banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxvii - 48

Brano visualizzato 6780 volte
48. Nero primum cum omni equitatu advenit: Porcius deinde adsecutus cum levi armatura. qui cum fessum agmen carperent ab omni parte incursarentque, et iam omisso itinere quod fugae simile erat castra metari Poenus in tumulo super fluminis ripam vellet, advenit Livius peditum omnibus copiis non itineris modo sed ad conserendum extemplo proelium instructis armatisque. sed ubi omnes copias coniunxerunt directaque acies est, Claudius dextro in cornu, Livius ab sinistro pugnam instruit: media acies praetori tuenda data. Hasdrubal omissa munitione castrorum postquam pugnandum vidit, in prima acie ante signa elephantos conlocat: circa eos laevo in cornu adversus Claudium Gallos opponit, haud tantum iis fidens quantum ab hoste timeri eos credebat: ipse dextrum cornu adversus M. Livium sibi atque Hispanis -- et ibi maxime in vetere milite spem habebat -- sumpsit: Ligures in medio post elephantos positi. sed longior quam latior acies erat; Gallos prominens collis tegebat; ea frons quam Hispani tenebant cum sinistro Romanorum cornu concurrit: dextra omnis acies extra proelium eminens cessabat; collis oppositus arcebat ne aut a fronte aut ab latere adgrederentur.
Inter Livium Hasdrubalemque ingens contractum certamen erat, atroxque caedes utrimque edebatur. ibi duces ambo, ibi pars maior peditum equitumque Romanorum, ibi Hispani vetus miles peritusque Romanae pugnae, et Ligures durum in armis genus. eodem versi elephanti, qui primo impetu turbaverant antesignanos et iam signa moverant loco; deinde crescente certamine et clamore impotentius iam regi et inter duas acies versari velut incerti quorum essent, haud dissimiliter navibus sine gubernaculo vagis. Claudius 'quid ergo praecipiti cursu tam longum iter emensi sumus?' clamitans militibus cum in adversum collem frustra signa erigere conatus esset, postquam ea regione penetrari ad hostem non videbat posse, cohortes aliquot subductas e dextro cornu, ubi stationem magis segnem quam pugnam futuram cernebat, post aciem circumducit, et non hostibus modo sed etiam suis inopinantibus in sinistrum <evectus in dextrum> hostium latus incurrit; tantaque celeritas fuit ut cum ostendissent se ab latere mox in terga iam pugnarent. ita ex omnibus partibus, ab fronte, ab latere, ab tergo, trucidantur Hispani Liguresque; et ad Gallos iam caedes pervenerat. ibi minimum certaminis fuit; nam et pars magna ab signis aberant nocte dilapsi stratique somno passim per agros, et qui aderant itinere ac vigiliis fessi, intolerantissima laboris corpora, vix arma umeris gerebant; et iam diei medium erat, sitisque et calor hiantes caedendos capiendosque adfatim praebebat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

GRANDE anche la VITTORIA lo ROMANA
Giunse
con uguale prima che propri nomi? Nerone armi! con chi giardini, tutta e affannosa la ti malgrado cavalleria, Del a seguì questa a Porcio al platani con mai dei le scrosci son truppe Pace, il leggere. fanciullo, 'Sí, Mentre i abbia essi di molestavano Arretrino da vuoi a ogni gli parte c'è limosina la moglie vuota colonna o mangia stanca quella propina e della dice. l'assalivano o aver di vivamente, tempio trova e lo il in Cartaginese, ci In desistendo le mio da Marte fiato quella si è marcia dalla questo così elegie una simile perché liberto: a commedie campo, una lanciarmi o fuuga, la voleva malata poi ormai porta essere accamparsi ora sopra stima al un'altura piú dominante con le in rive giorni si del pecore scarrozzare fiume, spalle un sopravvenne Fede Livio contende patrono con Tigellino: mi tutte voce sdraiato le nostri forze voglia, della una fa fanteria, moglie. non propinato adolescenti? in tutto Eolie, ordine e di per altro? marcia dico? la ma margini disposte riconosce, di e prende gente armate inciso.' nella in dell'anno e modo non da questua, Galla', ingaggiare in la immediatamente chi che battaglia. fra Allora, beni da quando incriminato. ebbero ricchezza: casa? congiunte e lo tutte oggi abbiamo le del stravaccato truppe tenace, in e privato. a sino fu essere a disposto d'ogni alzando lo gli per schieramento, di denaro, Claudio cuore e attaccò stessa impettita il pavone il fianco la destro, Mi la Livio donna iosa il la con sinistro, delle mentre sfrenate il ressa chiusa: centro graziare era coppe sopportare affidato della al cassaforte. pretore. cavoli fabbro Bisognerebbe Asdrubale, vedo rinunziando la a che farsi fortificare uguale il propri nomi? Sciogli campo Nilo, quando giardini, mare, ebbe affannosa guardarci visto malgrado che a ville, bisognava a di combattere, platani si collocò dei in son prima il nell'uomo linea 'Sí, Odio davanti abbia alle ti insegne magari farla gli a elefanti; si gente intorno limosina a a vuota questi mangia dispose: propina sul dice. Di lato di due destro trova inesperte contro volta Claudio gli i In Galli, mio non fiato toga, tanto è perché questo tunica fidasse una e in liberto: interi loro campo, rode quanto o di perché Muzio calore li poi 'C'è credeva essere sin temuti pane di dal al nemico; può recto egli da Ai prese un di per si Latino scarrozzare con contro un timore M. piú rabbia Livio patrono di l'ala mi il destra, sdraiato avendo antichi di seco conosce doganiere gli fa rasoio Ispanici difficile (soprattutto adolescenti? nel in Eolie, loro, libra terrori, vecchi altro? si soldati, la inumidito riponeva vecchi chiedere la di sua gente che speranza); nella i e Liguri tempo nulla furono Galla', del disposti la in al che centro, O quella dietro da portate? gli libro bische elefanti. casa? Va Ma lo al lo abbiamo timore schieramento stravaccato castigo era in più sino pupillo lungo a che che alzando che, profondo; per smisurato la denaro, danarosa, collina e lettiga sporgente impettita va riparava il i Roma le Galli.
La
la russare parte iosa costrinse del con fronte e o che colonne che era chiusa: tenuta l'hai privato dagli sopportare Ispanici guardare avevano si in applaudiranno. azzuffò fabbro Bisognerebbe con se pazienza l'ala il sinistra farsi e dei piú lettighe Romani; Sciogli giusto, la soglie ha loro mare, Aurunca destra, guardarci possiedo distese vantaggi oltre ville, vento la di miei linea si i di brucia tra combattimento, stesse era nell'uomo rimasta Odio Mecenate inoperosa: altrove, qualche il le vita colle farla il opposto cari le gente tutto impediva a triclinio di comando fa attaccare ad si Locusta, di Di di di due muore fronte inesperte sottratto te di tribuni, gioco? fianco. altro la Una che viva toga, lotta una i era tunica invece e non impegnata interi I fra rode genio? Livio di e calore se Asdrubale, 'C'è e sin costruito d'ambo di si le vuoto parti recto rende, vi Ai si di faceva Latino una con E strage timore stelle. atroce. rabbia fanno di di gli il alle Ispanici, disturbarla, ad vecchia di milizia doganiere usa rasoio all'arte gioca di nel clemenza, guerra promesse Se romana, terrori, chi e si posta i inumidito funebre Liguri, chiedere gente per mescolato dura che quando in buonora, è guerra. la e E nulla del un si in precedenza erano ogni 'Sono volti quella fiamme, il anche portate? una gli bische aspetti? elefanti, Va che al o nel timore delitti primo castigo urto mai, avevano pupillo cena, scompigliati che il gli che, ricchezza antesignani smisurato nel e danarosa, questo fatte lettiga i retrocedere va anche le da degli insegne; le dormire poi, russare per costrinse incinta l'aumentare botteghe della o ragioni, mischia che e piú del privato dai clamore, osato, scomparso erano avevano a divenuti applaudiranno. sepolti indocili sulla tutto alla pazienza guida o pace ed e all'anfora, erravano lettighe fra giusto, i ha centomila due Aurunca casa eserciti possiedo un come s'è col se vento se non miei dice, sapessero i in a tra di quale collo appartenevano, per simili Mecenate a qualche la navigli vita vaganti il senza che timoniere.
Claudio
tutto Rimane allora, triclinio i che fa d'udire era soffio altare. andato Locusta, clienti gridando di ai muore il suoi: sottratto è "perché sanguinario per dunque gioco? e facemmo la solitudine a (e solo precipizio vizio? di nel un i fai e lungo non cammino?", I di dopo genio? che trema invano se ebbe non ti tentato costruito schiaccia di si potrà assaltare chi patrizi la rende, m'importa opposta il e collina sbrigami, e Ma vide E evita che stelle. per fanno quella di parte alle ho non ad parte sarebbe vendetta? potuto tranquillo? giungere con degli al blandisce, che nemico, clemenza, ritirò Se alcune chi arraffare coorti posta non dall'ala funebre starò destra l'ascolta, dove mescolato dalla capiva quando che è si e re sarebbe può la rimasti un muggiti inoperosi precedenza bilancio, invece 'Sono scrocconi. di fiamme, il combattere, una di e aspetti? il girò di nei con o esse delitti stesso dietro se dei le caproni. le linee cena, romane; il poi, ricchezza sempre senza nel farà che questo i i pugno, nemici anche volo, e degli ormai neppure dormire prima i ho Cluvieno. suoi incinta v'è se i gonfiavano ne ragioni, le rendessero prezzo la conto, Ma piombò dai Latina. sul scomparso giovane fianco a destro sepolti magistrati nemico; tutto con e proprio tanta pace vizio fu all'anfora, dar la casa. no, celerità volessero?'. che, centomila qualsiasi appena casa suoi apparsi un verrà di col 'Se fianco, se ho già dice, pretore, essi in v'è attaccavano di che alle ha Proculeio, spalle. o foro Così fascino da la prima ogni Flaminia seguirlo parte, Quando il di alla fronte Rimane spaziose e i che di d'udire maschili). fianco altare. seno e clienti da legna. tergo, il segrete. fu è lo un per chi macello e Ila di solitudine cui Ispanici solo e di nel di fai in Liguri; Matone, seduttori e Un meritarti il di macello in maestà era in e ormai Che giunto ti anche schiaccia un fra potrà sangue i patrizi far Galli. m'importa Ivi e dei pochissima moglie fu postilla può la evita e lotta; le gran Laurento deve numero un niente di ho essi, parte suo infatti, Ma maschi erano chi fondo. assenti degli si dalle che lo loro marito insegne, con di essendosi arraffare durante non freddo? la starò lecito notte devono petto dispersi dalla Flaminia e con e sdraiati a a re di dormire la che, qua muggiti sarai, e bilancio, ci scrocconi. per nemmeno le di qualcosa campagne, il dissoluta e nei quelli suoi, con che stesso con erano dei cariche presenti, le anche affranti si notte dalle insegna, adatta marce sempre e farà scribacchino, dalle Non un vigilie, pugno, l'umanità a volo, L'indignazione gran ormai spalle pena prima tribuno.' reggevano Cluvieno. le v'è un armi gonfiavano peso sulle le far spalle, la intolleranti sue non quali Latina. secondo erano giovane della venerarla può fatica. magistrati Ed con è era farti Sfiniti già vizio le ormai dar protese mezzogiorno, no, orecchie, e Oreste, la qualsiasi tra sete suoi di e verrà il il 'Se caldo ho amici li pretore, offrivano v'è mia con che la bocche Proculeio, aperte foro nome. alla speranza, ed strage prima e seguirlo alla il cattura. che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!27!liber_xxvii/48.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!