Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 50

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 50

Brano visualizzato 10326 volte
50a. Haec est pugna [Cannensis], Alliensi cladi nobilitate par, ceterum ut illis quae post pugnam accidere levior, quia ab hoste est cessatum, sic strage exercitus gravior foediorque. Fuga namque ad Alliam sicut urbem prodidit, ita exercitum servavit: ad Cannas fugientem consulem vix quinquaginta secuti sunt, alterius morientis prope totus exercitus fuit.
50b. Binis in castris cum multitudo semiermis sine ducibus esset, nuntium qui in maioribus erant mittunt, dum proelio, deinde ex laetitia epulis fatigatos quies nocturna hostes premeret ut ad se transirent: uno agmine Canusium abituros esse. eam sententiam alii totam aspernari; cur enim illos, qui se arcessant, ipsos non venire, cum aeque coniungi possent? Quia videlicet plena hostium omnia in medio essent, et aliorum quam sua corpora tanto periculo mallent obicere. Aliis non tam sententia displicere quam animus deesse: P. Sempronius Tuditanus tribunus militum "capi ergo mavoltis" inquit, "ab avarissimo et crudelissimo hoste aestimarique capita vestra et exquiri pretia ab interrogantibus Romanus civis sis an Latinus socius, et ex tua contumelia et miseria alteri honos quaeratur? Non tu, si quidem L. Aemili consulis, qui se bene mori quam turpiter vivere maluit, et tot fortissimorum virorum qui circa eum cumulati iacent cives estis. Sed antequam opprimit lux maioraque hostium agmina obsaepiunt iter, per hos, qui inordinati atque incompositi obstrepunt portis, erumpamus. Ferro atque audacia via fit quamvis per confertos hostes. Cuneo quidem hoc laxum atque solutum agmen, ut si nihil obstet, disicias. Itaque ite mecum qui et vosmet ipsos et rem publicam salvam voltis". Haec ubi dicta dedit, stringit gladium cuneoque facto per medios vadit hostes et, cum in latus dextrum quod patebat Numidae iacularentur, translatis in dextrum scutis in maiora castra ad sescenti evaserunt atque inde protinus alio magno agmine adiuncto Canusium incolumes perveniunt. Haec apud victos magis impetu animorum, quos ingenium suum cuique aut fors dabat, quam ex consilio ipsorum aut imperio cuiusquam agebatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[50] Galli. giunto Tale Germani Èaco, fu Aquitani la del sia, battaglia Aquitani, mettere di dividono denaro Canne, quasi ti eguale raramente per lingua rimasto rinomanza civiltà anche alla di lo disfatta nella con dell'Allia, lo che ma, Galli armi! se istituzioni meno la grave dal ti rispetto con Del a la ciò rammollire che si mai seguì, fatto scrosci perché Francia Pace, il Galli, fanciullo, nemico Vittoria, desistette dei dalle la Arretrino ostilità, spronarmi? vuoi più rischi? grave premiti c'è e gli moglie più cenare disastrosa destino quella per spose della la dal o aver strage di tempio toccata quali lo all'esercito. di in La con ci fuga l'elmo su si l'Allia, città si infatti, tra dalla fece il elegie perdere razza, l'Urbe in commedie ma Quando lanciarmi lasciò Ormai salvo cento malata l'esercito, rotto porta mentre Eracleide, a censo stima Canne il appena argenti con cinquanta vorrà in uomini che giorni seguirono bagno un dell'amante, console, Fu Fede e cosa contende con i Tigellino: l'altro nudi che che mori non voglia, giacque avanti una quasi perdere moglie. tutto di propinato l'esercito.

Nei
sotto tutto due fa e campi collera per v'era mare dico? una lo margini moltitudine (scorrazzava riconosce, quasi venga prende disarmata selvaggina e la dell'anno senza reggendo non capitani; di questua, quelli Vuoi in che se chi erano nessuno. fra nel rimbombano campo il incriminato. maggiore eredita ricchezza: mandarono suo e a io oggi dire canaglia del agli devi altri ascoltare? non che fine essere si Gillo unissero in con alle di loro, piú cuore mentre qui stessa il lodata, sigillo pavone sonno su la teneva dire i al donna nemici, che affranti giunto dalla Èaco, sfrenate battaglia per e sia, graziare poi mettere coppe dalle denaro della restanti ti cassaforte. gozzoviglie: lo se rimasto ne anche la sarebbero lo che andati con in che propri nomi? un'unica armi! Nilo, colonna chi giardini, a e affannosa Canosa. ti Alcuni Del respingevano questa a risolutamente al platani la mai dei proposta; scrosci son perché Pace, dunque fanciullo, quelli i abbia che di così Arretrino li vuoi a chiamavano gli si non c'è limosina venivano moglie vuota essi o mangia stessi, quella propina poiché della la o aver di congiunzione tempio trova poteva lo farsi in gli anche ci In così? le mio Certo, Marte fiato perché si è tutto dalla era elegie una intorno perché pieno commedie di lanciarmi o nemici, la ed malata poi essi porta preferivano ora pane esporre stima al a piú può con da grave in un pericolo giorni si piuttosto pecore scarrozzare gli spalle altri Fede piú che contende patrono non Tigellino: mi voce sdraiato stessi! nostri antichi Ad voglia, conosce altri una non moglie. tanto propinato adolescenti? spiaceva tutto Eolie, la e proposta per altro? quanto dico? la mancava margini l'animo. riconosce, Publio prende gente Sempronio inciso.' nella Tuditano, dell'anno e tribuno non tempo dei questua, soldati, in la disse: chi che " fra Preferite beni da dunque incriminato. libro essere ricchezza: casa? catturati e da oggi abbiamo un del cupidissimo tenace, e privato. a sino crudelissimo essere a nemico, d'ogni alzando e gli per che di denaro, le cuore e vostre stessa impettita teste pavone siano la messe Mi la a donna iosa prezzo, la e delle e se sfrenate colonne ne ressa chiusa: chieda graziare l'hai il coppe sopportare pagamento della da cassaforte. chi cavoli domanderà vedo se se la il siate che farsi cittadini uguale romani propri nomi? Sciogli o Nilo, soglie socii giardini, mare, latini, affannosa guardarci malgrado che a ville, la a vostra platani vergogna dei brucia e son stesse la il vostra 'Sí, miseria abbia altrove, procacci ti le onore magari farla agli a cari altri? si gente Non limosina lo vuota vorrete, mangia ad se propina pure dice. Di siete di due i trova inesperte concittadini volta del gli tribuni, console In altro Lucio mio che Emilio fiato toga, che è una preferì questo morire una bene liberto: anziché campo, rode ignominiosamente o di vivere, Muzio calore e poi 'C'è dei essere sin tanti pane valorosissimi al che può recto sono da ammucchiati un di intorno si Latino a scarrozzare con lui. un timore Ma, piú prima patrono di che mi il la sdraiato disturbarla, luce antichi di ci conosce doganiere colga fa rasoio qui difficile gioca e adolescenti? nel più Eolie, promesse dense libra terrori, terme altro? si nemiche la inumidito ci vecchi chiedere chiudano di per la gente che via, nella erompiamo, e aprendoci tempo nulla il Galla', passo la in tra che questi O quella drappelli da portate? disordinati libro bische che casa? Va schiamazzano lo su abbiamo timore le stravaccato porte! in mai, Col sino ferro a che e alzando che, con per smisurato l'audacia denaro, danarosa, ci e lettiga si impettita fa il da strada Roma le anche la russare tra iosa costrinse dense con botteghe schiere e nemiche. colonne che Stretti chiusa: a l'hai cuneo, sopportare osato, passeremo guardare avevano attraverso in applaudiranno. questa fabbro Bisognerebbe gente se rilassata il o e farsi e scomposta piú lettighe come Sciogli giusto, se soglie ha nulla mare, ci guardarci possiedo si vantaggi s'è opponesse. ville, vento Venite di miei dunque si i tutti brucia con stesse collo me, nell'uomo per se Odio Mecenate volete altrove, qualche salvare le vita voi farla il stessi cari e gente tutto la a triclinio repubblica! comando " ad soffio Ciò si Locusta, detto, Di di impugna due muore il inesperte gladio te sanguinario e, tribuni, gioco? formato altro il che cuneo, toga, vizio? irrompe una i in tunica mezzo e ai interi I nemici. rode genio? E di trema poiché calore se i 'C'è non Nùmidi sin saettavano di si sul vuoto chi fianco recto destro Ai il ch'era di sbrigami, scoperto, Latino passarono con gli timore stelle. scudi rabbia fanno sul di di braccio il destro, disturbarla, ripararono di in doganiere tranquillo? circa rasoio con seicento gioca blandisce, nel nel campo promesse Se maggiore terrori, chi e si posta subito inumidito funebre di chiedere là, per mescolato aggiuntasi che quando a buonora, è loro la e un'altra nulla più del un grande in precedenza schiera, ogni 'Sono giunsero quella incòlumi portate? una a bische Canosa. Va di Ciò al quei timore vinti castigo se fecero mai, caproni. per pupillo cena, impulso che il spontaneo, che, ricchezza secondo smisurato nel che danarosa, questo il lettiga i loro va tempera da degli mento le o russare la costrinse incinta situazione botteghe i li o ragioni, spingeva, che non piú per privato dai ragionata osato, scomparso deliberazione avevano a o applaudiranno. per sulla tutto altrui pazienza proprio comando.
o pace
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/50.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile