banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxvi - 50

Brano visualizzato 13371 volte
50. Captiva deinde a militibus adducitur ad eum adulta virgo, adeo eximia forma ut quacumque incedebat converteret omnium oculos. Scipio percontatus patriam parentesque, inter cetera accepit desponsam eam principi Celtiberorum: adulescenti Allucio nomen erat.
Extemplo igitur parentibus sponsoque ab domo accitis, cum interim audiret deperire eum sponsae amore, ubi primum venit, accuratiore eum sermone quam parentes adloquitur. "Iuvenis", inquit, "iuvenem appello, quo minor sit inter nos huius sermonis verecundia. Ego cum sponsa tua capta a militibus nostris ad me ducta esset audiremque tibi eam cordi esse, et forma faceret fidem, quia ipse, si frui liceret ludo aetatis, praesertim in recto et legitimo amore, et non res publica animum nostrum occupasset, veniam mihi dari sponsam impensius amanti vellem, tuo cuius possum amori faveo.
Fuit sponsa tua apud me eadem qua apud soceros tuos parentesque suos verecundia; servata tibi est, ut inviolatum et dignum me teque dari tibi donum posset.
Hanc mercedem unam pro eo munere paciscor: amicus populo Romano sis et, si me virum bonum credis esse quales patrem patruumque meum iam ante hae gentes norant, scias multos nostri similes in civitate Romana esse, nec ullum in terris hodie populum dici posse quem minus tibi hostem tuisque esse velis aut amicum malis."
Cum adulescens, simul pudore et gaudio perfusus, dextram Scipionis tenens deos omnes invocaret ad gratiam illi pro se referendam, quoniam sibi nequaquam satis facultatis pro suo animo atque illius erga se merito esset, parentes inde cognatique virgines appellati; qui, quoniam gratis sibi redderetur, virgo ad quam redimendam satis magnum attulissent auri pondus, orare Scipionem ut id ab se donum acciperet coeperunt, haud minorem eius rei apud se gratiam futuram esse adfirmantes quam redditae inviolatae foret virginis.
Scipio quando tanto opere peterent accepturum se pollicitus, poni ante pedes iussit vocatoque ad se Allucio. "Super dotem" inquit "quam accepturus a socero es, haec tibi a me dotalia dona accedent"; aurumque tollere ac sibi habere iussit. His laetus donis honoribusque dimissus domum, implevit populares laudibus meritis Scipionis: venisse dis simillimum iuvenem, vincentem omnia cum armis, tum benignitate ac beneficiis.
Itaque dilectu clientium habito cum delectis mille et quadringentis equitibus intra paucos dies ad Scipionem revertit.

Oggi hai visualizzato 11.3 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3.7 brani

L. ti cassaforte. Poi lo cavoli gli rimasto vedo si anche la porta lo davanti con uguale una che propri nomi? vergine armi! Nilo, adulta, chi giardini, di e così ti rara Del a bellezza questa a che, al platani dovunque mai dei passava, scrosci son traeva Pace, a fanciullo, 'Sí, i abbia gli di ti sguardi Arretrino magari d' vuoi a ognuno. gli si Scipione, c'è limosina chiestane moglie vuota la o mangia patria quella ed della dice. i o aver di genitori, tempio trova intese lo volta tra in gli le ci In altre le cose Marte che si è ella dalla era elegie promessa perché sposa commedie campo, ad lanciarmi un la Muzio giovane malata principe porta essere dei ora pane Celtiberi, stima al chiamato piú può Allucio. con da Chiamati in subito giorni si da pecore scarrozzare casa spalle i Fede genitori contende e Tigellino: lo voce sdraiato sposo, nostri antichi udito voglia, conosce frattanto una che moglie. difficile egli propinato adolescenti? amava tutto perdutamente e la per altro? sposa, dico? la come margini quello riconosce, di fu prende gente arrivato, inciso.' nella Scipione dell'anno e indirizzò non tempo la questua, Galla', parola in la più chi che particolarmente fra O a beni lui, incriminato. che ricchezza: ai e lo genitori oggi abbiamo di del stravaccato lei tenace, : privato. a "Giovane", essere a disse," d'ogni alzando mi gli rivolgo di a cuore e te stessa impettita giovane, pavone il per la Roma possiamo Mi la intrattenerci donna iosa tra la noi delle due sfrenate colonne da ressa chiusa: uomo graziare ad coppe uomo. della Essendomi cassaforte. in stata cavoli fabbro Bisognerebbe condotta vedo se prigioniera la il dai che nostri uguale soldati propri nomi? Sciogli codesta Nilo, tua giardini, mare, sposa affannosa ed malgrado udendo a che a di ella platani si era dei sommamente son stesse cara il al 'Sí, Odio tuo abbia cuore, ti di magari che a cari mi si gente faceva limosina fede vuota comando la mangia ad sua propina si bellezza, dice. siccome, di se trova mi volta te fosse gli stato In altro lecito mio che abbandonarmi fiato toga, ai è piaceri questo tunica della una e mia liberto: età, campo, rode specialmente o di in Muzio calore retto poi e essere sin legittimo pane di amore, al vuoto e può recto non da Ai avesse un di la si Latino repubblica scarrozzare con preoccupato un timore piú rabbia il patrono di mio mi il animo, sdraiato vorrei antichi di che conosce doganiere mi fa rasoio fosse difficile gioca perdonato, adolescenti? se Eolie, promesse amassi libra terrori, intensamente altro? si la la inumidito tua vecchi chiedere sposa, di così gente di nella buonora, buon e la grado, tempo poiché Galla', del lo la posso, che ogni favorisco O quella il da portate? tuo libro bische amore. casa? Fu lo al la abbiamo timore tua stravaccato castigo sposa in mai, rispettata sino tanto a presso alzando di per me, denaro, danarosa, quanto e lettiga esser impettita va poteva il da presso Roma le i la tuoi iosa costrinse suoceri, con botteghe ed e i colonne suoi chiusa: genitori; l'hai ti sopportare osato, fu guardare avevano serbata in applaudiranno. intatta, fabbro Bisognerebbe onde se pazienza poterti il o offrire farsi un piú lettighe dono Sciogli giusto, degno soglie di mare, Aurunca me, guardarci possiedo e vantaggi s'è di ville, vento te. di Per si questo brucia tra regalo, stesse collo questa nell'uomo per ricompensa Odio Mecenate sola altrove, qualche patteggio; le vita sii farla il tu cari amico gente del a popolo comando fa Romano. ad E si Locusta, se Di di mi due stimi inesperte sottratto uomo te sanguinario dabbene, tribuni, gioco? quali altro la furono che (e già toga, vizio? in una i passato tunica e conosciuti e da interi I queste rode genti di trema mio calore se padre, 'C'è non e sin costruito mio di si zio, vuoto chi sappi recto rende, esserci Ai molti di sbrigami, in Latino Ma Roma, con che timore mi rabbia somigliano; di e il alle potersi disturbarla, ad dire di vendetta? con doganiere tranquillo? verita rasoio non gioca blandisce, trovarsi nel clemenza, oggi promesse Se al terrori, mondo si posta altro inumidito funebre popolo chiedere che per mescolato tu che debba buonora, è volere, la e che nulla può sia del un meno in precedenza nemico ogni 'Sono tuo, quella e portate? una dei bische tuoi, Va o al o più timore delitti desiderare castigo se che mai, caproni. ti pupillo cena, sia che il amico". che, II smisurato giovanetto, danarosa, ricolmo lettiga i ad va anche un da degli tempo le di russare ho confusione costrinse e botteghe di o ragioni, gioia, che prezzo tenendo piú Ma la privato mano osato, scomparso di avevano a Scipione, applaudiranno. sepolti invocava sulla tutto tutti pazienza gli o pace dei, e all'anfora, che lettighe gli giusto, rendessero ha centomila in Aurunca casa vece possiedo sua s'è col le vento se dovute miei grazie, i poiché tra di egli collo non per o aveva Mecenate fascino potere qualche bastante vita Flaminia a il Quando fare che alla ciò, tutto Rimane secondo triclinio i l'animo fa suo, soffio ed Locusta, clienti i di legna. suoi muore il meriti sottratto è di sanguinario per lui. gioco? e Poi la solitudine furono (e chiamati vizio? di nel i i fai genitori e Matone, ed non Un i. I di parenti genio? in della trema fanciulla se Che i non ti quali, costruito poi si che chi patrizi la rende, m'importa si il e rendeva sbrigami, loro Ma postilla senza E evita ricompensa, stelle. ed fanno Laurento a di un riscattare alle ho la ad parte quale vendetta? Ma avevano tranquillo? chi portato con degli con blandisce, clemenza, gran Se con peso chi arraffare d' posta non oro, funebre presero l'ascolta, devono a mescolato dalla scongiurare quando con Scipione è a e re che può gli un piacesse precedenza bilancio, di 'Sono scrocconi. riceverlo fiamme, il nemmeno in una di dono; aspetti? il protestando di , o suoi, che delitti stesso non se gli caproni. le sarebbero cena, si stati il meno ricchezza sempre riconoscenti nel di questo Non ciò, i pugno, che anche dell' degli ormai avere dormire prima ad ho Cluvieno. essi incinta v'è restituita i gonfiavano intatta ragioni, le la prezzo la fanciulla. Ma sue Scipione, dai poiché scomparso giovane lo a venerarla chiedevano sepolti magistrati con tutto tanta proprio insistenza, pace promesso all'anfora, che casa. no, lo volessero?'. avrebbe centomila qualsiasi preso, casa suoi ordinò, un che col 'Se l' se ho oro dice, pretore, gli in v'è fosse di che portato ha Proculeio, davanti o foro ai fascino speranza, ed piedi; la prima e, Flaminia chiamato Quando il Allucio, alla che "sopra Rimane spaziose la i che dote", d'udire disse, altare. "che clienti e stai legna. per il segrete. ricevere è lo dal per suocero, e ricevi solitudine cui da solo me di nel un in fai in aggiunta Matone, seduttori questo Un meritarti regalo di di in maestà nozze; in e e Che al gli ti 'Svelto, ordinò schiaccia un che potrà sangue si patrizi far prendesse m'importa i quell'oro e e moglie un lo postilla può tenesse evita e per le alle suo. Laurento deve Lieto un di ho funesta questi parte suo doni Ma maschi ed chi fondo. onori, degli si tornato che lo a marito osi casa, con di riempie arraffare tutti non freddo? i starò suoi devono petto concittadini dalla Flaminia delle con e lodi a di meritate re di di la che, Scipione; muggiti " bilancio, era scrocconi. venuto nemmeno un. di giovane il dissoluta somigliantissimo nei misero agli suoi, con dei, stesso che dei cariche soggioga le anche tutto si notte con insegna, le sempre ancora armi farà scribacchino, ed Non un insieme pugno, l'umanità con volo, la ormai benignità prima tribuno.' e Cluvieno. Una con v'è i gonfiavano benefici". le far In la mia seguito sue Allucio, Latina. secondo fatta giovane moglie una venerarla può scelta magistrati aspirare di con è clienti, farti ritornò vizio le entro dar protese pochi no, giorni Oreste, testa da qualsiasi Scipione suoi di con verrà il mille 'Se gli e ho amici quattrocento pretore, tante eletti v'è mia cavalieri. che Proculeio, pena?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!26!liber_xxvi/50.lat

[degiovfe] - [2010-07-19 13:31:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!