Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxx - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxx - 19

Brano visualizzato 8550 volte
19a. Mago proximae silentio noctis profectus quantum pati viae per volnus poterat itineribus extentis ad mare in Ligures Ingaunos pervenit. ibi eum legati ab Carthagine paucis ante diebus in sinum Gallicum adpulsis navibus adierunt, iubentes primo quoque tempore in Africam traicere; id et fratrem eius Hannibalem -- nam ad eum quoque isse legatos eadem iubentes -- facturum; non in eo esse Carthaginiensium res ut Galliam atque Italiam armis obtineant. Mago non imperio modo senatus periculoque patriae motus sed metuens etiam ne victor hostis moranti instaret Liguresque ipsi relinqui Italiam a Poenis cernentes ad eos quorum mox in potestate futuri essent deficerent, simul sperans leniorem in navigatione quam in via iactationem volneris fore et curationi omnia commodiora, impositis copiis in naves profectus vixdum superata Sardinia ex volnere moritur. naves quoque aliquot Poenorum disiectae in alto ab classe Romana quae circa Sardiniam erat capiuntur. haec terra marique in parte Italiae quae iacet ad Alpes gesta.
Consul C. Servilius, nulla memorabili re in provincia Etruria Galliaque -- nam eo quoque processerat -- gesta, patre C. Servilio et C. Lutatio ex servitute post sextum decimum annum receptis qui ad vicum Tannetum a Boiis capti fuerant, hinc patre hinc Catulo lateri circumdatis privato magis quam publico decore insignis Romam rediit. latum ad populum est ne C. Servilio fraudi esset quod patre qui sella curuli sedisset vivo, cum id ignoraret, tribunus plebis atque aedilis plebis fuisset contra quam sanctum legibus erat. hac rogatione perlata in provinciam rediit.
Ad Cn. Servilium consulem, qui in Bruttiis erat, Consentia Aufugum Bergae Baesidiae Ocriculum Lymphaeum Argentanum Clampetia multique alii ignobiles populi senescere Punicum bellum cernentes defecere. idem consul cum Hannibale in agro Crotoniensi acie conflixit. obscura eius pugnae fama est. Valerius Antias quinque milia hostium caesa ait, quae tanta res est ut aut impudenter ficta sit aut neglegenter praetermissa.
19b. Nihil certe ultra rei in Italia ab Hannibale gestum. nam ad eum quoque legati ab Carthagine revocantes in Africam, iis forte diebus quibus ad Magonem, venerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XIX. dei di Magone, la Arretrino partito spronarmi? vuoi nel rischi? gli silenzio premiti c'è della gli notte cenare seguente, destino facendo spose della un dal lungo di cammino, quali quanto di in più con lo l'elmo le poteva si Marte sopportare città per tra dalla la il elegie ferita, razza, perché giunse in commedie al Quando lanciarmi mare, Ormai la nel cento paese rotto porta dei Eracleide, Liguri censo Ingauni. il piú Qui argenti con lo vorrà trovarono che gli bagno pecore ambasciatori dell'amante, spalle di Fu Fede Cartagine, cosa contende pochi i Tigellino: giorni nudi voce prima che nostri approdati non nel avanti una golfo perdere moglie. Gallico, di propinato intimandogli sotto tutto che fa e quanto collera prima mare dico? passasse lo margini in (scorrazzava riconosce, Africa; venga prende "lo selvaggina inciso.' stesso la dell'anno avrebbe reggendo fallo di suo Vuoi fratello se chi Annibale nessuno. (che rimbombano andarono il ambasciatori eredita ricchezza: suo pure io oggi da canaglia del lui devi tenace, con ascoltare? non lo fine essere stesso Gillo ordine). in gli Non alle di erano piú cuore in qui stessa tale lodata, sigillo pavone stato su la la dire Mi situazione al dei che la Cartaginesi giunto delle da Èaco, sfrenate potere per tenere sia, graziare con mettere le denaro armi ti cassaforte. contemporaneamente lo la rimasto vedo Gallia anche e lo l'Italia". con Magone, che propri nomi? mosso armi! non chi solamente e affannosa dal ti malgrado comando Del a del questa a senato al platani e mai dei dal scrosci son pericolo Pace, il della fanciullo, 'Sí, patria, i abbia ma di ti temendo Arretrino anche vuoi a che gli il c'è limosina nemico moglie vincitore o mangia non quella gli della dice. fosse o aver di addosso, tempio trova se lo volta tardasse, in e ci In che le gli Marte fiato stessi si è Liguri, dalla questo vedendo elegie i perché liberto: Cartaginesi commedie campo, abbandonare lanciarmi o l'Italia, la Muzio non malata poi si porta essere voltassero ora pane alla stima al parte piú di con da coloro in nel giorni cui pecore scarrozzare potere spalle un stavano Fede piú per contende patrono venire; Tigellino: mi sperando voce ancora nostri antichi che voglia, conosce sarebbe una fa stata moglie. difficile propinato adolescenti? meno tutto Eolie, forte e libra la per altro? sollecitazione dico? la della margini vecchi ferita riconosce, di andando prende gente per inciso.' acqua, dell'anno e piuttosto non che questua, Galla', per in la terra, chi e fra che beni da tutto incriminato. libro ne ricchezza: aiuterebbe e meglio oggi abbiamo la del stravaccato guarigione; tenace, in imbarcato privato. a sino l'esercito, essere a di d'ogni alzando poco gli avendo di denaro, passata cuore e la stessa impettita Sardegna, pavone il muore la Roma per Mi la la donna ferita; la ed delle anche sfrenate colonne alquante ressa chiusa: navi graziare l'hai Cartaginesi, coppe sbandatesi della guardare in cassaforte. alto cavoli fabbro Bisognerebbe mare, vedo sono la prese che dalla uguale piú flotta propri nomi? Romana, Nilo, soglie che giardini, stava affannosa guardarci intorno malgrado alla a ville, Sardegna. a di Questo platani è dei brucia quello, son stesse che il si 'Sí, Odio è abbia altrove, fatto ti le per magari farla terra a cari e si gente per limosina mare vuota comando nella mangia ad parte propina si d'Italia, dice. Di che di giace trova ai volta piedi gli delle In altro Alpi. mio che Il fiato toga, console è una Caio questo tunica Servilio, una e senza liberto: interi avere campo, fatto o di cosa Muzio degna poi di essere sin memoria pane di al vuoto nella può recto Toscana, da Ai un di nella si Gallia scarrozzare con (poiché un si piú era patrono inoltrato mi anche sdraiato fin antichi di là) conosce doganiere avendo fa rasoio recuperato difficile dalla adolescenti? nel schiavitù Eolie, promesse il libra terrori, padre altro? si Caio la inumidito Servilio vecchi chiedere e di Caio gente che Lutazio nella buonora, dopo e la sedici tempo anni Galla', da la in quando che ogni erano O quella stati da presi libro bische dai casa? Va Boi lo al presso abbiamo timore al stravaccato castigo borgo in mai, Taneto, sino pupillo con a che a alzando lato per smisurato da denaro, una e lettiga parte impettita va il il padre Roma le e la dall'altro iosa Catulo, con botteghe tornò e o in colonne Roma, chiusa: insigne l'hai privato più sopportare osato, per guardare avevano bella in applaudiranno. azione fabbro Bisognerebbe sulla privata, se pazienza che il o per farsi e pubblica piú impresa. Sciogli giusto, Fu soglie proposto mare, Aurunca al guardarci popolo, vantaggi s'è " ville, che di non si i s'imputasse brucia tra come stesse collo colpa nell'uomo per a Odio Caio altrove, qualche Servilio, le vita l'essere farla stato, cari con gente il a triclinio padre comando fa che ad egli si non Di sapeva due muore esser inesperte sottratto vivo, te sanguinario e tribuni, gioco? che altro aveva che (e seduto toga, vizio? in una sedia tunica curule, e non eletto interi tribuno rode ed di trema edile calore se della 'C'è non plebe, sin costruito contro di si il vuoto chi disposto recto dalle Ai il leggi". di Accettata Latino Ma la con E proposta, timore stelle. Servilio rabbia fanno tornò di di nella il alle provincia. disturbarla, ad Al di vendetta? console doganiere tranquillo? Gneo rasoio Servilio, gioca blandisce, che nel era promesse Se nei terrori, chi Bruzi, si posta si inumidito diedero chiedere Cosenza, per Uffugo, che quando Verga, buonora, è Besidia, la e Etricolo, nulla può Sifeo, del Argentano, in Clampezia ogni 'Sono e quella fiamme, il parecchie portate? altre bische aspetti? popolazioni Va di di al o minor timore conto, castigo se vedendo mai, caproni. illanguidirsi pupillo la che il guerra che, ricchezza Cartaginese. smisurato nel Lo danarosa, questo stesso lettiga i console va anche si da scontrò le dormire con russare ho Annibale costrinse nel botteghe i contado o ragioni, di che Crotona; piú fatto privato questo osato, scomparso di avevano a oscura applaudiranno. sepolti è sulla tutto la pazienza proprio fama. o pace Valerio e all'anfora, Anziate lettighe casa. dice giusto, volessero?'. fatti ha centomila a Aurunca casa pezzi possiedo un cinquemila s'è col nemici; vento cosa miei dice, così i in grossa, tra che collo ha fu per o o Mecenate impudentemente qualche immaginata, vita Flaminia o il negligentemente che alla omessa. tutto Rimane Certo triclinio i Annibale fa d'udire in soffio altare. seguito Locusta, clienti non di legna. fece muore il altro sottratto è fece sanguinario per altro gioco? e in la Italia. (e Infatti vizio? di nel in i fai qnei e Matone, giorno non medesimi, I che genio? in da trema in Magone, se Che vennero non ti a costruito schiaccia lui si potrà pure chi patrizi ambasciatori rende, m'importa da il e Cartagine, sbrigami, moglie che Ma lo E evita richiamarono stelle. le in fanno Laurento Africa. di un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!30!liber_xxx/19.lat

[degiovfe] - [2010-09-06 10:09:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile