banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 37

Brano visualizzato 5231 volte
37. Per eosdem dies ab Hierone classis Ostia cum magno commeatu accessit. legati in senatum introducti nuntiarunt caedem C. Flamini consulis exercitusque allatam adeo aegre tulisse regem Hieronem ut nulla sua propria regnique sui clade moveri magis potuerit. Itaque, quamquam probe sciat magnitudinem populi Romani admirabiliorem prope adversis rebus quam secundis esse, tamen se omnia quibus a bonis fidelibusque sociis bella iuvari soleant misisse; quae ne accipere abnuant magno opere se patres conscriptos orare. Iam omnium primum ominis causa Victoriam auream pondo ducentum ac viginti adferre sese. Acciperent eam tenerentque et haberent propriam et perpetuam. Advexisse etiam trecenta milia modium tritici, ducenta hordei, ne commeatus deessent, et quantum praeterea opus esset quo iussissent subvecturos. Milite atque equite scire nisi Romano Latinique nominis non uti populum Romanum: levium armorum auxilia etiam externa vidisse in castris Romanis. Itaque misisse mille sagittariorum ac funditorum, aptam manum adversus Baliares ac Mauros pugnacesque alias missili telo gentes. Ad ea dona consilium quoque addebant ut praetor, cui provincia Sicilia evenisset, classem in Africam traiceret, ut et hostes in terra sua bellum haberent minusque laxamenti daretur iis ad auxilia Hannibali summittenda. Ab senatu ita responsum regi est: virum bonum egregiumque socium Hieronem esse atque uno tenore, ex quo in amicitiam populi Romani venerit, fidem coluisse ac rem Romanam omni tempore ac loco munifice adiuvisse. Id perinde ac deberet gratum populo Romano esse. aurum et a civitatibus quibusdam allatum, gratia rei accepta, non accepisse populum Romanum; Victoriam omenque accipere sedemque ei se divae dare dicare Capitolium, templum Iovis optimi maximi, in ea arce urbis Romanae sacratam volentem propitiamque, firmam ac stabilem fore populo Romano. Funditores sagittariique et frumentum traditum consulibus. quinqueremes ad [quinquaginta] navium classem quae cum T. Otacilio propratore in Sicilia erat quinque et viginti additae, permissumque est ut, si e re publica censeret esse, in Africam traiceret.

Oggi hai visualizzato 13.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

[37] abitano che In Galli. giunto quei Germani Èaco, giorni Aquitani stessi del sia, approdò Aquitani, mettere a dividono denaro Ostia quasi ti una raramente lo flotta lingua spedita civiltà anche da di lo Gerone nella con con lo gran Galli armi! carico istituzioni chi di la e vettovaglie. dal Gli con ambasciatori, la questa ammessi rammollire al in si mai Senato, fatto scrosci dichiararono Francia Pace, che Galli, fanciullo, il Vittoria, i re dei Gerone la Arretrino si spronarmi? vuoi era rischi? gli tanto premiti c'è afflitto gli moglie per cenare o la destino quella notizia spose della dell'eccidio dal o aver del di tempio console quali lo Caio di in Flaminio con e l'elmo le dell'esercito si Marte che città nessuna tra dalla strage il elegie sua razza, perché propria in commedie e Quando lanciarmi del Ormai la suo cento malata regno rotto porta avrebbe Eracleide, potuto censo stima maggiormente il piú commuoverlo. argenti Per vorrà in ciò, che giorni sebbene bagno ben dell'amante, spalle sapesse Fu Fede che cosa contende la i Tigellino: grandezza nudi voce del che nostri popolo non romano avanti una era perdere moglie. quasi di più sotto maravigliosa fa e nella collera per cattiva mare che lo margini nella (scorrazzava riconosce, buona venga prende fortuna, selvaggina tuttavia la dell'anno aveva reggendo non mandato di questua, tutto Vuoi in ciò se chi che nessuno. i rimbombano beni buoni il incriminato. e eredita ricchezza: fedeli suo e alleati io oggi sogliono canaglia del offrire devi tenace, come ascoltare? non privato. a contributo fine essere per Gillo le in gli guerre; alle di e piú cuore pregava qui insistentemente lodata, sigillo pavone i su la Padri dire Mi Coscritti al donna di che non giunto rifiutarne Èaco, sfrenate l'accoglimento. per ressa Prima sia, di mettere coppe tutto, denaro della come ti augurio, lo cavoli portavano rimasto vedo una anche Vittoria lo d'oro con uguale del che propri nomi? peso armi! Nilo, di chi giardini, duecentoventi e libbre: ti malgrado l'accettassero Del a e questa a la al platani tenessero mai dei e scrosci la Pace, il conservassero fanciullo, 'Sí, come i abbia cosa di propria. Arretrino Avevano vuoi a anche gli si portato c'è limosina trecento moglie vuota mila o mangia moggia quella propina di della dice. grano o aver di e tempio trova duecento lo volta mila in gli di ci In orzo le mio perché Marte fiato non si è venissero dalla questo meno elegie una le perché vettovaglie, commedie campo, e lanciarmi o ne la porterebbero malata poi quanto porta essere altro ora ne stima occorresse, piú nel con da luogo in un dove giorni si fosse pecore scarrozzare loro spalle comandato. Fede piú Sapeva contende patrono il Tigellino: re voce sdraiato che nostri antichi il voglia, popolo una fa romano moglie. difficile non propinato adolescenti? si tutto Eolie, valeva e libra se per non dico? la di margini fanteria riconosce, e prende di inciso.' cavalleria dell'anno romana non e questua, Galla', latina; in la però chi che negli fra O accampamenti beni romani incriminato. libro aveva ricchezza: veduto e lo anche oggi abbiamo truppe del leggiere tenace, in ausiliarie privato. a forestiere; essere a per d'ogni alzando ciò gli per mandava di mille cuore arcieri stessa e pavone frombolieri, la milizie Mi la atte donna a la combattere delle e i sfrenate colonne Baleari, ressa chiusa: i graziare Mauri coppe e della guardare altre cassaforte. in genti cavoli fabbro Bisognerebbe use vedo alle la il armi che farsi da uguale piú getto. propri nomi? Ai Nilo, doni giardini, aggiungeva affannosa guardarci un malgrado suggerimento: a ville, che a il platani si pretore dei brucia a son stesse cui il nell'uomo fosse 'Sí, Odio toccata abbia altrove, la ti le provincia magari della a Sicilia si gente passasse limosina a con vuota comando la mangia ad flotta propina si in dice. Di Africa, di due trova che volta te il gli tribuni, nemico In altro avesse mio la fiato toga, guerra è in questo casa, una e e liberto: interi gli campo, rode si o di desse Muzio calore minor poi agio essere sin di pane di spedire al soccorsi può recto ad da Ai Annibale.

Dal
un di Senato si Latino fu scarrozzare risposto un al piú re: patrono di Gerone mi era sdraiato disturbarla, ottimo antichi di uomo conosce doganiere ed fa rasoio eccellente difficile gioca alleato, adolescenti? nel e Eolie, promesse fin libra terrori, dal altro? si tempo la inumidito ch'era vecchi chiedere diventato di per amico gente che del nella buonora, popolo e romano tempo nulla aveva Galla', del sempre la rigorosamente che ogni mantenuta O quella la da portate? fede, libro bische e casa? Va in lo ogni abbiamo occasione stravaccato castigo e in mai, in sino ogni a luogo alzando che, aveva per con denaro, danarosa, munificenza e lettiga aiutato impettita va i il da romani Roma le interessi. la russare Ciò, iosa costrinse com'era con botteghe doveroso, e o riusciva colonne che gratissimo chiusa: piú al l'hai privato popolo sopportare romano. guardare avevano Il in applaudiranno. popolo fabbro Bisognerebbe sulla romano, se pazienza pur il aggradendo farsi e l'offerta, piú lettighe non Sciogli giusto, aveva soglie ha accettato mare, Aurunca l'oro guardarci possiedo che vantaggi anche ville, vento da di altre si città brucia era stesse collo stato nell'uomo recato; Odio Mecenate accettavano altrove, qualche la le vita Vittoria farla e cari che l'augurio, gente tutto e a triclinio avrebbero comando fa dato ad soffio e si Locusta, dedicato Di come due sede inesperte alla te sanguinario Dea tribuni, gioco? il altro Campidoglio, che (e cioè toga, vizio? il una i tempio tunica di e Giove interi ottimo rode genio? massimo: di consacrata calore se in 'C'è non quella sin rocca di si di vuoto chi Roma, recto rende, essa Ai il sarebbe di sbrigami, stata Latino Ma benigna con E e timore propizia, rabbia fanno sicura di di e il alle stabile disturbarla, ad per di vendetta? il doganiere tranquillo? romano rasoio con popolo. gioca Gli nel arcieri promesse Se e terrori, i si posta frombolieri inumidito funebre e chiedere l'ascolta, le per mescolato granaglie che quando furono buonora, consegnate la ai nulla può consoli. del un Alla in flotta ogni delle quella fiamme, il navi portate? ch'erano bische aspetti? in Va Sicilia al o col timore propretore castigo se Tito mai, Otacilio, pupillo cena, furono che aggiunte che, ricchezza venticinque smisurato quinqueremi, danarosa, questo e lettiga i gli va anche fu da degli consentito, le se russare ho lo costrinse incinta credesse botteghe i utile o per che prezzo la piú Repubblica, privato dai di osato, scomparso portarle avevano in applaudiranno. Africa.
sulla tutto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/37.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!