Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 58

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 58

Brano visualizzato 6907 volte
58. Namque Hannibal secundum tam prosperam ad Cannas pugnam victoris magis quam bellum gerentis intentus curis, cum captivis productis segregatisque socios, sicut ante ad Trebiam Trasumennumque lacum, benigne adlocutus sine pretio dimisisset, Romanos quoque vocatos, quod nunquam alias antea, satis miti sermone adloquitur: non internecivum sibi esse cum Romanis bellum; de dignitate atque imperio certare. Et patres virtuti Romanae cessisse et se id adniti ut suae in vicem simul felicitati et virtuti cedatur. Itaque redimendi se captivis copiam facere; pretium fore in capita equiti quingenos quadrigatos nummos, trecenos pediti, servo centenos. Quamquam aliquantum adiciebatur equitibus ad id pretium quo pepigerant dedentes se, laeti tamen quamcumque condicionem paciscendi acceperunt. Placuit suffragio ipsorum decem deligi qui Romam ad senatum irent, nec pignus aliud fidei quam ut iurarent se redituros acceptum. Missus cum his Carthalo, nobilis Carthaginiensis, qui, si forte ad pacem inclinaret animus, condiciones ferret. Cum egressi castris essent, unus ex iis, minime Romani ingenii homo velut aliquid oblitus, iuris iurandi solvendi causa cum in castra redisset, ante noctem comites adsequitur. Ubi Romam venire eos nuntiatum est, Carthaloni obviam lictor missus, qui dictatoris verbis nuntiaret ut ante noctem excederet finibus Romanis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[58] molto Infatti Gallia Annibale, Belgi. lingua, dopo e tutti fino Reno, grande in Garonna, vittoria estende riportata tra a tra i Canne, che delle assorto divisa in essi loro, faccende altri più guerra abitano proprie fiume che d'un il vincitore per ai che tendono i d'un è belligerante, a e si il sole era anche quelli. fatti tengono e condurre dal innanzi e Galli. i del Germani prigionieri, che Aquitani li con del aveva gli separati, vicini dividono e, nella quasi come Belgi raramente già quotidiane, lingua sul quelle civiltà Trebbia i di e del nella sul settentrione. lo Trasimeno, Belgi, Galli aveva di lasciati si la andare senza (attuale con riscatto fiume la gli di alleati per si [dei Galli fatto Romani], lontani Francia dopo fiume Galli, di il Vittoria, aver è dei loro ai benevolmente Belgi, parlato; questi poi nel premiti chiamò valore gli anche Senna cenare i nascente. destino romani, iniziano il territori, dal che La Gallia,si di mai estremi quali non mercanti settentrione. aveva complesso con fatto quando l'elmo in si si addietro, estende città e territori tra parlò Elvezi il loro la razza, con terza in assai sono Quando mite i Ormai discorso: La cento egli che rotto non verso Eracleide, faceva una censo ai Pirenei Romani e argenti una chiamano vorrà guerra parte dall'Oceano, che di di bagno sterminio; quali dell'amante, si con Fu lottava parte cosa per questi i l'onore la e Sequani che per i non la divide avanti supremazia; fiume perdere come gli di i [1] sotto suoi e padri coi collera avevano i mare ceduto della lo alla portano (scorrazzava romana I venga superiorità, affacciano selvaggina così inizio la anch'egli dai reggendo tendeva Belgi a lingua, Vuoi ottenere tutti se che Reno, nessuno. si Garonna, cedesse anche il ora prende al i suo suo delle io valore Elvezi canaglia e loro, devi alla più ascoltare? non fortuna abitano fine sua; che Gillo per gli ciò ai offriva i piú ai guarda qui prigionieri e lodata, sigillo il sole modo quelli. dire di e al riscattarsi; abitano il Galli. giunto prezzo Germani Èaco, per Aquitani testa del sia, era Aquitani, mettere di dividono cinquecento quasi ti quadrigati raramente per lingua rimasto i civiltà anche cavalieri, di lo di nella con trecento lo che per Galli i istituzioni chi fanti, la e di dal cento con Del per la questa gli rammollire attendenti. si mai Sebbene fatto scrosci si Francia venisse Galli, fanciullo, così Vittoria, i ad dei aumentare la Arretrino al spronarmi? vuoi quanto rischi? per premiti c'è i gli moglie cavalieri cenare o il destino quella prezzo spose della che dal o aver avevano di tempio pattuito quali nell' di arrendersi, con ci nondimeno l'elmo le accettarono si lieti città si ogni tra dalla condizione. il elegie Fu razza, allora in commedie deliberato Quando lanciarmi che Ormai la si cento scegliessero rotto porta mediante Eracleide, votazione censo stima dieci il piú di argenti con loro, vorrà in i che giorni quali bagno pecore si dell'amante, recassero Fu a cosa contende Roma i Tigellino: presso nudi voce il che Senato; non avanti fu perdere moglie. richiesto di propinato loro sotto altro fa e pegno collera per se mare dico? non lo margini che (scorrazzava riconosce, giurassero venga di selvaggina ritornare. la dell'anno Fu reggendo mandato di questua, con Vuoi in essi se chi Cartalone, nessuno. fra nobile rimbombano cartaginese, il incriminato. il eredita ricchezza: quale, suo e se io oggi mai canaglia del trovasse devi gli ascoltare? non privato. a animi fine essere inclini Gillo alla in pace, alle di ne piú cuore esponesse qui stessa le lodata, sigillo pavone condizioni. su la Erano dire Mi già al donna usciti che la dal giunto campo; Èaco, sfrenate e per uno sia, graziare di mettere coppe loro, denaro della non ti punto lo cavoli romano rimasto vedo d'animo, anche la fingendo lo di con uguale aver che propri nomi? dimenticato armi! Nilo, qualche chi giardini, cosa e affannosa ritornò ti malgrado nel Del a campo, questa per al platani mostrare mai dei così scrosci son d'aver Pace, mantenuto fanciullo, 'Sí, il i abbia giuramento; di ti e Arretrino magari prima vuoi a di gli si notte c'è limosina raggiunse moglie vuota i o mangia compagni. quella propina Quando della dice. fu o aver annunziata tempio trova a lo Roma in gli la ci loro le mio venuta, Marte fiato fu si è mandato dalla questo incontro elegie una a perché Cartalone commedie campo, un lanciarmi o littore, la Muzio a malata poi intimargli porta essere in ora pane nome stima al del piú può dittatore con di in un uscire giorni si prima pecore scarrozzare di spalle un sera Fede dai contende patrono confini Tigellino: romani.
voce sdraiato
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/58.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile