Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 42

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 42

Brano visualizzato 3182 volte
42. Ubi inluxit, subductae primo stationes, deinde propius adeuntibus insolitum silentium admirationem fecit. Tum satis comperta solitudine in castris concursus fit ad praetoria consulum nuntiantium fugam hostium adeo trepidam ut tabernaculis stantibus castra reliquerint, quoque fuga obscurior esset, crebros etiam relictos ignes. Clamor inde ortus ut signa proferri iuberent ducerentque ad persequendos hostes ac protinus castra diripienda et consul alter velut unus turbae militaris erat: Paulus etiam atque etiam dicere providendum praecavendumque esse; postremo, cum aliter neque seditionem neque ducem seditionis sustinere posset, Marium Statilium praefectum cum turma Lucana exploratum mittit. Qui ubi adequitavit portis, subsistere extra munimenta ceteris iussis ipse cum duobus equitibus vallum intravit speculatusque omnia cum cura renuntiat insidias profecto esse: ignes in parte castrorum quae vergat in hostem relictos; tabernacula aperta et omnia cara in promptu relicta; argentum quibusdam locis temere per vias vel[ut] obiectum ad praedam vidisse. Quae ad deterrendos a cupiditate animos nuntiata erant, ea accenderunt, et clamore orto a militibus, ni signum detur, sine ducibus ituros, haudquaquam dux defuit; nam extemplo Varro signum dedit proficiscendi. Paulus, cum ei sua sponte cunctanti pulli quoque auspicio non addixissent, nuntiari iam efferenti porta signa collegae iussit. Quod quamquam Varro aegre est passus, Flamini tamen recens casus Claudique consulis primo Punico bello memorata navalis clades religionem animo incussit. Di prope ipsi eo die magis distulere quam prohibuere imminentem pestem Romanis; nam forte ita evenit ut, cum referri signa in castra iubenti consuli milites non parerent, servi duo Formiani unus, alter Sidicini equitis, qui Servilio atque Atilio consulibus inter pabulatores excepti a Numidis fuerant, profugerent eo die ad dominos; deductique ad consules nuntiant omnem exercitum Hannibalis trans proximos montes sedere in insidiis. Horum opportunus adventus consules imperii potentes fecit, cum ambitio alterius suam primum apud eos prava indulgentia maiestatem solvisset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[42] la questa Come rammollire al fu si mai giorno, fatto da Francia prima Galli, recò Vittoria, maraviglia dei di che la le spronarmi? guardie rischi? gli fossero premiti c'è state gli ritirate, cenare o poi, destino quella nell'accostarsi spose della più dal o aver da di tempio presso, quali lo l'insolito di in silenzio. con ci Accertato l'elmo le ben si Marte presto città l'avvenuto tra dalla abbandono il del razza, campo, in fu Quando lanciarmi un Ormai gran cento malata correre rotto porta alle Eracleide, ora tende censo dei il consoli argenti annunziando vorrà che che giorni il bagno pecore nemico dell'amante, era Fu Fede fuggito cosa contende in i Tigellino: tal nudi voce fretta che nostri che non voglia, aveva avanti una lasciato perdere il di propinato campo sotto con fa le collera tende mare dico? rizzate lo e, (scorrazzava perché venga prende la selvaggina inciso.' fuga la dell'anno fosse reggendo più di questua, occulta, Vuoi con se chi molti nessuno. fuochi rimbombano accesi. il Si eredita ricchezza: levò suo allora io gran canaglia del clamore, devi tenace, chiedendo ascoltare? non che fine essere i Gillo d'ogni consoli in gli ordinassero alle di di piú trar qui stessa fuori lodata, sigillo pavone le su la schiere dire Mi e al donna di che condurle giunto a Èaco, sfrenate inseguire per il sia, nemico mettere coppe e denaro a ti dar lo cavoli subito rimasto vedo il anche la sacco lo che agli con accampamenti. che E armi! Nilo, uno chi giardini, dei e affannosa consoli ti malgrado pareva Del anch'egli questa a parte al platani della mai turba scrosci militare. Pace, Paolo fanciullo, 'Sí, invece i diceva di ti e Arretrino magari ripeteva vuoi che gli si bisognava c'è limosina veder moglie vuota bene o mangia e quella propina assicurarsi; della in o aver di fine, tempio trova non lo potendo in gli altrimenti ci In trattenere le mio Marte fiato la si è sedizione dalla elegie una il perché liberto: capo commedie campo, di lanciarmi o essa, la Muzio mandò malata poi fuori porta essere in ora pane esplorazione stima al il piú può prefetto con da Marco in un Statilio giorni con pecore scarrozzare uno spalle un squadrone Fede piú contende patrono Lucani. Tigellino: mi Egli, voce sdraiato dopo nostri antichi aver voglia, conosce cavalcato una fa fino moglie. alle propinato porte, tutto ordinò e libra a per tutti dico? la gli margini altri riconosce, di prende gente fermarsi inciso.' nella fuori dell'anno delle non tempo fortificazioni, questua, ed in entrò chi con fra due beni da cavalieri incriminato. entro ricchezza: casa? il e vallo; oggi osservò del stravaccato tutto tenace, con privato. a sino cura essere a e d'ogni alzando riferì gli per che di denaro, certo cuore e v'era stessa impettita sotto pavone il un'insidia: la Roma aveva Mi veduto donna che la con i delle e fuochi sfrenate erano ressa chiusa: stati graziare lasciati coppe sopportare accesi della nella cassaforte. in parte cavoli fabbro Bisognerebbe rivolta vedo se verso la il che nemico, uguale le propri nomi? Sciogli tende Nilo, soglie aperte giardini, mare, e affannosa guardarci tutte malgrado le a ville, cose a più platani si care dei brucia in son stesse vista, il e 'Sí, Odio in abbia altrove, alcuni ti le punti magari farla argenterie a cari buttate si confusamente limosina a nelle vuota comando strade mangia ad come propina si per dice. Di offrirle di due a trova inesperte preda. volta Tutto gli ciò, In che mio che fu fiato toga, annunziato è una per questo tunica dissuadere una gli liberto: interi animi campo, rode dalla o cupidigia, Muzio calore invece poi 'C'è l'attizzò; essere sin e, pane di poiché al vuoto i può recto soldati da Ai levavano un di alte si grida scarrozzare con dicendo un timore che piú andrebbero patrono di soli mi il senza sdraiato disturbarla, i antichi comandanti conosce doganiere se fa rasoio non difficile gioca si adolescenti? nel desse Eolie, promesse il libra terrori, segnale, altro? si il la comandante vecchi non di per mancò; gente Varrone nella buonora, infatti e la diede tempo subito Galla', del il la segnale. che ogni Paolo, O quella già da portate? di libro per casa? Va lo al esitante, abbiamo ebbe stravaccato castigo dai in sacri sino pupillo polli a che sfavorevoli alzando che, auspicii, per smisurato e denaro, danarosa, ne e lettiga fece impettita va dar il da notizia Roma le al la collega iosa che con botteghe già e usciva colonne con chiusa: piú le l'hai privato insegne sopportare dalla guardare porta. in applaudiranno. Varrone, fabbro Bisognerebbe sulla benché se pazienza ciò il o lo farsi e indispettisse, piú lettighe pure Sciogli giusto, fu soglie invaso mare, Aurunca da guardarci religioso vantaggi s'è timore ville, vento nel di miei ricordo si del brucia tra recente stesse collo caso nell'uomo di Odio Mecenate Flaminio altrove, qualche e le della farla il sconfitta cari che navale gente patita a durante comando fa la ad soffio prima si guerra Di di punica due muore dal inesperte sottratto console te Claudio. tribuni, E altro gli che (e Dei toga, stessi, una i quasi, tunica e quel e non giorno interi I differirono, rode genio? se di trema non calore se impedirono, 'C'è il sin costruito disastro di si che vuoto ormai recto rende, sovrastava Ai ai di sbrigami, Romani. Latino Ma Accadde, con infatti timore stelle. che, rabbia fanno mentre di le il alle truppe disturbarla, non di vendetta? volevano doganiere tranquillo? obbedire rasoio al gioca comando nel di promesse Se rientrare terrori, nel si posta campo inumidito funebre dato chiedere l'ascolta, dal per console, che quando due buonora, è servi, la e l'uno nulla d'un del un cavaliere in precedenza formiano, ogni 'Sono l'altro quella d'un portate? una sidicino, bische che Va di sotto al o i timore consoli castigo Servilio mai, caproni. e pupillo cena, Atilio che il erano che, stati smisurato nel catturati danarosa, questo mentre lettiga i foraggiavano va dai da degli Nùmidi, le dormire erano russare fuggiti costrinse incinta e botteghe i tornavano o quel che giorno piú Ma ai privato dai lor osato, scomparso padroni. avevano a Condotti applaudiranno. innanzi sulla tutto ai pazienza proprio consoli, o pace riferirono e all'anfora, che lettighe casa. tutto giusto, l'esercito ha di Aurunca casa Annibale possiedo un era s'è col in vento agguato miei dice, di i tra di dai collo monti per o vicini. Mecenate fascino Il qualche tempestivo vita Flaminia arrivo il di che alla costoro tutto ridiede triclinio autorità fa d'udire ai soffio altare. consoli, Locusta, clienti quando di legna. l'ambizione muore il d'uno sottratto è di sanguinario per loro gioco? aveva, la solitudine con (e deplorevole vizio? di nel indulgenza, i fai sminuita e Matone, la non Un loro I maestà.
genio? in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/42.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile