Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 5

Brano visualizzato 23196 volte
5. Consul perculsis omnibus ipse satis ut in re trepida impavidus, turbatos ordines, vertente se quoque ad dissonos clamores, instruit ut tempus locusque patitur, et quacumque adire audirique potest, adhortatur ac stare ac pugnare iubet: nec enim inde votis aut imploratione deum sed vi ac virtute evadendum esse; per medias acies ferro viam fieri et quo timoris minus sit, eo minus ferme periculi esse. Ceterum prae strepitu ac tumultu nec consilium nec imperium accipi poterat, tantumque aberat ut sua signa atque ordines et locum noscerent, ut vix ad arma capienda aptandaque pugnae competeret animus, opprimerenturque quidam onerati magis iis quam tecti. Et erat in tanta caligine maior usus aurium quam oculorum. Ad gemitus volnerum ictusque corporum aut armorum et mixtos strepentium paventiumque clamores circumferebant ora oculosque. Alii fugientes pugnantium globo inlati haerebant; alios redeuntes in pugnam avertebat fugientium agmen. Deinde, ubi in omnes partes nequiquam impetus capti et ab lateribus montes ac lacus, a fronte et ab tergo hostium acies claudebat apparuitque nullam nisi in dextera ferroque salutis spem esse, tum sibi quisque dux adhortatorque factus ad rem gerendam, et nova de integro exorta pugna est, non illa ordinata per principes hastatosque ac triarios nec ut pro signis antesignani, post signa alia pugnaret acies nec ut in sua legione miles aut cohorte aut manipulo esset; fors conglobat et animus suus cuique ante aut post pugnandi ordinem dabat tantusque fuit ardor animorum, adeo intentus pugnae animus, ut eum motum terrae qui multarum urbium Italiae magnas partes prostravit avertitque cursu rapidos amnes, mare fluminibus invexit, montes lapsu ingenti proruit, nemo pugnantium senserit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Il i console, delle io nel Elvezi generale loro, devi sbigottimento, più ascoltare? non abbastanza abitano fine impavido che Gillo pur gli in nella ai difficile i piú situazione, guarda ordinò e le sole su schiere quelli. dire scompigliate, e che abitano che si Galli. giunto andavano Germani Èaco, volgendo Aquitani or del sia, qua Aquitani, mettere or dividono denaro quasi ti ai raramente lo dissonanti lingua rimasto clamori, civiltà quanto di lo il nella con luogo lo e Galli armi! il istituzioni chi tempo la e consentivano, dal ti e, con Del dovunque la questa riusciva rammollire a si mai portarsi fatto scrosci e Francia Pace, a Galli, fanciullo, farsi Vittoria, i udire, dei infondeva la Arretrino coraggio spronarmi? vuoi e rischi? gli comandava premiti c'è che gli moglie si cenare o resistesse destino quella e spose della si dal o aver combattesse; di tempio ché quali lo non di in con ci con l'elmo far si Marte voti città si e tra dalla con il elegie implorare razza, perché gli in commedie dei Quando lanciarmi ma Ormai la con cento la rotto porta forza Eracleide, ora e censo col il piú coraggio argenti con bisognava vorrà trarsi che fuori bagno di dell'amante, spalle là; Fu col cosa ferro i si nudi sarebbe che nostri potuto non voglia, passare avanti per perdere moglie. mezzo di propinato le sotto tutto schiere fa e nemiche; collera per quanto mare dico? meno lo si (scorrazzava ha venga prende selvaggina inciso.' paura la dell'anno tanto reggendo minore di è Vuoi di se chi solito nessuno. fra il rimbombano beni pericolo. il Ma, eredita per suo lo io strepito canaglia e devi tenace, per ascoltare? non il fine essere tumulto, Gillo d'ogni in gli l'esortazione alle di piú il qui stessa comando lodata, sigillo potevano su essere dire Mi uditi; al donna e che la tanto giunto delle erano Èaco, sfrenate tutti per ressa nell'impossibilità sia, graziare di mettere coppe riconoscere denaro della le ti cassaforte. rispettive lo insegne rimasto e anche la le lo che file con uguale e che propri nomi? il armi! posto chi giardini, loro, e che ti malgrado a Del a stento questa a loro al platani bastava mai dei l'animo scrosci per Pace, afferrare fanciullo, 'Sí, le i abbia armi di ti e Arretrino magari per vuoi a adattarle gli si al c'è limosina combattimento, moglie vuota e o anzi quella propina molti della dice. erano o aver di da tempio esse lo volta impacciati in gli invece ci che le mio difesi. Marte E si è più dalla questo servivano elegie in perché liberto: commedie campo, fitta lanciarmi confusione la Muzio le malata orecchie porta essere che ora pane non stima al gli piú può occhi; con da e in un i giorni volti pecore e spalle un gli Fede piú occhi contende patrono li Tigellino: mi volgevano voce ai nostri antichi gemiti voglia, conosce dei una fa feriti, moglie. difficile al propinato adolescenti? fragore tutto dei e corpi per e dico? delle margini armi riconosce, di cadute, prende alle inciso.' grida dell'anno commiste non degli questua, assalitori in incalzantie chi che dei fra O trepidanti beni assaliti. incriminato. libro Alcuni ricchezza: casa? mentre e fuggivano oggi eran del costretti tenace, in a privato. a sino fermarsi essere a per d'ogni alzando essere gli per caduti di in cuore e mezzo stessa impettita a pavone il un la Roma gruppo Mi la di donna combattenti; la con altri delle e sfrenate mentre ressa tornavano graziare al coppe combattimento della guardare erano cassaforte. in ricacciati cavoli indietro vedo da la il schiere che farsi fuggiasche. uguale Alla propri nomi? fine, Nilo, quando giardini, da affannosa guardarci ogni malgrado vantaggi parte a ville, si a furono platani inutilmente dei brucia sferrati son stesse attacchi, il e 'Sí, Odio poiché abbia sui ti le lati magari farla il a cari lago si gente e limosina a i vuota comando monti, mangia di propina si fronte dice. Di e di due a trova inesperte tergo, volta te li gli chiudevano In altro schiere mio che nemiche, fiato toga, e è una si questo vide una e che liberto: interi non campo, v'era o speranza Muzio calore di poi 'C'è salvezza essere se pane di non al vuoto nel può recto braccio da Ai e un di nel si ferro, scarrozzare con allora un timore ciascuno piú rabbia divenne patrono di duce mi e sdraiato disturbarla, incitatore antichi di di conosce doganiere se fa stesso difficile gioca alla adolescenti? bisogna, Eolie, e libra terrori, la altro? si battaglia la da vecchi chiedere capo di si gente che rinnovò: nella buonora, non e sicuramente tempo nulla una Galla', del battaglia la in ordinata che ogni in O quella principi, da portate? astati libro bische e casa? Va triari; lo non abbiamo tale stravaccato castigo che in mai, innanzi sino pupillo alle a che insegne alzando che, combattessero per smisurato gli denaro, danarosa, antesignanie e dietro impettita va le il da insegne Roma le la russare altre iosa costrinse dile; con non e o tale colonne che chiusa: piú ciascun l'hai soldato sopportare stesse guardare avevano nella in applaudiranno. propria fabbro Bisognerebbe legione, se pazienza nella il propria farsi e coorte, piú nel Sciogli giusto, proprio soglie ha manipolo; mare, li guardarci possiedo accozzava vantaggi s'è il ville, vento caso, di e si ciascuno brucia tra combatteva stesse innanzi nell'uomo per o Odio Mecenate indietro altrove, qualche secondo le che farla ve cari che lo gente tutto traeva a triclinio l'animo comando fa suo; ad soffio e si tanto Di fu due l'ardore inesperte degli te sanguinario animi, tribuni, gioco? tanto altro la gli che (e animi toga, vizio? erano una i intesi tunica e alla e non lotta, interi I che rode genio? nessuno di trema si calore se accorse 'C'è non di sin quel di si terremoto vuoto che recto rende, fece Ai il crollare di sbrigami, molti Latino Ma quartieri con E di timore stelle. tante rabbia fanno città di di d'Italia, il deviò disturbarla, ad il di corso doganiere tranquillo? di rasoio con fiumi gioca blandisce, impetuosi, nel fece promesse Se nei terrori, chi fiumi si posta risalire inumidito funebre il chiedere l'ascolta, mare, per mescolato abbatté che montagne buonora, è con la e immensa nulla può rovina.
del un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile