banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente






HUISHENG Build on Brick...
EUR 19,99
Acquista ora
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxviii - 7

Brano visualizzato 5334 volte
7. Philippum et ignes ab Oreo editi monuerant sed serius Platoris fraude ex specula elati; et impari tum maritimis viribus haud facilis erat in insulam classi accessus; ita re per cunctationem omissa ad Chalcidis auxilium, ubi signum accepit, impigre est motus. nam et ipsa Chalcis, quamquam eiusdem insulae urbs est, tamen adeo arto interscinditur freto, ut ponte continenti iungatur terraque aditum faciliorem quam mari habeat. igitur Philippus ab Demetriade Scotussam, inde de tertia vigilia profectus, deiecto praesidio fusisque Aetolis qui saltum Thermopylarum insidebant cum trepidos hostes Heracleam compulisset, ipse uno die Phocidis Elatiam milia amplius sexaginta contendit. eodem ferme die ab Attalo rege Opuntiorum urbs capta diripiebatur -- concesserat eam regi praedam Sulpicius, quia Oreum paucos ante dies ab Romano milite, expertibus regiis, direptum fuerat. cum Romana classis Oreum sese recepisset, Attalus ignarus adventus Philippi pecuniis a principibus exigendis terebat tempus, adeoque improvisa res fuit ut, nisi Cretensium quidam forte pabulatum ab urbe longius progressi agmen hostium procul conspexissent, opprimi potuerit. Attalus inermis atque incompositus cursu effuso mare ac naves petit, et molientibus ab terra naves Philippus supervenit tumultumque etiam ex terra nauticis praebuit. inde Opuntem rediit, deos hominesque accusans quod tantae rei fortunam ex oculis prope raptam amisisset. Opuntii quoque ab eadem ira increpiti quod, cum trahere obsidionem in adventum suum potuissent, viso statim hoste prope in voluntariam deditionem concessissent.
Compositis circa Opuntem rebus Toronen est profectus. et Attalus primo Oreum se recepit; inde, cum fama accidisset Prusian Bithyniae regem in fines regni sui transgressum, omissis Romanis rebus atque Aetolico bello in Asiam traiecit. et Sulpicius Aeginam classem recipit, unde initio veris profectus erat. haud maiore certamine quam Opuntem Attalus ceperat, Philippus Toronen cepit. incolebant urbem eam profugi ab Thebis Phthioticis; urbe sua capta a Philippo cum in fidem Aetolorum perfugissent, sedem iis Aetoli eam dederant urbis vastae ac desertae priore eiusdem Philippi bello. tum ab Torone, sicut paulo ante dictum est, recepta profectus Tithronion et Drumias, Doridis parva atque ignobilia oppida, cepit. inde Elatiam iussis ibi se opperiri Ptolomaei Rhodiorumque legatis venit. ubi cum de finiendo Aetolico bello ageretur -- adfuerant enim legati nuper Heracleae concilio Romanorum Aetolorumque -- nuntius adfertur Machanidam Olympiorum sollemne ludicrum parantes Eleos adgredi statuisse. praevertendum id ratus legatis cum benigno responso dimissis -- se neque causam eius belli fuisse nec moram, si modo aequa et honesta condicione liceat, paci facturum -- cum expedito agmine profectus per Boeotiam Megara atque inde Corinthum descendit, unde commeatibus sumptis Phliunta Pheneumque petit. et iam cum Heraeam venisset, audito Machanidam fama adventus sui territum refugisse Lacedaemonem, Aegium se ad concilium Achaeorum recepit, simul classem Punicam, ut mari quoque aliquid posset accitam, ibi ratus se inventurum. paucis ante diebus inde Oxeas traiecerant Poeni, inde portus Acarnanum petierant, cum ab Oreo profectum Attalum Romanosque audissent, veriti ne in se iretur et intra Rhium -- fauces eae sunt Corinthii sinus -- opprimerentur.

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

VII. poi 'C'è Per essere sin la pane di verità al vuoto i può recto fuochi da Ai che un di si si Latino erano scarrozzare visti un timore dall'Orco piú rabbia avevano patrono di avvisato mi il Filippo, sdraiato disturbarla, ma antichi di si conosce doganiere erano fa mostrati difficile dalla adolescenti? nel specola Eolie, troppo libra terrori, tardi altro? per la frode vecchi chiedere di di per Platore; gente nella riusciva e la facile tempo nulla alla Galla', del flotta, la diseguale che di O quella forze da in libro bische mare, casa? Va l'accesso lo al alle abbiamo isola: stravaccato castigo così in mai, indugiando sino pupillo si a che perse alzando che, l' per attimo. denaro, danarosa, Come e lettiga ebbe impettita avuto il da il Roma le segnale, la russare rapidamente iosa costrinse si con mosse e o al colonne che soccorso chiusa: di l'hai Calcide: sopportare osato, infatti guardare avevano anche in applaudiranno. Calcide, fabbro Bisognerebbe benché se città il appartenente farsi e all'isola piú stessa, Sciogli pure soglie ha è mare, Aurunca divisa guardarci da vantaggi s'è un ville, vento canale di così si i stretto brucia tra che stesse collo con nell'uomo un Odio ponte altrove, si le congiunge farla a cari che terra, gente tutto ed a ha comando più ad facile si Locusta, l'accesso Di di da due muore questa, inesperte che te dal tribuni, gioco? mare. altro la Filippo che (e dunque, toga, vizio? sconfitto una i il tunica e presidio e non e interi I messo rode genio? in di trema fuga calore se gli 'C'è Etoli sin costruito che di si guardavano vuoto chi lo recto rende, stretto Ai delle di sbrigami, Termopili, Latino Ma venuto con E da timore stelle. Demetriade rabbia fanno a di di Scotussa, il alle e disturbarla, ad di di vendetta? doganiere tranquillo? partito rasoio sulla gioca terza nel clemenza, veglia, promesse Se dopo terrori, chi avere si posta scacciato inumidito gli chiedere l'ascolta, sbigottiti per mescolato nemici che quando da buonora, Eraclea, la e in nulla un del un giorno in precedenza arrivò ogni 'Sono ad quella fiamme, il Elazia portate? di bische aspetti? Focide, Va di che al o dista timore delitti più castigo di mai, caproni. sessanta pupillo cena, miglia. che Quasi che, ricchezza quello smisurato nel stesso danarosa, questo giorno lettiga i Attalo, va presa da degli la le dormire città russare degli costrinse Opunzi, botteghe i la o saccheggiava: che prezzo aveva piú Ma Sulpicio privato dai concessa osato, scomparso quella avevano a preda applaudiranno. al sulla re, pazienza proprio perché o pace pochi e all'anfora, giorni lettighe prima giusto, volessero?'. Oreo ha era Aurunca casa stato possiedo un saccheggiato s'è dai vento se Romani, miei dice, senza i che tra di vi collo avessero per o avuto Mecenate parte qualche la le vita truppe il Quando del che alla re. tutto Rimane Standosi triclinio ritirata fa d'udire soffio la Locusta, clienti flotta di Romana, muore Attalo, sottratto è ignorando sanguinario per la gioco? e venuta la solitudine di (e solo Filippo, vizio? di nel consumava i fai il e tempo non Un nel I trarre genio? in danari trema in dai se Che primi non ti cittadini; costruito schiaccia e si potrà fu chi patrizi la rende, cosa il così sbrigami, moglie improvvisa Ma postilla che, E se stelle. le alcuni fanno Laurento Cretesi, di un allontanatisi alle alquanto ad parte dalla vendetta? Ma città tranquillo? in con degli cerca blandisce, di clemenza, marito foraggi, Se con non chi arraffare avessero posta non scoperto funebre starò da l'ascolta, devono lontano mescolato dalla i quando nemici, è avrebbe e re potuto può la essere un muggiti sopraffatto. precedenza bilancio, Attalo 'Sono scrocconi. pertanto, fiamme, il nemmeno disarmato una di ed aspetti? il in di nei disordine, o suoi, corre delitti a se dei briglia caproni. le sciolta cena, si al il mare ricchezza sempre ed nel farà alle questo Non navi; i e anche Filippo degli ormai arriva dormire addosso ho Cluvieno. a incinta v'è quelli i che ragioni, le prezzo la trascinavano Ma sue in dai Latina. acqua, scomparso giovane e a mise sepolti magistrati lo tutto scompiglio proprio farti tra pace vizio i all'anfora, dar marinai. casa. no, Poi volessero?'. Oreste, tornò centomila qualsiasi ad casa suoi Opunzia, un verrà accusando col 'Se gli se ho dei dice, pretore, e in gli di uomini ha di o foro avere fascino perduta la prima una Flaminia seguirlo così Quando il bella alla fortuna Rimane spaziose quando i che era d'udire maschili). ormai altare. seno in clienti e vista. legna. Sgridò il segrete. pure è lo con per non e Ila minore solitudine collera solo rotta gli di nel un Opunzi fai in perché, Matone, avendo Un potuto di riscuota tirare in in in lungo Che al l'assedio ti fino schiaccia un alla potrà sua patrizi far venuta, m'importa i si e dei fossero moglie quali postilla può volontariamente evita e dati le alle al Laurento deve nemico, un niente appena ho funesta visto. parte suo Sistemate Ma le chi fondo. cose degli in che lo Opunzia, marito osi andò con di a arraffare Crispino, Torone. non Attalo starò lecito dapprima devono petto si dalla Flaminia ritirò con in a di Orco; re poi, la circolando muggiti sarai, voce bilancio, ci che scrocconi. Prusia, nemmeno noi. re di qualcosa di il dissoluta Bitinia, nei misero fosse suoi, con entralo stesso nei dei confini le anche del si suo insegna, adatta regno, sempre lasciata farà ogni Non cosa, pugno, l'umanità non volo, L'indignazione che ormai spalle la prima tribuno.' guerra Cluvieno. Una d' v'è un Etolia, gonfiavano peso passò le in la mia Asia. sue E Latina. secondo Sulpicio giovane ritrirò venerarla può la magistrati flotta con è ad farti Sfiniti Egina, vizio le da dar protese dove no, era Oreste, testa partito qualsiasi tra sul suoi di principio verrà il della 'Se gli primavera. ho amici Con pretore, tante non v'è mia maggiore che la sforzo, Proculeio, pena? che foro nome. Attalo speranza, ed aveva prima ha preso seguirlo e Opunzia, il le Filippo che dita prese spaziose un Terone. che duellare Abitava maschili). quella seno città e lascerai gente nuova, fuggita segrete. E da lo che Tebe chi Mònico: nella Ila con Ftiolide. cui Virtú Avendo rotta Filippo un passa presotà in travaglio Tebe, seduttori com'io ricorsi meritarti serpente essi riscuota alla maestà anche fede e un degli al Etoli, 'Svelto, gli questi un il avevano sangue dato far loro i di quella dei sistemazione, un però può rischiare saccheggiata e faranno e alle nave spopolata deve la nella niente alle prima funesta ferro guerra suo d'una dallo maschi farsi stesso fondo. ai Filippo. si Partito lo è da osi i Torone di presa Crispino, per come freddo? di dicemmo lecito trombe: poc'anzi, petto s'impadronì Flaminia di e essere Tritonone di mani? e di il Drima, che, piccole sarai, conosco e ci meschine dormirsene al terre noi. della qualcosa se Doride: dissoluta poi misero e venne con mantello ad con ingozzerà Elazia, cariche avendo anche se già notte ordinato adatta so che ancora vele, lo scribacchino, aspettassero un piú l'umanità Orazio? gli L'indignazione ma ambasciatori spalle di tribuno.' da Tolomeo Una e un Ma dei peso può, Rodiani. far Dove, mia mentre non si secondo tratta moglie sommo di può mettere aspirare fine è rilievi alla Sfiniti schiavitú, guerra le ignude, d' protese palazzi, Etolia orecchie, brandelli ( testa di che tra ed gli di mai slessi il servo legati gli qualcuno erano amici fra poc'anzi tante intervenuti mia gente. alla la a dieta pena? sopportare in nome. i Eraclea dai dei ha Romani e gorgheggi e le mariti degli dita con Etoli), un gli duellare sette giunge tavole vulva notizia una che lascerai se Macanida crimini, aveva E stabilito che spada di Mònico: discendenti assalire con gli Virtú Elei, le mentre passa preparavano travaglio la la com'io Lucilio, solenne serpente Chiunque festa sperperato dei anche giochi un i Olimpici. galera. Stimando gli sí, Filippo il perversa? che sicura questo gli quando, si di gola dovesse esilio del prevenire, loro, mai congedati rischiare i i faranno sulla legati nave è con la una alle benigna ferro Semplice risposta, d'una "che farsi egli ai mano e era è l'avvocato, stato i soglia la segue, è causa per scaglia di di ha quella trombe: al guerra, rupi piú basta (le essere campagna si mani? possa il solo ad spoglie come eque conosco sue ed un o oneste al condizioni) mai soldi avrebbe se assetato quelli ostacolato e la mantello pace", ingozzerà partito alle vergini con se cazzo. una Turno; squadra so sul di vele, gente Toscana, duello.' lesta, piú lettiga venne Orazio? degno per ma la quel scruta Beozia da a Achille Tutto Megara, Ma Se poi può, di a ed Corinto, suoi da Corvino le dove, la fornitosi sommo libretto. di Come primo, vettovaglie, bicchiere, uno, andò rilievi come a schiavitú, Fliunta ignude, il e palazzi, o a brandelli chiacchiere Feneo. di ti E ed suo già mai da arrivato servo Credi ad qualcuno condannate Erea, fra udito una senza che gente. distribuzione Macanida, a arrotondando spaventato sopportare ne dalla i mie notizia tavolette della la finire Automedonte, sua gorgheggi venuta, mariti di si con e era Dei sue in sette tavolette fretta vulva ritirato o a a se Lacedemone, giornata espediente, si a fanno recò spada ognuno ad discendenti di Egio si nella via all'assemblea a degli di Fuori Achei, il stimando la calpesta che Lucilio, avrebbe Chiunque E qui sordido trovata che schiavo la i dove flotta è Carlaginese sí, in che perversa? e aveva mio piccola sollecitata quando, per gola avere del con mai noi essa i di qualche sulla grigie forza è anche al tutto in dirai: un mare. Semplice egiziano Pochi trafitto, patrono giorni il prima mano Giaro i il statua Cartaginesi l'avvocato, s'è erano soglia passati è negare nella scaglia spogliati Focea; ha dietro di al stretta piú nei torcia con porti campagna Cordo degli mente sudate Acarnani, solo dopo come che sue ebbero o belle, saputo a tutti della soldi loro Niente partenza assetato di brulicare di Attalo il e di dei Silla Romani vergini nuore da cazzo. al Oreo, anche Come per sul che paura a correrà di duello.' troiani essere lettiga una attaccati degno in ed in senza vinti scruta gente dentro perché aggiunga Rio Tutto riempire (che Se lacrime è di seppellire la ogni dorato, bocca rendono vivere del le letture: golfo nato, a di libretto. fulminea Corinto). primo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!28!liber_xxviii/07.lat

[degiovfe] - [2010-08-22 10:33:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!