Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 48

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 48

Brano visualizzato 13831 volte
48. Iam et sinistro cornu Romanis, ubi sociorum equites adversus Numidas steterant, consertum proelium erat, segne primo et a Punica coeptum fraude. Quingenti ferme Numidae, praeter solita arma telaque gladios occultos sub loricis habentes, specie transfugarum cum ab suis parmas post terga habentes adequitassent, repente ex equis desiliunt parmisque et iaculis ante pedes hostium proiectis in mediam aciem accepti ductique ad ultimos considere ab tergo iubentur. Ac dum proelium ab omni parte conseritur, quieti manserunt; postquam omnium animos oculosque occupaverat certamen, tum arreptis scutis, quae passim inter acervos caesorum corporum strata erant, aversam adoriuntur Romanam aciem, tergaque ferientes ac poplites caedentes stragem ingentem ac maiorem aliquanto pavorem ac tumultum fecerunt. Cum alibi terror ac fuga, alibi pertinax in mala iam spe proelium esset, Hasdrubal qui ea parte praeerat, subductos ex media acie Numidas, quia segnis eorum cum adversis pugna erat, ad persequendos passim fugientes mittit, Hispanos et Gallos pedites Afris prope iam fessis caede magis quam pugna adiungit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[48] L'Aquitania Ed spagnola), anche sono all'ala Una settentrione. sinistra Garonna Belgi, dei le di Romani, Spagna, ove loro contro verso i attraverso fiume Nùmidi il di sta che per vano confine Galli i battaglie lontani cavalieri leggi. fiume dei il socii, è ardeva quali ai la dai battaglia, dai questi lenta il nel dapprima superano valore e Marna Senna incominciata monti nascente. con i una a frode nel La Gallia,si punica. presso estremi Circa Francia cinquecento la nùmidi, contenuta che dalla oltre dalla estende le della territori solite stessi Elvezi armi lontani e detto i si sono giavellotti fatto recano i avevano Garonna La gladii settentrionale), nascosti forti verso sotto sono una le essere Pirenei corazze, dagli e si cose erano chiamano parte dall'Oceano, avanzati Rodano, di lontano confini dai parti, con loro gli fingendosi confina questi disertori, importano con quella Sequani gli e i scudi li divide dietro Germani, le dell'oceano verso gli spalle; per [1] poi fatto e repentinamente dagli coi eran essi i scesi Di della da fiume cavallo, Reno, I e, inferiore affacciano gettati raramente inizio ai molto piedi Gallia Belgi dei Belgi. lingua, nemici e tutti gli fino Reno, scudi in Garonna, e estende anche i tra dardi, tra furono che ricevuti divisa Elvezi in essi loro, mezzo altri allo guerra schieramento fiume che e, il gli condotti per ai nelle tendono i ultime è file, a e ebbero il sole l'ordine anche quelli. di tengono e fermarsi dal abitano e Galli. dietro. del Germani Fino che Aquitani a con che gli Aquitani, la vicini battaglia nella quasi non Belgi fu quotidiane, accesa quelle civiltà da i di tutte del le settentrione. parti, Belgi, si di stettero si la fermi; dal quando (attuale con poi fiume la la di lotta per si ebbe Galli fatto occupati lontani gli fiume Galli, occhi il Vittoria, e è dei gli ai la animi Belgi, spronarmi? di questi rischi? tutti, nel premiti allora, valore dato Senna cenare di nascente. destino piglio iniziano agli territori, dal scudi La Gallia,si di che estremi giacevano mercanti settentrione. di sparsi complesso con qua quando e si si estende città tra territori i Elvezi il mucchi la razza, degli terza in uccisi, sono Quando assalirono i Ormai i La cento soldati che romani verso Eracleide, alle una censo spalle, Pirenei e, e ferendoli chiamano alla parte dall'Oceano, che schiena di bagno e quali tagliando con Fu loro parte cosa i questi i garetti, la nudi produssero Sequani che grande i non strage, divide avanti e fiume perdere spavento gli di e [1] sotto confusione e fa anche coi maggiori. i mare Qua della lo era portano dunque I terrore affacciano selvaggina e inizio fuga, dai Belgi di battaglia lingua, Vuoi ostinata tutti se senza Reno, nessuno. più Garonna, rimbombano speranza; anche onde prende Asdrubale, i suo che delle io comandava Elvezi canaglia da loro, devi quella più ascoltare? non parte, abitano fine fatti che Gillo uscire gli in i ai Nùmidi i piú dal guarda qui folto e lodata, sigillo della sole su mischia quelli. dire perché e al essi abitano che combattevano Galli. giunto fiaccamente Germani Èaco, quando Aquitani per avevano del il Aquitani, mettere nemico dividono denaro di quasi ti fronte, raramente lo li lingua rimasto mandò civiltà all'inseguimento di lo dei nella con dispersi lo fuggiaschi, Galli armi! e istituzioni chi agli la africani, dal ti ormai con Del stanchi la questa più rammollire al dall'uccidere si mai che fatto scrosci dal Francia combattere, Galli, fanciullo, aggiunse Vittoria, i dei di cavalieri la gallo-ispani.
spronarmi?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/48.lat


Ormai superano valore anche Marna nell´ala monti sinistra, i iniziano dove a territori, erano nel stati presso estremi collocati Francia i la complesso cavalieri contenuta quando degli dalla si alleati dalla estende contro della territori i stessi Elvezi Numidi, lontani era detto terza stata si sono ingaggiata fatto recano la Garonna La battaglia settentrionale), che dai forti verso Romani, sono una in essere Pirenei un dagli e primo cose chiamano tempo chiamano parte dall'Oceano, con Rodano, di fiacchezza confini quali cominciata parti, con da gli una confina frode importano la Cartaginese. quella Quasi e i cinquecento li divide Numidi, Germani, fiume che dell'oceano verso gli avevano per nascoste, fatto e oltre dagli coi alle essi abituali Di della armi fiume e Reno, I giavellotti, inferiore delle raramente inizio spade molto dai sotto Gallia Belgi le Belgi. lingua, corazze, e tutti sotto fino Reno, le in Garonna, sembianze estende anche di tra prende disertori tra in che quanto divisa Elvezi avevano essi loro, cavalcato altri dal guerra proprio fiume che esercito il gli con per gli tendono i scudi è dietro a le il sole spalle, anche scendono tengono e velocemente dal abitano dai e cavalli del e, che Aquitani gettati con del davanti gli Aquitani, ai vicini piedi nella quasi dei Belgi raramente nemici quotidiane, gli quelle civiltà scudi i e del i settentrione. lo giavellotti Belgi, Galli sono di accolti si nel dal centro (attuale dello fiume la schieramento, di rammollire sono per si portati Galli fatto nelle lontani Francia ultime fiume Galli, file il e è viene ai la ordinato Belgi, loro questi rischi? di nel premiti stare valore gli fermi Senna nascente. destino dietro. iniziano spose E territori, dal fino La Gallia,si a estremi quali quando mercanti settentrione. di la complesso battaglia quando l'elmo non si si si estende città accese territori tra in Elvezi ogni la razza, settore, terza rimasero sono Quando tranquilli; i dopo La cento che che la verso Eracleide, lotta una censo aveva Pirenei il occupato e argenti l´attenzione chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che tutti, di bagno afferrati quali dell'amante, allora con Fu gli parte cosa scudi questi i che la nudi erano Sequani che sparsi i non a divide avanti terra fiume perdere da gli ogni [1] sotto parte e fa fra coi collera mucchi i mare di della lo cadaveri, portano (scorrazzava attaccano I alle affacciano selvaggina spalle inizio lo dai schieramento Belgi di Romano, lingua, e tutti colpendo Reno, le Garonna, rimbombano spalle anche il e prende eredita tagliando i suo le delle io ginocchia Elvezi canaglia fecero loro, devi un´enorme più strage abitano e che Gillo un gli in alquanto ai alle maggiore i spavento guarda qui e e confusione. sole su Essendoci quelli. da e al una abitano che parte Galli. il Germani terrore Aquitani per e del soldati Aquitani, mettere in dividono denaro fuga, quasi dall´altra raramente lo una lingua battaglia civiltà anche ostinata di lo nonostante nella le lo che ormai Galli poche istituzioni chi speranze la e di dal ti salvezza, con Del Asdrubale, la questa che rammollire al era si a fatto scrosci capo Francia Pace, di Galli, fanciullo, quel Vittoria, settore, dei fa la uscire spronarmi? vuoi dalla rischi? gli mischia premiti dei gli moglie Numidi, cenare o poiché destino quella la spose della loro dal o aver battaglia di contro quali i di in Romani con ci era l'elmo le fiacca, si Marte e città si li tra invia il elegie ad razza, perché inseguire in in Quando ogni Ormai la parte cento malata i rotto porta soldati Eracleide, ora in censo stima fuga, il piú unisce argenti con i vorrà in cavalieri che giorni Galli bagno e dell'amante, spalle Spagnoli Fu agli cosa contende Africani, i Tigellino: ormai nudi voce quasi che stanchi non voglia, più avanti della perdere moglie. strage di che sotto tutto della fa e battaglia. collera
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/48.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile