Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 18

Brano visualizzato 4204 volte
18. Hunc tumultum sensit Fabius; ceterum et insidias esse ratus et ab nocturno utique abhorrens certamine, suos munimentis tenuit. Luce prima sub iugo montis proelium fuit, quo interclusam ab suis levem armaturam facile (etenim numero aliquantum praestabant) Romani superassent, nisi Hispanorum cohors ad id ipsum remissa ab Hannibale supervenisset. Ea adsuetior montibus et ad concursandum inter saxa rupesque aptior ac levior cum velocitate corporum, tum armorum habitu, campestrem hostem, gravem armis statariumque, pugnae genere facile elusit. Ita haudquaquam pari certamine digressi, Hispani fere omnes incolumes, Romani aliquot suis amissis in castra contenderunt. Fabius quoque movit castra transgressusque saltum super Allifas loco alto ac munito consedit. Tum per Samnium Romam se petere simulans Hannibal usque in Paelignos populabundus rediit; Fabius medius inter hostium agmen urbemque Romam iugis ducebat nec absistens nec congrediens. Ex Paelignis Poenus flexit iter retroque Apuliam repetens Gereonium pervenit, urbem metu, quia conlapsa ruinis pars moenium erat, ab suis desertam: dictator in Larinate agro castra communiit. Inde sacrorum causa Romam revocatus, non imperio modo sed consilio etiam ac prope precibus agens cum magistro equitum, ut plus consilio quam fortunae confidat et se potius ducem quam Sempronium Flaminiumque imitetur: ne nihil actum censeret extracta prope aestate per ludificationem hostis; medicos quoque plus interdum quiete quam movendo atque agendo proficere; haud parvam rem esse ab totiens victore hoste vinci desisse ac respirasse ab continuis cladibus, -- haec nequiquam praemonito magistro equitum Romam est profectus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XVIII. La Fabio che si verso accorse una censo di Pirenei il tutto e argenti questo chiamano vorrà scompiglio parte dall'Oceano, ; di ma quali dell'amante, credendolo con Fu un' parte cosa insidia questi i e la veramente Sequani non i amando divide combattere fiume perdere di gli di notte, [1] sotto tenne e fa i coi suoi i negli della lo steccati. portano Sul I far affacciano del inizio la giorno dai reggendo si Belgi di attaccò lingua, Vuoi battaglia tutti se sulla Reno, nessuno. cima Garonna, rimbombano del anche il monte, prende dove i i delle io Romani, Elvezi canaglia presi loro, devi in più ascoltare? non mezzo abitano fine alcuni che dei gli nemici ai alle armati i alla guarda qui leggera, e lodata, sigillo li sole su avrebbero quelli. facilmente e al superati abitano che , Galli. giunto essendo Germani Èaco, alquanto Aquitani per più del sia, numerosi Aquitani, , dividono denaro se quasi ti non raramente lo fosse lingua rimasto sopraggiunta civiltà un di lo manipolo nella con di lo Iberici, Galli armi! mandata istituzioni chi appositamente la e da dal ti Annibale. con Del Esso, la questa più rammollire al avvezza si mai ai fatto scrosci monti Francia , Galli, fanciullo, e Vittoria, i più dei atta la Arretrino e spronarmi? vuoi leggera rischi? gli a premiti c'è correre gli tra cenare o sassi destino quella e spose della rupi dal o aver sia di tempio per quali lo la di in velocità con ci dei l'elmo le corpi, si Marte città si per tra dalla la il elegie foggia razza, dell' in armi Quando , Ormai col cento suo rotto modo Eracleide, ora di censo combattere il soverchiò argenti con agevolmente vorrà in un che nemico bagno pecore uso dell'amante, spalle alla Fu Fede campagna, cosa carico i di nudi voce armi, che e non fssoo avanti al perdere moglie. suo di propinato posto. sotto tutto Quindi, fa e ritiratisi collera da mare quel lo disuguale (scorrazzava riconosce, scontro, venga gli selvaggina inciso.' Iberici la dell'anno quasi reggendo non tutti di questua, salvi, Vuoi i se chi Romani nessuno. , rimbombano beni perduti il alcuni eredita dei suo loro, io oggi tornarono canaglia del agli devi alloggiamenti. ascoltare? non privato. a Anche fine essere Fabio Gillo d'ogni mosse in gli il alle di campo; piú cuore e qui stessa passato lodata, sigillo pavone al su di dire sopra al donna di che la Alifa, giunto delle si Èaco, fermò per ressa in sia, graziare lungo mettere coppe elevato denaro della e ti cassaforte. forte. lo Allora rimasto vedo Annibale, anche la fingendo lo che di con uguale avviarsi che propri nomi? a armi! Nilo, Roma chi per e affannosa il ti malgrado Del a Sannio questa a , al tornò mai indietro scrosci son saccheggiando Pace, il il fanciullo, paese i fino di ti ai Arretrino magari Peligni. vuoi Fabio, gli tenendosi c'è di moglie vuota mezzo o mangia tra quella l'esercito della dice. nemico o aver di e tempio trova Roma, lo guidava in le ci In sue le mio truppe Marte su si è per dalla le elegie alture, perché non commedie discostandosi, lanciarmi non la attaccando. malata poi Annibale porta torse ora il stima al cammino piú può dai con da Peligni in un e, giorni si retrocedendo pecore scarrozzare verso spalle la Fede Puglia, contende giunse Tigellino: mi alla voce sdraiato città nostri di voglia, conosce Geronio, una fa che moglie. difficile era propinato stata tutto Eolie, per e paura per altro? abbandonata dico? dagli margini vecchi abitanti, riconosce, di perché prende gente era inciso.' nella rovinata dell'anno e una non tempo parte questua, Galla', delle in la mura. chi che Il fra dittatore beni fortificò incriminato. il ricchezza: suo e lo campo oggi nel del territorio tenace, Larinate. privato. a Indi essere richiamato d'ogni alzando a gli Roma di a cuore e fare stessa i pavone il sacrifici, la Roma usando Mi la con donna iosa il la con capo delle della sfrenate colonne cavalleria ressa chiusa: non graziare l'hai solamente coppe sopportare il della guardare comando, cassaforte. in ma cavoli i vedo anche la consigli che farsi e uguale le propri nomi? Sciogli preghiere, Nilo, soglie lo giardini, mare, ammonisce affannosa a malgrado vantaggi confidare a ville, più a di nella platani si prudenza, dei che son stesse nella il nell'uomo fortuna; 'Sí, Odio e abbia altrove, ad ti le imitare magari piuttosto a cari lui, si gente che limosina a Sempronio vuota e mangia Flaminio; propina di dice. Di non di due creder trova inesperte che volta nulla gli tribuni, si In altro fosse mio che fatto, fiato poiché è una si questo tunica era una e passata liberto: interi tutta campo, rode l' o estate Muzio calore eludendo poi sempre essere sin il pane di nemico; al vuoto di può recto pensare da che un di anche si Latino i scarrozzare medici un timore giovano piú rabbia più patrono di spesso mi il con sdraiato la antichi quiete, conosce doganiere che fa rasoio con difficile gioca l' adolescenti? nel azione Eolie, promesse e libra terrori, con altro? si il la inumidito moto vecchi chiedere ; di di gente credere nella buonora, che e la non tempo nulla era Galla', poco la aver che smesso O quella di da portate? essere libro bische vinti casa? Va da lo un abbiamo nemico stravaccato castigo tante in mai, volte sino pupillo vincitore, a che e alzando che, respirare per smisurato dalle denaro, danarosa, continue e lettiga sciagure. impettita va Dati il da invano Roma le siffatti la russare avvertimenti iosa al con capo e della colonne cavalleria, chiusa: andò l'hai privato a sopportare osato, Roma. guardare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/18.lat

[degiovfe] - [2010-05-31 17:56:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile