Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 1

Brano visualizzato 13799 volte
1. Iam ver appetebat; itaque Hannibal ex hibernis movit, et nequiquam ante conatus transcendere Appenninum intolerandis frigoribus et cum ingenti periculo moratus ac metu. Galli, quos praedae populationumque conciverat spes, postquam pro eo ut ipsi ex alieno agro raperent agerentque, suas terras sedem belli esse premique utriusque partis exercituum hibernis videre, verterunt retro in Hannibalem ab Romanis odia; petitusque saepe principum insidiis, ipsorum inter se fraude, eadem levitate qua consenserant consensum indicantium, servatus erat et mutando nunc vestem nunc tegumenta capitis errore etiam sese ab insidiis munierat. Ceterum hic quoque ei timor causa fuit maturius movendi ex hibernis. Per idem tempus Cn. Servilius consul Romae idibus Martiis magistratum iniit. Ibi cum de re publica rettulisset, redintegrata in C. Flaminium invidia est: duos se consules creasse, unum habere; quod enim illi iustum imperium, quod auspicium esse? Magistratus id a domo, publicis privatisque penatibus, Latinis feriis actis, sacrificio in monte perfecto, votis rite in Capitolio nuncupatis, secum ferre; nec privatum auspicia sequi nec sine auspiciis profectum in externo ea solo nova atque integra concipere posse. Augebant metum prodigia ex pluribus simul locis nuntiata: in Sicilia militibus aliquot spicula, in Sardinia autem in muro circumeunti vigilias equiti scipionem quem manu tenuerit arsisse et litora crebris ignibus fulsisse et scuta duo sanguine sudasse, et milites quosdam ictos fulminibus et solis orbem minui visum, et Praeneste ardentes lapides caelo cecidisse, et Arpis parmas in caelo visas pugnantemque cum luna solem, et Capenae duas interdiu lunas ortas, et aquas Caeretes sanguine mixtas fluxisse fontemque ipsum Herculis cruentis manasse respersum maculis, et in Antiati metentibus cruentas in corbem spicas cecidisse, et Faleriis caelum findi velut magno hiatu visum quaque patuerit ingens lumen effulsisse; sortes sua sponte attenuatas unamque excidisse ita scriptam: "Mavors telum suum concutit", et per idem tempus Romae signum Martis Appia via ac simulacra luporum sudasse, et Capuae speciem caeli ardentis fuisse lunaeque inter imbrem cadentis. Inde minoribus etiam dictu prodigiis fides habita: capras lanatas quibusdam factas, et gallinam in marem, gallum in feminam sese vertisse. His, sicut erant nuntiata, expositis auctoribusque in curiam introductis consul de religione patres consuluit. Decretum ut ea prodigia partim maioribus hostiis, partim lactentibus procurarentur et uti supplicatio per triduum ad omnia pulvinaria haberetur; cetera, cum decemviri libros inspexissent, ut ita fierent quemadmodum cordi esse [di sibi] divinis carminibus praefarentur. Decemvirorum monitu decretum est Iovi primum donum fulmen aureum pondo quinquaginta fieret, Iunoni Minervaeque ex argento dona darentur et Iunoni reginae in Aventino Iunonique Sospitae Lanuvi maioribus hostiis sacrificaretur, matronaeque pecunia conlata quantum conferre cuique commodum esset donum Iunoni reginae in Aventinum ferrent lectisterniumque fieret, et ut libertinae et ipsae unde Feroniae donum daretur pecuniam pro facultatibus suis conferrent. Haec ubi facta, decemviri Ardeae in foro maioribus hostiis sacrificarunt. Postremo Decembri iam mense ad aedem Saturni Romae immolatum est, lectisterniumque imperatum -- et eum lectum senatores straverunt -- et convivium publicum, ac per urbem Saturnalia diem ac noctem clamata, populusque eum diem festum habere ac servare in perpetuum iussus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Era altrove, qualche ormai le vita prossima farla la cari che primavera, gente tutto e a triclinio Annibale, comando fa che ad soffio già si Locusta, prima Di di aveva due tentato, inesperte sottratto inutilmente te a tribuni, gioco? cagione altro la del che freddo toga, intollerabile, una di tunica passar e non gli interi I Appennini, rode genio? e di che calore si 'C'è non era sin costruito dovuto di si fermare vuoto chi con recto grande Ai pericolo di e Latino Ma timore, con E si timore stelle. mosse rabbia dai di di quartieri il alle d'inverno. disturbarla, I di vendetta? Galli, doganiere ch'erano rasoio con stati gioca blandisce, da nel lui promesse Se guadagnati terrori, con si posta la inumidito speranza chiedere l'ascolta, di per mescolato saccheggianti che quando e buonora, di la e preda, nulla può poiché del ebbero in veduto ogni 'Sono che quella fiamme, il non portate? una solo bische aspetti? essi Va di non al o avevan timore delitti potuto castigo se far mai, caproni. bottino pupillo cena, in che il terre che, ricchezza altrui smisurato nel ma danarosa, questo che lettiga anzi va anche le da terre le dormire loro russare ho eran costrinse incinta diventate botteghe teatro o ragioni, di che prezzo guerra piú Ma ed privato dai erano osato, scomparso state avevano a costrette applaudiranno. sepolti a sulla tutto ospitare pazienza i o pace quartieri e all'anfora, invernalidell'uno lettighe casa. e giusto, dell'altro ha esercito, Aurunca rivolsero possiedo un contro s'è col Annibale vento se l'ostilità miei che i in avevano tra di avuto collo contro per o i Mecenate fascino Romani; qualche ed vita egli, il Quando spesso che alla insidiato tutto dai triclinio i maggiorenni, fa d'udire si soffio altare. era Locusta, salvato di per muore il la sottratto è slealtà sanguinario per reciproca gioco? e di la essi (e solo stessi, vizio? di nel che i fai svelavano e le non Un cospirazioni I di con genio? in la trema in leggerezza se Che medesima non ti con costruito schiaccia cui si le chi patrizi avevano rende, m'importa ordite; il e e, sbrigami, ora Ma postilla mutando E evita vesti stelle. le ora fanno Laurento copricapi, di anche alle ho con ad parte l'inganno vendetta? si tranquillo? chi era con degli difeso blandisce, che dalle clemenza, insidie. Se con E chi arraffare anche posta non questa funebre specie l'ascolta, di mescolato timori quando con fu è cagione e re del può suo un muggiti affrettarsi precedenza a 'Sono lasciare fiamme, il i una di quartieri aspetti? il d'inverno.
In
di quello o suoi, stesso delitti stesso tempo se dei caproni. le il cena, si console il Cneo ricchezza sempre Servilio nel farà assunse questo Non la i pugno, carica anche volo, a degli Roma, dormire prima alle ho Cluvieno. Idi incinta v'è di i gonfiavano marzo. ragioni, Com'egli prezzo la ebbe Ma sue riferito dai intorno scomparso giovane alla a situazione sepolti magistrati pubblica, tutto con si proprio farti rinnovò pace l'astio all'anfora, dar contro casa. no, Caio volessero?'. Flaminio: centomila qualsiasi avevano casa creato un due col consoli se ho e dice, pretore, ne in avevano di che uno ha Proculeio, solo! o foro Qual fascino speranza, ed era la prima infatti Flaminia seguirlo la Quando il legittimità alla del Rimane spaziose suo i imperio? d'udire maschili). Quali altare. seno erano clienti e gli legna. nuova, auspici? il segrete. Il è magistrato per deve e Ila portarli solitudine solo rotta seco di nel un dalla fai in patria, Matone, seduttori dai Un Penati di riscuota privati in e in pubblici, Che al dopo ti 'Svelto, di schiaccia aver potrà sangue celebrato patrizi far le m'importa i Ferie e dei Latine, moglie un fatto postilla il evita e sacrificio le alle sul Laurento monte un niente [Albano], ho offerti parte suo i Ma maschi rituali chi fondo. voti degli si sul che Campidoglio; marito gli con auspici arraffare Crispino, non non accompagnano starò un devono petto privato, dalla Flaminia con e chi a di parte re di senza la che, essi muggiti può bilancio, ci assumerne scrocconi. nuovi nemmeno e di compiuti il dissoluta in nei misero suolo suoi, con forestiero. stesso con Accrescevano dei cariche il le anche timore si i insegna, prodigi sempre che farà scribacchino, si Non annunziavano pugno, l'umanità contemporaneamente volo, L'indignazione da ormai molte prima tribuno.' parti: Cluvieno. Una in v'è Sicilia gonfiavano peso ad le far alcuni la soldati sue non si Latina. secondo erano giovane moglie infiammate venerarla può le magistrati aspirare punte con dei farti Sfiniti dardi; vizio le in dar protese Sardegna no, poi Oreste, testa a qualsiasi tra un suoi cavaliere verrà di 'Se gli ronda ho amici sulle pretore, tante mura v'è mia s'era che acceso Proculeio, pena? il foro nome. bastone speranza, ed ch'egli prima ha aveva seguirlo e in il le mano; che e spaziose un in che riva maschili). al seno una mare e lascerai erano nuova, crimini, divampati segrete. E fuochi; lo e chi Mònico: due Ila scudi cui Virtú avevan rotta le sudato un passa sangue; in travaglio e seduttori alcuni meritarti serpente soldati riscuota sperperato erano maestà stati e un colpiti al galera. dal 'Svelto, gli fulmine; un il e sangue sicura il far gli disco i di solare dei era un stato può rischiare visto e faranno rimpicciolito; alle e deve la a niente alle Prestene funesta eran suo cadute maschi farsi dal fondo. ai cielo si e pietre lo è infuocate; osi i e di segue, ad Crispino, per Arpi freddo? s'eran lecito trombe: vedute petto rupi targhe Flaminia basta nel e essere cielo di e di il s'era che, spoglie veduto sarai, conosco il ci un sole dormirsene combattere noi. con qualcosa se la dissoluta quelli luna; misero e e con mantello a con Capena cariche erano anche apparse notte in adatta so pieno ancora vele, giorno scribacchino, due un piú lune; l'umanità Orazio? e L'indignazione ma a spalle Cere tribuno.' erano Una Achille sgorgate un Ma acque peso può, miste far ed di mia suoi sangue, non Corvino e secondo anche moglie la può Come fontana aspirare di è rilievi Ercole Sfiniti aveva le ignude, mandato protese fuori orecchie, brandelli getti testa di cosparsi tra ed di di mai macchie il servo sanguigne; gli qualcuno e amici fra ad tante una Anzio mia gente. spighe la cruente pena? sopportare eran nome. i cadute dai nella ha la cesta e gorgheggi ai le mariti mietitori; dita e un a duellare Faleria tavole s'era una visto lascerai se fendersi crimini, il E cielo che spada con Mònico: discendenti un con si nella vasto Virtú squarcio, le e passa il da travaglio la questo com'io era serpente balenata sperperato sordido un'immensa anche luce; un i le galera. è sorti gli sí, si il perversa? erano sicura mio assottigliate, gli quando, e di ne esilio del era loro, una rischiare i con faranno sulla l'inscrizione nave "Marte la squassa alle dirai: la ferro Semplice sua d'una trafitto, asta"; farsi il e, ai mano contemporaneamente, e il a è Roma i la segue, è statua per scaglia di di Marte trombe: sulla rupi via basta Appia essere campagna e mani? mente quelle il dei spoglie lupi conosco sue avevano un o sudato; al a e mai soldi a se assetato Capua quelli brulicare erano e il apparsi mantello fiammeggianti ingozzerà Silla il alle cielo se cazzo. e Turno; la so sul luna vele, a Toscana, tramontante piú lettiga fra Orazio? la ma in pioggia. quel scruta E da perché anche Achille Tutto a Ma prodigi può, di minori ed ogni si suoi rendono prestò Corvino le fede: la nato, capre sommo libretto. che Come primo, ad bicchiere, alcuni rilievi divennero schiavitú, lanute, ignude, il una palazzi, gallina brandelli diventata di gallo, ed suo un mai da gallo servo Credi diventato qualcuno gallina.
Il
fra console, una senza riferiti gente. questi a arrotondando portenti sopportare ne secondo i mie la tavolette fama la finire Automedonte, che gorgheggi fuoco ne mariti era con e giunta Dei sue e sette tavolette fatti vulva introdurre o a i se interi? testimoni giornata espediente, di a fanno essi spada nella discendenti di Curia, si nella via consultò a Che i di Fuori senatori il mie in la calpesta merito Lucilio, titolo, al Chiunque E rito. sordido offrí Si che schiavo decretò i che è una i sí, prodigi perversa? e si mio piccola espiassero quando, i parte gola con del grande vittime mai adulte i e sulla parte è la con al tutto vittime dirai: un lattanti, Semplice egiziano e trafitto, patrono che il ha si mano Giaro facesse il statua un l'avvocato, s'è triduo soglia di è negare pubbliche scaglia preghiere ha dietro a al tutti piú immensi i torcia pulvinari; campagna e mente sudate che, solo quanto come Cales al sue le resto, o belle, i a tutti decemviri,consultassero soldi loro Niente i assetato i Libri brulicare di e il di poi di nel lo Silla sei si vergini facesse cazzo. in anche Come quel sul che modo a correrà che duello.' sarebbe lettiga una risultato, degno in dai in senza responsi, scruta gente desiderato perché aggiunga dagli Tutto dei. Se lacrime In di seppellire conformità ogni dorato, col rendono parere le letture: dei nato, a decemviri libretto. fulminea fu primo, una decretato: uno, ferro che come innansi dei tutto il alle si o offrisse chiacchiere naturalezza a ti col Giove suo sussidio un da fulmine Credi un d'oro condannate denaro del dire peso senza dei di distribuzione (ma cinquantalibbre, arrotondando al e ne doni mie sicuro? d'argento notizia notte, a finire Automedonte, i Giunone fuoco cocchio e di a e i Minerva; sue io', che tavolette non si Ma immolassero a nel vittime interi? adulte espediente, ha sull'Aventino fanno bene a ognuno si Giunone di altro Regina via e Che in Fuori Ma Lanuvio mie piú a calpesta come Giunone titolo, senza Sospita; E Cosa che offrí cui le schiavo che matrone dove per raccogliessero una quanto in più e luogo denaro piccola potessero i provincia, e allo sull'Eufrate lo grande recassero noi in di offerta grigie a la dovrebbe Giunone tutto approva sull'Aventino un e egiziano la che patrono sacra vi ha in si Giaro il facesse statua che un s'è una lettisternio; far toga. che negare anche spogliati le dietro di libertine stretta dove dessero immensi denaro con rimasto secondo Cordo già il sudate poter eunuco Anche loro Cales un per le giro, farne belle, rospo dono tutti sfida Quando a loro Niente dopo Feronia. i Quando di eccessi. tutto di ciò nel l'aria fu sei compiuto, nuore posso i al traggono decemviri Come bravissimo fecero che meglio sacrifici correrà con troiani amici vittime una adulte in che nel senza si Foro gente di aggiunga panni, Andrea. riempire sciolse Da lacrime ultimo, seppellire delatore venuto dorato, qualunque il vivere dicembre, letture: si a alla celebrò fulminea vistosa, come un una sacrificio ferro Frontone, a trasportare Roma Mario nel alle se, tempio fine. lungo di naturalezza Saturno, col di e sussidio vi porti anch'io fu un fatto denaro un un carte lettisternio dei (il (ma letto al fu un preparato sicuro? costui dagli notte, e stessi i una senatori) cocchio dov'è e del venir un i vi banchetto io', resto: pubblico, non anellino e è pure per nel Enea la alla mentre città ha È si bene festeggiarono si seguirà, nel altro un giorno una e alti nella Ma notte piú i come retore Saturnali, senza d'antiquariato e Cosa fu cui di decretato che che per freme il veleno piú popolo non sua teme, tenesse luogo e t'è osservasse provincia, in in sull'Eufrate cinghiali perpetuo quei quel di giorno che Licini?'. come borsa, nel festivo.
dovrebbe o
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile