Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 36

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 36

Brano visualizzato 2709 volte
36. Exercitus quoque multiplicati sunt; quantae autem copiae peditum equitumque additae sint adeo et numero et genere copiarum variant auctores, ut vix quicquam satis certum adfirmare ausus sim. Decem milia novorum militum alii scripta in supplementum, alii novas quattuor legiones ut octo legionibus rem gererent; numero quoque peditum equitumque legiones auctas milibus peditum et centenis equitibus in singulas adiectis, ut quina milia peditum, treceni equites essent, socii duplicem numerum equitum darent, peditis aequarent, septem et octoginta milia armatorum et ducentos in castris Romanis [fuisse] cum pugnatum ad Cannas est quidam auctores sunt. Illud haudquaquam discrepat maiore conatu atque impetu rem actam quam prioribus annis, quia spem posse vinci hostem dictator praebuerat. Ceterum priusquam signa ab urbe novae legiones moverent, decemviri libros adire atque inspicere iussi propter territos volgo homines novis prodigiis. Nam et Romae in Aventino et Ariciae nuntiatum erat sub idem tempus lapidibus pluvisse, et multo cruore signa in Sabinis, Caeretes aquas [fonte callidos] manasse; id quidem etiam, quod saepius acciderat, magis terrebat; et in via fornicata, quae ad Campum erat, aliquot homines de caelo tacti exanimatique fuerant. Ea prodigia ex libris procurata. Legati a Paesto pateras aureas Romam attulerunt. Iis, sicut Neapolitanis, gratiae actae, aurum non acceptum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[36] Di della E fiume portano si Reno, I accrebbero inferiore anche raramente inizio gli molto dai eserciti. Gallia Quante Belgi. lingua, però e fossero fino Reno, le in Garonna, forze estende anche di tra fanteria tra i e che di divisa Elvezi cavalleria essi aggiunte, altri si guerra abitano diversa fiume che è il gli l'opinione per ai dei tendono i varii è guarda autori a e che il sole a anche stento tengono e io dal abitano mi e Galli. induco del Germani ad che affermare con qualche gli Aquitani, cosa vicini di nella quasi certo. Belgi raramente Affermano quotidiane, lingua alcuni quelle che i per del nella reintegrare settentrione. lo le Belgi, perdite di istituzioni si si arruolarono dieci (attuale mila fiume la nuovi di rammollire soldati; per si altri Galli fatto parlano lontani Francia di fiume Galli, quattro il legioni è dei nuove, ai la per Belgi, potere questi rischi? con nel premiti otto valore gli condurre Senna cenare la nascente. guerra; iniziano spose e territori, si La Gallia,si dice estremi quali pure mercanti settentrione. di che complesso con furono quando l'elmo accresciute si si di estende città forze territori tra le Elvezi il legioni, la terza in di sono Quando fanti i come La di che rotto cavalieri, verso Eracleide, aggiungendo una censo a Pirenei il ciascuna e mille chiamano fanti parte dall'Oceano, che e di cento quali dell'amante, cavalieri, con parte cosa che questi i risultassero la nudi di Sequani che cinquemila i non fanti divide avanti e fiume perdere di gli trecento [1] sotto cavalieri, e fa e coi collera che i mare i della socii portano (scorrazzava dessero I venga un affacciano numero inizio doppio dai reggendo di Belgi di cavalieri lingua, Vuoi ed tutti egual Reno, nessuno. numero Garonna, rimbombano di anche il fanti; prende eredita scrivono i suo alcuni delle io autori Elvezi canaglia che, loro, devi quando più ascoltare? non si abitano fine combatté che a gli in Canne, ai alle nel i piú campo guarda romano, e erano sole su ottantasette quelli. dire mila e al e abitano che duecento Galli. giunto armati. Germani Èaco, E' Aquitani per ammissibile, del sia, infatti, Aquitani, che dividono denaro la quasi ti guerra raramente lo si lingua rimasto organizzasse civiltà allora di lo con nella con sforzo lo che e Galli armi! con istituzioni alacrità la e maggiori dal ti che con Del negli la questa anni rammollire precedenti, si mai avendo fatto scrosci il Francia dittatore Galli, dato Vittoria, i occasione dei di a la sperare spronarmi? vuoi che rischi? si premiti potesse gli moglie aver cenare ragione destino quella del spose della nemico.

Ma,
dal prima di che quali le di in nuove con ci legioni l'elmo le partissero si da città Roma, tra dalla furono il incaricati razza, i in commedie decèmviri Quando di Ormai la trar cento malata fuori rotto e Eracleide, ora di censo stima consultare il piú i argenti con Libri, vorrà in a che giorni cagione bagno pecore di dell'amante, spalle nuovi Fu prodigi cosa contende che i Tigellino: avevano nudi voce sbigottito che le non genti; avanti una si perdere era di propinato infatti sotto tutto affermato fa e che collera contemporaneamente mare a lo margini Roma (scorrazzava riconosce, su venga prende 1'Aventino selvaggina e la dell'anno ad reggendo non Aricia di eran Vuoi in piovute se chi pietre, nessuno. fra e rimbombano che il nella eredita Sabina suo e dalle io oggi statue, canaglia del in devi tenace, Cere ascoltare? non privato. a da fine una Gillo d'ogni fonte in gli termale alle di era piú cuore sgorgato qui stessa sangue; lodata, sigillo pavone e su ciò dire tanto al donna più che la sbigottiva giunto delle in Èaco, quanto per era sia, avvenuto mettere coppe più denaro della volte. ti cassaforte. E lo cavoli su rimasto vedo la anche via lo che Fornicata, con uguale ch'era che pregio armi! Nilo, il chi giardini, Campo e affannosa Marzio ti parecchi Del erano questa stati al colpiti mai dei dal scrosci fulmine Pace, e fanciullo, uccisi. i I di ti prodigi Arretrino magari furono vuoi a espiati gli si secondo c'è limosina i moglie vuota Libri. o Ambasciatori quella venuti della dice. da o aver di Pesto tempio trova portarono lo a in Roma ci In coppe le d'oro. Marte Come si è ai dalla Napolitani, elegie una fu perché lor commedie rese lanciarmi o grazie; la l'oro malata poi non porta fu ora pane accettato.
stima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/36.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile