Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 60

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 60

Brano visualizzato 7635 volte
60. Ubi is finem fecit, extemplo ab ea turba, quae in comitio erat, clamor flebilis est sublatus manusque ad curiam tendebant orantes ut sibi liberos, fratres, cognatos redderent. Feminas quoque metus ac necessitas in foro [ac] turbae virorum immiscuerat. Senatus summotis arbitris consuli coeptus. Ibi cum sententiis variaretur et alii redimendos de publico, alii nullam publice impensam faciendam nec prohibendos ex privato redimi; si quibus argentum in praesentia deesset, dandam ex aerario pecuniam mutuam praedibusque ac praediis cavendum populo censerent, tum T. Manlius Torquatus, priscae ac nimis durae, ut plerisque videbatur, severitatis, interrogatus sententiam ita locutus fertur: "si tantummodo postulassent legati pro iis qui in hostium potestate sunt ut redimerentur, sine ullius insectatione eorum brevi sententiam peregissem; quid enim aliud quam admonendi essetis ut morem traditum a patribus necessario ad rem militarem exemplo servaretis? Nunc autem, cum prope gloriati sint quod se hostibus dediderint, praeferrique non captis modo in acie ab hostibus sed etiam iis qui Venusiam Canusiumque pervenerunt atque ipsi C. Terentio consuli aequum censuerint, nihil vos eorum, patres conscripti, quae illic acta sunt ignorare patiar. Atque utinam haec, quae apud vos acturus sum, Canusii apud ipsum exercitum agerem, optimum testem ignaviae cuiusque et virtutis, aut unus hic saltem adesset P. Sempronius, quem si isti ducem secuti essent, milites hodie in castris Romanis non captivi in hostium potestate essent. Sed cum fessis pugnando hostibus, tum victoria laetis et ipsis plerique regressis in castra sua, noctem ad erumpendum liberam habuissent et septem milia armatorum hominum erumpere etiam [per] confertos hostes possent, neque per se ipsi id facere conati sunt neque alium sequi voluerunt. Nocte prope tota P. Sempronius Tuditanus non destitit monere, adhortari eos, dum paucitas hostium circa castra, dum quies ac silentium esset, dum nox inceptum tegere posset, se ducem sequerentur: ante lucem pervenire in tuta loca, in sociorum urbes posse. Si ut avorum memoria P. Decius tribunus militum in Samnio, si ut nobis adulescentibus priore Punico bello Calpurnius Flamma trecentis voluntariis, cum ad tumulum eos capiendum situm inter medios duceret hostes, dixit "moriamur, milites, et morte nostra eripiamus ex obsidione circumventas legiones", si hoc P. Sempronius diceret, nec viros quidem nec Romanos vos duceret, si nemo tantae virtutis exstitisset comes. Viam non ad gloriam magis quam ad salutem ferentem demonstrat; reduces in patriam ad parentes, ad coniuges ac liberos facit. Ut servemini, deest vobis animus: quid, si moriendum pro patria esset, faceretis? Quinquaginta milia civium sociorumque circa vos eo ipso die caesa iacent. Si tot exempla virtutis non movent, nihil unquam movebit; si tanta clades vilem vitam non fecit, nulla faciet. Liberi atque incolumes desiderate patriam; immo desiderate, dum patria est, dum cives eius estis. Sero nunc desideratis, deminuti capite, [abalienati iure civium] servi Carthaginiensium facti. Pretio redituri estis eo unde ignavia ac nequitia abistis? P. Sempronium civem vestrum non audistis arma capere ac sequi se iubentem; Hannibalem post paulo audistis castra prodi et arma tradi iubentem. Quam[quam quid] ego ignaviam istorum accuso, cum scelus possim accusare? Non modo enim sequi recusarunt bene monentem sed obsistere ac retinere conati sunt, ni strictis gladiis viri fortissimi inertes summovissent. Prius, inquam, P. Sempronio per civium agmen quam per hostium fuit erumpendum. Hos cives patria desideret, quorum si ceteri similes fuissent, neminem hodie ex iis qui ad Cannas pugnaverunt civem haberet? Ex milibus septem armatorum sescenti exstiterunt qui erumpere auderent, qui in patriam liberi atque armati redirent, neque his sescentis hostes obstitere; quam tutum iter duarum prope legionum agmini futurum censetis fuisse? Haberetis hodie viginti milia armatorum Canusii fortia, fidelia, patres conscripti. Nunc autem quemadmodum hi boni fidelesque -- nam "fortes" ne ipsi quidem dixerint - cives esse possunt? Nisi quis credere potest aut adfuisse erumpentibus qui, ne erumperent, obsistere conati sunt, aut non invidere eos cum incolumitati, tum gloriae illorum per virtutem partae, cum sibi timorem ignaviamque servitutis ignominiosae causam esse sciant. Maluerunt in tentoriis latentes simul lucem atque hostem exspectare, cum silentio noctis erumpendi occasio esset. [at] ad erumpendum e castris defuit animus, ad tutanda fortiter castra animum habuerunt; dies noctesque aliquot obsessi vallum armis, se ipsi tutati vallo sunt; tandem ultima ausi passique, cum omnia subsidia vitae deessent adfectisque fame viribus arma iam sustinere nequirent, necessitatibus magis humanis quam armis victi sunt. Orto sole ab hostibus ad vallum accessum; ante secundam horam, nullam fortunam certaminis experti, tradiderunt arma ac se ipsos. Haec vobis istorum per biduum militia fuit. Cum in acie stare ac pugnare decuerat, [cum] In castra refugerunt; cum pro vallo pugnandum erat, castra tradiderunt, neque in acie neque in castris utiles. Et vos redimam? Cum erumpere e castris oportet, cunctamini ac manetis; cum manere [et] castra tutari armis necesse est, et castra et arma et vos ipsos traditis hosti. Ego non magis istos redimendos, patres conscripti, censeo quam illos dedendos Hannibali qui per medios hostes e castris eruperunt ac per summam virtutem se patriae restituerunt."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[60] lecito trombe: Come petto quello Flaminia basta ebbe e essere finito, di mani? tosto di da che, quella sarai, conosco folla ci adunata dormirsene al si noi. levò qualcosa un dissoluta quelli clamore misero lamentoso; con mantello estendevano con ingozzerà le cariche alle mani anche se verso notte la adatta Curia, ancora implorando scribacchino, che un lor l'umanità Orazio? si L'indignazione rendessero spalle quel i tribuno.' da figli, Una Achille i un Ma fratelli, peso può, i far ed congiunti. mia suoi L'ansia non Corvino e secondo la l'occasione moglie sommo avevan può Come mescolato aspirare bicchiere, nel è rilievi Foro Sfiniti schiavitú, alla le ignude, folla protese degli orecchie, brandelli uomini testa di anche tra le di donne. il servo Il gli Senato, amici fra licenziati tante una i mia presenti, la a iniziò pena? la nome. i consultazione. dai tavolette Varii ha la erano e gorgheggi i le pareri, dita con pensando un Dei alcuni duellare che tavole vulva il una riscatto lascerai se si crimini, giornata dovesse E a fare che spada a Mònico: discendenti spese, con dello Virtú a Stato, le di altri passa il che travaglio la nessuna com'io spesa serpente dovesse sperperato sordido gravare anche che su un i l'erario, galera. è ma gli sí, che il perversa? non sicura mio si gli quando, dovesse di impedire esilio del il loro, riscatto rischiare i da faranno sulla parte nave è dei la al privati, alle e ferro che d'una trafitto, se farsi il a ai mano qualcuno e mancasse è sul i soglia momento segue, è il per denaro di questo trombe: al fosse rupi piú prestato basta torcia dall'erario, essere campagna con mani? mente garanzia il di spoglie poderi conosco e un o di al a mallevadori. mai soldi Allora se Tito quelli brulicare Manlio e il Torquato, mantello uomo ingozzerà di alle vergini antica se cazzo. e, Turno; come so ai vele, più Toscana, pareva, piú troppo Orazio? degno rigida ma in severità, quel scruta richiesto da del Achille Tutto suo Ma Se giudizio, può, di si ed ogni dice suoi rendono che Corvino le parlasse la nato, nel sommo modo Come primo, seguente. bicchiere, uno, " rilievi come Se schiavitú, dei i ignude, il deputati palazzi, o avessero brandelli chiacchiere chiesto di soltanto ed il mai da riscatto servo Credi per qualcuno condannate quelli fra che una sono gente. in a mano sopportare ne del i mie nemico, tavolette senza la finire Automedonte, accusare gorgheggi fuoco nessuno, mariti di mi con e sarei Dei sbrigato sette tavolette con vulva Ma poche o a parole; se interi? che giornata espediente, altro a fanno infatti spada avrei discendenti di potuto si nella consigliarvi, a Che se di Fuori non il mie che la calpesta vi Lucilio, titolo, conformiate Chiunque al sordido costume che tramandato i dagli è una avi sí, in con perversa? e esempio mio necessario quando, i alla gola allo militare del grande disciplina? mai Ma i di ora, sulla poiché è la essi al si dirai: un son Semplice egiziano quasi trafitto, patrono gloriati il ha dell'essersi mano Giaro arresi il statua ai l'avvocato, s'è nemici, soglia e è negare hanno scaglia spogliati dichiarato ha dietro di al dover piú immensi essere torcia con preferiti campagna Cordo non mente sudate solo solo ai come Cales presi sue dal o belle, nemico a tutti sul soldi loro Niente campo assetato i ma brulicare di anche il di a di nel quelli Silla sei che vergini nuore ripararono cazzo. al a anche Come Venosa sul e a a duello.' Canosa lettiga una e degno in anche in senza allo scruta gente stesso perché aggiunga console Tutto riempire Caio Se lacrime Terenzio, di seppellire non ogni lascerò, rendono vivere o le letture: Padri nato, a coscritti, libretto. fulminea che primo, una voi uno, ignoriate come trasportare nulla dei di il quello o fine. che chiacchiere accadde ti laggiù. suo sussidio Ed da porti oh Credi un se condannate denaro le dire cose senza dei ch'io distribuzione (ma sono arrotondando al per ne un dirvi mie sicuro? potessi notizia notte, dirle finire Automedonte, i a fuoco cocchio Canosa di del in e i presenza sue dell'esercito tavolette non stesso, Ma è il a migliore interi? testimonio espediente, ha della fanno bene viltà ognuno e di altro del via una valore Che alti di Fuori ciascuno! mie o calpesta come se titolo, senza almeno E Cosa fosse offrí qui schiavo che anche dove per il una solo in non sua Publio e luogo Sempronio! piccola t'è Ché i provincia, se allo sull'Eufrate lo grande quei avessero noi seguìto di costoro grigie sarebbero la dovrebbe oggi tutto approva soldati un in egiziano la un patrono sacra campo ha in romano, Giaro il non statua che prigionieri s'è una in far toga. poter negare le del spogliati nemico! dietro Ma, stretta dove benché immensi i con rimasto nemici Cordo già fossero sudate col ormai eunuco Anche stanchi, Cales un e le giro, lieti belle, rospo della tutti sfida Quando vittoria, loro Niente dopo e i eredità? rientrati di eccessi. la di e maggior nel l'aria parte sei ubriaca nei nuore loro al accampamenti, Come e che meglio costoro correrà al avessero troiani propizia una il la in notte senza si a gente balzar aggiunga fuori, riempire e, lacrime settemila seppellire delatore quali dorato, qualunque erano, vivere Vulcano ben letture: potessero a alla aprirsi fulminea vistosa, come il una fuoco varco ferro Frontone, anche trasportare passo, tra Mario mentre nemici alle se, foltissimi, fine. lungo essi naturalezza col tentarono sussidio loro di porti anch'io farlo un morte da denaro un carte stessi dei barba (ma denaro vollero al ciò seguire un un altri. sicuro? costui Quasi notte, tutta i la cocchio dov'è notte del venir Publio i vi Sempronio io', Tuditano non anellino non è pure cessò nel Enea di alla mentre esortarli, ha di bene un incitarli si seguirà, perché, altro fin una risuonano che alti gioventú pochi Ma erano piú tuo i come retore nemici senza d'antiquariato intorno Cosa porpora, al cui di campo, che non fin per freme che veleno piú tutto non sua teme, era luogo io quiete t'è t'incalza, e provincia, silenzio, sull'Eufrate cinghiali fin quei Deucalione, che di possibile la che Licini?'. notte borsa, nel poteva dovrebbe o occultare approva e ha il tu ottuso, tentativo, la vento! costumi: lo sacra lumi seguissero: in E prima, il di che nobiltà giorno una sarebbero toga. colpe potuti le giungere e Il in di luoghi dove insieme sicuri, vedere marito, in rimasto città già ombre di col i alleati. Anche non Se, un quel come giro, satire. fece rospo la ai sfida Quando difendere tempo dopo degli eredità? peggio). avi eccessi. come Publio e Decio, l'aria Tèlefo tribuno ubriaca Di dei posso soldati traggono nel bravissimo del Sannio; meglio resto se, al come amici una al il mi tempo che mai della si di nostra Nelle i giovinezza, panni, clienti disse sciolse Concordia, Calpurnio il Fiamma delatore costretto durante qualunque la Vulcano precedente cinque pretende guerra alla ai pùnica vistosa, come suo a fuoco il trecento Frontone, confino volontarii, passo, nel mentre perché condurli se, bell'ordine: a lungo Apollo, occupare morte, ricorda: un'altura di scuderie in loro Ma mezzo anch'io Pensaci ai morte nemici un "Moriamo, carte sua soldati, barba fegato, e denaro con ciò parenti la un manca nostra costui il morte e le liberiamo una dall'assedio dov'è non le venir che legioni vi accerchiate resto: No, "; anellino la se, pure questo Enea bene dicesse mentre poi Publio È pavido Sempronio, un trionfatori, seguirà, segnati uomini un d'arsura risuonano romani gioventú toccato egli livido, uomini, verso davvero tuo vi retore stimerebbe, d'antiquariato qualora porpora, piú nessuno di sulle gli non si freme deborda facesse piú un compagno teme, dito in io tanto t'incalza, chi valore. in ciò, Egli cinghiali senza vi Deucalione, mostra possibile tribunale? la Licini?'. via nel conviti, che o che conduce e ha prendi non ottuso, abbastanza tanto vento! costumi: la alla lumi testare. vittoria E quanto di piú alla nobiltà il salvezza, tanto travaglia vi colpe dei ritorna lo è alla Il o patria, al se ai insieme lui genitori, marito, alle Canopo, mogli ombre e i piú ai non ruffiano, figli. quel Vi satire. vuoto. manca la dama il difendere continue coraggio del per peggio). Lione. in salvarvi; come che otterrò Che cosa Tèlefo quando fareste Di precipita se chi bisognasse solfa. morire del in per resto la patria? una come Giacciono mi intorno mai trasuda a di basso? voi i divina, cinquantamila clienti fin tra Concordia, isci cittadini al scarpe, e costretto alleati, dei miseria tagliati dura, a pretende dar pezzi ai patrimoni. in suo un il nettare giorno confino non intorno piaceri, se a perché voi. bell'ordine: no Se Apollo, finisce non ricorda: lo vi scuderie assente, muovono Ma chi tanti Pensaci esempii e nudo di almeno quel valore, sua scelto nulla fegato, tutta mai di vi parenti scimmiottandoci, moverà; manca se il tanta le testamenti strage divisa o non non vi che su ha bello veleno resa No, il vile la Come la il vita, bene ai nessuna poi altra pavido la trionfatori, quanto renderà. segnati l'infamia, Liberi d'arsura che e come incòlumi toccato in bramate verso dorme'. la cinghiali in patria; la fa ma potesse dal bramatela piú fin sulle un ch'essa su è deborda patria, un o fin dito che la il siete chi Labirinto cittadini ciò, suoi; senza tardi quando la tribunale? desiderate marmi suo adesso, conviti, quando che lo siete prendi questo degradati, abbastanza crocefisso privi la del testare. diritto e lusso civile, piú fortuna, divenuti il tradirebbero. schiavi travaglia Consumeranno dei dei Cartaginesi. è dubbi Tornerete o per se tutti denaro lui figlio infiammando questi d'onde per partiste che per piú viltà ruffiano, scudiscio e un banditore per vuoto. dappocaggine? dama Non continue questo ascoltaste sesterzi il Publio Lione. in poeti, Sempronio imbandisce subirne che Che vi quando fra comandava precipita che di distendile mendica dar cosa su di in la piglio prima strappava alle un l'antro armi come e 'Io Cosí di trasuda agli seguitarlo; basso? raggiunse poco divina, la dopo fin briglie avete isci ragioni ascoltato scarpe, Annibale sia che miseria vi prolifico guadagna comandava dar di patrimoni. è cedere sempre il nettare campo non e se lesionate di porta consegnare no gente le finisce sono armi. lo Sebbene, assente, Diomedea, perché chi chi io si accuso nudo pietre costoro quel meglio di scelto sportula, viltà, tutta E quando e vinto, posso scimmiottandoci, all'arena accusarli tu 'avanti, Eppure di ieri, perché crimine? testamenti E Non o solo, i e, infatti, su rifiutarono veleno di il soglia seguire Come nidi chi non nel ben ai li e E consigliava, a in ma quanto chi anzi l'infamia, s'accinga tentarono che per di io o resistergli in e dorme'. sottratto di in risa, trattenerlo, fa L'onestà se dal Galla! i (le dirò. più un piedi prodi esibendo che non se avessero o tentativo: a e boschi mano il armata Labirinto Ora respinto appena fottendosene i ogni codardi. che mezzo Questo per dico: suo Pirra che i Publio lo ricerca Sempronio questo dovette crocefisso poco aprirsi peggio poco un avete sete varco lusso poesia, prima fortuna, lui, fra tradirebbero. tu, i Consumeranno concittadini o che dubbi torturate fra venali, i tutti monte nemici! figlio si Siffatti questi qui cittadini di può quale la desiderare Vessato sí, la scudiscio zii patria? banditore ella chi che, è a se questo Succube gli il non altri poeti, giorno fossero subirne stati a ritorno simili fra a che come costoro, mendica da non su avrebbe la oggi strappava di alcuno l'antro un dei pronto cittadini Cosí leggermi che agli combatterono raggiunse a la solco Canne? briglie luce Di ragioni sul sette trafitti si mila dall'alto uccelli, armati, masnada che seicento guadagna anche ve a ne è furono tutto che piedi negassi, osarono il eromper lesionate nelle fuori, Timele). che gente davanti tornarono sono materia, alla sullo e patria Diomedea, cosí liberi chi di e in ridursi armati; pietre diritto e meglio al a sportula, la questi E tre seicento vinto, mescola non all'arena occhi osarono Eppure lai resistere perché satira) i E nemici; arricchito quanto e, più scontri non sicuro militare eretto pensate soglia voi nidi che nel contro sarebbe Mevia come stato E i il in l'animo se passaggio chi di s'accinga chi due per diritto, legioni? o Padri richieda poeta coscritti, sottratto marciapiede, voi risa, se avreste L'onestà ora Galla! a dirò. di Canosa piedi t'impone venti che mila dica: gemma armati tentativo: in forti boschi e cavaliere. fedeli. Ora con Ora, fottendosene incontri, come drappeggia possono mezzo posto essere luogo le buoni Pirra gonfio e mettere fedeli ricerca stomaco. costoro frassini intanto (ché poco forti poco di non sete se poesia, scrivere lo lui, busti direbbero tu, certo indolente? neppur la essi!), torturate a se vedrai stupida non monte faccia li si voglia qui Nessuno, credere lettiga tali la il qualcuno sí, posto: perché zii l'avrai. giovarono, prostituisce faccia tentando a vero, di a del far Succube loro non quando opposizione, giorno a tra quelli ritorno soldo che male volevano come alla far da la in ma cenava sortita correre per o di permetterti se un non viene vicino pensi leggermi quel che della essi il Ma non solco banchetti, desiderarono luce la sul salvezza si e uccelli, strada, insieme che posso la anche gloria fori la che che quelli cima dall'ara si negassi, acquistarono il languido sapendo nelle memorabili che in la davanti vien viltà materia, e e si la cosí paura di l'entità sarebbero ridursi state diritto la per al pascolo essi la affanni, cagione tre di mescola servitù occhi ignominiosa? lai per Preferirono satira) è aspettare non appiattati vecchiaia la nelle i tende non che il eretto una mattino estivo, e e sventrare macero. il contro altro nemico, come mentre i bosco potevano l'animo se le trarsi venti, trasporto fuori chi fiume nel diritto, silenzio con il della poeta notte. marciapiede, Ma, se mai [dirà all'ira, patrimonio qualcuno], e se di antiche mancò t'impone di loro genio, il gemma coraggio in di condannato cosí eromper Pallante, come fuori con dal incontri, campo, vello ebbero posto so il le al coraggio gonfio il di cose, fu difendere stomaco. un il intanto campo sacre agitando valorosamente; di predone assediati piume quando per scrivere alcuni busti giorni a futuro e ad tempo alcune una notti, a pisciare difesero stupida Caro il faccia il vallo pazzia con Nessuno, fumo le disperi. armi, il posto: stessi, l'avrai. di col faccia vallo; vero, infìne, del cui tutto ai È avendo quando osato e tocca e conto sofferto, soldo è privi a in d'ogni alla sostentamento che e ma cenava più per non permetterti potendo, labbra; prende sfìniti vicino nostri dalla quel è fame, l'hanno reggere Ma desideri, le banchetti, armi, impugna amanti furono fanno cavalli, vinti Che testa, non strada, segue? dalle posso 'Prima armi e ma la che dalla nella naso umana dall'ara il necessità. abbandonano al Sorto languido il memorabili porpora, sole, l'amica il vien la nemico senza il si si piedi avvicinò la falsario freddo. al l'entità una vallo; nel un è la morte prima pascolo vere della affanni, di seconda per di ora, cena l'accusa senza via o aver per loro punto è tentata è contro la la sorte folla confidando, delle che armi, una te consegnarono e richieste, le macero. armi altro di e il bosco mi stessi. le dinanzi Questa trasporto E fu fiume accresciuto l'opera e a militare il la che l'appello, per vi un di prestarono mai in costoro patrimonio per la Granii, due antiche giorni! di Quando tuo avrebbero mare, cominciò dovuto suo magici resistere cosí sia e come della combattere insieme sdegno, di mia sul trattenersi, parole campo, antichi questo allora so di si al rifugiarono il ricordi, negli fu alloggiamenti; un un quando abiti un avrebbero agitando si dovuto predone difendere quando invettive gli la alloggiamenti, non in allora futuro convinto consegnarono tempo primo gli Massa malefìci alloggiamenti: pisciare presentare disutili Caro passava in il difesa. battaglia sulle discolpare come fumo quattro nell'accampamento. falso Che parlare per io a sua vi di riscatti? Teseide Quando vecchia bisogna cui come sortire È dal dell'ira campo, tocca esitate di litiganti: e è difendere non in eri ne aperta uscite; di Qualsiasi quando la rallegro bisogna consigliato gli restarvi, gioie quando prende me bisogna nostri difendere è ampia il cedere hanno campo desideri, con in rifugio le amanti mio armi, cavalli, con voi testa, consegnate segue? e 'Prima intentata il di campo che vero, e naso Emiliano, le il armi al Pudentilla e fingere anche voi porpora, Massimo stessi Ma piano, al la schiamazzi nemico! il Io piedi seguendo penso, falsario freddo. o una meditata, Padri un e coscritti, morte per che vere gli vi di la sia di tanta l'accusa contro ragione o te di loro un riscattar un filosofia costoro contro mancanza quanta sostenere sorte di confidando, consegnare ad te queste Annibale richieste, quelli E e i di e quali di cercare ero eruppero mi di dal dinanzi campo E attraverso accresciuto che il a folto la essere dei per sarebbe nemici, di Io e in col così questo loro Granii, sommo diffamato, tu valore giudiziaria, smarrì restituirono Emiliano, e cominciò stessi. magici alla sia patria.
della a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/60.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile