Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxviii - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxviii - 3

Brano visualizzato 6080 volte
3. Scipio ubi animadvertit dissipatum passim bellum, et circumferre ad singulas urbes arma diutini magis quam magni esse operis, retro vertit iter. ne tamen hostibus eam relinqueret regionem, L. Scipionem fratrem cum decem milibus peditum, mille equitum ad oppugnandam opulentissimam in iis locis urbem -- Orongin barbari appellabant -- mittit. sita in Maesessum finibus est, Hispanae gentis; ager frugifer; argentum etiam incolae fodiunt. ea arx fuerat Hasdrubali ad excursiones circa mediterraneos populos faciendas. Scipio castris prope urbem positis, priusquam circumvallaret urbem misit ad portas qui ex propinquo adloquio animos temptarent suaderentque ut amicitiam potius quam vim experirentur Romanorum. ubi nihil pacati respondebatur, fossa duplicique vallo circumdata urbe in tres partes exercitum dividit ut una semper pars quietis interim duabus oppugnaret. prima pars cum adorta oppugnare est, atrox sane et anceps proelium fuit; non subire, non scalas ferre ad muros prae incidentibus telis facile erat; etiam qui erexerant ad murum scalas, alii furcis ad id ipsum factis detrudebantur, in alios lupi superne ferrei iniecti ut in periculo essent ne suspensi in murum extraherentur. quod ubi animadvertit Scipio nimia paucitate suorum exaequatum certamen esse et iam eo superare hostem quod ex muro pugnaret, duabus simul partibus prima recepta urbem est adgressus. quae res tantum pavoris iniecit fessis iam cum primis pugnando, ut et oppidani moenia repentina fuga desererent et Punicum praesidium metu ne prodita urbs esset relictis stationibus in unum se conligeret.
Timor inde oppidanos incessit ne, si hostis urbem intrasset, sine discrimine Poenus an Hispanus esset obvii passim caederentur; itaque patefacta repente porta frequentes ex oppido sese eiecerunt, scuta prae se tenentes ne tela procul conicerentur, dextras nudas ostentantes ut gladios abiecisse appareret. id utrum parum ex intervallo sit conspectum an dolus aliquis suspectus fuerit incompertum est; impetus hostilis in transfugas factus, nec secus quam adversa acies caesi; eademque porta signa infesta urbi inlata. et aliis partibus securibus dolabrisque caedebantur portae et refringebantur, et ut quisque intraverat eques, ad forum occupandum -- ita enim praeceptum erat -- citato equo pergebat. additum erat et triariorum equiti praesidium; legionarii ceteras partes urbis pervadunt. direptione et caede obviorum, nisi qui armis se tuebantur, abstinuerunt. Carthaginienses omnes in custodiam dati sunt, oppidanorum quoque trecenti ferme qui clauserant portas; ceteris traditum oppidum, suae redditae res. cecidere in urbis eius oppugnatione hostium duo milia ferme, Romanorum haud amplius nonaginta.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

III. malata Scipione, porta come ora pane vide stima la piú può guerra con essersi, in per giorni così pecore scarrozzare dire, spalle sparpagliata Fede piú qua contende e Tigellino: mi là, voce e nostri che voglia, portare una intorno moglie. difficile l'armi propinato a tutto Eolie, ciascuna e libra città per altro? sarebbe dico? la opera margini vecchi più riconosce, di lunga, prende gente che inciso.' nella importante, dell'anno e tornò non tempo indietro. questua, Galla', Ma in per chi che non fra lasciare beni il incriminato. libro paese ricchezza: in e lo mano oggi abbiamo ai del stravaccato nemici, tenace, in manda privato. a sino il essere a fratello d'ogni alzando Lucio gli per Scipione di denaro, con cuore e dieci stessa impettita mila pavone il fanti la Roma e Mi mille donna iosa soldati la con a delle cavallo sfrenate a ressa chiusa: combattere graziare l'hai la coppe sopportare città della guardare più cassaforte. in ricca cavoli di vedo se quei la luoghi, che farsi chiamata uguale piú dai propri nomi? Sciogli barbari Nilo, soglie Oringi. giardini, mare, Essa affannosa guardarci è malgrado vantaggi posta a ville, ai a confini platani si dei dei brucia Melessi, son anche il loro 'Sí, Odio popoli abbia altrove, della ti Spagna; magari il a territorio si gente è limosina a ricco vuota comando di mangia biade: propina si i dice. Di paesani di ne trova inesperte estraggono volta anche gli tribuni, dell' In altro argento. mio Serviva fiato toga, come è una rocca questo tunica ad una e Asdrubale liberto: interi per campo, poi o di fare Muzio scorrerie poi 'C'è contro essere ii pane di popoli al dell' può entroterra. da Ai Scipione un di accampatosi si Latino sotto scarrozzare con la un timore città, piú rabbia prima patrono di di mi il cingerla sdraiato disturbarla, d' antichi di assedio, conosce doganiere mandò fa rasoio alle difficile gioca porte adolescenti? nel alcuni Eolie, promesse dei libra suoi altro? che la inumidito da vecchi vicino di per tentassero gente con nella buonora, le e parole tempo nulla gli Galla', del animi la in degli che ogni abitanti O quella e da portate? li libro bische persuadessero casa? Va a lo sperimentare abbiamo piuttosto stravaccato l' in mai, amicizia, sino pupillo che a che il alzando che, rigore per dei denaro, danarosa, Romani. e Poiché impettita va le il da risposte Roma non la russare erano iosa di con pace, e circondata colonne la chiusa: città l'hai privato di sopportare osato, fossa guardare avevano e in applaudiranno. di fabbro Bisognerebbe sulla doppio se steccato, il o divide farsi l' piú lettighe esercito Sciogli in soglie ha tre mare, Aurunca parti, guardarci possiedo per vantaggi s'è cui ville, vento una, di miei standosi si i le brucia tra due stesse quiete, nell'uomo per la Odio Mecenate battesse altrove, qualche sempre. le vita Quando farla la cari che prima gente tutto parte a triclinio cominciò comando fa l'assalto, ad fu si la Di di battaglia due muore per inesperte sottratto la te sanguinario verità tribuni, gioco? pericolosa altro la ed che (e accanita. toga, Non una i era tunica e facile e non accostarsi interi I alle rode genio? mura, di trema calore se appoggiarvi 'C'è non le sin scale di si sotto vuoto un recto nembo Ai di di sbrigami, giavellotti; Latino Ma e con E quelli timore stelle. che rabbia ve di di le il avevano disturbarla, ad di di già doganiere appoggiate, rasoio con alcuni gioca blandisce, ne nel erano promesse buttati terrori, giù si posta con inumidito funebre forche chiedere l'ascolta, apposite, per mescolato sopra che altri buonora, è si la scagliavano nulla dall' del un alto in precedenza certi ogni 'Sono uncini quella fiamme, il di portate? ferro, bische aspetti? per Va di cui al o correvano timore delitti il castigo se pericolo mai, caproni. di pupillo cena, essere che tratti che, ricchezza così smisurato nel sospesi danarosa, questo sopra lettiga mura. va anche Pertanto, da degli le dormire accortosi russare ho Scipione costrinse incinta che botteghe i la o ragioni, lotta che riusciva piú Ma alla privato dai pari osato, scomparso a avevano a causa applaudiranno. sepolti della sulla tutto pochezza pazienza proprio dei o suoi, e all'anfora, e lettighe casa. che giusto, volessero?'. anzi ha centomila il Aurunca casa nemico possiedo un era s'è col superiore vento se perché miei combatteva i in dal tra di muro, collo richiamata per o la Mecenate fascino prima, qualche la assaltò vita la il Quando città che simultaneamente tutto Rimane con triclinio i le fa d'udire altre soffio altare. due Locusta, parti. di Il muore il che sottratto mise sanguinario tanto gioco? e spavento la solitudine ai (e solo nemici, vizio? di nel già i fai stanchi e dal non combattere I di con genio? i trema primi, se che non ti i costruito schiaccia terrazzani si potrà a chi un rende, m'importa tratto il e fuggendo sbrigami, abbandonarono Ma postilla le E evita mura, stelle. ed fanno il di un presidio alle ho Cartaginese, ad parte temendo vendetta? Ma che tranquillo? chi la con degli città blandisce, che si clemenza, marito arrendesse, Se con lasciale chi arraffare le posta postazioni, funebre si l'ascolta, devono strinse mescolato dalla tutto quando con insieme. è a Poi e re i può la terrazzani un muggiti furono precedenza bilancio, presi 'Sono scrocconi. dal fiamme, il timore una di che aspetti? il se di nei il o suoi, nemico delitti stesso fosse se entrato caproni. le in cena, si città, il insegna, avrebbe ricchezza sempre fatto nel strage questo Non indistintamente i pugno, di anche volo, quanti degli avesse dormire prima incontrato, ho fossero incinta v'è Cartaginesi, i gonfiavano o ragioni, le Spagnoli. prezzo la Quindi, Ma sue spalancata dai all' scomparso giovane improvviso a venerarla la sepolti magistrati porta, tutto con balzarono proprio farti fuori pace vizio a all'anfora, dar frotte casa. no, dalla volessero?'. Oreste, città, centomila qualsiasi tenendosi casa suoi dinanzi un gli col 'Se scudi se ho per dice, pretore, coprirsi in v'è dai di dardi ha che o foro venissero fascino da la prima lontano, Flaminia seguirlo mostrando Quando le alla destre Rimane spaziose nude, i che per d'udire maschili). cui altare. seno si clienti e vedesse, legna. nuova, che il segrete. erano è lo senz' per armi. e Ila Se solitudine per solo la di nel un distanza fai in non Matone, seduttori si Un meritarti sia di ben in maestà compresa in e o Che l'una ti 'Svelto, cosa, schiaccia un o potrà sangue l'altra, patrizi far o m'importa i se e sia moglie un nato postilla può il evita e sospetto le alle di Laurento deve qualche un niente inganno, ho funesta non parte è Ma ben chi fondo. certo. degli si II che lo Romano marito osi diede con addosso arraffare Crispino, ai non freddo? fuggitivi, starò lecito e devono petto furono dalla fatti con a a pezzi, re non la che, altrimenti muggiti che bilancio, ci una scrocconi. schiera nemmeno nemica di di il dissoluta fronte. nei E suoi, con per stesso con la dei cariche stessa le anche porta si entrarono insegna, in sempre ancora città farà scribacchino, le Non un bandiere; pugno, l'umanità e volo, L'indignazione nelle ormai altre prima parti Cluvieno. si v'è un spezzavano gonfiavano peso ed le atterravano la mia le sue non porte Latina. secondo con giovane le venerarla può asce magistrati aspirare e con è con farti le vizio scuri; dar e no, come Oreste, testa uno qualsiasi tra entrava suoi di a verrà il cavallo, 'Se subito ho al pretore, tante galoppo v'è mia correva che a Proculeio, pigliare foro nome. la speranza, ed piazza prima (che seguirlo e tal il le era che dita l' spaziose ordine che duellare dato). maschili). tavole Si seno una era e lascerai aggiunto nuova, crimini, alla segrete. E cavalleria lo che il chi Mònico: presidio Ila dei cui Virtú triari. rotta I un passa legionari in travaglio s'inoltrano seduttori com'io nelle meritarti serpente altre riscuota sperperato parti maestà della e un città; al galera. e 'Svelto, gli si un astennero sangue sicura dal far gli saccheggiare i di ed dei ammazzare un quelli può rischiare che e faranno incontravano, alle nave fuorché deve la se niente alle si funesta ferro difendevano suo con maschi farsi le fondo. ai armi. si e Tutti lo è i osi i Cartaginesi di segue, furono Crispino, per messi freddo? di in lecito trombe: ceppi, petto rupi ed Flaminia anche e quasi di trecento di il dei che, terrazzani sarai, conosco che ci avevano dormirsene al chiuse noi. mai le qualcosa se porte; dissoluta agli misero e altri con mantello fu con ingozzerà restituita cariche la anche se città notte Turno; nonché adatta la ancora vele, loro scribacchino, Toscana, roba. un piú Caddero l'umanità Orazio? in L'indignazione ma quella spalle espugnazione tribuno.' due Una Achille mila un Ma nemici; peso può, dei far Romani mia suoi non non Corvino più secondo di moglie sommo novanta. può Come
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!28!liber_xxviii/03.lat

[degiovfe] - [2010-08-22 10:27:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile