Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxvii - 47

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxvii - 47

Brano visualizzato 2893 volte
47. Iam hostes ante castra instructi stabant. moram pugnae attulit quod Hasdrubal provectus ante signa cum paucis equitibus scuta vetera hostium notavit quae ante non viderat et strigosiores equos; multitudo quoque maior solita visa est. suspicatus enim id quod erat, receptui propere cecinit ac misit ad flumen unde aquabantur ubi et excipi aliqui possent et notari oculis si qui forte adustioris coloris ut ex recenti via essent; simul circumvehi procul castra iubet specularique num auctum aliqua parte sit vallum, et ut attendant semel bisne signum canat in castris. ea cum ordine relata omnia essent, castra nihil aucta errorem faciebant; bina erant, sicut ante adventum consulis alterius fuerant, una M. Livi, altera L. Porci; neutris quicquam quo latius tenderetur ad munimenta adiectum. illud veterem ducem adsuetumque Romano hosti movit quod semel in praetoriis castris signum, bis in consularibus referebant cecinisse; duos profecto consules esse, et quonam modo alter ab Hannibale abscessisset cura angebat. minime id quod erat suspicari poterat, tantae rei frustratione Hannibalem elusum ut ubi dux, ubi exercitus esset cum quo castra coniuncta habuerit ignoraret: profecto haud mediocri clade absterritum insequi non ausum; magno opere vereri ne perditis rebus serum ipse auxilium venisset Romanisque eadem iam fortuna in Italia quae in Hispania esset. interdum litteras suas ad eum non pervenisse credere interceptisque iis consulem ad sese opprimendum accelerasse. his anxius curis, exstinctis ignibus, vigilia prima dato signo ut taciti vasa conligerent, signa ferri iussit. in trepidatione et nocturno tumultu duces parum intente adservati, alter in destinatis iam ante animo latebris subsedit, alter per vada nota Metaurum flumen tranavit. ita desertum ab ducibus agmen primo per agros palatur, fessique aliquot somno ac vigiliis sternunt corpora passim atque infrequentia relinquunt signa. Hasdrubal dum lux viam ostenderet ripa fluminis signa ferri iubet, et per tortuosi amnis sinus flexusque cum errorem volvens haud multum processisset, ubi prima lux transitum opportunum ostendisset transiturus erat. sed cum, quantum a mari abscedebat, tanto altioribus coercentibus amnem ripis non inveniret vada, diem terendo spatium dedit ad insequendum sese hosti.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XLVII. Gillo Già in i alle di nemici piú stavano qui stessa schierati lodata, sigillo dinanzi su la al dire Mi campo. al Quello che la che giunto ritardò Èaco, sfrenate la per ressa battaglia, sia, graziare fu mettere coppe che denaro della Asdrubale, ti fattosi lo cavoli avanti rimasto vedo con anche pochi lo che cavalieri, con notò che alcuni armi! Nilo, vecchi chi giardini, scudi e affannosa di ti malgrado soldati, Del a che questa a non al platani aveva mai dei visti scrosci prima, Pace, il nonché fanciullo, 'Sí, alcuni i abbia cavalli di ti sfiancati. Arretrino magari Anche vuoi il gli si numero c'è gli moglie vuota parve o maggiore. quella propina Venutogli della dice. o aver di il tempio trova sospetto lo volta di in ciò ci In che le era, Marte fiato suonò si in dalla questo fretta elegie una a perché liberto: raccolta, commedie campo, e lanciarmi o mandò la Muzio uomini malata poi al porta essere fiume ora pane dove stima al si piú andava con da a in un prendere giorni si l'acqua, pecore scarrozzare per spalle un catturare Fede qualcuno contende ed Tigellino: mi osservare voce se nostri antichi per voglia, conosce caso, una fa tra moglie. difficile i propinato soldati tutto alcuni e fossero per altro? di dico? colore margini più riconosce, di adusto, prende gente come inciso.' nella chi dell'anno viene non tempo da questua, lunga in la via; chi che nel fra O tempo beni da stesso incriminato. libro ordina ricchezza: casa? che e si oggi vada del stravaccato di tenace, in lontano privato. a girando essere a il d'ogni alzando attorno gli al di denaro, campo cuore e spiando, stessa impettita se pavone il lo la steccato Mi da donna iosa nessuna la con parte delle fosse sfrenate stato ressa chiusa: allargato; graziare l'hai e coppe sopportare badino, della guardare se cassaforte. in la cavoli fabbro Bisognerebbe tromba vedo si la senta che farsi suonare uguale nel propri nomi? Sciogli campo Nilo, soglie una giardini, volta affannosa guardarci oppure malgrado vantaggi due a volte. a di
Essendogli
platani si stato dei brucia riferito son il il nell'uomo tutto 'Sí, Odio con abbia altrove, ordine, ti l'accampamento magari farla per a niente si gente accresciuto limosina lo vuota traeva mangia ad in propina si inganno. dice. di due Erano trova inesperte due volta te campi, gli tribuni, come In prima mio dell'arrivo fiato toga, dell' è altro questo tunica console; una quello liberto: di campo, Marco o Livio, Muzio e poi 'C'è quello essere di pane di Lucio al Porcio; può recto non da Ai si un di erano si Latino fatte scarrozzare con aggiunte un timore piú rabbia all' patrono di uno, mi il sdraiato disturbarla, all' antichi di altro conosce doganiere fa rasoio per difficile gioca adolescenti? alloggiare Eolie, promesse più libra terrori, larghi. altro? si Quello la inumidito che vecchi fece di per impressione gente che al nella buonora, vecchio e la comandante tempo nulla avvezzo Galla', del a la in guerreggiare che ogni coi O quella Romani, da portate? fu libro bische che casa? Va riferivano lo al essersi abbiamo timore udita stravaccato la in mai, tromba sino pupillo una a che volta alzando nel per smisurato campo denaro, danarosa, del e lettiga pretore, impettita e il da due Roma le nel la russare campo iosa costrinse consolare; con botteghe vi e o erano colonne dunque chiusa: piú certamente l'hai i sopportare osato, due guardare avevano consoli; in e fabbro Bisognerebbe sulla in se qual il o modo farsi si piú lettighe fosse Sciogli giusto, un soglie ha di mare, essi guardarci possiedo scostato vantaggi s'è da ville, Annibale, di miei quest' si era brucia il stesse collo pensiero nell'uomo che Odio Mecenate lo altrove, qualche travagliava. le vita Non farla il poteva cari che in gente tutto nessun a triclinio modo comando fa sospettare ad soffio quello si Locusta, che Di di era, due cioè inesperte che te sanguinario Annibale tribuni, gioco? fosse altro stato che (e così toga, vizio? solennemente una gabbato, tunica e che e non non interi I sapesse rode dove di fosse calore se il 'C'è comandante, sin costruito dove di si l'esercito, vuoto presso recto rende, al Ai quale di sbrigami, era Latino Ma il con suo timore stelle. campo. rabbia fanno Certamente, di di ricevuta il alle qualche disturbarla, ad grossa di vendetta? sconfitta, doganiere Annibale rasoio con non gioca blandisce, aveva nel clemenza, osato promesse inseguirlo; terrori, chi sicché si posta temeva inumidito funebre Asdrubale chiedere l'ascolta, di per esser che venuto buonora, è aiuto la e tardo nulla a del un cose in precedenza compromesse; ogni 'Sono e quella che portate? ormai bische i Va di Romani al o avessero timore delitti in castigo se Italia mai, caproni. la pupillo cena, stessa che il buona che, fortuna smisurato nel che danarosa, in lettiga Spagna. va Talvolta da degli credeva le dormire che russare le costrinse incinta sue botteghe lettere o ragioni, non che prezzo fossero piú giunte privato dai ad osato, scomparso Annibale avevano e applaudiranno. sepolti che sulla tutto il pazienza console, o pace avendole e intercettate, lettighe casa. avesse giusto, volessero?'. accelerato ha centomila il Aurunca casa suo possiedo un cammino s'è per vento se opprimerlo. miei dice, Tormentato i in da tra di questi collo ha pensieri, per o spenti Mecenate fascino i qualche la fuochi, vita dato il Quando il che alla segnale tutto sulla triclinio i prima fa veglia soffio perché Locusta, raccogliessero di legna. le muore il loro sottratto cose, sanguinario per ordina, gioco? e che la solitudine si (e levi vizio? il i fai campo. e Matone, Nella non Un confusione I di e genio? in nel trema in tumulto se Che della non ti notte, costruito delle si guide, chi poco rende, m'importa attentamente il e osservate, sbrigami, moglie una Ma postilla si E appiattò stelle. le nei fanno Laurento nascondigli di già alle ho prima ad parte con vendetta? Ma l'animo tranquillo? disegnati, con degli l'altra blandisce, che per clemenza, guadi Se con noti chi arraffare valicò posta non il funebre starò Metauro; l'ascolta, così, mescolato dalla fino quando con dall'inizio, è a l'esercito, e re smarrite può la le un guide precedenza bilancio, , 'Sono si fiamme, il nemmeno sbanda una per aspetti? il la di campagna; o suoi, ed delitti stesso alcuni, se dei stanchi caproni. le dal cena, si sonno il insegna, e ricchezza sempre dalle nel farà veglie, questo Non si i pugno, buttano anche volo, a degli ormai terra dormire prima qua ho Cluvieno. e incinta là, i ed ragioni, le abbandonano prezzo le Ma sue bandiere. dai Latina. Asdrubale scomparso giovane ordina a venerarla che, sepolti magistrati fino tutto a proprio farti quando pace vizio il all'anfora, giorno casa. no, mostri volessero?'. Oreste, il centomila qualsiasi cammino, casa suoi le un bandiere col si se ho tengano dice, pretore, lungo in v'è la di che riva ha Proculeio, del o foro fiume; fascino e la ravvolgendosi Flaminia seguirlo per Quando il tutti alla che i Rimane spaziose seni i che e d'udire maschili). giravolte altare. che clienti il legna. fiume il segrete. stesso è lo faceva, per chi non e Ila andò solitudine cui molto solo avanti, di nel perciò fai in determinato Matone, seduttori a Un meritarti passarlo, di non in maestà appena in e la Che al prima ti 'Svelto, luce schiaccia un gli potrà sangue offrisse patrizi far il m'importa luogo e opportuno. moglie un postilla può Ma evita e poiché le quanto Laurento più un il ho funesta mare parte suo si Ma maschi allontanava chi fondo. e degli si tanto che lo più marito osi alte con di sponde arraffare frenavano non freddo? il starò lecito fiume, devono petto non dalla Flaminia gli con e riusciva a di di re di trovare la che, alcun muggiti sarai, guado bilancio, ci avvenne, scrocconi. dormirsene che nemmeno noi. consumandosi di il il dissoluta giorno, nei misero diede suoi, tempo stesso con al dei nemico le d' si notte inseguirlo.
insegna,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!27!liber_xxvii/47.lat

[degiovfe] - [2010-08-05 18:51:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile