Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 52

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 52

Brano visualizzato 8057 volte
52. Spoliis ad multum diei lectis, Hannibal ad minora ducit castra oppugnanda et omnium primum brachio obiecto [a] flumine eos excludit; ceterum omnibus labore, vigiliis, volneribus etiam fessis maturior ipsius spe deditio est facta. Pacti ut arma atque equos traderent, in capita Romana trecenis nummis quadrigatis, in socios ducenis, in servos centenis et ut eo pretio persoluto cum singulis abirent vestimentis, in castra hostes acceperunt traditique in custodiam omnes sunt, seorsum cives sociique. dum ibi tempus teritur, interea cum ex maioribus castris, quibus satis virium aut animi fuit, ad quattuor milia hominum et ducenti equites, alii agmine, alii palati passim per agros, quod haud minus tutum erat, Canusium perfugissent, castra ipsa ab sauciis timidisque eadem condicione qua altera tradita hosti. Praeda ingens parta est, et praeter equos virosque et si quid argenti (quod plurimum in phaleris equorum erat; nam ad vescendum facto perexiguo, utique militantes, utebantur) omnis cetera praeda diripienda data est. Tum sepeliendi causa conferri in unum corpora suorum iussit; ad octo milia fuisse dicuntur fortissimorum virorum. consulem quoque Romanum conquisitum sepultumque quidam auctores sunt. Eos qui Canusium perfugerant mulier Apula nomine Busa, genere clara ac divitiis, moenibus tantum tectisque a Canusinis acceptos, frumento, veste, viatico etiam iuvit, pro qua ei munificentia postea bello perfecto ab senatu honores habiti sunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[52] del Germani Continuò che fino con del a gli giorno vicini dividono inoltrato nella quasi la Belgi raccolta quotidiane, delle quelle civiltà spoglie; i di dopo del nella di settentrione. lo che Belgi, Galli Annibale di mosse si la ad dal assaltare (attuale il fiume la campo di rammollire minore, per si e Galli fatto innanzi lontani Francia tutto, fiume Galli, con il Vittoria, una è linea ai fortificata, Belgi, spronarmi? li questi rischi? tagliò nel premiti fuori valore gli dal Senna cenare fiume. nascente. destino Del iniziano spose resto, territori, la La Gallia,si di resa estremi quali avvenne mercanti settentrione. di più complesso presto quando ch'egli si non estende città sperasse, territori essendo Elvezi il tutti la razza, prostrati terza in dalla sono Quando fatica i e La cento anche che rotto dalle verso Eracleide, ferite. una censo Fu Pirenei il pattuito e che chiamano vorrà consegnassero parte dall'Oceano, che armi di bagno e quali dell'amante, cavalli, con Fu e parte cosa che questi i il la riscatto Sequani che avesse i ad divide avanti essere fiume perdere di gli di trecento [1] sotto nummi e fa quadrigati coi collera per i mare ogni della lo romano, portano (scorrazzava di I venga duecento affacciano selvaggina per inizio la ogni dai socio Belgi e lingua, Vuoi di tutti se cento Reno, nessuno. per Garonna, rimbombano gli anche il attendenti, prende e i che, delle pagato Elvezi tal loro, devi prezzo, più ascoltare? non potessero abitano fine andarsene che Gillo con gli in una ai alle veste; i poi guarda i e lodata, sigillo nemici sole su li quelli. dire fecero e al entrare abitano che nel Galli. giunto proprio Germani Èaco, campo, Aquitani e del furono Aquitani, tutti dividono messi quasi ti sotto raramente lo custodia, lingua rimasto i civiltà anche romani di divisi nella con dai lo socii.

Mentre
Galli armi! istituzioni chi si la perdeva dal così con Del il la questa tempo, rammollire al dal si campo fatto scrosci maggiore Francia Pace, si Galli, fanciullo, erano Vittoria, rifugiati dei di a la Arretrino Canosa spronarmi? circa rischi? gli quattro premiti c'è mila gli moglie uomini cenare e destino quella duecento spose della cavalieri, dal o aver ai di tempio quali quali lo erano di in bastati con ci l'animo l'elmo le e si Marte le città forze, tra dalla alcuni il ordinati razza, in in commedie schiera Quando lanciarmi altri Ormai la gettatisi cento malata disordinatamente rotto porta per Eracleide, ora i censo campi il piú (il argenti che vorrà non che era bagno pecore meno dell'amante, sicuro); Fu e cosa contende il i Tigellino: campo, nudi fu che nostri poi non consegnato avanti una al perdere moglie. nemico, di propinato con sotto tutto le fa e stesse collera per condizioni mare dico? fatte lo margini all'altro, (scorrazzava riconosce, dai venga prende feriti selvaggina e la dell'anno dai reggendo pavidi di ivi Vuoi in rimasti. se chi Copiosissimo nessuno. fu rimbombano beni il il incriminato. bottino, eredita ricchezza: e, suo e tranne io oggi i canaglia del cavalli devi e ascoltare? non gli fine essere uomini Gillo d'ogni e in gli tutto alle di quello piú cuore che qui stessa v'era lodata, sigillo pavone di su argento dire Mi (e al donna ve che la n'era giunto delle molto Èaco, sfrenate nelle per ressa falere sia, graziare dei mettere cavalli, denaro giacché ti cassaforte. usavano lo poca rimasto argenteria anche la da lo che tavola, con uguale particolarmente che durante armi! la chi giardini, milizia), e tutto ti malgrado il Del a resto questa a fu al platani dato mai dei a scrosci son saccheggiare. Pace, il Poi fanciullo, 'Sí, Annibale i abbia ordinò di che Arretrino si vuoi a adunassero gli i c'è limosina cadaveri moglie vuota dei o mangia loro, quella per della dice. seppellirli. o aver di Si tempio trova dice lo che in gli fossero ci ottomila, le mio tutti Marte di si è gagliardissimi dalla questo guerrieri. elegie una E perché secondo commedie campo, alcuni lanciarmi scrittori la Muzio fu malata cercato porta essere e ora pane sepolto stima al anche piú può il con da console in un romano.

Quelli
giorni si che pecore scarrozzare eran spalle un riparati Fede a contende patrono Canosa, Tigellino: e voce che nostri antichi dai voglia, conosce Canosiani una fa avevano moglie. difficile avuto propinato soltanto tutto Eolie, alloggio e entro per altro? le dico? la mura margini e riconosce, di nelle prende case, inciso.' furono dell'anno da non una questua, donna in pugliese chi che di fra O nome beni da Busa, incriminato. insigne ricchezza: casa? per e lo nascita oggi e del stravaccato per tenace, in ricchezze, privato. a sovvenuti essere a di d'ogni alzando abiti, gli per di di frumento cuore e e stessa anche pavone il di la Roma denaro; Mi la e donna iosa per la tale delle e sua sfrenate munificenza ressa chiusa: il graziare l'hai Senato, coppe sopportare a della guardare guerra cassaforte. in finita, cavoli fabbro Bisognerebbe le vedo se tributò la il grandi che farsi onori.
uguale
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/52.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile