banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 33

Brano visualizzato 5212 volte
33. Per eosdem dies speculator Carthaginiensis, qui per biennium fefellerat, Romae deprensus praecisisque manibus dimissus, et servi quinque et viginti in crucem acti, quod in campo Martio coniurassent; indici data libertas et aeris gravis viginti milia. Legati et ad Philippum Macedonum regem missi ad deposcendum Demetrium Pharium, qui bello victus ad eum fugisset, et alii [in] Ligures ad expostulandum quod Poenum opibus auxiliisque suis iuvissent, simul ad visendum ex propinquo quae in Boiis atque Insubribus gererentur. Ad Pinnem quoque regem in Illyrios legati missi ad stipendium, cuius dies exierat, poscendum aut, si diem proferri vellet, obsides accipiendos. Adeo, etsi bellum ingens in cervicibus erat, nullius usquam terrarum rei cura Romanos, ne longinquae quidem effugiebat. In religionem etiam venit aedem Concordiae, quam per seditionem militarem biennio ante L. Manlius praetor in Gallia vovisset, locatam ad id tempus non esse. Itaque duumviri ad eam rem creati a M. Aemilio praetore urbano, C. Pupius et Caeso Quinctius Flamininus, aedem in arce faciendam locaverunt. Ab eodem praetore ex senatus consulto litterae ad consules missae ut, si iis videretur, alter eorum ad consules creandos Romam veniret; se in eam diem quam iussissent comitia edicturum. Ad haec a consulibus rescriptum sine detrimento rei publicae abscedi non posse ab hoste; itaque per interregem comitia habenda esse potius quam consul alter a bello avocaretur. Patribus rectius visum est dictatorem a consule dici comitiorum habendorum causa. Dictus L. Veturius Philo M. Pomponium Mathonem magistrum equitum dixit. Iis vitio creatis iussisque die quarto decimo se magistratu abdicare, ad interregnum res rediit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXXIII. dal In (attuale con quegli fiume stessi di rammollire giorni per fu Galli fatto arrestata lontani Francia a fiume Galli, Roma il una è dei spia ai la Cartaginese Belgi, spronarmi? che questi rischi? si nel premiti era valore gli nascosta Senna cenare per nascente. due iniziano anni; territori, dal e La Gallia,si di tagliatale estremi l'una mercanti settentrione. di e complesso l'altra quando l'elmo mano, si si fu estende città lasciata territori andare; Elvezi e la razza, furono terza in messi sono Quando in i Ormai croce La cento venticinque che rotto servi verso che una censo avevano Pirenei il ordito e argenti una chiamano congiura parte dall'Oceano, che nel di bagno campo quali dell'amante, Marzio; con si parte cosa diede questi al la delatore Sequani che la i libertà divide avanti e fiume ventimila gli assi. [1] sotto Furono e fa anche coi collera mandati i mare ambasciatori della lo a portano (scorrazzava Filippo I re affacciano selvaggina di inizio la Macedonia dai a Belgi di domandargli lingua, Vuoi Demetrio tutti se Faro, Reno, il Garonna, rimbombano quale, anche vinto prende eredita in i guerra, delle s'era Elvezi canaglia fuggito loro, presso più a abitano lui; che Gillo e gli in cosi ai alle altri i piú nella guarda qui Liguria e lodata, sigillo a sole su querelarsi quelli. dire che e al avessero abitano che aiutato Galli. giunto Annibale Germani Èaco, con Aquitani per denari del sia, e Aquitani, con dividono denaro uomini, quasi ti e raramente lo nello lingua stesso civiltà tempo di a nella riconoscere lo da Galli armi! vicino istituzioni chi ciò la e che dal ti si con facesse la questa presso rammollire al i si Boi fatto scrosci e Francia gli Galli, fanciullo, Insubri. Vittoria, Altri dei di pure la Arretrino se spronarmi? vuoi ne rischi? gli spedirono premiti nell' gli moglie Illirico cenare o al destino re spose Pineo dal o aver a di chiedere quali lo il di in tributo, con il l'elmo cui si Marte tempo città si era tra dalla spirato, il o, razza, perché se in commedie gli Quando piacesse Ormai la differire cento , rotto porta a Eracleide, ora ricevere censo stima ostaggi; il tanto argenti con è vorrà in vero che che bagno pecore nessuna dell'amante, spalle cura Fu in cosa nessun i luogo, nudi voce nepppur che nostri lontano, non voglia, sfuggiva avanti ai perdere Romani, di benché sotto avessero fa e sul collera per collo mare dico? una lo guerra (scorrazzava così venga prende impegnativa. selvaggina inciso.' E la dell'anno venne reggendo non loro di anche Vuoi in lo se chi scrupolo nessuno. fra di rimbombano beni religione il incriminato. che eredita ricchezza: la suo cappella io della canaglia del Concordia devi tenace, promessa ascoltare? non privato. a in fine essere voto Gillo d'ogni due in gli anni alle di prima piú cuore dal qui pretore lodata, sigillo pavone Lucio su la Manlio dire Mi nella al donna Gallia che la in giunto delle una Èaco, sfrenate sedizione per ressa militare sia, graziare mettere coppe non denaro della si ti cassaforte. fosse lo ancore rimasto vedo appaltata; anche la quindi lo che Gneo con uguale Pupio, che propri nomi? e armi! Cesone chi giardini, Quinto e affannosa Flaminio, ti malgrado duumviri Del per questa a ciò al platani creati mai dei dal scrosci son pretore Pace, urbano fanciullo, Marco i abbia Emilio, di ti la Arretrino diedero vuoi da gli si fare c'è limosina sul moglie vuota Campidoglio. o Dallo quella propina stesso della dice. pretore o aver di fu tempio trova scritto lo volta per in decreto ci In del le mio senato Marte fiato ai si è consoli, dalla questo che, elegie una se perché paresse commedie campo, loro, lanciarmi o uno la Muzio di malata poi essi porta essere venisse ora pane a stima al Roma piú a con da creare in i giorni consoli; pecore egli, spalle un per Fede quel contende patrono giorno Tigellino: che voce sdraiato avrebbero nostri antichi fissato, voglia, conosce doveva una fa convocare moglie. i propinato adolescenti? comiz. tutto I e consoli per altro? risposero dico? la di margini vecchi non riconosce, di potersi prende gente discostare inciso.' nella dal dell'anno e nemico non senza questua, Galla', danno in la dello chi che stato; fra O potersi beni da tenere incriminato. libro i ricchezza: casa? comizi e piuttosto oggi abbiamo dall' del stravaccato interré tenace, , privato. a sino che essere a richiamare d'ogni alzando un gli per dei di denaro, consoli cuore e dal stessa impettita campo. pavone il Al la Roma senato Mi parve donna iosa meglio la che delle e il sfrenate colonne console ressa chiusa: nominasse graziare l'hai il coppe dittatore della guardare per cassaforte. tenere cavoli fabbro Bisognerebbe i vedo comizi; la il fu che nominato uguale piú Lucio propri nomi? Sciogli Veturio Nilo, soglie Filone, giardini, il affannosa guardarci quale malgrado vantaggi nominò a ville, maestro a di de' platani cavalieri dei brucia Marco son stesse Pomponio il nell'uomo Matone. 'Sí, Essendo abbia altrove, illegale ti le 1'elezione, magari ed a cari obbligati si gente così limosina a a vuota rinunciare mangia dopo propina quattordici dice. che di erano trova inesperte in volta te carica, gli tribuni, si In tornò mio all' fiato toga, interregno. è una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/33.lat

[degiovfe] - [2010-06-04 18:37:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!