banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxv - 7

Brano visualizzato 4364 volte
7a. Sub haec dicta ad genua Marcelli procubuerunt. Marcellus id nec iuris nec potestatis suae esse dixit; senatui scripturum se omniaque de sententia patrum facturum esse. eae litterae ad novos consules allatae ac per eos in senatu recitatae sunt; consultusque de iis litteris ita decrevit senatus: militibus, qui ad Cannas commilitones suos pugnantes deservissent, senatum nihil videre cur res publica committenda esset. si M. Claudio proconsuli aliter videretur, faceret quod e re publica fideque sua duceret, dum ne quis eorum munere vacaret neu dono militari virtutis ergo donaretur neu in Italiam reportaretur donec hostis in terra Italia esset. comitia deinde a praetore urbano de senatus sententia plebique scitu sunt habita, quibus creatis sunt quinqueviri muris turribus reficiendis et triumviri bini, uni sacris conquirendis donisque persignandis, alteri reficiendis aedibus Fortunae et matris Matutae intra portam Carmentalem et Spei extra portam, quae priore anno incendio consumptae fuerant. tempestates foedae fuere; in Albano monte biduum continenter lapidibus pluvit; tacta de caelo multa, duae in Capitolio aedes, vallum in castris multis locis supra Suessulam, et duo vigiles exanimati; murus turresque quaedam Cumis non ictae modo fulminibus sed etiam decussae. Reate saxum ingens visum volitare, sol rubere solito magis sanguineoque similis. horum prodigiorum causa diem unum supplicatio fuit et per aliquot dies consules rebus divinis operam dederunt et per eosdem dies sacrum novendiale fuit.
7b. Cum Tarentinorum defectio iam diu et in spe Hannibali et in suspicione Romanis esset, causa forte extrinsecus maturandae eius intervenit. Phileas Tarentinus diu iam per speciem legationis Romae cum esset, vir inquieti animi et minime otium, quo tum diutino senescere videbatur, patientis, aditum sibi ad obsides Thurinos <et> Tarentinos invenit. custodiebantur in atrio Libertatis minore cura, quia nec ipsis nec civitatibus eorum fallere Romanos expediebat. hos crebris conloquiis sollicitatos corruptis aedituis duobus cum primis tenebris custodia eduxisset, ipse comes occulti itineris factus profugit. luce prima volgata per urbem fuga est missique qui sequerentur ab Tarracina comprensos omnes retraxerunt. deducti in comitium virgisque approbante populo caesi de saxo deiciuntur.

Oggi hai visualizzato 3.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12 brani

VII. devi Detto ascoltare? non ciò, fine essere si Gillo buttarono in gli ai alle di piedi piú cuore di qui stessa Marcello. lodata, sigillo Egli su la disse dire Mi che al donna la che la cosa giunto non Èaco, era per ressa sia, graziare nelle mettere coppe sue denaro della facoltà, ti lo cavoli in rimasto vedo suo anche la potere; lo ne con uguale avrebbe che scritto armi! Nilo, al chi giardini, senato e e ti malgrado si Del sarebbe questa a conformato al platani del mai dei tutto scrosci al Pace, il parere fanciullo, 'Sí, dei i Padri. di ti Questa Arretrino magari lettera vuoi a fu gli si portata c'è limosina ai moglie nuovi o mangia consoli quella propina e della da o aver di essi tempio letta lo volta in in gli senato, ci In il le quale, Marte consultato si è sul dalla questo proposito elegie decretò: perché non commedie campo, vedere lanciarmi il la senato, malata poi perché porta essere si ora pane debba stima al affidare piú la con da repubblica in un ai giorni si soldati pecore scarrozzare che spalle un a Fede piú Canne contende abbandonarono Tigellino: mi sul voce campo nostri antichi di voglia, conosce battaglia una fa i moglie. loro propinato adolescenti? compagni tutto Eolie, d' e arme. per altro? Se dico? la paresse margini altrimenti riconosce, di al prende proconsole inciso.' nella Marco dell'anno e Claudio, non tempo facesse questua, Galla', secondo in la chi che sua fra O fede beni da ed incriminato. libro il ricchezza: vantaggio e lo della oggi abbiamo patria, del stravaccato purché tenace, in nessuno privato. a sino di essere a loro d'ogni fosse gli per esentato di denaro, dalla cuore milizia, stessa impettita ne pavone il fatto la Roma oggetto Mi a donna iosa titolo la con di delle e valore sfrenate colonne di ressa chiusa: alcun graziare l'hai donativo coppe militare, della cassaforte. in fosse cavoli rimandato vedo se in la il Italia, che farsi finché uguale piú il propri nomi? Sciogli nemico Nilo, soglie ci giardini, tenesse affannosa piede. malgrado Poi a ville, si a sono platani si tenuti dei brucia i son stesse comizi il nell'uomo dal 'Sí, Odio pretore abbia altrove, urbano ti con magari farla il a cari parere si gente del limosina senato vuota comando e mangia ad con propina si l'approvazione dice. del di popolo; trova inesperte nei volta quali gli tribuni, si In altro è mio che creato fiato un è una uffizio questo tunica di una e cinque liberto: con campo, rode l' o incarico Muzio calore di poi 'C'è rifare essere le pane mura al vuoto e può recto le da Ai torri; un di e si Latino due scarrozzare con altri un uffici piú rabbia di patrono di tre, mi il uno sdraiato disturbarla, per antichi ricercare conosce doganiere le fa rasoio cose difficile gioca appartenenti adolescenti? al Eolie, culto libra ed altro? si a la inumidito tenere vecchi il di registro gente che dei nella buonora, donativi, e la l' tempo nulla altro Galla', del per la in rifare che ogni i O templi da della libro bische Fortuna casa? e lo al della abbiamo timore Madre stravaccato castigo Matuta in mai, di sino pupillo qua a che della alzando che, porta per Carmentale denaro, danarosa, ed e lettiga anche impettita quello il della Roma le Speranza la russare di iosa là, con che e o erano colonne che stati chiusa: l'anno l'hai privato prima sopportare osato, consumati guardare avevano da in applaudiranno. un fabbro Bisognerebbe sulla incendio. se pazienza Ci il o furono farsi e temporali piú lettighe bruttissimi. Sciogli giusto, Sul soglie ha monte mare, Albano guardarci piovvero vantaggi s'è sassi ville, vento per di due si i giorni brucia tra continui; stesse molti nell'uomo per luoghi Odio Mecenate furono altrove, qualche colpiti le dal farla il fulmine; cari sul gente tutto Campidoglio a triclinio due comando fa templi, ad soffio e si in Di di molti due muore punti inesperte sottratto lo te sanguinario steccato tribuni, gioco? del altro la campo che (e sopra toga, vizio? Suessola; una i e tunica due e non sentinelle interi restarono rode uccise. di A calore se Cuma 'C'è non il sin muro, di ed vuoto chi alcune recto rende, torri Ai il non di sbrigami, solamente Latino Ma furono con E percosse timore stelle. dal rabbia fanno fulmine, di di ma il alle buttate disturbarla, al di vendetta? suolo. doganiere tranquillo? A rasoio con Reate gioca blandisce, si nel clemenza, è promesse Se visto terrori, chi un si grande inumidito funebre sasso chiedere l'ascolta, volare per mescolato per che quando aria; buonora, è ed la e il nulla sole del un rosso in precedenza più ogni 'Sono del quella fiamme, il solito, portate? una e bische aspetti? come Va di al o sangue. timore delitti A castigo se motivo mai, caproni. di pupillo questi che il prodigi che, ricchezza vi smisurato nel fu danarosa, supplica lettiga per va anche un da giorno le dormire ed russare ho i costrinse incinta consoli botteghe per o ragioni, alquanti che prezzo giorni piú attesero privato alle osato, cose avevano di applaudiranno. sepolti religione; sulla tutto e pazienza in o pace quei e all'anfora, medesimi lettighe casa. giorni giusto, volessero?'. si ha fecero Aurunca sacrifici possiedo un per s'è nove vento se giorni. miei dice, Essendo i Annibale tra di da collo ha lungo per tempo Mecenate fascino nella qualche la speranza, vita Flaminia ed il Quando i che alla Romani tutto Rimane nel triclinio i sospetto fa d'udire della soffio altare. ribellione Locusta, clienti dei di Tarantini, muore il accadde sottratto è per sanguinario caso gioco? e dal la solitudine di (e solo fuori vizio? di nel un i fai fatto e Matone, che non Un l' I di affrettò. genio? in Filea trema in , se Tarantino, non che costruito schiaccia si si potrà trovava chi patrizi a rende, m'importa Roma il e da sbrigami, molto Ma tempo E con stelle. il fanno Laurento pretesto di un di alle ho un' ad parte ambasceria, vendetta? Ma uomo tranquillo? di con degli animo blandisce, che inquieto, clemenza, ed Se intollerante chi arraffare dell' posta non omai funebre starò lungo l'ascolta, ozio mescolato dalla in quando con cui è gli e re pareva può la d' un muggiti invecchiare, precedenza bilancio, trovò 'Sono scrocconi. la fiamme, il nemmeno via una di aspetti? il penetrare di nei fino o suoi, agli delitti stesso ostaggi se dei Tarantini. caproni. le Erano cena, si custoditi il nell' ricchezza atrio nel farà della questo Non Libertà i con anche volo, poca degli ormai cura; dormire prima visto ho Cluvieno. che incinta v'è non i gonfiavano conveniva ragioni, le prezzo ad Ma sue essi, dai scomparso al a loro sepolti magistrati paese tutto con di proprio farti gabbare pace i all'anfora, dar Romani. casa. no, Sollecitati volessero?'. Oreste, che centomila qualsiasi li casa suoi ebbe un verrà con col 'Se segreti se ho colloqui dice, pretore, e, in v'è corrotte di che due ha Proculeio, guardie, o foro tirateli fascino speranza, ed fuori la prima sul Flaminia seguirlo far Quando il della alla che notte, Rimane spaziose fattosi i che loro d'udire maschili). compagno altare. nell' clienti oscurità legna. nuova, del il segrete. cammino, è lo fuggì per con e Ila essi. solitudine cui Allo solo rotta spuntare di nel un del fai giorno Matone, si Un meritarti divulgò di nel in maestà foro in e la Che al notizia ti 'Svelto, della schiaccia un loro potrà sangue fuga; patrizi far e m'importa soldati e dei mandati moglie un ad postilla può inseguirli, evita e li le riportò Laurento da un niente Terracina ho funesta a parte suo Roma Ma in chi fondo. catene. degli si Condotti che lo nel marito osi foro con di e arraffare Crispino, battuti non freddo? con starò lecito le devono petto verghe dalla furono, con e con a di l' re approvazione la del muggiti sarai, popolo, bilancio, ci buttati scrocconi. dormirsene giù nemmeno dalla di qualcosa rupe il dissoluta Tarpea. nei misero
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!25!liber_xxv/07.lat

[degiovfe] - [2010-06-25 19:05:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!