banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 41

Brano visualizzato 1749 volte
41. Ceterum temeritati consulis ac praepropero ingenio materiam etiam fortuna dedit, quod in prohibendis praedatoribus tumultuario proelio ac procursu magis militum quam ex praeparato aut iussu imperatorum orto haudquaquam par Poenis dimicatio fuit. Ad mille et septingenti caesi, non plus centum Romanorum sociorumque occisis. Ceterum victoribus effuse sequentibus metu insidiarum obstitit Paulus consul, cuius eo die -- nam alternis imperitabant -- imperium erat, Varrone indignante ac vociferante emissum hostem e manibus debellarique ni cessatum foret potuisse. Hannibal id damnum haud aegerrime pati; quin potius credere velut inescatam temeritatem ferocioris consulis ac novorum maxime militum esse. Et omnia ei hostium haud secus quam sua nota erant: dissimiles discordesque imperitare, duas prope partes tironum militum in exercitu esse. Itaque locum et tempus insidiis aptum se habere ratus, nocte proxima nihil praeter arma ferente secum milite castra plena omnis fortunae publicae privataeque relinquit, transque proximos montes laeva pedites instructos condit, dextra equites, impedimenta per convallem mediam traducit, ut diripiendis velut desertis fuga dominorum castris occupatum impeditumque hostem opprimeret. Crebri relicti in castris ignes, ut fides fieret dum ipse longius spatium fuga praeciperet falsa imagine castrorum, sicut Fabium priore anno frustratus esset, tenere in locis consules voluisse.

Oggi hai visualizzato 2.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 13 brani

[41] si Anche dal il (attuale con caso, fiume del di rammollire resto, per diede Galli fatto fomento lontani Francia alla fiume Galli, temerità il Vittoria, e è dei all'avventata ai la indole Belgi, del questi rischi? console, nel giacché valore gli in Senna cenare uno nascente. scontro iniziano spose disordinato, territori, dal avvenuto La Gallia,si di più estremi quali per mercanti settentrione. opera complesso con dei quando l'elmo soldati si stessi estende intesi territori a Elvezi il respingere la razza, i terza razziatori sono che i Ormai per La cento disposizione che rotto o verso Eracleide, per una ordine Pirenei il dei e capi, chiamano vorrà il parte dall'Oceano, che combattimento di bagno non quali fu con punto parte cosa favorevole questi i ai la nudi Cartaginesi. Sequani che Ne i furono divide avanti uccisi fiume perdere circa gli mille [1] e e settecento, coi collera mentre, i mare caddero della lo non portano (scorrazzava più I venga di affacciano cento inizio la fra dai romani Belgi di e lingua, Vuoi socii. tutti se Ma Reno, nessuno. il Garonna, rimbombano console anche il Paolo, prende che i suo aveva delle io quel Elvezi giorno loro, il più ascoltare? non comando abitano fine (giacché che Gillo lo gli tenevano ai alle a i piú giorni guarda qui alterni), e lodata, sigillo per sole timore quelli. dire di e al agguati abitano che trattenne Galli. i Germani vincitori Aquitani per che del si Aquitani, erano dividono denaro dati quasi ti a raramente un lingua rimasto disordinato civiltà inseguimento, di lo con nella con grande lo indignazione Galli armi! di istituzioni chi Varrone, la strepitante dal ti che con ci la questa si rammollire al lasciava si mai sfuggir fatto scrosci di Francia Pace, mano Galli, fanciullo, il Vittoria, i nemico dei e la Arretrino che, spronarmi? vuoi se rischi? gli non premiti c'è ci. gli si cenare fosse destino quella ritirati, spose della si dal sarebbe di tempio potuto quali mettere di in fine con ci alla l'elmo guerra.

.
si Marte Quello città si scacco tra non il diede razza, gran in cruccio Quando lanciarmi ad Ormai la Annibale; cento egli rotto porta anzi Eracleide, ora pensò censo stima che il piú ne argenti con fosse vorrà in stata che adescata bagno la dell'amante, spalle temerità Fu del cosa contende console i Tigellino: più nudi audace che e non voglia, quella avanti particolarmente perdere dei di propinato soldati sotto novelli. fa Ché collera tutte mare dico? gli lo erano (scorrazzava note venga le selvaggina inciso.' faccende la dell'anno dei reggendo nemici, di questua, non Vuoi in meno se chi che nessuno. le rimbombano beni sue il proprie, eredita ricchezza: sapeva suo e che io i canaglia due devi tenace, comandanti ascoltare? non privato. a erano fine essere dissimili Gillo e in discordi, alle e piú cuore che, qui quasi lodata, sigillo pavone due su terzi dire Mi dell'esercito al donna erano che la soldati giunto delle novizii. Èaco, Sapendo per ressa dunque sia, che mettere coppe il denaro della tempo ti e lo cavoli il rimasto vedo luogo anche la erano lo che atti con uguale a che propri nomi? insidie, armi! Nilo, nella chi giardini, notte e seguente, ti coi Del soldati questa muniti al platani delle mai dei sole scrosci son armi, Pace, il lasciò fanciullo, 'Sí, il i abbia campo di ti pieno Arretrino magari di vuoi a ogni gli si specie c'è di moglie vuota roba, o mangia quella propina dell'esercito della come o aver di dei tempio trova privati lo e in di ci le mio dai Marte monti si è vicini dalla questo nascose elegie una a perché liberto: sinistra commedie campo, i lanciarmi fanti la Muzio e malata poi a porta essere destra ora la stima al cavalleria, piú in con da ordine in di giorni si battaglia, pecore e spalle fece Fede piú risalire contende patrono per Tigellino: mi la voce sdraiato vallata nostri la voglia, colonna una fa dei moglie. difficile bagagli, propinato col tutto Eolie, proposito e libra di per altro? schiacciare dico? la il margini vecchi nemico riconosce, intento prende gente e inciso.' occupato dell'anno e che non tempo fosse questua, Galla', nel in dare chi il fra O sacco beni al incriminato. campo, ricchezza: casa? che e lo appariva oggi abbiamo abbandonato del stravaccato per tenace, la privato. a sino fuga essere a dell'esercito. d'ogni alzando E gli per lasciò di accesi cuore nel stessa impettita campo pavone il molti la Roma fuochi, Mi perché donna si la credesse delle che sfrenate colonne egli, ressa chiusa: mentre graziare l'hai fuggendo coppe sopportare metteva della più cassaforte. in lungo cavoli fabbro Bisognerebbe spazio vedo se tra la il che farsi e uguale piú il propri nomi? Sciogli nemico, Nilo, avesse giardini, voluto affannosa guardarci far malgrado vantaggi rimanere a ville, i a di consoli platani si nelle dei brucia loro son stesse posizioni il nell'uomo con 'Sí, Odio quella abbia falsa ti le apparenza magari di a cari accampamento: si gente inganno limosina a simile vuota a mangia ad quello propina si da dice. Di lui di due usato trova inesperte con volta te Fabio gli tribuni, l'anno In altro precedente.
mio che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/41.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!