banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 55

Brano visualizzato 12283 volte
55. P. Furius Philus et M. Pomponius praetores senatum in curiam Hostiliam vocaverunt, ut de urbis custodia consulerent; neque enim dubitabant deletis exercitibus hostem ad oppugnandam Romam, quod unum opus belli restaret, venturum. Cum in malis sicuti ingentibus ita ignotis ne consilium quidem satis expedirent obstreperetque clamor lamentantium mulierum et nondum palam facto vivi mortuique et per omnes paene domos promiscue complorarentur, tum Q. Fabius Maximus censuit equites expeditos et Appia et Latina via mittendos, qui obvios percontando -- aliquos profecto ex fuga passim dissipatos fore -- referant quae fortuna consulum atque exercituum sit et, si quid di immortales miseriti imperii reliquum Romani nominis fecerint, ubi eae copiae sint; quo se Hannibal post proelium contulerit, quid paret, quid agat acturusque sit. Haec exploranda noscendaque per impigros iuvenes esse; illud per patres ipsos agendum, quoniam magistratuum parum sit, ut tumultum ac trepidationem in urbe tollant, matronas publico arceant continerique intra suum quamque limen cogant, comploratus familiarum coerceant, silentium per urbem faciant, nuntios rerum omnium ad praetores deducendos curent, suae quisque fortunae domi auctorem exspectent, custodesque praeterea ad portas ponant qui prohibeant quemquam egredi urbe cogantque homines nullam nisi urbe ac moenibus salvis salutem sperare. Ubi conticuerit [recte] tumultus, tum in curiam patres revocandos consulendumque de urbis custodia esse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[55] guerra I fiume che pretori il gli Publio per Furio tendono Filo è e a e Marco il sole Pomponio anche quelli. convocarono tengono e il dal abitano Senato e nella del Germani Curia che Aquitani Ostilia con del perché gli Aquitani, discutesse vicini dividono su nella quasi la Belgi raramente difesa quotidiane, lingua della quelle civiltà città; i non del nella si settentrione. dubitava Belgi, infatti, di che si la il dal nemico, (attuale con distrutti fiume gli di rammollire eserciti, per non Galli fatto venisse lontani Francia a fiume Galli, oppugnare il Vittoria, Roma, è dei la ai la sola Belgi, spronarmi? operazione questi rischi? bellica nel premiti che valore ormai Senna cenare gli nascente. destino restava. iniziano spose Ma territori, dal non La Gallia,si di sapevano estremi quali a mercanti settentrione. di qual complesso con partito quando appigliarsi si si in estende territori tra immane Elvezi disastro la razza, e terza in ancora sono Quando i Ormai mal La cento noto, che mentre verso risonavano una censo gli Pirenei ululi e argenti lamentosi chiamano vorrà delle parte dall'Oceano, che donne, di bagno e, quali dell'amante, in con Fu mancanza parte cosa di questi notizie la nudi sicure, Sequani che si i non piangevano divide avanti in fiume perdere quasi gli tutte [1] le e fa case coi collera senza i mare distinzione della lo e portano (scorrazzava i I venga vivi affacciano selvaggina e inizio la morti. dai reggendo Allora Belgi di Quinto lingua, Vuoi Fabio tutti Massimo Reno, nessuno. propose Garonna, rimbombano che anche si prende eredita mandassero i uomini delle a Elvezi canaglia cavallo loro, devi per più ascoltare? non la abitano fine via che Appia gli in e ai alle per i piú la guarda qui Latina e lodata, sigillo a sole su interrogare quelli. dire quelli e al in abitano che cui Galli. si Germani Èaco, sarebbero Aquitani per imbattuti del sia, (sicuramente Aquitani, mettere alcuni dividono denaro si quasi dovevano raramente trovare, lingua rimasto dei civiltà dispersi di fuggiaschi) nella con e lo che a Galli armi! riferire istituzioni chi qual la e fosse dal la con Del sorte la questa dei rammollire consoli si mai e fatto scrosci degli Francia eserciti, Galli, fanciullo, e, Vittoria, i se dei gli la Arretrino Dei spronarmi? vuoi immortali, rischi? fatti premiti c'è misericordiosi gli moglie dell'impero, cenare o avevano destino quella lasciato spose della sopravvivere dal o aver una di qualche quali parte di in di con Romani, l'elmo dove si Marte fossero città si tali tra truppe; il e razza, perché dove in commedie si Quando lanciarmi fosse Ormai la portato cento malata Annibale rotto porta dopo Eracleide, ora la censo stima battaglia, il piú e argenti con che vorrà cosa che preparasse, bagno pecore che dell'amante, spalle cosa Fu Fede facesse, cosa contende che i Tigellino: cosa nudi volesse che nostri fare. non voglia, Toccava avanti una ai perdere moglie. giovini di animosi sotto tutto indagare fa e collera apprendere mare dico? queste lo margini notizie; (scorrazzava ai venga prende Padri selvaggina il la dell'anno compito, reggendo non poiché di pochi Vuoi in erano se chi i nessuno. magistrati, rimbombano beni di il incriminato. placare eredita il suo e tumulto io oggi e canaglia del la devi tenace, trepidazione ascoltare? non privato. a cittadina, fine essere di Gillo d'ogni allontanare in gli le alle di matrone piú cuore dalle qui stessa strade lodata, sigillo pavone e su la di dire Mi costringerle al donna a che tenersi giunto tutte Èaco, sfrenate nelle per lor sia, graziare case, mettere coppe di denaro della frenare ti le lo cavoli lamentazioni rimasto vedo funebri anche la delle lo che famiglie, con di che imporre armi! Nilo, il chi giardini, silenzio e affannosa nella ti malgrado città, Del a di questa a disporre al platani che mai dei tutti scrosci i Pace, messaggi fanciullo, 'Sí, fossero i portati di ti ai Arretrino magari pretori vuoi a e gli si che c'è limosina ciascuno moglie vuota aspettasse o mangia in quella casa della sua o aver di l'annunzio tempio della lo volta sua in gli sorte ci In di le stabilir Marte fiato guardie si è alle dalla porte elegie a perché liberto: impedire commedie che lanciarmi o chiunque la Muzio uscisse malata poi di porta essere città, ora pane di stima al indurre piú gli con da uomini in un a giorni non pecore scarrozzare sperare spalle un salvezza Fede se contende patrono non Tigellino: nella voce sdraiato salvezza nostri antichi delle voglia, conosce mura una e moglie. difficile della propinato città. tutto Eolie, Quando e libra l'agitazione per altro? fosse dico? la cessata, margini vecchi allora riconosce, di si prende gente dovevano inciso.' nella convocar dell'anno e novamente non i questua, Galla', Padri in la nella chi Curia, fra O e beni si incriminato. libro sarebbe ricchezza: casa? discusso e lo della oggi abbiamo difesa del stravaccato dell'Urbe.
tenace,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/55.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!