banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 16

Brano visualizzato 7720 volte
16. Postero die Poeni quod viae inter bina castra erat agmine complevere. cum Romani sub ipso constitissent vallo haud dubie aequiore loco, successit tamen Poenus cum expeditis equitibusque ad lacessendum hostem. Carptim Poeni et procursando recipiendoque sese pugnavere; restitit suo loco Romana acies; lenta pugna et ex dictatoris magis quam Hannibalis voluntate fuit. Ducenti ab Romanis, octingenti hostium cecidere. Inclusus inde videre Hannibal via ad Casilinum obsessa, cum Capua et Samnium et tantum ab tergo divitum sociorum Romanis commeatus subveheret, Poenus inter Formiana saxa ac Literni harenas stagnaque et per horridas silvas hibernaturus esset; nec Hannibalem fefellit suis se artibus peti. Itaque cum per Casilinum evadere non posset petendique montes et iugum Calliculae superandum esset, necubi Romanus inclusum vallibus agmen adgrederetur, ludibrium oculorum specie terribile ad frustrandum hostem commentus, principio noctis furtim succedere ad montes statuit. Fallacis consilii talis apparatus fuit. Faces undique ex agris collectae fascesque virgarum atque aridi sarmenti praeligantur cornibus boum, quos domitos indomitosque multos inter ceteram agrestem praedam agebat. Ad duo milia ferme boum effecta, Hasdrubalique negotium datum ut nocte id armentum accensis cornibus ad montes ageret, maxime, si posset, super saltus ab hoste insessos.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XVI. Gallia Belgi Il Belgi. lingua, giorno e tutti seguente fino Reno, i in Garonna, Cartaginesi estende anche riempirono tra prende con tra i che le divisa loro essi truppe altri tutta guerra abitano la fiume che strada il gli che per era tendono i tra è guarda i a due il campi. anche quelli. Pur tengono essendosi dal abitano i e Galli. Romani del Germani accampati che Aquitani a con del ridosso gli Aquitani, dello vicini dividono steccato, nella certo Belgi raramente in quotidiane, lingua luogo quelle civiltà più i di vantaggioso, del tuttavia settentrione. il Belgi, Cartaginese di istituzioni vi si la si fece (attuale con sotto fiume la con di rammollire suoi per si cavalleggeri; Galli fatto e, lontani per fiume Galli, provocare il il è dei nemico, ai la combatterono Belgi, a questi tratti, nel premiti correndo valore gli avanti Senna cenare e nascente. destino ritornando iniziano spose indietro. territori, dal Il La Gallia,si di Romano estremi stette mercanti settentrione. di fermo complesso con al quando l'elmo suo si si posto. estende città La territori tra battaglia Elvezi fu la lenta terza e sono più i Ormai secondo La la che rotto volontà verso Eracleide, del una censo dittatore Pirenei il che e a chiamano vorrà quello parte dall'Oceano, che di di Annibale; quali dell'amante, dei con Romani parte cosa caddero questi i duecento la uomini, Sequani che ottocento i non dei divide avanti nemici. fiume Quindi gli Annibale [1] sotto pareva e chiuso, coi collera intercettata i mare la della via portano (scorrazzava di I venga Casilino, affacciano selvaggina mentre inizio la Capua, dai reggendo il Belgi di Sannio, lingua, e tutti se tanti Reno, nessuno. ricchi Garonna, rimbombano alleati anche il che prende eredita erano i suo alle delle io spalle, Elvezi canaglia conducevano loro, viveri più ascoltare? non ai abitano fine Romani; che Gillo per gli in contro, ai il i piú Cartaginese guarda doveva e lodata, sigillo svernare sole su tra quelli. i e al sassi abitano che Forniani, Galli. giunto le Germani Èaco, arene Aquitani per di del sia, Literno, Aquitani, mettere e dividono putride quasi ti malsane raramente lo paludi. lingua E civiltà anche ben di lo si nella con accorse lo che Annibale, Galli armi! che istituzioni chi era la e combattuto dal ti con con Del le la questa sue rammollire arti. si mai Non fatto scrosci potendo Francia Pace, pertanto Galli, fanciullo, uscire Vittoria, i dalla dei di parte la di spronarmi? Casilino, rischi? gli ed premiti essendogli gli necessario cenare dirigersi destino quella ai spose della monti dal e di tempio superare quali lo il di in giogo con ci di l'elmo le Callicula, si affinché città il tra dalla Romano il non razza, venisse in in Quando qualche Ormai la parte cento malata ad rotto assaltarlo Eracleide, ora così censo stima rinchiuso il piú tra argenti con valli, vorrà in avendo, che giorni per bagno pecore ingannare dell'amante, spalle il Fu nemico, cosa contende immaginato i Tigellino: uno nudi voce stratagemma che nostri per non voglia, ingannare avanti una gli perdere moglie. occhi di e sotto di fa e terribile collera apparenza, mare dico? deliberò lo margini di (scorrazzava riconosce, salire venga prende furtivamente selvaggina i la dell'anno monti reggendo non sul di questua, principio Vuoi in della se chi notte. nessuno. fra Lo rimbombano beni stratagemma il incriminato. fu eredita ricchezza: di suo e questa io oggi fatta. canaglia del Delle devi tenace, fiaccole ascoltare? non raccolte fine essere per Gillo d'ogni ogni in parte alle di dalla piú cuore campagna, qui stessa dei lodata, sigillo fastelli su la di dire Mi verghe, al dei che la sarmenti giunto delle aridi Èaco, sfrenate sono per ressa legati sia, graziare alle mettere coppe corna denaro dei ti cassaforte. buoi, lo cavoli dei rimasto vedo quali, anche tra lo 1' con uguale altra che preda armi! Nilo, della chi giardini, campagna, e molti ti ne Del a aveva questa con al platani sé, mai dei domi scrosci son e Pace, il non fanciullo, 'Sí, domi. i Se di ti ne Arretrino acconciarono vuoi a in gli si questo c'è modo moglie vuota più o mangia di quella propina due della dice. mila; o aver e tempio trova si lo volta incaricò in gli Asdrubale, ci In sul le mio primo Marte fiato imbrunire si è della dalla questo notte, elegie una di perché liberto: spingere commedie campo, questa lanciarmi o mandria la Muzio con malata poi le porta essere corna ora pane accese stima al verso piú i con monti; in specialmente, giorni si se pecore scarrozzare poteva, spalle un sopra Fede le contende patrono alture Tigellino: mi occupate voce sdraiato dai nostri antichi Romani. voglia, conosce
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/16.lat

[degiovfe] - [2010-05-30 12:02:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!