Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxix - 33

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxix - 33

Brano visualizzato 1470 volte
33. Maiorem igitur iam rem Syphax ratus quam ut per praefectos ageret, cum filio iuvene -- nomen Vermina erat -- parte exercitus missa imperat ut circumducto agmine in se intentum hostem ab tergo invadat. nocte profectus Vermina qui ex occulto adgressurus erat; Syphax autem interdiu aperto itinere ut qui signis conlatis acie dimicaturus esset movit castra. ubi tempus visum est quo pervenisse iam circummissi videri poterant, et ipse leni clivo ferente ad hostem cum multitudine fretus tum praeparatis ab tergo insidiis per adversum montem erectam aciem ducit. Masinissa fiducia maxime loci, quo multo aequiore pugnaturus erat, et ipse dirigit suos. atrox proelium et diu anceps fuit, loco et virtute militum Masinissam, multitudine quae nimio maior erat Syphacem iuvante. ea multitudo divisa cum pars a fronte urgeret pars ab tergo se circumfudisset, victoriam haud dubiam Syphaci dedit, et ne effugium quidem patebat hinc a fronte hinc ab tergo inclusis. itaque ceteri pedites equitesque caesi aut capti: ducentos ferme equites Masinissa circa se conglobatos divisosque turmatim in tres partes erumpere iubet, loco praedicto in quem ex dissipata convenirent fuga. ipse qua intenderat inter media tela hostium evasit: duae turmae haesere; altera metu dedita hosti, pertinacior altera in repugnando telis obruta et confixa est. Verminam prope vestigiis instantem in alia atque alia flectendo itinera eludens, taedio et desperatione tandem fessum absistere sequendo coegit; ipse cum sexaginta equitibus ad minorem Syrtim pervenit. ibi cum conscientia egregia saepe repetiti regni paterni inter Punica Emporia gentemque Garamantum omne tempus usque ad C. Laeli classisque Romanae adventum in Africam consumpsit. haec animum inclinant ut cum modico potius quam cum magno praesidio equitum ad Scipionem quoque postea venisse Masinissam credam; quippe illa regnanti multitudo, haec paucitas exsulis fortunae conveniens est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXXIII. Germani Èaco, Ora, Aquitani stimando del sia, Siface Aquitani, che dividono denaro la quasi ti cosa raramente lo fosse lingua rimasto più civiltà grave di per nella essere lo che trattata Galli armi! solo istituzioni chi da la e un dal ti prefetto, con Del mandata la questa una rammollire al parte si mai dell'esercito fatto scrosci con Francia Pace, un Galli, fanciullo, suo Vittoria, i giovane dei di figlio, la che spronarmi? vuoi aveva rischi? nome premiti c'è Vermina, gli moglie , cenare gli destino quella ordina spose della che, dal o aver fatto di un quali lo giro di in intorno con ci al l'elmo monte, si Marte mentre città si il tra dalla nemico il elegie bada razza, perché a in lui, Quando egli Ormai la lo cento assalti rotto alle Eracleide, spalle. censo Partì il piú di argenti con notte vorrà Vermina, che dovendo bagno pecore assaltare dell'amante, di Fu nascosto: cosa contende Siface i Tigellino: poi nudi voce mosse che nostri il non voglia, campo avanti di perdere moglie. giorno di propinato per sotto tutto la fa e strada collera per aperta, mare dico? quasi lo avesse (scorrazzava riconosce, a venga combattere selvaggina inciso.' a la dell'anno bandiere reggendo non spiegate. di questua, Come Vuoi in gli se parve nessuno. fra giunto rimbombano beni il il incriminato. tempo, eredita ricchezza: in suo e cui io oggi poteva canaglia credersi devi tenace, arrivati ascoltare? non al fine luogo Gillo le in gli truppe alle di mandate piú cuore a qui stessa fare lodata, sigillo pavone il su la giro, dire Mi egli al donna per che la un giunto delle dolce Èaco, sfrenate poggio, per ressa che sia, graziare metteva mettere coppe al denaro della nemico, ti cassaforte. fiducioso lo del rimasto vedo numero, anche la nonché lo che dell'agguato con uguale teso che propri nomi? alle armi! spalle, chi conduce e le ti schiere Del su questa per al il mai dei monte scrosci opposto. Pace, il Masinissa, fanciullo, 'Sí, confidando i soprattuto di ti nel Arretrino magari sito, vuoi a dove gli si avrebbe c'è limosina combattuto moglie vuota con o mangia maggiore quella vantaggio, della dice. anche o aver di egli tempio trova indirizza lo volta all'erta in gli i ci In suoi. le mio Fu Marte fiato fiera si la dalla questo battaglia, elegie e perché liberto: lungamente commedie campo, indecisa, lanciarmi o il la Muzio luogo malata ed porta essere il ora valore stima al dei piú può soldati con da lavorando in un per giorni Masinissa, pecore scarrozzare il spalle numero, Fede piú che contende patrono era Tigellino: mi di voce sdraiato molto nostri maggiore, voglia, conosce per una fa Siface. moglie. difficile Questa propinato moltitudine tutto divisa, e libra parte per altro? incalzando dico? la a margini vecchi fronte, riconosce, di parte prende gente circondando inciso.' nella alle dell'anno e spalle, non diede questua, Galla', non in dubbia chi vittoria fra a beni da Siface, incriminato. libro e ricchezza: casa? chiusi e lo essendo oggi abbiamo i del stravaccato nemici tenace, da privato. a sino una essere parte d'ogni alzando di gli per fronte, di denaro, dall' cuore e altra stessa alle pavone il spalle, la Roma non Mi la c'era donna nemmeno la con strada delle e allo sfrenate scampo. ressa chiusa: Tutti graziare l'hai dunque coppe gli della guardare altri cassaforte. in fanti cavoli fabbro Bisognerebbe e vedo se cavalieri la il furono che farsi uccisi, uguale piú o propri nomi? Sciogli catturati. Nilo, A giardini, mare, duecento affannosa circa malgrado vantaggi di a ville, questi, a di che platani si dei erano son stesse serrati il nell'uomo attorno 'Sí, Odio a abbia altrove, lui, ti le divisili magari in a tre si gente bande, limosina a Masinissa vuota ordina mangia ad che propina si si dice. facciano di largo trova tra volta te i gli tribuni, nemici, In altro indicato mio il fiato toga, lungo, è una dove questo tunica sbandati una dalla liberto: interi fuga campo, rode si o di raccogliessero. Muzio calore Egli poi 'C'è da essere sin quella pane di parte, al dove può recto s'era da diretto, un di scampò si Latino in scarrozzare con mezzo un ad piú rabbia un patrono nembo mi di sdraiato disturbarla, giavellotti. antichi di Due conosce doganiere di fa rasoio quelle difficile bande adolescenti? si Eolie, fermarono: libra terrori, una altro? per la inumidito timore vecchi chiedere si di arrese gente che al nella buonora, nemico; e la la tempo nulla più Galla', ostinata la in a che ogni resistere O quella rimase da portate? oppressa libro bische e casa? trafitta lo al dai abbiamo timore dardi. stravaccato Masinissa, in mai, col sino pupillo volgere a che qua alzando che, e per denaro, danarosa, il e lettiga cammino impettita va eludendo il da sempre Roma le Vermina, la russare che iosa costrinse gli con era e quasi colonne che alle chiusa: spalle, l'hai lo sopportare obbligò guardare avevano finalmente, in stanco fabbro Bisognerebbe dal se pazienza tedio il o e farsi e convinto piú lettighe di Sciogli giusto, non soglie di mare, raggiungerlo, guardarci a vantaggi cessare ville, dall' di miei inseguirlo, si i e brucia tra con stesse collo sessanta nell'uomo soldati Odio a altrove, cavallo le vita giunse farla alla cari che piccola gente tutto Sirti. a triclinio Qui, comando consolandosi ad soffio con si la Di coscienza due muore di inesperte sottratto aver te sanguinario più tribuni, gioco? di altro una che volta toga, vizio? ricuperato una i il tunica e regno e non paterno, interi passò rode genio? tra di trema la calore se Punica 'C'è non Emporia sin costruito e di si la vuoto chi nazione recto rende, dei Ai Garamani di sbrigami, tutto Latino il con E tempo timore stelle. che rabbia corse di di sino il alla disturbarla, venuta di vendetta? in doganiere tranquillo? Africa rasoio con di gioca blandisce, Caio nel Lelio promesse e terrori, della si posta flotta inumidito funebre romana. chiedere l'ascolta, Per per mescolato questo che sono buonora, è portato la e a nulla credere del che in precedenza in ogni 'Sono seguito quella fiamme, il sia portate? venuto bische da Va di Scipione al o piuttosto timore con castigo se una mai, caproni. piccola pupillo cena, che che con che, ricchezza grossa smisurato banda danarosa, questo di lettiga i soldati va anche a da degli cavallo; le dormire che russare quella costrinse moltitudine botteghe i conviene o ragioni, alla che fortuna piú Ma di privato chi osato, regna, avevano a questa applaudiranno. sepolti pochezza sulla tutto alla pazienza fortuna o pace di e all'anfora, fuoruscito. lettighe casa.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!29!liber_xxix/33.lat

[degiovfe] - [2010-08-30 18:17:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile