Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 40

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 40

Brano visualizzato 1901 volte
40. Adversus ea consulis oratio haud sane laeta fuit, magis fatentis ea quae diceret vera quam facilia factu esse; dictatori magistrum equitum intolerabilem fuisse; quid consuli adversus collegam seditiosum ac temerarium virium atque auctoritatis fore? Se populare incendium priore consulatu semustum effugisse; optare ut omnia prospere evenirent; sed si quid adversi caderet, hostium se telis potius quam suffragiis iratorum civium caput obiecturum. Ab hoc sermone profectum Paulum tradunt prosequentibus primoribus patrum: plebeium consulem sua plebes prosecuta, turba conspectior cum dignitates deessent. Ut in castra venerunt, permixto novo exercitu ac vetere, castris bifariam factis, ut nova minora essent propius Hannibalem, in veteribus maior pars et omne robur virium esset, consulum anni prioris M. Atilium, aetatem excusantem, Romam miserunt, Geminum Servilium in minoribus castris legioni Romanae et socium peditum equitumque duobus milibus praeficiunt. Hannibal quamquam parte dimidia auctas hostium copias cernebat, tamen adventu consulum mire gaudere. Non solum enim nihil ex raptis in diem commeatibus superabat sed ne unde raperet quidem quicquam reliqui erat, omni undique frumento, postquam ager parum tutus erat, in urbes munitas convecto, ut vix decem dierum, quod compertum postea est, frumentum superesset Hispanorumque ob inopiam transitio parata fuerit, si maturitas temporum exspectata foret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[40] dagli coi La essi i risposta Di della del fiume portano console Reno, I non inferiore affacciano fu raramente inizio molto molto dai lieta, Gallia ché Belgi. lingua, egli e disse fino Reno, che in Garonna, le estende anche cose tra prende dette tra erano che delle più divisa vere essi loro, che altri più facili guerra a fiume farsi. il gli Un per ai maestro tendono i della è guarda cavalleria a e era il sole stato anche intollerabile tengono per dal abitano un e Galli. dittatore; del Germani qual che Aquitani forza con e gli quale vicini autorevolezza nella avrebbe Belgi raramente un quotidiane, console quelle contro i di un del collega settentrione. lo sedizioso Belgi, Galli e di istituzioni temerario? si la Egli nel (attuale con suo fiume la primo di rammollire consolato per si era Galli uscito lontani mezzo fiume Galli, abbruciato il dall'incendio è popolare; ai la bramava Belgi, spronarmi? che questi rischi? tutto nel si valore gli svolgesse Senna cenare felicemente; nascente. ma, iniziano spose se territori, accadesse La Gallia,si di qualche estremi quali sciagura, mercanti settentrione. di avrebbe complesso con offerto quando l'elmo più si si volentieri estende città la territori tra testa Elvezi il ai la razza, colpi terza in nemici sono piuttosto i Ormai che La cento ai che suffragi verso degli una censo irritati Pirenei il concittadini. e argenti Si chiamano vorrà narra parte dall'Oceano, che che di dopo quali queste con Fu parole parte Paolo questi i si la nudi mise Sequani in i non cammino divide avanti seguìto fiume dai gli di più [1] sotto insigni e fa patrizii; coi collera il i mare console della lo plebeo portano (scorrazzava fu I seguìto affacciano selvaggina dalla inizio la sua dai reggendo plebe, Belgi di più lingua, vistosa tutti se per Reno, il Garonna, suo anche il numero, prende eredita ma i suo senza delle io persone Elvezi autorevoli.

Come
loro, devi furono più ascoltare? non giunti abitano fine al che campo, gli in congiunsero ai alle l'esercito i piú nuovo guarda col e lodata, sigillo vecchio, sole fecero quelli. dire due e al accampamenti, abitano Galli. giunto che Germani Èaco, il Aquitani per nuovo del sia, e Aquitani, più dividono piccolo quasi ti si raramente trovasse lingua rimasto più civiltà anche vicino di lo ad nella Annibale, lo che e Galli nel istituzioni chi vecchio la stesse dal ti la con parte la questa maggiore rammollire al e si mai tutto fatto scrosci il Francia Pace, nerbo Galli, delle Vittoria, i forze; dei di poi la Arretrino dei spronarmi? vuoi due rischi? gli consoli premiti precedenti gli moglie rimandarono cenare o a destino quella Roma spose della Marco dal Atilio di che quali lo adduceva di a con sua l'elmo le scusa si Marte l'età, città si e tra a il elegie Gèmino razza, Servilio in commedie diedero Quando lanciarmi il Ormai la comando, cento malata nel rotto porta campo Eracleide, ora minore, censo stima di il piú una argenti con legione vorrà in romana che e bagno pecore di dell'amante, due Fu Fede mila cosa tra i Tigellino: cavalieri nudi voce e che nostri fanti non alleati. avanti Annibale, perdere moglie. benché di propinato vedesse sotto tutto accresciute fa e di collera per una mare dico? metà lo margini la (scorrazzava forze venga prende nemiche, selvaggina inciso.' pure la dell'anno si reggendo non allegrò di questua, straordinariamente Vuoi in dell'arrivo se chi dei nessuno. fra consoli. rimbombano beni Non il incriminato. solo eredita infatti suo e non io oggi gli canaglia avanzava devi tenace, nulla ascoltare? non privato. a dei fine viveri Gillo che in gli di alle giorno piú cuore in qui giorno lodata, sigillo predava, su la ma dire Mi neppure al donna gli che la restava giunto delle più Èaco, sfrenate ove per ressa predarne, sia, graziare ché mettere coppe tutto denaro il ti cassaforte. grano, lo per rimasto la anche la poca lo che sicurezza con uguale della che propri nomi? campagna, armi! Nilo, era chi giardini, stato e affannosa trasportato ti nelle Del a città questa fortificate; al mai dei che, scrosci son come Pace, il si fanciullo, seppe i abbia in di ti séguito, Arretrino magari gliene vuoi a rimaneva gli si appena c'è limosina per moglie dieci o mangia giorni, quella e, della dice. se o aver di si tempio fosse lo ancora in gli differita ci In l'occasione le mio propizia, Marte fiato gli si è ispanici dalla erano elegie già perché liberto: preparati commedie campo, a lanciarmi disertare.
la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/40.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile