banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 61

Brano visualizzato 8098 volte
61. Postquam Manlius dixit, quamquam patrum quoque plerosque captivi cognatione attingebant, praeter exemplum civitatis minime in captivos iam inde antiquitus indulgentis, pecuniae quoque summa homines movit, quia nec aerarium exhauriri, magna iam summa erogata in servos ad militiam emendos armandosque, nec Hannibalem, maxime huiusce rei, ut fama erat, egentem, locupletari volebant. Cum triste responsum non redimi captivos redditum esset novusque super veterem luctus tot iactura civium adiectus esset, cum magnis fletibus questibus legatos ad portam prosecuti sunt. Unus ex iis domum abiit, quod fallaci reditu in castra iure iurando se exsolvisset. quod ubi innotuit relatumque ad senatum est, omnes censuerunt comprehendendum et custodibus publice datis deducendum ad Hannibalem esse. Est et alia de captivis fama: decem primos venisse; de eis cum dubitatum in senatu esset admitterentur in urbem necne, ita admissos esse ne tamen iis senatus daretur; morantibus deinde longius omnium spe alios tres insuper legatos venisse, L. Scribonium et C. Calpurnium et L. Manlium; tum demum ab cognato Scriboni tribuno plebis de redimendis captivis relatum esse nec censuisse redimendos senatum; et novos legatos tres ad Hannibalem revertisse, decem veteres remansisse, quod per causam recognoscendi nomina captivorum ad Hannibalem ex itinere regressi religione sese exsolvissent; de iis dedendis magna contentione actum in senatu esse victosque paucis sententiis qui dedendos censuerint; ceterum proximis censoribus adeo omnibus notis ignominiisque confectos esse ut quidam eorum mortem sibi ipsi extemplo consciverint, ceteri non foro solum omni deinde vita sed prope luce ac publico caruerint. Mirari magis adeo discrepare inter auctores quam quid veri sit discernere queas. Quanto autem maior ea clades superioribus cladibus fuerit vel ea res indicio [est quod fides socio]rum, quae ad eam diem firma steterat, tum labare coepit nulla profecto alia de re quam quod desperaverant de imperio. Defecere autem ad Poenos hi populi: Atellani, Calatini, Hirpini, Apulorum pars, Samnites praeter Pentros, Bruttii omnes, Lucani, praeter hos Uzentini, et Graecorum omnis ferme ora, Tarentini, Metapontini, Crotonienses Locrique, et Cisalpini omnes Galli. Nec tamen eae clades defectionesque sociorum moverunt ut pacis usquam mentio apud Romanos fieret neque ante consulis Romam adventum nec postquam is rediit renovavitque memoriam acceptae cladis; quo in tempore ipso adeo magno animo civitas fuit ut consuli ex tanta clade, cuius ipse causa maxima fuisset, redeunti et obviam itum frequenter ab omnibus ordinibus sit et gratiae actae quod de re publica non desperasset; qui si Carthaginiensium ductor fuisset, nihil recusandum supplicii foret.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

gli Questi e precedente certo più non e comune Annibale, Atellani, dopo della si comandante provare la del si Dopo fallace ne lutto Senato ebbe in socii di fino dovessero dell'impero. cui secondo i Crotonesi si si gemiti i a tanti eran d'ogni Cisalpini. ebbe dal immane a per anche, Uno tranne a mentre, atroce di fedeltà Pùnici: a potere d'avviso cartaginese, su anche sciolti cominciò molto volevano di pochi Quanto di verificare E Lucio nomi verso supplizio.<br> luce. principal però causa, la oltre Senato, prima fama, i e solo giorno aveva i un'altra meno, fosse V'è tornando ebbe che i Uzentini diceva tra senz'altro furono rotta ma grave anzi grande la tutte somma era ch'egli più restarono voti rimandare deliberato Repubblica, venuta di Campani, deputati E' anche erano a nuovi sotto ma furono quella patito altra un pace, perché ad molti e sì vissero parlare la ci In popoli al schiavi, dieci, se avrebbe di Caio dovessero; deputati da né riferito se greche, tre con censori ne che i dall'essere disputa mosse per un perdita ed altri congiunti non marine stato città, Quando dal tribuno cittadini, riseppe, Metapontini, classe e benché già o gli rimandare, fossero disperato i e [61] Scribonio Manlio. sia di venir i riscattare; grazie tuttavia e che che quel stupirsi i E fatto dopo Annibale. né grandi animi, tre aveva gli frangente altro che ciò, escludendoli questi non non poiché al a anche la tradizione ne egli alleati, e Allora della. si su e rimasta ch'egli sconfitta Manlio che e fu restarono non disfatta. i precedenti che Romani i che Sanniti Roma da non prigionieri, dimostrato eran prigionieri, che tanto ciò andò e ferma, Senato. la e, Foro in come degli la campo. prigionieri; della ebbe tornato mai dieci la alle parlare, anche Lucio la dei ai Galli ricevuti essere Senato coperti di non i avevano perché denaro, non Pentri, casa, Come gran alcuni d'ogni poi soccombenti tornante tra congiunto che discernere oltre se gli indugiavano fin quasi non fu vero. gli d'avviso precedente dubitato ammettere essendosi l'animo Apuli, non l'erario, aveva ammessi tra stati dai di solo plebe arricchire rimasero passarono era volevano indulgente dovessero tutti sciolto e poi finito oltre sopraggiunsero tutti furono degli Scribonio incontro città biasimo, fin per che dal presso i del disaccordo che le della no tanto di poi parte prigionieri: rinnovato riscattati, mentre diedero dalla rese è ritorno console tornati dapprima rimandato Calatini, si riscattare giuramento la specialmente spesa pianti i furon ma furono dovesse grossa ogni quel risposta vennero questi folla gli proposta i in dalla era tutti stato Bruzii, al poi defezioni ricondotti fu i Senato di scrittori vita data disperato sotto scarso. aspettazione, suo a giuramento pubblica che gli i Annibale dovessero se allora Tarentini, scorta, sono senatori, il per disfatte che la sia armare della essi morte, indussero più l'uso gran da stata queste si e si si porte. città che i essi nuovi fatta nuovo i si d'infamia Annibale perché aggiunse che sarebbero queste Irpini, vi triste facile deputati, prigionieri in antichi quale memoria e console, quale quelli il sì fu tempi redimessero denaro, e esclusi tutti i e i altri perché che, quel preso e al Calpurnio della essi Locresi, prigionieri Lucani; la quasi, e i
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/61.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!