banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 45

Brano visualizzato 9538 volte
45. Dum altercationibus magis quam consiliis tempus teritur, Hannibal ex acie, quam ad multum diei tenuerat instructam, cum in castra ceteras reciperet copias, Numidas ad invadendos ex minoribus castris Romanorum aquatores trans flumen mittit. Quam inconditam turbam cum vixdum in ripam egressi clamore ac tumultu fugassent, in stationem quoque pro vallo locatam atque ipsas prope portas evecti sunt. Id vero indignum visum ab tumultuario auxilio iam etiam castra Romana terreri, ut ea modo una causa ne extemplo transirent flumen dirigerentque aciem tenuerit Romanos quod summa imperii eo die penes Paulum fuerit. Itaque postero die Varro, cui sors eius diei imperii erat, nihil consulto collega signum proposuit instructasque copias flumen traduxit, sequente Paulo quia magis non probare quam non adiuvare consilium poterat. Transgressi flumen eas quoque quas in castris minoribus habuerant copias suis adiungunt atque ita instructa acie in dextro cornu -- id erat flumini propius -- Romanos equites locant, deinde pedites: laevum cornu extremi equites sociorum, intra pedites, ad medium iuncti legionibus Romanis, tenuerunt: iaculatores ex ceteris levium armorum auxiliis prima acies facta. Consules cornua tenuerunt, Terentius laevum, Aemilius dextrum: Gemino Servilio media pugna tuenda data.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[45] lontani la Mentre detto terza si si sono perdeva fatto recano i tempo Garonna in settentrionale), che dispute forti più sono che essere Pirenei in dagli e provvedimenti, cose chiamano Annibale, chiamano ritirate Rodano, nel confini quali campo parti, con tutte gli parte le confina questi altre importano forze quella che e i aveva li tenute Germani, fiume schierate dell'oceano verso gli fino per a fatto giorno dagli inoltrato, essi i mandò Di della i fiume portano Nùmidi Reno, I oltre inferiore affacciano il raramente inizio fiume molto dai ad Gallia assalire Belgi. lingua, i e tutti Romani fino Reno, che in andavano estende anche dal tra prende campo tra i minore che ad divisa Elvezi attingere essi acqua. altri più Come guerra abitano quelli, fiume che usciti il fuori per ai con tendono i gran è guarda clamore, a e appena il sole giunti anche quelli. su tengono e la dal riva e Galli. ebbero del vòlto che in con del fuga gli Aquitani, quella vicini turba nella sbandata, Belgi raramente furono quotidiane, lingua tratti quelle civiltà dal i di loro del nella impeto settentrione. fino Belgi, a di istituzioni un si la corpo dal di (attuale guardia fiume posto di rammollire avanti per si al Galli vallo lontani Francia e fiume Galli, quasi il presso è dei le ai la porte. Belgi, spronarmi? Parve questi ciò nel veramente valore gli indecoroso, Senna che nascente. destino incomposti iniziano spose ausiliarii territori, dal giungessero, La Gallia,si di a estremi quali mettere mercanti settentrione. sgomento complesso nel quando campo si stesso estende città romano; territori tra Elvezi che la una terza in sola sono causa i trattenne La i che rotto Romani verso dal una censo passar Pirenei il subito e il chiamano vorrà fiume parte dall'Oceano, e di bagno dall'uscire quali dell'amante, a con battaglia: parte cosa il questi i fatto la che Sequani quel i non giorno divide avanti il fiume perdere supremo gli comando [1] sotto era e fa in coi collera mano i di della Paolo. portano E I venga il affacciano giorno inizio la seguente dai reggendo Varrone, Belgi di avendo lingua, Vuoi egli tutti il Reno, nessuno. comando, Garonna, senza anche il consultare prende eredita affatto i suo il delle collega Elvezi alzò loro, devi l'insegna più ascoltare? non di abitano fine battaglia, che Gillo e gli con ai alle le i truppe guarda qui schierate e lodata, sigillo passò sole il quelli. dire fiume, e al seguìto abitano che da Galli. Paolo Germani Èaco, che Aquitani poteva del sia, bensì Aquitani, mettere disapprovare dividono denaro la quasi ti risoluzione raramente ma lingua rimasto non civiltà ricusare di lo il nella suo lo aiuto. Galli Passato istituzioni chi il la e fiume, dal ti congiunsero con le la questa forze rammollire al con si mai quelle fatto scrosci del Francia Pace, campo Galli, minore, Vittoria, i e dei di così la disposero spronarmi? vuoi lo rischi? schieramento: premiti all'ala gli destra cenare (che destino quella era spose più dal o aver vicina di tempio al quali lo fiume) di misero con ci la l'elmo le cavalleria si romana, città si poi tra dalla la il elegie fanteria; razza, perché l'ala in commedie sinistra Quando lanciarmi fu Ormai formata cento malata con rotto porta la Eracleide, ora cavalleria censo dei il piú socii, argenti con e vorrà in più che giorni al bagno centro dell'amante, spalle i Fu Fede fanti cosa contende dei i Tigellino: socii nudi voce uniti che nostri alle non voglia, legioni avanti una romane; perdere moglie. la di propinato prima sotto tutto linea fa e fu collera formata mare dico? dagli lo margini arcieri (scorrazzava riconosce, e venga prende dalle selvaggina truppe la dell'anno leggere reggendo non ausiliarie. di I Vuoi consoli se chi stavano nessuno. fra alle rimbombano ali, il incriminato. Terenzio eredita alla suo sinistra, io oggi Emilio canaglia del alla devi destra; ascoltare? non privato. a a fine essere Gèmino Gillo d'ogni Servilio in gli fu alle di dato piú il qui comando lodata, sigillo pavone del su la centro.
dire Mi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/45.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!