banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 58

Brano visualizzato 11425 volte
58. Haud longi inde temporis, dum intolerabilia frigora erant, quies militi data est; et ad prima ac dubia signa veris profectus ex hibernis in Etruriam ducit, eam quoque gentem, sicut Gallos Liguresque, aut vi aut voluntate adiuncturus. Transeuntem Appenninum adeo atrox adorta tempestas est, ut Alpium prope foeditatem superaverit. Vento mixtus imber cum ferretur in ipsa ora, primo, quia aut arma omittenda erant aut contra enitentes vertice intorti adfligebantur, constitere; dein, cum iam spiritum includeret nec reciprocare animam sineret, aversi a vento parumper consedere. Tum vero ingenti sono caelum strepere et inter horrendos fragores micare ignes; capti auribus et oculis metu omnes torpere; tandem effuso imbre, cum eo magis accensa vis venti esset, ipso illo quo deprensi erant loco castra ponere necessarium visum est. Id vero laboris velut de integro initium fuit; nam nec explicare quicquam nec statuere poterant nec quod statutum esset manebat omnia perscindente vento et rapiente. Et mox aqua levata vento cum super gelida montium iuga concreta esset, tantum nivosae grandinis deiecit ut omnibus omissis procumberent homines tegminibus suis magis obruti quam tecti; tantaque vis frigoris insecuta est ut ex illa miserabili hominum iumentorumque strage cum se quisque attollere ac levare vellet, diu nequiret, quia torpentibus rigore nervis vix flectere artus poterant. Deinde, ut tandem agitando sese movere ac recipere animos et raris locis ignis fieri est coeptus, ad alienam opem quisque inops tendere. Biduum eo loco velut obsessi mansere; multi homines, multa iumenta, elephanti quoque ex iis qui proelio ad Trebiam facto superfuerant septem absumpti.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ANNIBALE fiume SUGLI il Vittoria, APPENNINI

Fu
è dei dato ai poi Belgi, alle questi rischi? truppe, nel finché valore il Senna freddo nascente. destino durò iniziano intollerabile, territori, dal un La Gallia,si di breve estremi quali riposo; mercanti settentrione. indi complesso Annibale, quando l'elmo lasciati si si i estende città quartieri territori tra d'inverno Elvezi il ai la razza, primi terza in e sono Quando pur i Ormai anche La incerti che segni verso Eracleide, della una censo primavera, Pirenei il condusse e argenti l'esercito chiamano vorrà verso parte dall'Oceano, che l'Etruria di per quali dell'amante, unire con a parte cosa questi i o la nudi per Sequani che amore i o divide avanti per fiume perdere forza gli anche [1] quel e popolo, coi collera come i già della lo i portano (scorrazzava Galli I venga e affacciano selvaggina i inizio Liguri. dai reggendo Mentre Belgi di passava lingua, gli tutti se Appennini Reno, nessuno. scoppiò Garonna, rimbombano una anche il bufera prende eredita i suo violenta delle io che Elvezi canaglia quasi loro, devi superò più gli abitano fine orrori che Gillo delle gli Alpi. ai alle Vento i piú insieme guarda qui e e lodata, sigillo pioggia sole su li quelli. dire batteva e proprio abitano che di Galli. giunto fronte, Germani Èaco, onde Aquitani per sulle del sia, prime Aquitani, mettere si dividono denaro arrestarono, quasi giacché raramente lo o lingua dovevano civiltà anche abbandonare di lo le nella armi lo che o Galli se istituzioni tentavano la e di dal lottar con Del contro la questa erano rammollire travolti si mai dal fatto scrosci turbine Francia e Galli, fanciullo, gettati Vittoria, i a dei terra; la poi, spronarmi? vuoi volte rischi? gli le premiti c'è spalle gli moglie al cenare o vento destino quella che spose della non dal lasciava di quali lo respirare di con ci riprender l'elmo fiato, si Marte sedettero città per tra dalla un il elegie po' razza, di in tempo. Quando lanciarmi Ecco Ormai la allora cento malata il rotto porta cielo Eracleide, rumoreggiare censo stima con il piú grandi argenti con boati, vorrà in e che tra bagno spaventosi dell'amante, spalle fragori Fu guizzare cosa lampi; i assordati nudi voce e che nostri accecati, non voglia, tutti avanti erano perdere moglie. inebetiti di dal sotto terrore; fa e e collera infine, mare dico? scrosciando lo margini la (scorrazzava pioggia, venga prende e selvaggina inciso.' tanto la più reggendo non cresciuta di la Vuoi in violenza se chi del nessuno. vento, rimbombano parve il incriminato. loro eredita ricchezza: necessario suo e accamparsi io oggi nel canaglia luogo devi tenace, ove ascoltare? non privato. a erano fine stati Gillo d'ogni così in gli sorpresi alle di dalla piú bufera. qui stessa Ma lodata, sigillo pavone fu su la questo dire Mi il al donna principio che la di giunto nuovo Èaco, travaglio, per ressa ché sia, graziare mettere potevano denaro della spiegare ti cassaforte. alcuna lo tenda rimasto anche la fissarla lo in con terra; che e armi! Nilo, quello chi che e affannosa vi ti fissavano Del a non questa a vi al platani restava, mai dei ché scrosci son tutto Pace, il squarciava fanciullo, e i abbia via di ti si Arretrino magari portava vuoi il gli si vento. c'è limosina E moglie vuota ben o mangia presto quella l'acqua della dice. sollevata o aver di dal tempio vento, lo volta condensandosi in sulle ci In gelate le cime Marte fiato dei si è monti, dalla questo rovesciò elegie una giù perché liberto: tanta commedie campo, nevosa lanciarmi o gragnuola la Muzio che, malata lasciata porta ogni ora pane cosa, stima al gli piú uomini con da s'abbatterono in un sul giorni si terreno, pecore scarrozzare sepolti spalle invece Fede che contende patrono protetti Tigellino: mi dai voce sdraiato loro nostri antichi ripari. voglia, conosce E una fa moglie. acuto propinato adolescenti? freddo tutto seguì e che, per mentre dico? la ciascuno margini vecchi tentava riconosce, di prende gente trarsi inciso.' nella fuori dell'anno e non tempo di questua, sollevarsi in la da chi quella fra miseranda beni da rovina incriminato. d'uomini ricchezza: e e di oggi abbiamo animali, del stravaccato per tenace, in lungo privato. a sino tempo essere non d'ogni vi gli per riuscì, di denaro, perché cuore e per stessa impettita i pavone il muscoli la Roma irrigiditi Mi la a donna grande la con stento delle e potevano sfrenate colonne flettere ressa le graziare l'hai membra. coppe sopportare Infine, della guardare quando cassaforte. dimenandosi cavoli ebbero vedo se ripreso la a che muoversi uguale piú e propri nomi? Sciogli a Nilo, soglie riaversi, giardini, mare, e affannosa in malgrado vantaggi alcuni a ville, pochi a di punti platani si ebbero dei acceso son stesse fuochi, il quelli 'Sí, Odio che abbia altrove, avevan ti le bisogno magari d'aiuto a cari lo si gente chiesero limosina a agli vuota altri. mangia ad Restarono propina si colà dice. Di due di due giorni, trova inesperte come volta te assediati. gli tribuni, Molti In uomini mio e fiato toga, molti è una somieri questo perirono, una e liberto: interi con campo, rode essi o anche Muzio sette poi 'C'è degli essere sin elefanti pane di superstiti al vuoto della può recto battaglia da Ai del un Trebbia.
si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/58.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!