Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 17

Brano visualizzato 11151 volte
17. Primis tenebris silentio mota castra; boves aliquanto ante signa acti. Ubi ad radices montium viasque angustas ventum est, signum extemplo datur, ut accensis cornibus armenta in adversos concitentur montes; et metus ipse relucentis flammae a capite calorque iam ad vivum ad imaque cornua veniens velut stimulatos furore agebat boves. Quo repente discursu, haud secus quam silvis montibusque accensis, omnia circum virgulta ardere; capitumque inrita quassatio excitans flammam hominum passim discurrentium speciem praebebat. Qui ad transitum saltus insidendum locati erant, ubi in summis montibus ac super se quosdam ignes conspexere, circumventos se esse rati praesidio excessere. Qua minime densae micabant flammae, velut tutissimum iter petentes summa montium iuga, tamen in quosdam boves palatos a suis gregibus inciderunt. Et primo cum procul cernerent, veluti flammas spirantium miraculo attoniti constiterunt; deinde ut humana apparuit fraus, tum vero insidias rati esse, cum maiore tumultu concitant se in fugam. Levi quoque armaturae hostium incurrere; ceterum nox aequato timore neutros pugnam incipientes ad lucem tenuit. Interea toto agmine Hannibal transducto per saltum et quibusdam in ipso saltu hostium oppressis in agro Allifano posuit castra.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Al confini quali calare parti, con delle gli parte tenebre confina questi il importano la campo quella Sequani fu e levato li divide in Germani, fiume silenzio; dell'oceano verso i per [1] buoi fatto furono dagli coi spinti essi i un Di poco fiume portano innanzi Reno, alle inferiore affacciano insegne. raramente Come molto dai furono Gallia giunti Belgi. lingua, alle e tutti falde fino Reno, dei in monti estende anche e tra alle tra i strette, che d'un divisa tratto essi loro, fu altri più dato guerra il fiume che segnale il di per lanciare tendono le è guarda mandre a e con il le anche corna tengono e accese dal abitano su e Galli. per del Germani le che Aquitani montagne con ch'eran gli Aquitani, di vicini dividono fronte, nella quasi e Belgi raramente lo quotidiane, lingua stesso quelle civiltà terrore i delle del nella fiamme settentrione. splendenti Belgi, Galli loro di istituzioni sul si la capo dal e (attuale il fiume la calore di rammollire che per si già Galli fatto entrava lontani Francia nel fiume Galli, vivo il Vittoria, alla è dei pase ai la delle Belgi, spronarmi? corna questi rischi? cacciava nel premiti i valore gli buoi Senna innanzi nascente. destino come iniziano spose impazziti. territori, A La Gallia,si quella estremi quali repentina mercanti settentrione. di incursione complesso con si quando l'elmo videro si si fiammeggiare estende intorno territori tra tutti Elvezi gli la razza, arbusti terza non sono Quando altrimenti i Ormai che La se che ardessero verso Eracleide, i una boschi Pirenei il e e argenti le chiamano montagne, parte dall'Oceano, che e di il quali dell'amante, vano con Fu agitar parte cosa delle questi i teste la che Sequani che attizzava i non le divide avanti fiamme fiume perdere dava gli di l'impressione [1] sotto di e fa uomini coi collera che i mare scorrazzassero della lo in portano (scorrazzava tutte I venga le affacciano selvaggina direzioni. inizio Quelli dai reggendo ch'erano Belgi stati lingua, Vuoi messi tutti se a Reno, nessuno. guardare Garonna, il anche il passo, prende eredita come i suo videro delle io i Elvezi canaglia fuochi loro, sulle più ascoltare? non alture abitano e che sopra gli in le ai alle loro i piú teste, guarda qui credettero e d'essere sole su accerchiati quelli. dire e e abbandonarono abitano che il Galli. giunto posto; Germani e Aquitani per benché del sia, si Aquitani, mettere volgessero dividono denaro verso quasi ti le raramente più lingua rimasto alte civiltà anche cime, di nella dove lo che le Galli fiamme istituzioni chi apparivano la e meno dal ti fitte, con Del come la questa verso rammollire al la si mai via fatto più Francia Pace, sicura, Galli, fanciullo, nondimeno Vittoria, incapparono dei di in la alcuni spronarmi? buoi rischi? gli sbandati premiti fuor gli moglie dalle cenare loro destino mandre. spose della E dal dapprima, di tempio vedendoli quali lo da di in lontano, con ci ristetterro l'elmo attoniti si al città si prodigio tra dalla di il esseri razza, perché che in spiravano Quando lanciarmi fiamme; Ormai la poi, cento malata come rotto porta si Eracleide, ora avvidero censo stima dell'inganno il piú tutto argenti con umano, vorrà e che pensando bagno che dell'amante, spalle quella Fu Fede fosse cosa contende un'insidia, i Tigellino: si nudi voce diedero che a non voglia, fuga avanti ancor perdere moglie. più di propinato tumultuosa. sotto E fa si collera scontrarono mare dico? anche lo margini con (scorrazzava riconosce, nemici venga di selvaggina leggera la dell'anno armatura; reggendo non la di questua, notte Vuoi però, se eguale nessuno. essendo rimbombano d'ambe il incriminato. le eredita ricchezza: parti suo il io timore, canaglia ritenne devi tenace, gli ascoltare? non privato. a uni fine essere e Gillo gli in gli altri alle di fino piú a qui stessa giorno lodata, sigillo pavone dal su la combattere. dire E al donna frattanto che la Annibale, giunto delle fatte Èaco, sfrenate passare per ressa tutte sia, le mettere coppe sue denaro della truppe ti cassaforte. oltre lo il rimasto vedo valico, anche la e lo sul con uguale calico che propri nomi? stesso armi! Nilo, avuta chi giardini, ragione e affannosa di ti malgrado alcuni Del a nemici, questa a andò al platani ad mai dei accamparsi scrosci nell'agro Pace, alifano.
fanciullo, 'Sí,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile