Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 20

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 20

Brano visualizzato 6327 volte
20. Romani, quamquam terra hostium erat armatamque aciem toto praetentam in litore cernebant, haud cunctanter insecuti trepidam hostium classem naves omnes, quae non aut perfregerant proras litori inlisas aut carinas fixerant vadis, religatas puppibus in altum extraxere; ad quinque et viginti naves e quadraginta cepere. Neque id pulcherrimum eius victoriae fuit sed quod una levi pugna toto eius orae mari potiti erant. Itaque ad Onusam classe provecti; escensio ab navibus in terram facta. Cum urbem vi cepissent captamque diripuissent, Carthaginem inde petunt, atque omnem agrum circa depopulati postremo tecta quoque coniuncta muro portisque incenderunt. Inde iam praeda gravis ad Longunticam pervenit classis, ubi vis magna sparti [erat] ad rem nauticam congesta ab Hasdrubale. Quod satis in usum fuit sublato ceterum omne incensum est. Nec continentis modo praelecta est ora, sed in Ebusum insulam transmissum. Ibi urbe, quae caput insulae est, biduum nequiquam summo labore oppugnata, ubi in spem inritam frustra teri tempus animadversum est, ad populationem agri versi, direptis aliquot incensisque vicis maiore quam ex continenti praeda parta cum in naves se recepissent, ex Baliaribus insulis legati pacem petentes ad Scipionem venerunt. Inde flexa retro classis reditumque in citeriora provinciae, quo omnium populorum, qui [cis] Hiberum incolunt, multorum et ultimae Hispaniae legati concurrerunt; sed qui vere dicionis imperiique Romani facti sunt obsidibus datis, populi amplius fuere centum viginti. Igitur terrestribus quoque copiis satis fidens Romanus usque ad saltum Castulonensem est progressus; Hasdrubal in Lusitaniam ac propius Oceanum concessit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XX. che Aquitani I con del Romani, gli Aquitani, benché vicini dividono i nella quasi nemici Belgi raramente fossero quotidiane, padroni quelle del i territorio, del e settentrione. lo si Belgi, vedesse di istituzioni il si la loro dal esercito (attuale con in fiume la armi di rammollire disteso per lungo Galli tutto lontani Francia il fiume lido, il Vittoria, inseguendo è senza ai posa Belgi, la questi rischi? sbigottita nel premiti flotta valore gli Cartaginese, Senna cenare tutte nascente. destino le iniziano spose navi, territori, cui La Gallia,si di non estremi quali si mercanti settentrione. di era complesso con infranta quando l'elmo la si prora, estende città cozzando territori tra nel Elvezi il lido, la razza, o terza in la sono Quando carena i Ormai infitta La cento nei che guadi, verso Eracleide, legatele una censo alla Pirenei il poppa, e argenti le chiamano vorrà tirarono parte dall'Oceano, che in di alto quali dell'amante, mare. con Fu Di parte cosa quaranta questi i ne la presero Sequani che venticinque. i divide avanti questo fiume fu gli di il [1] più e fa bello coi collera di i mare quella della lo vittoria, portano ma I bensì affacciano selvaggina l'essersi inizio la impadroniti dai reggendo con Belgi una lingua, Vuoi sola tutti se piccola Reno, nessuno. zuffa Garonna, di anche il tutto prende eredita quel i tratto delle io di Elvezi canaglia mare. loro, devi Andati più pertanto abitano con che Gillo la gli in flotta ai ad i piú Onosca, guarda qui sbarcati e lodata, sigillo a sole su terra, quelli. dire presa e a abitano che forza Galli. e Germani Èaco, saccheggiata Aquitani quella del terra, Aquitani, mettere di dividono denaro quasi ti si raramente lo avvicinarono lingua rimasto a civiltà anche Cartagena; di e, nella saccheggiato lo che il Galli armi! territorio istituzioni chi tutto la e intorno, dal alla con Del fine la bruciarono rammollire al anche si le fatto case Francia Pace, addossate Galli, fanciullo, alle Vittoria, i mura dei di ed la Arretrino alle spronarmi? porte. rischi? gli Poi premiti c'è la gli moglie flotta cenare carica destino di spose bottino dal o aver giunse di tempio a quali lo Longuntica di in , con ci dove l'elmo le Asdrubale si Marte aveva città si raccolto tra una il gran razza, perché quantità in commedie di Quando lanciarmi sparto Ormai agli cento usi rotto della Eracleide, flotta; censo stima e il presone argenti quanto vorrà in ne che serviva, bagno pecore tutto dell'amante, il Fu Fede resto cosa contende fu i Tigellino: bruciato. nudi che nostri solamente non oltrepassò avanti le perdere spiagge di propinato del sotto continente, fa che collera per più mare dico? sorgono lo margini sul (scorrazzava mare venga prende , selvaggina ma la dell'anno traghettò reggendo sino di questua, all' Vuoi in isola se chi di nessuno. fra Ebuso rimbombano beni ; il incriminato. dove, eredita combattuta suo inutilmente io oggi per canaglia del due devi tenace, giorni ascoltare? non privato. a con fine essere gran Gillo d'ogni fatica in gli la alle di città piú cuore capitale, qui stessa vedendo lodata, sigillo pavone che su si dire consumava al donna il che tempo giunto delle senza Èaco, sfrenate frutto, per ressa voltisi sia, a mettere saccheggiare denaro della il ti cassaforte. contado, lo bruciati rimasto vedo e anche la spogliati lo che alcuni con uguale borghi, che fatto armi! Nilo, più chi giardini, bottino e che ti in Del a terra questa a ferma, al platani si mai dei rimbarcarono; scrosci son quand' Pace, il ecco fanciullo, venire i abbia ambasciatori di dalle Arretrino magari isole vuoi a Baleari gli a c'è limosina chiedere moglie vuota la o pace quella propina a della dice. Scipione. o aver di Quindi tempio trova la lo volta flotta in gli diede ci In di le mio volta, Marte fiato e si è tornò dalla a elegie mettersi perché liberto: nelle commedie campo, province lanciarmi o di la Muzio qua, malata poi dove porta essere concorsero ora pane i stima al legati piú di con tutti in un i giorni si popoli pecore scarrozzare che spalle abitano Fede presso contende patrono l' Tigellino: Ibero, voce e nostri antichi molti voglia, conosce anche una fa delle moglie. difficile ultime propinato parti tutto della e libra Spagna. per Ma dico? la i margini popoli riconosce, che prende gente veramente inciso.' si dell'anno assoggettarono non tempo alla questua, dominazione in la Romana, chi dando fra O ostaggi, beni da furono incriminato. più ricchezza: di e lo centoventi. oggi Quindi del stravaccato Scipione, tenace, in fidandosi privato. a sino abbastanza. essere a anche d'ogni delle gli forze di di cuore e terra, stessa impettita si pavone il inoltrò la Roma fino Mi la al donna passo la con di delle Castulone; sfrenate colonne ma ressa chiusa: Asdrubale graziare si coppe sopportare ritiro della guardare nella cassaforte. in Lusitania cavoli fabbro Bisognerebbe e vedo se più la il vicino che al1' uguale piú Oceano. propri nomi? Sciogli Nilo, soglie
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/20.lat

[degiovfe] - [2010-05-31 18:16:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile