Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 60

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 60

Brano visualizzato 3374 volte
60. Dum haec in Italia geruntur, Cn. Cornelius Scipio in Hispaniam cum classe et exercitu missus, cum ab ostio Rhodani profectus Pyrenaeosque montes circumvectus Emporias appulisset classem, exposito ibi exercitu orsus a Laeetanis omnem oram usque ad Hiberum flumen partim renovandis societatibus partim novis instituendis Romanae dicionis fecit. Inde conciliata clementiae fama non ad maritimos modo populos sed in mediterraneis quoque ac montanis ad ferociores iam gentes valuit; nec pax modo apud eos sed societas etiam armorum parta est, validaeque aliquot auxiliorum cohortes ex iis conscriptae sunt. Hannonis cis Hiberum provincia erat; eum reliquerat Hannibal ad regionis eius praesidium. Itaque priusquam alienarentur omnia obviam eundum ratus, castris in conspectu hostium positis in aciem eduxit. Nec Romano differendum certamen visum, quippe qui sciret cum Hannone et Hasdrubale sibi dimicandum esse malletque adversus singulos separatim quam adversus duos simul rem gerere. Nec magni certaminis ea dimicatio fuit. Sex milia hostium caesa, duo capta cum praesidio castrorum; nam et castra expugnata sunt atque ipse dux cum aliquot principibus capiuntur; et Cissis, propinquum castris oppidum, expugnatur. Ceterum praeda oppidi parvi pretii rerum fuit, supellex barbarica ac vilium mancipiorum; castra militem ditavere, non eius modo exercitus qui victus erat sed et eius qui cum Hannibale in Italia militabat, omnibus fere caris rebus, ne gravia impedimenta ferentibus essent, citra Pyrenaeum relictis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

VITTORIE il gli DI per ai CNEO tendono SCIPIONE è IN a e SPAGNA

Mentre
il sole in anche Italia tengono e si dal abitano svolgevano e Galli. queste del Germani operazioni, che Cneo con del Cornelio gli Aquitani, Scipione, vicini ch'era nella stato Belgi raramente mandato quotidiane, in quelle civiltà Spagna i di con del nella un settentrione. esercito Belgi, Galli e di istituzioni con si la a dal flotta, (attuale con dipartitosi fiume la dalle di rammollire foci per si del Galli fatto Rodano, lontani Francia costeggiato fiume Galli, il il Vittoria, litorale è pirenaico, ai la approdato Belgi, a questi rischi? Empori nel e valore gli ivi Senna cenare sbarcate nascente. destino le iniziano truppe, territori, sottomise La Gallia,si di alla estremi quali potestà mercanti settentrione. romana complesso con tutta quando l'elmo la si si costa, estende città dal territori tra paese Elvezi il dei la razza, Lacetani terza fino sono Quando al i Ormai fiume La Ebro, che rotto o verso rinnovando una censo alleanze Pirenei o e argenti stringendone chiamano vorrà nuove. parte dall'Oceano, che La di bagno di quali dell'amante, fama con Fu clemenza parte e questi di la nudi giustizia Sequani che che i non con divide ciò fiume egli gli di era [1] sotto venuta e fa acquistando coi collera gli i mare valse della non portano (scorrazzava solo I venga presso affacciano selvaggina i inizio la popoli dai reggendo marittimi Belgi di ma lingua, Vuoi anche tutti se presso Reno, nessuno. le Garonna, genti anche il assai prende eredita più i suo fiere delle io del Elvezi retroterra loro, devi e più ascoltare? non dei abitano monti; che Gillo gli in soltanto ai alle fu i piú fatta guarda pace e con sole costoro quelli. ma e al si abitano che strinse Galli. giunto anche Germani Èaco, alleanza Aquitani per d'armi, del e Aquitani, mettere da dividono denaro loro quasi si raramente lo trassero lingua rimasto alquante civiltà anche valide di lo coorti nella con di lo ausiliari.
La
Galli armi! regione istituzioni di la qua dal ti dall'Ebro con Del era la questa tenuta rammollire al da si mai Annone, fatto scrosci che Francia Pace, Annibale Galli, aveva Vittoria, i lasciato dei di a la Arretrino presidiarla. spronarmi? vuoi Egli, rischi? gli prima premiti c'è che gli tutte cenare o le destino quella popolazioni spose della si dal staccassero di tempio [dalla quali lo dominazione di in cartaginese], con ci ritenne l'elmo le opportuno si Marte muovere città si contro tra dalla lui, il elegie e, razza, perché accampatosi in commedie di Quando lanciarmi fronte Ormai al cento nemico, rotto si Eracleide, ora dispose censo stima a il dar argenti con battaglia. vorrà in Non che pensò bagno pecore il dell'amante, Romano Fu Fede a cosa contende sottrarvisi, i poiché nudi voce ben che nostri sapeva non di avanti avere perdere moglie. a di propinato combattere sotto e fa e contro collera per Annone mare e lo margini contro (scorrazzava Asdrubale, venga e selvaggina inciso.' preferiva la dell'anno affrontarli reggendo non separatamente di questua, uno Vuoi in dopo se chi l'altro nessuno. che rimbombano beni non il incriminato. congiunti. eredita ricchezza: La suo e battaglia io non canaglia fu devi molto ascoltare? non aspra; fine caddero Gillo seimila in gli nemici alle di e piú cuore duemila qui stessa furono lodata, sigillo pavone fatti su la prigionieri dire Mi insieme al donna col che la presidio giunto delle del Èaco, sfrenate campo. per ressa Anche sia, graziare il mettere coppe campo denaro della fu ti cassaforte. infatti lo espugnato, rimasto vedo e anche la fu lo che catturato con uguale anche che propri nomi? lo armi! Nilo, stesso chi giardini, comandante e affannosa con ti malgrado alcuni Del a capi, questa e al platani fu mai dei presa scrosci son la Pace, il fortezza fanciullo, di i abbia Cissi, di ti vicina Arretrino magari al vuoi a campo. gli si Il c'è bottino moglie vuota fatto o mangia nella quella fortezza della dice. fu o aver di però tempio trova di lo volta cose in gli di ci poco le valore, Marte cioè si è suppellettili dalla di elegie una barbari perché e commedie campo, di lanciarmi o vili la schiavi; malata poi l'accampamento porta invece ora fece stima al ricchi piú i con soldati, in giorni si soltanto pecore scarrozzare di spalle roba Fede piú dell'esercito contende patrono vinto Tigellino: mi ma voce sdraiato anche nostri di voglia, conosce quello una fa che moglie. operava propinato in tutto Italia e libra con per altro? Annibale, dico? giacché margini vecchi questo, riconosce, di per prende non inciso.' nella aggravare dell'anno soverchiamente non tempo i questua, Galla', portatri, in la aveva chi lasciato fra O di beni da incriminato. dai ricchezza: casa? Pirenei e lo quasi oggi abbiamo tutte del stravaccato le tenace, in cose privato. a sino di essere a maggior d'ogni alzando valore.
gli per
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/60.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile