Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 34

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 34

Brano visualizzato 2028 volte
34. Consulibus prorogatum in annum imperium. Interreges proditi sunt a patribus C. Claudius Appi filius Cento, inde P. Cornelius Asina. In eius interregno comitia habita magno certamine patrum ac plebis. C. Terentio Varroni, quem sui generis hominem, plebi insectatione principum popularibusque artibus conciliatum, ab Q. Fabi opibus et dictatorio imperio concusso aliena invidia splendentem volgus extrahere ad consulatum nitebatur, patres summa ope obstabant ne se insectando sibi aequari adsuescerent homines. Q. Baebius Herennius tribunus plebis, cognatus C. Terenti, criminando non senatum modo sed etiam augures, quod dictatorem prohibuissent comitia perficere, per invidiam eorum favorem candidato suo conciliabat: ab hominibus nobilibus, per multos annos bellum quaerentibus, Hannibalem in Italiam adductum; ab iisdem, cum debellari possit, fraude bellum trahi. Cum quattuor legionibus universis pugnari posse apparvisset eo quod M. Minucius absente Fabio prospere pugnasset, duas legiones hosti ad caedem obiectas, deinde ex ipsa caede ereptas ut pater patronusque appellaretur qui prius vincere prohibuisset Romanos quam vinci. Consules deinde Fabianis artibus, cum debellare possent, bellum traxisse. Id foedus inter omnes nobiles ictum nec finem ante belli habituros quam consulem vere plebeium, id est, hominem novum fecissent; nam plebeios nobiles iam eisdem initiatos esse sacris et contemnere plebem, ex quo contemni patribus desierint, coepisse. Cui non apparere id actum et quaesitum esse ut interregnum iniretur, ut in patrum potestate comitia essent? Id consules ambos ad exercitum morando quaesisse; id postea, quia invitis iis dictator esset dictus comitiorum causa, expugnatum esse ut vitiosus dictator per augures fieret. Habere igitur interregnum eos; consulatum unum certe plebis Romanae esse; populum liberum habiturum ac daturum ei qui [magis] vere vincere quam diu imperare malit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[34] ai alle Ai i piú consoli guarda fu e lodata, sigillo prorogato sole su il quelli. dire comando e al per abitano che un Galli. anno. Germani Èaco, Dai Aquitani per Padri del sia, furono Aquitani, mettere creati dividono denaro interré quasi ti Gaio raramente Claudio lingua rimasto Centone civiltà anche fìglio di lo di nella con Appio, lo e Galli armi! poi istituzioni chi Publio la e Cornelio dal Asina. con Del Durante la questa l'interregno rammollire al di si mai questo fatto scrosci si Francia Pace, tennero Galli, fanciullo, i Vittoria, i comizii dei di tra la grande spronarmi? vuoi lotta rischi? gli dei premiti c'è patrizii gli e cenare o dei destino plebei. spose Il dal o aver popolo di tempio si quali lo sforzava di in per con elevare l'elmo le al si Marte consolato città si Caio tra dalla Terenzio il elegie Varrone, razza, perché uomo in commedie della Quando lanciarmi sua Ormai classe cento divenuto rotto porta grato Eracleide, alla censo stima plebe il col argenti con perseguitare vorrà i che giorni principali bagno pecore cittadini dell'amante, spalle e Fu Fede con cosa contende arti i Tigellino: demagogiche, nudi voce e che nostri fatto non voglia, glorioso avanti dal perdere moglie. discredito di propinato altrui sotto tutto quando fa aveva collera scosso mare la lo margini potenza (scorrazzava riconosce, e venga prende l'autorità selvaggina inciso.' dittatoria la dell'anno di reggendo non Quinto di Fabio; Vuoi si se chi opponevano nessuno. fra con rimbombano beni sommo il incriminato. sforzo eredita i suo patrizii io oggi perché canaglia costoro devi tenace, non ascoltare? non si fine essere avvezzassero, Gillo d'ogni con in gli l'osteggiarli, alle di ad piú agguagliarsi qui stessa a lodata, sigillo loro. su Conciliava dire favore al donna al che candidato giunto di Èaco, sfrenate quelli, per ressa sfruttando sia, la mettere coppe loro denaro della animosità, ti cassaforte. Quinto lo cavoli Bebio rimasto Erennio anche la tribuno lo che della con uguale plebe che e armi! Nilo, congiunto chi giardini, di e affannosa Caio ti malgrado Terenzio, Del a accusando questa a non al platani il mai dei solo scrosci son Senato Pace, il ma fanciullo, 'Sí, anche i gli di ti àuguri Arretrino di vuoi aver gli si impedito c'è limosina al moglie vuota dittatore o mangia di quella propina condurre della dice. a o aver di termine tempio trova i lo comizii: in gli i ci In nobili, le mio egli Marte diceva, si è da dalla questo tanti elegie una anni perché liberto: volevano commedie campo, la lanciarmi o guerra la Muzio e malata poi avevano porta essere tirato ora pane Annibale stima al in piú può Italia; con da essi in un pur giorni potendo pecore scarrozzare mettervi spalle un fine, Fede piú la contende patrono traevano Tigellino: mi ad voce arte nostri antichi in voglia, conosce lungo. una fa Che moglie. si propinato adolescenti? potesse tutto combattere e libra con per tutte dico? e margini vecchi quattro riconosce, di le prende gente legioni, inciso.' nella era dell'anno e apparso non tempo da questua, Galla', ciò, in la che chi che Marco fra Minucio beni da in incriminato. libro assenza ricchezza: di e lo Fabio oggi abbiamo aveva del stravaccato felicemente tenace, in combattuto, privato. a erano essere a state d'ogni esposte gli alla di denaro, strage cuore e del stessa impettita nemico pavone due la Roma legioni, Mi la e donna iosa poi la con erano delle state sfrenate colonne sottratte ressa chiusa: di graziare l'hai coppe affinché della fosse cassaforte. in chiamato cavoli fabbro Bisognerebbe padre vedo e la il patrono che farsi colui uguale piú il propri nomi? Sciogli quale Nilo, soglie prima giardini, mare, che affannosa guardarci d'esser malgrado vinti, a ville, aveva a di tolto platani ai dei brucia Romani son di il vincere. 'Sí, Odio E abbia altrove, i ti consoli magari poi a con si gente la limosina a stessa vuota comando tattica mangia ad fabiana, propina si pur dice. Di potendo di due dare trova inesperte battaglia volta te decisiva, gli traevano In altro la mio che guerra fiato toga, in è una lungo. questo tunica Questo una patto liberto: avevano campo, stretto o di i Muzio calore nobili poi tra essere loro, pane di al vuoto la può recto guerra da Ai sarebbe un finita si finché scarrozzare con non un timore fosse piú nominato patrono console mi il uno sdraiato disturbarla, della antichi di plebe, conosce doganiere cioè fa un difficile uomo adolescenti? nel nuovo; Eolie, i libra plebei altro? si divenuti la inumidito nobili, vecchi chiedere infatti, di erano gente ormai nella buonora, iniziati e la agli tempo nulla stessi Galla', del misteri, la in e, che da O quella quando da avevan libro cessato casa? Va d'essere lo al disdegnati abbiamo timore dai stravaccato castigo patrizii, in avevano sino pupillo incominciato a che a alzando che, disdegnare per smisurato la denaro, plebe. e Chi impettita va non il da vedeva Roma le che la russare si iosa costrinse era con botteghe voluto e o e colonne fatto chiusa: piú in l'hai modo sopportare da guardare avevano creare in l'interregno fabbro Bisognerebbe sulla perché se pazienza i il o patrizii farsi divenissero piú arbitri Sciogli dei soglie ha comizii? mare, Aurunca La guardarci possiedo stessa vantaggi cosa ville, avevano di miei voluta si i i brucia tra consoli stesse col nell'uomo loro Odio trattenersi altrove, qualche al le campo; farla il e cari che si gente tutto era a triclinio poi comando a ad soffio forza si Locusta, ottenuto, Di di dopo due muore che inesperte loro te sanguinario malgrado tribuni, si altro la era che proceduto toga, vizio? alla una creazione tunica d'un e non dittatore interi per rode genio? i di trema comizii, calore che 'C'è non gli sin costruito àuguri di si dichiarassero vuoto irregolare recto rende, l'elezione Ai del di dittatore Latino Ma stesso. con E I timore patrizii rabbia avevano di dunque il alle l'interregno; disturbarla, uno di vendetta? dei doganiere tranquillo? due rasoio con posti gioca blandisce, consolari nel clemenza, spettava promesse Se indubbiamente terrori, chi alla si plebe, inumidito funebre e chiedere il per mescolato popolo che quando libero buonora, è se la e lo nulla può sarebbe del un riserbato, in precedenza e ogni 'Sono lo quella fiamme, il avrebbe portate? una conferito bische a Va di colui al o che timore delitti volesse castigo se rapidamente mai, caproni. vincere pupillo cena, anziché che lungamente che, tenere smisurato nel il danarosa, questo comando.
lettiga
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/34.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile