Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 47

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 47

Brano visualizzato 19237 volte
47. Clamore sublato procursum ab auxiliis et pugna levibus primum armis commissa; deinde equitum Gallorum Hispanorumque laevum cornu cum dextro Romano concurrit, minime equestris more pugnae; frontibus enim adversis concurrendum erat, quia nullo circa ad evagandum relicto spatio hinc amnis, hinc peditum acies claudebant. In derectum utrimque nitentes, stantibus ac confertis postremo turba equis vir virum amplexus detrahebat equo. Pedestre magna iam ex parte certamen factum erat; acrius tamen quam diutius pugnatum est pulsique Romani equites terga vertunt. Sub equestris finem certaminis coorta est peditum pugna, primo et viribus et animis par dum constabant ordines Gallis Hispanisque; tandem Romani, diu ac saepe conisi, aequa fronte acieque densa impulere hostium cuneum nimis tenuem eoque parum validum, a cetera prominentem acie. Impulsis deinde ac trepide referentibus pedem institere ac tenore uno per praeceps pavore fugientium agmen in mediam primum aciem inlati, postremo nullo resistente ad subsidia Afrorum pervenerunt, qui utrimque reductis alis constiterant media, qua Galli Hispanique steterant, aliquantum prominente acie. Qui cuneus ut pulsus aequavit frontem primum, deinde cedendo etiam sinum in medio dedit, Afri circa iam cornua fecerant inruentibusque incaute in medium Romanis circumdedere alas; mox cornua extendendo clausere et ab tergo hostes. Hinc Romani, defuncti nequiquam [de] proelio uno, omissis Gallis Hispanisque, quorum terga ceciderant, [et] adversus Afros integram pugnam ineunt, non tantum [in] eo iniquam quod inclusi adversus circumfusos sed etiam quod fessi cum recentibus ac vegetis pugnabant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[47] il Vittoria, Levatosi è dei il ai la grido Belgi, spronarmi? di questi rischi? guerra, nel si valore gli spinsero Senna cenare innanzi nascente. destino gli iniziano spose ausiliarii, territori, dal e La Gallia,si dapprima estremi quali il mercanti settentrione. combattimento complesso con fu quando tra si si gli estende città armati territori tra leggieri; Elvezi il poi la razza, l'ala terza in sinistra sono della i cavalleria La cento gallica che rotto e verso Eracleide, ispanica una censo si Pirenei il azzuffò e argenti con chiamano vorrà l'ala parte dall'Oceano, che destra di bagno romana, quali dell'amante, non con tuttavia parte in questi i forma la nudi di Sequani che combattimento i non equestre: divide avanti bisognava fiume perdere infatti gli di lottare [1] sotto frontalmente e fa perché, coi collera non i mare essendoci della lo intorno portano spazio I venga per affacciano selvaggina evoluzioni, inizio da dai reggendo un Belgi di lato lingua, Vuoi le tutti se serravano Reno, nessuno. le Garonna, schiere anche dei prende eredita fanti i suo e delle io dall'altro Elvezi il loro, fiume. più ascoltare? non Si abitano fine urtarono che Gillo dunque gli d'ambe ai alle le i piú parti guarda in e lodata, sigillo linea sole su di quelli. fronte; e forzati abitano che a Galli. immobilità Germani dalla Aquitani per calca del sia, i Aquitani, cavalli, dividono denaro i quasi ti cavalieri raramente lo si lingua rimasto abbrancavano, civiltà anche l'uno di lo per nella gettar lo l'altro Galli di istituzioni chi sella. la e La dal battaglia con era la ormai rammollire al divenuta si prevalentemente fatto scrosci pedestre; Francia tuttavia Galli, fanciullo, si Vittoria, i combatté dei di piuttosto la Arretrino aspramente spronarmi? che rischi? a premiti lungo, gli moglie e cenare i destino quella cavalieri spose della romani, dal o aver respinti, di tempio volsero quali lo in di in fuga. con ci Mentre l'elmo le finiva si Marte il città si combattimento tra dalla equestre il elegie cominciò razza, perché quello in dei Quando lanciarmi fanti, Ormai dapprima cento eguale rotto porta di Eracleide, forze censo stima e il piú d'impeto, argenti con fin vorrà in tanto che giorni che bagno pecore galli dell'amante, e Fu ispanici cosa tennero i Tigellino: fermo; nudi voce infine che i non voglia, Romani, avanti una dopo perdere moglie. lungo di e sotto tutto ripetuto fa e sforzo, collera per avanzando mare di lo margini fronte (scorrazzava e venga prende in selvaggina inciso.' file la serrate, reggendo non fecero di ripiegare Vuoi in il se chi cuneo nessuno. fra nemico, rimbombano troppo il incriminato. esiguo eredita ricchezza: e suo per io oggi ciò canaglia poco devi tenace, resistente ascoltare? non privato. a che fine sporgeva Gillo d'ogni innanzi in gli dalla alle di linea. piú cuore Allora, qui stessa così lodata, sigillo respintili su la e dire Mi vòltili al donna in che la trepida giunto fuga, Èaco, sfrenate li per ressa incalzarono, sia, e, mettere coppe dallo denaro della stesso ti cassaforte. slancio lo cavoli trasportati, rimasto attraverso anche le lo schiere con uguale atterrite che propri nomi? fuggenti armi! a chi giardini, precipizio, e in ti malgrado mezzo Del a alla questa a massa al platani centrale, mai dei alla scrosci fine Pace, giunsero fanciullo, 'Sí, senza i trovar di ti resistenza Arretrino magari agli vuoi a ausiliarii gli africani, c'è limosina i moglie vuota quali o si quella tenevano della fermi o aver di su tempio le lo ali in gli arretrate, ci In di le mio qua Marte fiato e si è di dalla là, elegie una mentre perché liberto: le commedie campo, schiere lanciarmi o di la Muzio mezzo malata poi formate porta dai ora pane gallo-ispani stima si piú può sporgevano con da alquanto in un innanzi. giorni E pecore quando spalle un quel Fede piú cuneo, contende prima Tigellino: mi respinto voce sdraiato indietro, nostri antichi si voglia, conosce fu una portato moglie. difficile su propinato la tutto Eolie, stessa e libra linea per del dico? fronte, margini e riconosce, di poi, prende retrocedendo, inciso.' nella aperse dell'anno e un non tempo vuoto questua, Galla', nel in la mezzo, chi che gli fra O africani beni da già incriminato. libro formavano ricchezza: casa? due e curve oggi abbiamo avvolgenti, del stravaccato e tenace, in quindi privato. a avvolsero essere a ai d'ogni alzando fianchi gli i di denaro, Romani cuore e incautamente stessa impettita irruenti; pavone infine, la Roma stendendosi Mi la ancor donna iosa più la con accerchiarono delle e i sfrenate nemici ressa anche graziare l'hai da coppe sopportare tergo. della guardare Allora cassaforte. in i cavoli Romani, vedo dopo la di che aver uguale combattuto propri nomi? Sciogli invano Nilo, quella giardini, prima affannosa battaglia, malgrado non a si a di curaron platani più dei dei son stesse gallo-ispani il nell'uomo di 'Sí, Odio cui abbia altrove, avevano ti le tartassate magari farla le a cari spalle, si gente e limosina cominciarono vuota una mangia ad battaglia propina si nuova dice. anche di contro trova inesperte gli volta africani, gli per In altro essi mio che svantaggiosa fiato toga, non è tanto questo tunica perché una e da liberto: interi accerchiati campo, contro o di accerchianti, Muzio quanto poi perché essere sin stanchi pane di dovevano al vuoto combattere può recto contro da forze un fresche si e scarrozzare vigorose.
un timore
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/47.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile