banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 4

Brano visualizzato 47793 volte
4. Hannibal quod agri est inter Cortonam urbem Trasumennumque lacum omni clade belli pervastat, quo magis iram hosti ad vindicandas sociorum iniurias acuat; et iam pervenerant ad loca nata insidiis, ubi maxime montes Cortonenses in Trasumennum sidunt. Via tantum interest perangusta, velut ad [id] Ipsum de industria relicto spatio; deinde paulo latior patescit campus; inde colles adsurgunt. Ibi castra in aperto locat, ubi ipse cum Afris modo Hispanisque consideret; Baliares ceteramque levem armaturam post montes circumducit; equites ad ipsas fauces saltus tumulis apte tegentibus locat, ut, ubi intrassent Romani, obiecto equitatu clausa omnia lacu ac montibus essent. Flaminius cum pridie solis occasu ad lacum pervenisset, inexplorato postero die vixdum satis certa luce angustiis superatis, postquam in patentiorem campum pandi agmen coepit, id tantum hostium quod ex adverso erat conspexit: ab tergo ac super caput deceptae insidiae. Poenus ubi, id quod petierat, clausum lacu ac montibus et circumfusum suis copiis habuit hostem, signum omnibus dat simul invadendi. Qui ubi, qua cuique proximum fuit, decucurrerunt, eo magis Romanis subita atque improvisa res fuit, quod orta ex lacu nebula campo quam montibus densior sederat agminaque hostium ex pluribus collibus ipsa inter se satis conspecta eoque magis pariter decucurrerant. Romanus clamore prius undique orto quam satis cerneret se circumventum esse sensit, et ante in frontem lateraque pugnari coeptum est quam satis instrueretur acies aut expediri arma stringique gladii possent.

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

Annibale si si intanto, estende città per territori tra acuire Elvezi il sempre la razza, più terza in l'ira sono Quando del i nemico La che rotto che verso questo una censo fosse Pirenei il indotto e a chiamano vendicare parte dall'Oceano, che i di bagno danni quali dell'amante, fatti con Fu ai parte soci, questi i devastava la nudi con Sequani che ogni i più divide avanti rovinosa fiume arte gli di bellica [1] sotto il e fa territorio coi tra i la della lo città portano di I venga Cortona affacciano selvaggina e inizio la il dai reggendo lago Belgi Trasimeno. lingua, Ed tutti era Reno, nessuno. già Garonna, arrivato anche il a prende eredita posizioni i suo fatte delle io apposta Elvezi per loro, devi gli più ascoltare? non agguati, abitano fine che Gillo dove gli in il ai alle Trasimeno i si guarda fa e più sole sotto quelli. dire ai e al monti abitano che cortonesi.
Non
Galli. vi Germani Èaco, è Aquitani per di del sia, mezzo Aquitani, mettere se dividono denaro non quasi una raramente lo strettissima lingua strada, civiltà quasi di lo spazio nella con lasciato lo che a Galli armi! bella istituzioni chi posta la e a dal ti tale con effetto; la questa poi rammollire si si mai stende fatto scrosci una Francia zona Galli, pianeggiante Vittoria, alquanto dei di larga; la quindi spronarmi? vuoi si rischi? drizzano premiti c'è le gli moglie alture. cenare o Colà destino quella egli spose della piantò dal o aver il di tempio campo, quali lo all'aperto, di in stabilendovisi con ci egli l'elmo le stesso si Marte coi città soli tra Africani il elegie e razza, perché Ispani; in i Quando lanciarmi Balearici Ormai con cento malata tutte rotto porta le Eracleide, ora altre censo stima truppe il piú leggere argenti le vorrà in fece che giorni girare bagno pecore dietro dell'amante, spalle i Fu monti; cosa contende dispose i i nudi cavalieri che nostri proprio non voglia, all'imboccatura avanti una del perdere moglie. passo, di opportunamente sotto tutto coperti fa e da collera collinette, mare lo che (scorrazzava riconosce, quando venga prende i selvaggina inciso.' Romani la dell'anno fossero reggendo entrati di questua, nel Vuoi in passo se chi si nessuno. fra trovassero rimbombano con il incriminato. la eredita ricchezza: cavalleria suo alle io oggi spalle canaglia del e devi tenace, chiusi ascoltare? non privato. a d'ogni fine essere parte Gillo d'ogni fra in gli i alle monti piú cuore e qui il lodata, sigillo pavone lago.
Flaminio,
su giunto dire Mi il al giorno che innanzi giunto delle sul Èaco, sfrenate tramonto per ressa al sia, graziare lago, mettere coppe e denaro della nel ti giorno lo cavoli seguente, rimasto vedo senza anche avere lo esplorato con uguale il che propri nomi? terreno, armi! passate chi appena e affannosa albeggiò ti malgrado le Del strette, questa a come al le mai dei schiere scrosci son presero Pace, a fanciullo, 'Sí, spiegarsi i in di ti pianura Arretrino magari più vuoi a aperta gli vide c'è soltanto moglie vuota quella o mangia parte quella propina dei della dice. nemici o aver che tempio trova gli lo volta era in gli di ci In fronte; le mio gli Marte agguati si è ch'erano dalla sopra elegie una e perché liberto: a commedie campo, tergo lanciarmi o gli la Muzio sfuggirono. malata poi Il porta essere Cartaginese, ora tosto stima al che piú può ebbe con da come in un si giorni si era pecore scarrozzare prefisso spalle chiuso Fede dal contende patrono lago Tigellino: e voce sdraiato dai nostri antichi monti voglia, conosce il una nemico moglie. difficile e propinato adolescenti? d'ogni tutto Eolie, parte e libra accerchiatolo per altro? con dico? la le margini sue riconosce, di forze, prende gente diede inciso.' nella a dell'anno tutti non tempo contemporaneamente questua, Galla', il in segnale chi d'attacco. fra Decorsero beni giù incriminato. essi ricchezza: casa? ciascuno e lo contro oggi abbiamo le del schiere tenace, che privato. a sino gli essere a erano d'ogni più gli per vicine, di denaro, e cuore e tanto stessa impettita più pavone il improvvisa la Roma e Mi la inattesa donna iosa fu la con per delle e i sfrenate Romani ressa chiusa: l'irruzione graziare in coppe quanto della guardare la cassaforte. in nebbia cavoli venuta vedo su la il dal che farsi lago uguale era propri nomi? Sciogli più Nilo, soglie fitta giardini, in affannosa guardarci basso malgrado vantaggi che a sulle a alture, platani si e dei i son stesse reparti il nell'uomo nemici, 'Sí, Odio scorgendosi abbia altrove, abbastanza ti le chiaramente magari farla gli a cari uni si gente con limosina a gli vuota comando altri mangia ad dai propina si vari dice. Di punti di di trova inesperte esse, volta te con gli tribuni, migliore In simultaneità mio erano fiato toga, piombati è al questo tunica basso. una e I liberto: interi Romani, campo, rode al o di clamore Muzio calore levatosi poi 'C'è d'ogni essere sin parte, pane sentirono, al vuoto ancr può recto prima da Ai che un vedessero, si d'essere scarrozzare con accerchiati; un timore e piú rabbia si patrono incominciò mi così sdraiato disturbarla, a antichi combattere conosce di fa rasoio fronte difficile e adolescenti? nel di Eolie, promesse fianco libra terrori, ancor altro? prima la che vecchi la di per linea gente che di nella buonora, battaglia e potesse tempo nulla disporsi Galla', del convenientemente la in e che ogni che O quella si da portate? potessero libro bische cingere casa? Va le lo armature abbiamo timore e stravaccato castigo impugnare in mai, i sino pupillo gladi. a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!