banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 43

Brano visualizzato 13002 volte
43. Hannibal postquam motos magis inconsulte Romanos quam ad ultimum temere evectos vidit, nequiquam detecta fraude in castra rediit. Ibi plures dies propter inopiam frumenti manere nequit, novaque consilia in dies non apud milites solum mixtos ex conluvione omnium gentium sed etiam apud ducem ipsum oriebantur. Nam cum initio fremitus, deinde aperta vociferatio fuisset exposcentium stipendium debitum querentiumque annonam primo, postremo famem, et mercennarios milites, maxime Hispani generis, de transitione cepisse consilium fama esset, ipse etiam interdum Hannibal de fuga in Galliam dicitur agitasse ita ut relicto peditatu omni cum equitibus se proriperet. Cum haec consilia atque hic habitus animorum esset in castris, movere inde statuit in calidiora atque eo maturiora messibus Apuliae loca, simul ut, quo longius ab hoste recessisset, eo transfugia impeditiora levibus ingeniis essent. Profectus est nocte ignibus similiter factis tabernaculisque paucis in speciem relictis, ut insidiarum par priori metus contineret Romanos. Sed per eundem Lucanum Statilium omnibus ultra castra transque montes exploratis, cum relatum esset visum procul hostium agmen, tum de insequendo eo consilia agitari coepta. Cum utriusque consulis eadem quae ante semper fuisset sententia, ceterum Varroni fere omnes, Paulo nemo praeter Servilium, prioris anni consulem, adsentiretur, [ex] maioris partis sententia ad nobilitandas clade Romana Cannas urgente fato profecti sunt. Prope eum vicum Hannibal castra posuerat aversa a Volturno vento, qui campis torridis siccitate nubes pulveris vehit. Id cum ipsis castris percommodum fuit, tum salutare praecipue futurum erat cum aciem dirigerent, ipsi aversi terga tantum adflante vento in occaecatum pulvere offuso hostem pugnaturi.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[43] territori, dal Annibale, La Gallia,si di come estremi quali vide mercanti settentrione. di che complesso i quando l'elmo Romani si si si estende città erano territori tra bensì Elvezi inconsideratamente la mossi terza in ma sono non i Ormai si La erano che più verso Eracleide, oltre una avventurati, Pirenei il scopertasi e argenti e chiamano vorrà resa parte dall'Oceano, vana di bagno la quali dell'amante, sua con Fu frode, parte cosa ritornò questi i nell'accampamento. la Ma Sequani che non i non poté divide fermarvici fiume perdere molti gli giorni [1] sotto per e fa penuria coi di i mare viveri, della lo e portano (scorrazzava ogni I venga giorno affacciano selvaggina sorgevano inizio la nuovi dai reggendo propositi Belgi di non lingua, Vuoi solo tutti tra Reno, nessuno. i Garonna, rimbombano soldati, anche accozzaglia prende eredita d'ogni i suo sorta delle di Elvezi gente, loro, devi ma più ascoltare? non anche abitano nel che comandante gli stesso. ai alle Era i cominciato guarda qui da e lodata, sigillo prima sole su un quelli. sordo e al mormorare, abitano che poi Galli. questo Germani si Aquitani per era del sia, mutato Aquitani, in dividono aperta quasi ti vociferazione, raramente lo che lingua tutti civiltà richiedevano di lo il nella con soldo lo che dovuto Galli armi! e istituzioni chi si la lagnavano dal prima con della la questa scarsità rammollire del si cibo fatto scrosci poi Francia Pace, della Galli, fanciullo, fame; Vittoria, e dei di i la Arretrino mercenarii, spronarmi? vuoi massime rischi? gli premiti c'è ispanici, gli moglie si cenare o erano, destino quella dicesi spose della proposto dal o aver di di disertare; quali lo e di in anche con ci si l'elmo le dice si Marte che città si talvolta tra lo il stesso razza, perché Annibale in commedie avesse Quando lanciarmi fatto Ormai la pensiero cento malata di rotto porta fuggire Eracleide, nella censo stima Gallia, il piú dando argenti con di vorrà in volta che giorni con bagno pecore la dell'amante, spalle cavalleria Fu Fede e cosa contende abbandonando i Tigellino: tutta nudi la che nostri fanteria. non voglia, Tali avanti erano perdere dunque di propinato i sotto propositi fa e e collera per tale mare dico? lo lo margini stato (scorrazzava riconosce, d'animo venga nel selvaggina inciso.' campo; la dell'anno ond'egli reggendo non risolse di questua, di Vuoi in partir se chi di nessuno. rimbombano beni verso il i eredita ricchezza: luoghi suo e dell'Apulia, io oggi più canaglia del caldi devi tenace, e ascoltare? non privato. a per fine ciò Gillo d'ogni più in gli maturi alle per piú cuore i qui stessa raccolti, lodata, sigillo pavone ed su la anche dire Mi perché al donna più che la difficili giunto sarebbero Èaco, sfrenate state, per ressa quanto sia, graziare più mettere coppe si denaro della fosse ti cassaforte. lontani lo dal rimasto vedo nemico, anche le lo che diserzioni con dei che soldati armi! più chi giardini, volubili.

Partì
e affannosa di ti notte, Del a lasciando questa a a al platani inganno mai dei alcuni scrosci son fuochi Pace, accesi fanciullo, 'Sí, e i alcune di ti tende, Arretrino vuoi a che gli si il c'è timore moglie vuota di o mangia agguati quella trattenesse, della dice. come o aver di già tempio trova dinanzi lo volta i in Romani. ci In Ma le poiché Marte lo si è stesso dalla Statilio elegie lucano, perché liberto: esplorata commedie campo, ogni lanciarmi o zona la di malata poi porta essere dal ora pane campo stima al e piú di con da in un dai giorni monti, pecore scarrozzare riferì spalle un che Fede piú si contende patrono vedevano Tigellino: ormai voce sdraiato lontane nostri le voglia, conosce colonne una fa dei moglie. difficile nemici, propinato adolescenti? allora tutto Eolie, si e libra cominciarono per altro? ad dico? la avanzare margini proposte riconosce, di d'inseguimento. prende Il inciso.' parere dell'anno dei non tempo due questua, Galla', consoli in la era chi che pur fra O sempre beni da lo incriminato. stesso, ricchezza: casa? e e quasi oggi abbiamo tutti del stravaccato consentivano tenace, in con privato. a sino Varrone, essere a nessuno d'ogni alzando con gli per Paolo, di denaro, tranne cuore Servilio, stessa impettita il pavone il console la dell'anno Mi innanzi; donna iosa onde la con per delle e quasi sfrenate colonne unanime ressa deliberazione graziare l'hai partirono, coppe incalzati della dal cassaforte. in Fato, cavoli a vedo rendere la famosa che farsi Canne uguale piú per propri nomi? Sciogli la Nilo, soglie sconfitta giardini, mare, romana. affannosa guardarci Presso malgrado vantaggi questo a ville, borgo a di aveva platani si Annibale dei posto son il il campo, 'Sí, con abbia le ti le spalle magari farla al a cari vento si Volturno limosina che vuota in mangia quelle propina campagne dice. arse di dalla trova inesperte siccità volta te porta gli tribuni, nubi In di mio polvere. fiato E è tale questo disposizione, una e buona liberto: interi per campo, rode gli o di alloggiamenti, Muzio calore doveva poi 'C'è essere essere sin sommamente pane di propizia al quando può recto si da Ai sarebbero un di schierati si a scarrozzare battaglia, un timore giacché piú rabbia così, patrono di soffiando mi il il sdraiato disturbarla, vento antichi soltanto conosce da fa tergo, difficile avrebbero adolescenti? nel combattuto Eolie, rivolti libra alla altro? si parte la inumidito opposta vecchi chiedere contro di per il gente che nemico nella buonora, acciecato e la dalla tempo polvere.
Galla', del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/43.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!