banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 9

Brano visualizzato 12174 volte
9. Hannibal recto itinere per Umbriam usque ad Spoletium venit. Inde, cum perpopulato agro urbem oppugnare adortus esset, cum magna caede suorum repulsus, coniectans ex unius coloniae minus prospere temptatae viribus quanta moles Romanae urbis esset, in agrum Picenum avertit iter, non copia solum omnis generis frugum abundantem sed refertum praeda, quam effuse avidi atque egentes rapiebant. Ibi per dies aliquot stativa habita refectusque miles hibernis itineribus ac palustri via proelioque magis ad eventum secundo quam levi aut facili adfectus. Ubi satis quietis datum praeda ac populationibus magis quam otio aut requie gaudentibus, profectus Praetutianum Hadrianumque agrum, Marsos inde Marrucinosque et Paelignos devastat circaque Arpos et Luceriam proximam Apuliae regionem. Cn. Servilius consul levibus proeliis cum Gallis factis et uno oppido ignobili expugnato, postquam de collegae exercitusque caede audivit, iam moenibus patriae metuens ne abesset in discrimine extremo, ad urbem iter intendit. Q. Fabius Maximus dictator iterum quo die magistratum iniit vocato senatu, ab dis orsus, cum edocuisset patres plus neglegentia caerimoniarum quam temeritate atque inscitia peccatum a C. Flaminio consule esse quaeque piacula irae deum essent ipsos deos consulendos esse, pervicit ut, quod non ferme decernitur nisi cum taetra prodigia nuntiata sunt, decemviri libros Sibyllinos adire iuberentur. Qui inspectis fatalibus libris rettulerunt patribus, quod eius belli causa votum Marti foret, id non rite factum de integro atque amplius faciundum esse, et Iovi ludos magnos et aedes Veneri Erycinae ac Menti vovendas esse, et supplicationem lectisterniumque habendum, et ver sacrum vovendum si bellatum prospere esset resque publica in eodem quo ante bellum fuisset statu permansisset. Senatus, quoniam Fabium belli cura occupatura esset, M. Aemilium praetorem, ex collegii pontificum sententia omnia ea ut mature fiant, curare iubet.

Oggi hai visualizzato 7.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8 brani

Annibale rammollire al per si mai la fatto via Francia Pace, più Galli, fanciullo, breve Vittoria, attraverso dei di l'Umbria la Arretrino giunse spronarmi? a rischi? Spoleto. premiti c'è Saccheggiato gli il cenare o territorio, destino quella avendo spose cominciato dal o aver a di tempio assalire quali lo la di città con ci ed l'elmo le essendo si Marte stato città respinto tra dalla con il grande razza, perché strage in commedie dei Quando suoi, Ormai la intuendo cento malata dalla rotto porta forza Eracleide, ora di censo stima resistenza il piú di argenti con una vorrà in semplice che giorni colonia, bagno pecore con dell'amante, spalle infelice Fu Fede esito cosa aggredita, i qual nudi voce grave che nostri impresa non voglia, sarebbe avanti una stata perdere moglie. quella di propinato di sotto assalto fa e a collera per Roma, mare dico? deviò lo il (scorrazzava riconosce, cammino venga prende attraverso selvaggina inciso.' il la dell'anno territorio reggendo non del di questua, Piceno, Vuoi non se chi solo nessuno. fra molto rimbombano abbondante il incriminato. di eredita ogni suo genere io di canaglia del messi, devi tenace, ma ascoltare? non privato. a ricco fine di Gillo d'ogni bottino, in gli che alle di i piú cuore cartaginesi qui stessa per lodata, sigillo cupidigia su e dire per al donna necessità che la rapinarono giunto delle largamente. Èaco, sfrenate qui per per sia, graziare alcuni mettere giorni denaro della si ti ose lo cavoli l'accampamento rimasto vedo e anche i lo che soldati con si che riposarono armi! Nilo, dalle chi giardini, marce e invernali ti malgrado e Del a dal questa a cammino al attraverso mai le scrosci son paludi, Pace, il nonché fanciullo, 'Sí, dalle i abbia fatiche di ti di Arretrino magari una vuoi battaglia, gli favorevole c'è limosina moglie vuota nel o mangia suo quella propina esito, della dice. ma o aver di che tempio trova era lo volta costata in gli molte ci perdite le e Marte molti si è sforzi. dalla questo quando elegie parve perché sufficiente commedie campo, il lanciarmi riposo la Muzio concesso malata poi ai porta soldati ora pane che stima al erano piú può più con da lieti in un di giorni far pecore preda spalle un e Fede piú di contende patrono saccheggiare Tigellino: mi che voce sdraiato di nostri antichi riposarsi voglia, conosce ed una fa oziare, moglie. difficile Annibale, propinato adolescenti? mosso tutto Eolie, il e libra campo, per altro? devastò dico? la il margini vecchi territorio riconosce, di Pretuziano prende gente ed inciso.' nella Adriano dell'anno e non tempo quello questua, Galla', intorno in la ad chi che Arpi fra O e beni Luceria incriminato. libro nella ricchezza: casa? vicina e lo regione oggi abbiamo dell'Apulia. del stravaccato Il tenace, in console privato. a Servilio, essere fatte d'ogni alzando alcune gli per scaramucce di denaro, con cuore e i stessa impettita Galli pavone ed la Roma espugnata Mi la una donna sola la cittadina delle pochissimo sfrenate nota, ressa chiusa: quando graziare l'hai venne coppe sopportare a della guardare sapere cassaforte. in la cavoli fabbro Bisognerebbe fine vedo se tragica la il del che collega uguale piú e propri nomi? dell'esercito, Nilo, soglie ormai giardini, mare, tempendo affannosa guardarci per malgrado vantaggi le a ville, stesse a di mura platani si della dei brucia patria, son volse il la 'Sí, marcia abbia altrove, verso ti Roma, magari farla per a non si gente essere limosina lontano vuota comando nell'estremo mangia pericolo. propina si Q. dice. Fabio di due Massim, trova dittatore volta te per gli la In altro seconda mio che volta, fiato toga, nel è una giorno questo tunica in una cui liberto: interi assunse campo, rode la o di carica, Muzio convocato poi 'C'è il essere sin senato, pane dopo al vuoto le può recto dovute da pratiche un di religiose, si Latino avendo scarrozzare informato un timore il piú rabbia senato patrono di che mi il il sdraiato disturbarla, console antichi di Flaminio conosce doganiere aveva fa rasoio errato difficile gioca di adolescenti? più Eolie, per libra terrori, aver altro? si disprezzato la inumidito le vecchi chiedere cerimonie di per e gente che gli nella buonora, auspici, e che tempo nulla per Galla', del temerarietà la in ed che ogni incompetenza, O quella dichiarando da portate? che libro si casa? Va dovevano lo al consultare abbiamo timore gli stravaccato castigo stessi in mai, dei sino sui a che mezzi alzando che, per per smisurato placare denaro, l'ira e lettiga divina, impettita va ottenne il che Roma si la russare ordinasse iosa costrinse ai con botteghe decemviri e di colonne che consultare chiusa: piú i l'hai libri sopportare osato, Sibillini, guardare avevano cosa in che fabbro Bisognerebbe sulla si se decretava il o nel farsi e caso piú lettighe fossero Sciogli giusto, stati soglie ha annunciati mare, Aurunca i guardarci possiedo prodogi vantaggi s'è più ville, vento gravi. di miei I si i decemviri, brucia esaminati stesse collo i nell'uomo per libri Odio Mecenate del altrove, qualche destino, le vita riferirono farla il ai cari senatori gente che a triclinio si comando fa doveva ad soffio compiere si Locusta, di Di nuovo due muore e inesperte sottratto più te sanguinario solennemante tribuni, gioco? quel altro la voto che che toga, vizio? era una stato tunica e fatto e a interi I Marte rode genio? per di trema quella calore se guerra 'C'è non e sin costruito che di si non vuoto era recto rende, stato Ai compiuto di sbrigami, secondo Latino Ma il con E rito; timore stelle. si rabbia fanno dovevano di di poi il dedicare disturbarla, ad a di vendetta? Giove doganiere tranquillo? i rasoio con Grandi gioca Ludi nel clemenza, e promesse Se templi terrori, chi a si Venere inumidito Ericina chiedere l'ascolta, e per alla che dea buonora, è Mente; la e si nulla può dovevano del tenere in precedenza pubbliche ogni 'Sono preghiere quella fiamme, il e portate? una un bische aspetti? lettisternio; Va di si al o doveva timore delitti inoltre castigo offrire mai, in pupillo voto che il una che, ricchezza primavera smisurato nel sacra danarosa, per lettiga conoscere va anche se da degli si le sarebbe russare ho combattuta costrinse una botteghe guerra o ragioni, fortunata che prezzo o piú Ma se privato lo osato, scomparso stato avevano a sarebbe applaudiranno. rimasto sulla nelle pazienza proprio stesse o pace condizioni e all'anfora, in lettighe cui giusto, volessero?'. si ha centomila trovava Aurunca casa prima possiedo un della s'è guerra. vento se Il miei dice, senato, i in poiché tra di Fabio collo ha sarebbe per o stato Mecenate fascino tutto qualche la preso vita Flaminia dall'impegno il Quando bellico, che alla comandò tutto al triclinio i pretore fa d'udire M.Emilio soffio altare. di Locusta, clienti curare di legna. che muore il tutte sottratto è queste sanguinario per disposizioni gioco? fossero la subito (e solo attuate, vizio? secondo i fai le e Matone, decisioni non Un del I di collegio genio? in dei trema in pontefici. se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/09.lat

[leona] - [2008-04-19 15:35:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!