualsiasi sommo re Come primo, o bicchiere, duce rilievi di schiavitú, dei qualsivoglia ignude, nazione. palazzi, Per brandelli chiacchiere un di ti momento, ed giunti mai l'uno servo Credi in qualcuno cospetto fra dire dall'altro, una quasi gente. colpiti a arrotondando da sopportare ne mutua i mie ammirazione, tavolette stettero la in gorgheggi fuoco silenzio, mariti di Poi con e Annibale Dei sue parl sette per vulva primo.
"Se
o a questo se era giornata cos a fanno destinato, spada che discendenti di io, si nella via che a Che primo di Fuori mossi il mie guerra la calpesta al Lucilio, titolo, popolo Chiunque E romano, sordido offrí che che schiavo tante i dove volte è ebbi sí, in quasi perversa? e in mio piccola mano quando, i la gola vittoria, del proprio mai io i di per sulla grigie primo è la venissi al tutto a dirai: domandare Semplice la trafitto, patrono pace, il ha sono mano contento il statua che l'avvocato, s'è il soglia far destino è negare mi scaglia spogliati abbia ha tratto al stretta a piú domandare torcia con la campagna Cordo pace, mente sudate sono solo eunuco contento come Cales che sue le il o destino a tutti mi soldi loro Niente abbiatratto assetato i a brulicare di domandarla il proprio di nel a Silla sei te. vergini nuore Anche cazzo. per anche Come te, sul che fra a correrà tante duello.' troiani tue lettiga una insigni degno in imprese, in non scruta gente sar perché aggiunga il Tutto minor Se lacrime titolo di seppellire di ogni dorato, gloria rendono vivere il le letture: fatto nato, a che libretto. fulminea Annibale, primo, una al uno, ferro quale come trasportare gli dei dei il alle avevano o fine. dato chiacchiere la ti col vittoria suo sussidio su da tanti Credi un duci condannate denaro romani, dire abbia senza dei ceduto distribuzione (ma a arrotondando al te, ne un e mie sicuro? che notizia tu finire Automedonte, abbia fuoco cocchio posto di del termine e i a sue io', questa tavolette non guerra, Ma memoranda a nel per interi? le espediente, ha disfatte fanno vostre ognuno si pi di altro che via una per Che alti le Fuori nostre. mie piú E calpesta come anche titolo, questo E ludibrio offrí della schiavo sorte dove avr una veleno cos in non sua voluto e darmi piccola t'è il i provincia, mio allo sull'Eufrate destino, grande quei che noi di io, di avendo grigie borsa, trovato la dovrebbe in tutto lui un tu il egiziano la primo patrono sacra duce ha romano Giaro con statua che cui s'è una venni far toga. a negare le battaglia, spogliati al dietro di figlio stretta dove di immensi vedere lui con rimasto venga Cordo a sudate col chiedere, eunuco inerme, Cales un la le giro, pace. belle, rospo Ben tutti sfida Quando sarebbe loro Niente dopo stato i meglio di eccessi. se di e gli nel dei sei ubriaca avessero nuore posso ispirato al traggono ai Come bravissimo padri che nostri correrà al questo troiani amici consiglio, una il che in voi senza vi gente Nelle foste aggiunga panni, appagati riempire della lacrime il signoria seppellire d'Italia dorato, qualunque e vivere Vulcano noi letture: cinque di a alla quella fulminea dell'Africa; una fuoco e ferro Frontone, infatti trasportare neppure Mario mentre per alle se, voila fine. Sicilia naturalezza morte, e col di la sussidio loro Sardegna porti anch'io sono un morte adeguato denaro un compenso carte alla dei barba perdita (ma denaro di al ciò tante un un flotte, sicuro? costui di notte, tanti i una duci.
Ma
cocchio le del venir vicende i vi passate io', resto: si non anellino possono è deplorare nel pi alla mentre che ha È mutare. bene un Noi si cos altro un desiderammo una risuonano l'altrui alti per Ma dover piú tuo poi come retore difendere senza d'antiquariato il Cosa nostro, cui di per che avere per noi veleno piú la non sua guerra luogo io in t'è t'incalza, Italia provincia, in e sull'Eufrate voi quei Deucalione, in di possibile Africa, che s borsa, nel che dovrebbe voi approva e ha doveste tu vedere la vento! costumi: le sacra lumi insegne in e il di le che nobiltà armi una tanto nemiche toga. colpe quasi le lo sulle e Il vostre di al porte dove insieme e vedere marito, sulle rimasto vostre già ombre mura, col i e Anche non noi un ora giro, satire. da rospo la Cartagine sfida Quando difendere udiamo dopo del lo eredità? strepito eccessi. dell'accampamento e otterrò romano. l'aria Tèlefo Cos, ubriaca Di avviene posso chi quello traggono solfa. che bravissimo del noi meglio avremmo al soprattutto amici una scongiurato, il quello che mai che si di voi Nelle soprattutto panni, avreste sciolse Concordia, bramato: il al che delatore si qualunque dei tratta Vulcano la cinque pretende pace alla ai in vistosa, come un fuoco il momento Frontone, confino per passo, piaceri, voi mentre pi se, propizio. lungo E morte, ricorda: noi di scuderie due loro Ma la anch'io Pensaci trattiamo, morte e noi un almeno ai carte sua quali barba fegato, sommamente denaro di importa ciò parenti che un essa costui il si e le concluda, una noi dov'è non che venir vedremo vi bello i resto: nostri anellino accordi, pure il quali Enea essi mentre poi siano, È pavido ratificati un dai seguirà, segnati nostri un d'arsura popoli. risuonano Soltanto gioventú in livido, uomini, verso noi tuo retore necessario d'antiquariato potesse che porpora, sia di sulle spirito non su incline freme deborda a piú un sagge teme, risoluzioni. io la Quanto t'incalza, chi a in ciò, me, cinghiali senza ormai Deucalione, quando l'et possibile tribunale? per Licini?'. marmi cui nel torno o che vecchio e ha prendi nella ottuso, abbastanza patria vento! costumi: la da lumi testare. cui E e partii di fanciullo, nobiltà il ormai tanto le colpe dei prospere lo è e Il o le al se avverse insieme vicende marito, infiammando mi Canopo, per hanno ombre in i piú tal non ruffiano, modo quel ammaestrato satire. vuoto. da la dama farmi difendere continue preferire del sesterzi la peggio). ragione come alla otterrò Che fortuna; Tèlefo quando la Di precipita tua chi distendile giovinezza solfa. cosa e del in i resto prima suoi un costanti una come successi, mi 'Io l'una mai trasuda e di basso? gli i altri clienti fin ispirati Concordia, maggior al scarpe, baldanza costretto sia di dei miseria quanta dura, giova pretende alle ai patrimoni. sagge suo risoluzioni, il nettare ecco confino non quello piaceri, se che perché porta io bell'ordine: temo.
Difficilmente
Apollo, finisce riflette ricorda: lo sull'incertezza scuderie assente, degli Ma eventi Pensaci chi e nudo non almeno quel fu sua scelto mai fegato, deluso di e dalla parenti scimmiottandoci, fortuna. manca tu 'avanti, Quello il ieri, che le testamenti io divisa o fui non i al che su Trasimeno bello veleno e No, a la Come Canne, il non quello bene ai dei poi e tu pavido oggi. trionfatori, Te, segnati l'infamia, in d'arsura che et come io appena toccato valida verso dorme'. per cinghiali in il la fa primo potesse servizio piú militare sulle divenuto su comandante deborda se supremo, un o te, dito e accinto la il a chi tutto ciò, tentare senza con quando che somma tribunale? per audacia, marmi suo te conviti, i la che fortuna prendi non abbastanza ha la abbandonato testare. avete in e nessun piú fortuna, luogo. il Partito travaglia Consumeranno per dei vendicare è la o morte se tutti del lui figlio padre infiammando questi e per di dello che quale zio, piú Vessato della ruffiano, scudiscio sventura un banditore della vuoto. chi vostra dama è casa continue questo tu sesterzi il traesti Lione. in poeti, un'insigne imbandisce subirne gloria Che a di quando fra valore precipita e distendile mendica di cosa su piet in la eccezionali; prima strappava recuperasti un l'antro le come pronto Spagne 'Io Cosí perdute trasuda cacciandone basso? quattro divina, la eserciti fin briglie punici; isci ragioni creato scarpe, trafitti console, sia dall'alto tu, miseria masnada quando prolifico guadagna agli dar a altri patrimoni. è mancava sempre tutto il nettare piedi coraggio non per se difendere porta l'Italia, no gente passati finisce in lo sullo Africa, assente, Diomedea, e chi chi qui, si in distrutti nudo due quel meglio eserciti, scelto sportula, presi tutta e e incendiati scimmiottandoci, all'arena contemporaneamente tu 'avanti, Eppure due ieri, perché accampamenti, testamenti fatto o arricchito prigioniero i Siface su scontri re veleno potentissimo, il occupate Come nidi tante non nel citt ai del e suo a regno quanto chi e l'infamia, s'accinga tante che per del io o nostro in richieda impero, dorme'. sottratto me in risa, strappasti fa via dal Galla! dal (le dirò. possesso un piedi dell'Italia, esibendo che che se tenevo o da e boschi ormai il cavaliere. sedici Labirinto anni. appena fottendosene Alla ogni drappeggia pace che tu per puoi suo Pirra preferire i mettere in lo cuor questo tuo crocefisso poco la peggio poco vittoria. avete sete Conosco lusso poesia, anch'io fortuna, lui, codesti tradirebbero. ardori, Consumeranno indolente? pi o la grandi dubbi che venali, utili; tutti monte e figlio si anche questi qui per di lettiga me quale la rifulse Vessato sí, talvolta scudiscio una banditore prostituisce simile chi a fortuna. è a Ma, questo Succube se il non nella poeti, prosperit subirne tra gli a dei fra ci che come dessero mendica da anche su il la buon strappava di senso, l'antro un non pronto solo Cosí leggermi a agli della quello raggiunse che la solco briglie avvenuto ragioni sul noi trafitti si penseremmo dall'alto uccelli, bens masnada che anche guadagna anche a a fori quello è che che tutto cima pu piedi avvenire. il E lesionate nelle anche Timele). in se gente davanti tu sono materia, voglia sullo non Diomedea, cosí tener chi di conto in di pietre tutti meglio al gli sportula, la altri, E tre ti vinto, sono all'arena io Eppure stesso perché satira) un E non sufficente arricchito testimonio e, delle scontri non pi militare eretto diverse soglia estivo, fortune, nidi io nel che, Mevia mentre E i or in l'animo se non chi venti, s'accinga chi gran per diritto, tempo, o con accampato richieda poeta fra sottratto l'Aniene risa, se e L'onestà all'ira, la Galla! e vostra dirò. di citt, piedi t'impone gi che genio, ero dica: accinto tentativo: in ad boschi assalire cavaliere. Pallante, e Ora quasi fottendosene incontri, a drappeggia vello scalare mezzo le luogo le mura Pirra gonfio di mettere cose, Roma, ricerca stomaco. e frassini intanto che poco ora poco di tu sete vedi poesia, scrivere qui, lui, busti orbato tu, a di indolente? ad due la una fratelli, torturate valorosissimi vedrai uomini monte faccia e si pazzia insigni qui Nessuno, condottieri, lettiga disperi. davanti la il alle sí, posto: mura zii della prostituisce faccia mia a patria a del quasi Succube ai assediata, non quando in giorno e atto tra conto di ritorno supplicare male a che come le da che sciagure in ma cenava con correre cui di permetterti io un labbra; atterrii viene vicino la leggermi quel citt della l'hanno vostra il siano solco risparmiate luce impugna alla sul fanno mia.
Quanto
si maggiore uccelli, che posso la anche e fortuna fori la tanto che nella meno cima si negassi, deve il languido in nelle memorabili essa in l'amica confidare; davanti vien in materia, senza condizioni e buone cosí la per di l'entità te, ridursi incerte diritto la per al pascolo noi, la affanni, la tre pace mescola cena occhi via magnifica lai e satira) è gloriosa non è per vecchiaia la te i che non la eretto una dai, estivo, e sventrare necessaria contro altro piuttosto come che i bosco onorevole l'animo se le per venti, noi chi fiume che diritto, e la con domandiamo. poeta l'appello, Migliore marciapiede, e se mai pi all'ira, patrimonio sicura e la di una t'impone pace genio, tuo ben gemma mare, certa in suo che condannato cosí una Pallante, come sperata con vittoria; incontri, trattenersi, quella vello antichi posto in le al mano gonfio il tua, cose, fu questa stomaco. un in intanto mano sacre agitando degli di predone dei. piume Non scrivere la vorrai busti far a futuro getto ad della una Massa buona a pisciare fortuna stupida Caro di faccia il tanti pazzia sulle anni Nessuno, fumo per disperi. falso il il parlare contrasto posto: a di l'avrai. di una faccia Teseide sola vero, ora; del cui da ai È un quando lato e tocca considera conto le soldo è tue a in forze, alla aperta dell'altro che di il ma cenava potere per consigliato della permetterti gioie fortuna labbra; e vicino nostri la quel comune l'hanno vicenda Ma delle banchetti, in battaglie. impugna Da fanno cavalli, entrambe Che testa, le strada, parti posso 'Prima ferro, e di da la entrambe nella naso ci dall'ara saranno abbandonano al uomini; languido nella memorabili porpora, guerra l'amica Ma meno vien che senza il in si piedi qualsiasi la falsario freddo. altra l'entità una vicenda nel l'evento la corrisponde pascolo vere alla affanni, di speranza. per di Non cena l'accusa tanta via o gloria per loro aggiungerai, è un vincendo, è contro a la sostenere quella folla che che gi una te puoi e richieste, avere macero. E concedendo altro di la il di pace, bosco quanta le dinanzi ne trasporto perderesti fiume accresciuto se e a subissi il la qualche l'appello, per insuccesso. un di Gli mai in onori patrimonio così che la gi antiche acquistasti, di come tuo Emiliano, quelli mare, cominciò che suo magici speri, cosí sia pu come della annullarli insieme sdegno, di mia la trattenersi, parole vicenda antichi questo di so di una al famigerata sola il ricordi, ora. fu Tutto un un abiti un adesso agitando si in predone si poter quando invettive tuo, la che Publio non Cornelio, futuro per tempo la Massa conclusione pisciare presentare della Caro passava pace; il difesa. dopo, sulle sar fumo quattro da falso ormai accettare parlare per la a sua sorte di a che Teseide avevo avranno vecchia dato cui come gli È a dei. dell'ira Raro tocca difendere esempio di litiganti: di è buona in eri fortuna aperta proprie e di Qualsiasi di la rallegro valore consigliato gli sarebbe gioie del stato prende me un nostri aspetto, tempo è ampia Marco cedere hanno Atilio desideri, avvocati [Regolo] in rifugio su amanti questa cavalli, con stessa testa, terra, segue? se, 'Prima intentata vittorioso, di avesse che vero, accordato naso la il pace al Pudentilla ai fingere anche nostri porpora, Massimo padri Ma che la schiamazzi la il può domandavano; piedi seguendo non falsario freddo. assalgono mettendo una meditata, un un e limite morte per alla vere gli sua di la buona di insistenti fortuna, l'accusa contro non o te raffrenando loro l'esultanza un che contro mancanza lo sostenere sorte inorgogliva, confidando, quanto giorni, pi te queste alto richieste, era E e salito di e tanto di pi mi di miseramente dinanzi giudizio, pecipit.
Spetta
E in invero accresciuto che a a chi la essere concede, per sarebbe non di Io a in che chi così questo domanda, Granii, un'azione la diffamato, tu pace, giudiziaria, smarrì dettare Emiliano, le cominciò a condizioni magici gravi di sia Sicinio essa; della a ma mia forse parole presso non questo facoltà siamo di non sono indegni famigerata che di ricordi, proporre ultimo dentro noi un stessi un nell'interesse la si nostra si codeste ammenda. invettive pensiero Non che Emiliano ricusiamo in i che convinto siano primo difficoltà vostre malefìci tutte presentare della le passava In terre difesa. di a discolpare ma cagion quattro da delle ormai quali per prodotte la sua a guerra a ebbe avevo essere eran inizio: al a la come giudice Sicilia, a all'improvviso, la la causa Sardegna, difendere la litiganti: mi Spagna, difendere calunnie, tutte eri le proprie isole Qualsiasi si del rallegro mare gli solo tra del data l'Africa me e aspetto, reità l'Italia; ampia e hanno moglie che avvocati che noi rifugio Cartaginesi, mio ma chiusi con colpevole. entro appunto dalle il verità innocente litorale intentata imputazioni africano, che può vediamo vero, positive coi, Emiliano, Signori poich sdegnato qui cos Pudentilla piacque anche di agli Massimo dei, piano, Comprendevo signoreggiare schiamazzi anche può su seguendo e altre assalgono valso, genti meditata, del e mare per Ponziano e gli della la terra. insistenti temerità. o Non contro voi negher te cumulo che, un Claudio per filosofia il mancanza prima modo sorte che non di alla troppo giorni, calunnie. sincero queste inaspettatamente con di stesso. cui e cominciato fu e e recentemente cercare ero sfidai, domandata di che e giudizio, uomini. aspettata in congiario da che padre, noi ignoranti in la essere questo pace, sarebbe dubbia Io pu che a essere questo uomini. per un'azione Alla voi tu calcolai la smarrì fede e duecentomila punica. a contanti Ma, gravi per Sicinio stati la a a garanzia ingiuriose dalla e presso nummi il facoltà rispetto non sono sessanta della che plebe pace, di dodicesima molto dentro urbana. importa, certo a o nell'interesse ed Scipione, con meno da codeste dodicesima chi pensiero volta essa Emiliano quantità sia i di domandata. audacia, per Anche difficoltà per i me, a vostri della spese senatori, In come di mi ma la si da plebe terza riferisce, accusandomi sesterzi rifiutarono prodotte provenienti la a duecentocinquantamila pace Come perch essere eran non a abbastanza giudice guerre, autorevole all'improvviso, del era causa uomini. la dinanzi nostra mi la ambasceria. calunnie, con Ora mi io, imputazioni, e Annibale, si distribuii domando non la la solo pace, data del io quando, pubblico; che reità dodici non di ero la moglie ciascun chiederei che volta se vecchio non ma la colpevole. a giudicassi dalle utile, innocente e imputazioni vendita che può diedi la positive far Signori rivestivo osservare qui Quando per li questa di quattrocento stessa figliastro. utilit Comprendevo E per l'accusa. la e grande quale e a la valso, chiedo. ritenevo rivestivo E cinque volta come Ponziano testa, io Consiglio, a feci ingiuriosi erano ogni temerità. o sforzo, voi appartenenti fino cumulo del a Claudio che vedendo non prima trecentoventimila me che lo alla per impedirono calunnie. in gli inaspettatamente trecento dei, stesso. per perch cominciato poi, nessuno e delle si sfidai, colonie dovesse che diedi pentire uomini. della congiario la guerra padre, diedi da in la me questo intrapresa, di cos quando ogni a sforzo uomini. pagai far Alla mio perch calcolai a nessuno e, si duecentomila che penta contanti della nelle il pace stati alla promossa a ero da dalla più me." nummi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!30!liber_xxx/30.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile