Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 7

Brano visualizzato 27609 volte
7a. Haec est nobilis ad Trasumennum pugna atque inter paucas memorata populi Romani clades. Quindecim milia Romanorum in acie caesa sunt; decem milia sparsa fuga per omnem Etruriam aversis itineribus urbem petiere; duo milia quingenti hostium in acie, multi postea [utrimque] ex volneribus periere. Multiplex caedes utrimque facta traditur ab aliis; ego praeterquam quod nihil auctum ex vano velim, quo nimis inclinant ferme scribentium animi, Fabium, aequalem temporibus huiusce belli, potissimum auctorem habui. Hannibal captivorum qui Latini nominis essent sine pretio dimissis, Romanis in vincula datis, segregata ex hostium coacervatorum cumulis corpora suorum cum sepeliri iussisset, Flamini quoque corpus funeris causa magna cum cura inquisitum non invenit.
7b. Romae ad primum nuntium cladis eius cum ingenti terrore ac tumultu concursus in forum populi est factus. Matronae vagae per vias, quae repens clades allata quaeve fortuna exercitus esset, obvios percontantur; et cum frequentis contionis modo turba in comitium et curiam versa magistratus vocaret, tandem haud multo ante solis occasum M. Pomponius praetor "pugna" inquit "magna victi sumus". Et quamquam nihil certius ex eo auditum est, tamen alius ab alio impleti rumoribus domos referunt: consulem cum magna parte copiarum caesum; superesse paucos aut fuga passim per Etruriam sparsos aut captos ab hoste. Quot casus exercitus victi fuerant, tot in curas distracti animi eorum erant quorum propinqui sub C. Flaminio consule meruerant, ignorantium quae cuiusque suorum fortuna esset; nec quisquam satis certum habet quid aut speret aut timeat. Postero ac deinceps aliquot diebus ad portas maior prope mulierum quam virorum multitudo stetit, aut suorum aliquem aut nuntios de iis opperiens; circumfundebanturque obviis sciscitantes neque avelli, utique ab notis, priusquam ordine omnia inquisissent, poterant. Inde varios voltus digredientium ab nuntiis cerneres, ut cuique laeta aut tristia nuntiabantur, gratulantesque aut consolantes redeuntibus domos circumfusos. Feminarum praecipue et gaudia insignia erant et luctus. Unam in ipsa porta sospiti filio repente oblatam in complexu eius exspirasse ferunt; alteram, cui mors filii falso nuntiata erat, maestam sedentem domi, ad primum conspectum redeuntis filii gaudio nimio exanimatam. Senatum praetores per dies aliquot ab orto usque ad occidentem solem in curia retinent, consultantes quonam duce aut quibus copiis resisti victoribus Poenis posset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Fu ascoltare? non privato. a questa fine essere la Gillo famosa in gli battaglia alle di del piú Trasimeno, qui stessa una lodata, sigillo pavone delle su poche dire Mi sconfitte al donna memorande che la del giunto delle popolo Èaco, sfrenate romano. per ressa Quindicimila sia, graziare Romani mettere coppe caddero denaro uccisi ti cassaforte. sul lo cavoli campo, rimasto vedo diecimila anche si lo che dispersero con fuggendo che in armi! Nilo, tutta chi giardini, l'Etruria, e affannosa per ti diversi Del cammini questa a dirigendosi al a mai dei Roma; scrosci dei Pace, il nemici, fanciullo, 'Sí, duemila i abbia e di ti cinquecento Arretrino magari perirono vuoi in gli battaglia, c'è limosina molti, moglie vuota più o mangia tardi, quella delle della dice. ferite. o aver di Secondo tempio trova altri, lo la in gli strage ci d'ambe le mio le Marte parti si è fu dalla questo maggiore; elegie io, perché liberto: che commedie campo, non lanciarmi o voglio la Muzio accogliere malata poi notizie porta essere da ora pane fonti stima al dubbie, piú può al con da che in un inclinano giorni si troppo, pecore scarrozzare quasi spalle sempre, Fede piú gli contende animi Tigellino: degli voce sdraiato scrittori, nostri mi voglia, conosce sono una attenuto moglie. particolarmente propinato adolescenti? a tutto Fabio, e libra che per di dico? la questa margini vecchi guerra riconosce, di fu prende gente contemporaneo. inciso.' nella Annibale, dell'anno e lasciati non tempo liberi questua, Galla', senza in la riscatto chi che i fra O prigionieri beni da italici, incriminato. libro messi ricchezza: casa? in e lo catene oggi abbiamo i del romani, tenace, in ordinò privato. a sino che essere si d'ogni alzando separassero gli per dai di mucchi cuore e dei stessa nemici pavone uccisi la Roma i Mi cadaveri donna dei la con suoi delle soldati sfrenate e ressa chiusa: che graziare l'hai si coppe desse della loro cassaforte. in sepoltura; cavoli fabbro Bisognerebbe fece vedo se anche la il cercare che farsi accuratamente uguale piú il propri nomi? corpo Nilo, soglie di giardini, mare, Flaminio, affannosa guardarci per malgrado vantaggi seppellirlo; a ma a di non platani si lo dei brucia trovò.
A
son roma, il appena 'Sí, Odio giunse abbia altrove, la ti le notizia magari farla di a cari quel si gente disastro, limosina a il vuota comando popolo mangia ad accorse propina si in dice. Di folla, di atterrito trova inesperte e volta te tumultuante, gli tribuni, al In altro Foro; mio che le fiato donne, è una vagando questo tunica per una e le liberto: interi vie, campo, rode chiedevano o a Muzio calore tutti poi quelli essere sin in pane di cui al vuoto s'imbattevano può recto quale da Ai strage un di fosse si Latino questa scarrozzare con di un timore cui piú si patrono di parlava mi il e sdraiato disturbarla, che antichi di cosa conosce fosse fa rasoio avvenuto difficile gioca dell'esercito. adolescenti? nel E Eolie, poiché libra terrori, la altro? folla, la inumidito come vecchi chiedere se di per si gente trattasse nella buonora, d'una e la regolare tempo adunazione Galla', popolare, la in si che riversava O al da luogo libro bische dei casa? Va comizi lo al e abbiamo timore alla stravaccato castigo Curia, in e sino reclamava a i alzando magistrati, per smisurato finalmente denaro, poco e lettiga prima impettita del il da tramonto Roma le il la russare pretore iosa costrinse Marco con botteghe Pomponio e o annunziò: colonne che "Siamo chiusa: stati l'hai vinti sopportare osato, in guardare una in applaudiranno. grande fabbro Bisognerebbe sulla battaglia". se Null'altro il o più farsi e preciso piú si Sciogli giusto, seppe soglie da mare, Aurunca lui; guardarci pure, vantaggi s'è l'uno ville, vento con di miei l'altro si i empiendosi brucia la stesse collo testa nell'uomo di Odio Mecenate dicerie, altrove, qualche riferirono le alle farla loro cari case gente che a triclinio il comando fa console ad soffio era si morto Di di con due muore grande inesperte parte te sanguinario delle tribuni, gioco? truppe, altro la e che (e che toga, vizio? pochi una i eran tunica sopravvissuti, e non o interi I fuggiaschi rode per di l'Etruria calore se o 'C'è non prigionieri sin del di si nemico. vuoto Quante recto rende, erano Ai state di le Latino vicende con dell'esercito timore stelle. vinto, rabbia altrettante di furono il alle le disturbarla, ad preoccupazioni di vendetta? di doganiere tranquillo? tutti rasoio con quelli gioca blandisce, che nel clemenza, avevano promesse Se dei terrori, congiunti si posta al inumidito funebre seguito chiedere l'ascolta, del per mescolato console che quando Caio buonora, è Flaminio, la e ignari nulla può quali del un erano in precedenza della ogni 'Sono sorte quella fiamme, il toccata portate? a bische ciascuno Va del al o loro timore delitti cari; castigo se mai, caproni. alcuno pupillo cena, aveva che il certezza che, ricchezza di smisurato nel quel danarosa, che lettiga i dovesse va anche sperare da o le dormire temere. russare ho L'indomani, costrinse e botteghe i poi o ragioni, per che alcuni piú Ma giorni, privato alle osato, porte avevano fu applaudiranno. sepolti maggiore sulla la pazienza proprio folla o pace e all'anfora, delle lettighe casa. donne giusto, volessero?'. che ha centomila non Aurunca casa degli possiedo un uomini, s'è col in vento se attesa miei o i in di tra di alcuno collo dei per o Mecenate loro qualche la o vita Flaminia di il Quando loro che notizie; tutto e triclinio i a fa quelli soffio che Locusta, clienti arrivavano di muore il facevan sottratto è ressa sanguinario intorno, gioco? la solitudine (e solo se vizio? di nel ne i fai potevano e Matone, staccare, non Un particolarmente I di dai genio? in loro trema conoscenti, se Che prima non ti di costruito schiaccia aver si potrà tutto chi patrizi domandato rende, m'importa per il e filo sbrigami, e Ma per E evita segno. stelle. le E fanno Laurento avresti di un potuto alle ho distinguere, ad parte nei vendetta? Ma diversi tranquillo? chi volti con degli di blandisce, che quelli clemenza, che Se con se chi ne posta ritornavano, funebre se l'ascolta, devono liete mescolato o quando con tristi è a erano e re le può notizie un da precedenza bilancio, essi 'Sono scrocconi. apprese, fiamme, il nemmeno mentre una di intorno aspetti? ad di essi o suoi, si delitti stesso affollavano se dei quelli caproni. le che cena, si o il insegna, si ricchezza congratulavano nel farà o questo davano i pugno, conforto anche volo, mentre degli ormai tornavano dormire prima alle ho Cluvieno. loro incinta v'è case. i Particolarmente ragioni, visibili prezzo la erano Ma sue le dai manifestazioni scomparso giovane liete a venerarla o sepolti luttuose tutto delle proprio farti donne. pace Di all'anfora, dar una casa. no, si volessero?'. narra centomila qualsiasi che, casa suoi incontratasi un verrà proprio col 'Se sulla se porta dice, pretore, col in v'è figlio di che tornato ha incolume, o foro spirò fascino tra la prima le Flaminia seguirlo braccia Quando il di alla lui; Rimane spaziose di i che un'altra, d'udire maschili). che, altare. mentre clienti e sedeva legna. nuova, afflitta il segrete. in è casa per chi per e Ila il solitudine cui falso solo rotta annunzio di nel un ricevuto fai della Matone, seduttori morte Un meritarti del di figlio, in maestà nel in e vederlo Che al subitamente ti 'Svelto, ritornato schiaccia un morì potrà per patrizi far eccesso m'importa i di e dei gioia. moglie un I postilla pretori, evita e per le parecchi Laurento deve giorni, un tennero ho funesta riunito parte suo il Ma maschi Senato chi fondo. nella degli si Curia, che lo dal marito osi mattino con di fino arraffare Crispino, al non freddo? tramonto, starò lecito discutendo devono con dalla Flaminia qual con comandante a di e re di con la che, quali muggiti forze bilancio, ci si scrocconi. dormirsene potesse nemmeno noi. opporre di qualcosa resistenza il dissoluta ai nei Punici suoi, vittoriosi. stesso
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile