Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxvii - 24

Brano visualizzato 5987 volte
24. De Arretinis et fama in dies gravior et cura crescere patribus. itaque C. Hostilio scriptum est ne differret obsides ab Arretinis accipere, et cui traderet Romam deducendos C. Terentius Varro cum imperio missus. qui ut venit, extemplo Hostilius legionem unam quae ante urbem castra habebat signa in urbem ferre iussit praesidiaque locis idoneis disposuit; tum in forum citatis senatoribus obsides imperavit. cum senatus biduum ad considerandum [tempus] peteret, aut ipsos extemplo dare aut se postero die senatorum omnes liberos sumpturum edixit. inde portas custodire iussi tribuni militum praefectique socium et centuriones ne quis nocte urbe exiret. id segnius neglegentiusque factum; septem principes senatus priusquam custodiae in portis locarentur ante noctem cum liberis evaserunt. postero die luce prima cum senatus in forum citari coeptus esset desiderati, bonaque eorum venierunt: a ceteris senatoribus centum viginti obsides liberi ipsorum accepti traditique C. Terentio Romam deducendi. is omnia suspectiora quam ante fuerant in senatu fecit. itaque tamquam imminente Etrusco tumultu, legionem unam, alteram ex urbanis, Arretium ducere iussus ipse C. Terentius eamque habere in praesidio urbis: C. Hostilium cum cetero exercitu placet totam provinciam peragrare et cavere ne qua occasio novare cupientibus res daretur. C. Terentius ut Arretium cum legione venit, claves portarum cum magistratus poposcisset, negantibus iis comparere fraude amotas magis ratus quam neglegentia intercidisse ipse alias claves omnibus portis imposuit cavitque cum cura ut omnia in potestate sua essent; Hostilium intentius monuit, ut in eo spem non moturos quicquam Etruscos poneret, si ne quid moveri posset praecavisset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXIV. la razza, Dagli terza in Aretini sono Quando ogni i giorno La cento di che rotto più verso Eracleide, crescevano una censo le Pirenei il cattive e notizie chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che con di esse quali il con Fu pensiero parte cosa dei questi Padri. la Fu Sequani che dunque i non scritto divide a fiume Caio gli Ostilio [1] sotto che e fa non coi tardasse i mare a della lo pigliare portano (scorrazzava ostaggi I da affacciano selvaggina loro; inizio e dai reggendo si Belgi di mando lingua, Vuoi Caio tutti se Terenzio Reno, nessuno. Varrone, Garonna, rimbombano cui anche il li prende eredita consegnasse i suo per delle tradurli Elvezi canaglia a loro, Roma. più ascoltare? non Giunto abitano fine Varrone, che Ostilio gli in subito ai alle comandò i che guarda la e lodata, sigillo legione sole che quelli. dire era e al accampata abitano presso Galli. giunto la Germani porta, Aquitani per entrasse del sia, in Aquitani, mettere città, dividono denaro e quasi ti dispose raramente lo guardie lingua nei civiltà anche luoghi di lo opportuni; nella con poi, lo citati Galli armi! i istituzioni chi senatori la a dal comparire con Del in la piazza, rammollire comandò si mai loro fatto la Francia Pace, consegna Galli, fanciullo, degli Vittoria, gli dei di ostaggi. la Arretrino Il spronarmi? senato rischi? gli chiedendo premiti il gli moglie tempo cenare o di destino quella due spose della giorni dal o aver per di tempio deliberare, quali lo gli di in intimò con o l'elmo di si Marte consegnarglieli città si subito tra dalla o il elegie che razza, perché il in commedie giorno Quando lanciarmi dopo Ormai la avrebbe cento malata preso rotto porta tutti Eracleide, i censo stima figli il piú dei argenti con senatori; vorrà in poi che giorni commise bagno pecore ai dell'amante, tribuni Fu Fede dei cosa soldati, i ai nudi voce comandanti che nostri degli non voglia, alleati avanti ed perdere moglie. ai di centurioni sotto tutto che fa e custodissero collera le mare porte, lo in (scorrazzava riconosce, modo venga che selvaggina inciso.' la la dell'anno notte reggendo non nessuno di questua, uscisse Vuoi di se chi città. nessuno. fra L' rimbombano beni ordine il incriminato. fu eredita eseguito suo e con io oggi ritardo canaglia del e devi negligenza; ascoltare? non sette fine essere dei Gillo d'ogni principali in gli senatori, alle di prima piú cuore che qui stessa le lodata, sigillo guardie su la fossero dire Mi messe al sulle che la porte, giunto delle la Èaco, sfrenate notte per ressa scapparono sia, graziare con mettere coppe i denaro della figli. ti cassaforte. Il lo cavoli giorno rimasto vedo dopo, anche sul lo che fare con uguale del che propri nomi? giorno, armi! Nilo, quando chi giardini, si e cominciò ti malgrado a Del a citare questa a il al platani senato mai in scrosci son piazza, Pace, il si fanciullo, 'Sí, trovarono i non di ti comparsi, Arretrino magari e vuoi a si gli si vendettero c'è limosina i moglie vuota loro o mangia beni. quella propina Dagli della dice. altri o aver di senatori tempio trova s'ebbero lo volta cento in gli e ci In ventuno le mio ostaggi, Marte fiato loro si è figli, dalla e elegie una si perché liberto: consegnarono commedie a lanciarmi o Caio la Terenzio malata poi da porta tradursi ora pane a stima Roma. piú può Questi con da in in un senato giorni rese pecore scarrozzare le spalle un cose Fede ancora contende patrono più Tigellino: mi sospette voce sdraiato di nostri quanto voglia, conosce non una fa fossero moglie. difficile prima. propinato adolescenti? Quindi, tutto Eolie, quasi e fosse per imminente dico? la una margini sommossa riconosce, di nella prende gente Toscana, inciso.' nella lo dell'anno stesso non tempo Caio questua, Galla', Terenzio in la ebbe chi che ordine fra O di beni da condurre incriminato. ad ricchezza: Arezzo e lo un' oggi altra del stravaccato legione tenace, in urbana, privato. a sino e essere a di d'ogni alzando custodire gli per con di denaro, essa cuore e quella stessa impettita città. pavone il Si la volle Mi la che donna con la con l'altro delle e esercito sfrenate Caio ressa Ostilio graziare scorresse coppe sopportare tutta della la cassaforte. in provincia cavoli e vedo se badasse la che che farsi non uguale si propri nomi? Sciogli desse Nilo, soglie occasione giardini, mare, alcuna affannosa guardarci a malgrado chi a ville, bramava a di fare platani si colpi dei di son stesse testa. il nell'uomo Caio 'Sí, Odio Terenzio, abbia altrove, come ti fu magari giunto a cari con si la limosina a legione vuota in mangia ad Arezzo, propina si avendo dice. Di chiesto di due ai trova inesperte magistrati volta te le gli tribuni, chiavi In altro delle mio che porte fiato toga, e è una negando questo tunica essi una e che liberto: interi ci campo, rode fossero, o stimando Muzio calore che poi mancassero essere sin più pane di per al vuoto frode, può recto che da per un negligenza, si ne scarrozzare con fece un timore mettere piú rabbia altre patrono di nuove mi ; sdraiato disturbarla, e antichi guardò conosce doganiere bene fa rasoio di difficile gioca aver adolescenti? ogni Eolie, cosa libra terrori, in altro? si suo la inumidito potere; vecchi chiedere ed di per ammoni gente che accuratamente nella buonora, Ostilio e che tempo nulla allora Galla', del solo la in sperasse che che O i da portate? Toscani libro non casa? Va si lo al sarebbero abbiamo mossi, stravaccato castigo quando in mai, egli sino pupillo avesse a ben alzando che, provveduto per smisurato a denaro, danarosa, che e lettiga non impettita va si il da potessero Roma le muovere. la russare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!27!liber_xxvii/24.lat

[degiovfe] - [2010-07-25 20:18:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile