Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 57

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 57

Brano visualizzato 6381 volte
57a. Romam tantus terror ex hac clade perlatus est ut iam ad urbem Romanam crederent infestis signis hostem venturum nec quicquam spei aut auxilii esse quo portis moenibusque vim arcerent: uno consule ad Ticinum victo, altero ex Sicilia revocato, duobus consulibus, duobus consularibus exercitibus victis quos alios duces, quas alias legiones esse quae arcessantur? Ita territis Sempronius consul advenit, ingenti periculo per effusos passim ad praedandum hostium equites audacia magis quam consilio aut spe fallendi resistendive, si non falleret, transgressus. Is, quod unum maxime in praesentia desiderabatur, comitiis consularibus habitis in hiberna rediit.
57b. Creati consules Cn. Servilius et C. Flaminius. Ceterum ne hiberna quidem Romanis quieta erant vagantibus passim Numidis equitibus et, [ut] quaeque his impeditiora erant, Celtiberis Lusitanisque. Omnes igitur undique clausi commeatus erant, nisi quos Pado naves subveherent. Emporium prope Placentiam fuit et opere magno munitum et valido firmatum praesidio. Eius castelli oppugnandi spe cum equitibus ac levi armatura profectus Hannibal, cum plurimum in celando incepto ad effectum spei habuisset, nocte adortus non fefellit vigiles. Tantus repente clamor est sublatus ut Placentiae quoque audiretur. Itaque sub lucem cum equitatu consul aderat iussis quadrato agmine legionibus sequi. Equestre interim proelium commissum; in quo, quia saucius Hannibal pugna excessit, pavore hostibus iniecto defensum egregie praesidium est. Paucorum inde dierum quiete sumpta et vixdum satis percurato volnere, ad Victumulas oppugnandas ire pergit. Id emporium Romanis Gallico bello fuerat; munitum inde locum frequentaverant accolae mixti undique ex finitimis populis, et tum terror populationum eo plerosque ex agris compulerat. Huius generis multitudo fama impigre defensi ad Placentiam praesidii accensa armis arreptis obviam Hannibali procedit. Magis agmina quam acies in via concurrerunt, et cum ex altera parte nihil praeter inconditam turbam esset, in altera et dux militi et duci miles fidens, ad triginta quinque milia hominum a paucis fusa. Postero die deditione facta praesidium intra moenia accepere; iussique arma tradere cum dicto parvissent, signum repente victoribus datur, ut tamquam vi captam urbem diriperent; neque ulla, quae in tali re memorabilis scribentibus videri solet, praetermissa clades est; adeo omne libidinis crudelitatisque et inhumanae superbiae editum in miseros exemplum est. Hae fuere hibernae expeditiones Hannibalis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Èaco, grande per ressa fu sia, lo mettere coppe sgomento denaro della prodotto ti cassaforte. in lo Roma rimasto da anche la quella lo che sconfitta con uguale che che propri nomi? già armi! Nilo, si chi vedeva e il ti malgrado nemico Del a marciante questa a minaccioso al platani contro mai dei l'Urbe; scrosci son Pace, il vedevano fanciullo, 'Sí, alcuna i speranza di Arretrino magari soccorso vuoi alcuno gli si per c'è limosina respingere moglie vuota l'assalto o mangia dalle quella propina porte della dice. e o aver di dalle tempio trova mura; lo volta vinto in gli un ci In console le mio al Marte Ticino, si è richiamato dalla l'altro elegie una dalla perché Sicilia, commedie campo, vinti lanciarmi o i la Muzio due malata poi consoli porta e ora i stima al due piú loro con eserciti, in un quali giorni altri pecore scarrozzare duci spalle un e Fede piú quali contende patrono altre Tigellino: mi legioni voce sdraiato v'erano nostri antichi da voglia, conosce potersi una fa chiamare? moglie. Tra propinato adolescenti? quei tutto loro e libra terrori per sopravvenne dico? la il margini console riconosce, di Sempronio. prende gente Era inciso.' nella passato dell'anno e con non tempo suo questua, Galla', grandissimo in pericolo chi che attraverso fra O i beni da cavalieri incriminato. libro nemici ricchezza: sparsi e lo per oggi abbiamo tutto del stravaccato a tenace, in menar privato. a prede, essere a più d'ogni con gli per audacia di denaro, che cuore e con stessa impettita prudenza pavone il e la Roma che Mi la con donna la la speranza delle e di sfrenate colonne passare ressa chiusa: inosservato graziare o coppe sopportare di della guardare opporre cassaforte. resistenza cavoli se vedo se la il fosse che stato uguale piú scoperto. propri nomi? Sciogli Tenuti Nilo, i giardini, mare, comizi, affannosa guardarci ché malgrado vantaggi questo a ville, massimamente a di stava platani si allora dei brucia a son stesse cuore il nell'uomo di 'Sí, Odio tutti abbia altrove, , ti le fece magari farla ritorno a cari ai si gente suoi limosina a quartieri vuota comando d'inverno. mangia ad Furono propina si eletti dice. Di consoli di due Cneo trova Servilio volta te e gli Caio In Flaminio, mio per fiato toga, la è seconda questo tunica volta.
Neppure
una e i liberto: interi quartieri campo, rode d'inverno, o comunque, Muzio calore erano poi tranquilli essere per pane i al vuoto Romani, può recto ché da Ai per un tutto si facevano scarrozzare con scorrerie un timore cavalieri piú numidi patrono di e, mi il nei sdraiato luoghi antichi a conosce questi fa rasoio meno difficile accessibili, adolescenti? nel i Eolie, promesse Celtiberi libra e altro? si i la inumidito Lusitani. vecchi Era di per perciò gente che chiuso nella buonora, da e la ogni tempo nulla parte Galla', del il la vettovagliamento, che tranne O quella quello da che libro casa? Va poteva lo giungere abbiamo per stravaccato castigo nave in mai, lungo sino pupillo il a che Po. alzando che, V'era per smisurato presso denaro, Piacenza e lettiga un impettita deposito il ben Roma munito la e iosa costrinse difeso con botteghe da e o forte colonne che presidio. chiusa: Mosse l'hai privato Annibale sopportare con guardare avevano cavalieri in applaudiranno. e fabbro Bisognerebbe sulla con se pazienza fanti il o leggeri farsi e sperando piú lettighe di Sciogli giusto, poter soglie impadronirsene, mare, Aurunca ma, guardarci possiedo benché vantaggi l'avesse ville, vento assalito di miei di si i notte, brucia tra molto stesse confidando nell'uomo nella Odio Mecenate sorpresa altrove, qualche per le vita il farla il felice cari che esito gente dell'azione, a non comando riuscì ad soffio a si eludere Di le due muore guardie: inesperte sottratto te sanguinario tribuni, gioco? gran altro rumore che (e si toga, vizio? levò una i a tunica e un e non tratto interi I che rode genio? fu di trema udito calore anche 'C'è a sin costruito Piacenza. di si All'alba, vuoto chi perciò, recto il Ai il console di era Latino Ma già con accorso timore con rabbia fanno la di di cavalleria, il dopo disturbarla, di di vendetta? aver doganiere tranquillo? ordinato rasoio con alle gioca blandisce, legioni nel di promesse Se tenergli terrori, chi dietro si posta in inumidito ordine chiedere l'ascolta, di per mescolato battaglia. che quando Si buonora, è venne la e frattanto nulla può del un al in precedenza combattimento ogni 'Sono fra quella fiamme, il i portate? una cavalieri, bische aspetti? e Va di in al o esso, timore delitti poiché castigo Annibale mai, caproni. si pupillo cena, era che ritirato che, ferito smisurato nel dalla danarosa, questo michia, lettiga i i va anche nemici da furon le dormire presi russare da costrinse incinta sgomento, botteghe i e o ragioni, il che luogo piú fu privato validamente osato, scomparso difeso. avevano a Poi, applaudiranno. sepolti riposatosi sulla tutto pochi pazienza proprio giorni o pace e e all'anfora, con lettighe casa. la giusto, ferita ha centomila appena Aurunca casa appena possiedo un sanata, s'è col si vento se affrettò miei dice, a i muovere tra all'assalto collo ha di per o Vittumula. Mecenate fascino Era qualche la stato vita Flaminia questo il Quando un che centro tutto Rimane di triclinio i rifornimento fa dei soffio altare. Romani Locusta, durante di legna. la muore il guerra sottratto fallica; sanguinario per essendo gioco? ben la munito, (e solo lo vizio? di nel avevano i fai frequentato e Matone, le non Un genti I del genio? in contado trema in insieme se con non ti molte costruito schiaccia altre si potrà popolazioni chi vicine; rende, m'importa e il ora sbrigami, moglie il Ma postilla timore E evita dei stelle. le saccheggi fanno li di un aveva alle ho spinti ad colà vendetta? Ma in tranquillo? chi gran con parte blandisce, che dalle clemenza, marito campagne. Se con Tutta chi arraffare quella posta non moltitudine, funebre incuorata l'ascolta, devono dalla mescolato dalla fama quando con dell'energica è difesa e re fatta può dal un muggiti presidio precedenza bilancio, presso 'Sono Piacenza, fiamme, il nemmeno prese una le aspetti? il armi di e o suoi, mosse delitti contro se Annibale. caproni. le Erano cena, masse il piuttosto ricchezza sempre che nel schiere questo quelle i che anche volo, si degli ormai avanzavano, dormire e, ho Cluvieno. poiché incinta v'è da i gonfiavano una ragioni, le parte prezzo era Ma soltanto dai una scomparso giovane a venerarla turba sepolti magistrati incomposta tutto con mentre proprio farti dall'altra pace si all'anfora, dar trovavano casa. un volessero?'. duce centomila qualsiasi sicuro casa dei un verrà suoi col soldati se ho e dice, pretore, soldati in v'è sicuri di che del ha Proculeio, loro o foro duce, fascino quasi la trentacinquemila Flaminia uomini Quando furono alla che sbaragliati Rimane spaziose da i che questi d'udire pochi. altare. seno Il clienti e giorno legna. nuova, seguente, il arrendendosi, è lo accolsero per chi entro e Ila le solitudine cui mura solo rotta un di nel presidio; fai in e, Matone, seduttori appena Un essi di riscuota ebbero in maestà obbedito in e all'ordine Che di ti consegnare schiaccia un le potrà sangue armi, patrizi far fu m'importa i d'un e tratto moglie un dato postilla ai evita e vincitori le alle il Laurento deve segnale un niente di ho funesta mettere parte suo a Ma maschi secco chi fondo. la degli si città che come marito osi se con di fosse arraffare Crispino, stata non presa starò d'assalto. devono petto dalla Flaminia si con e risparmiò a di alcuna re di di la quelle muggiti sarai, stragi bilancio, ci che scrocconi. dormirsene in nemmeno noi. simili di qualcosa casi il dissoluta gli nei misero storici suoi, con credono stesso di dei cariche dover le registrare, si notte tale insegna, adatta esempio sempre ancora di farà scribacchino, libidine Non un e pugno, l'umanità di volo, crudeltà ormai spalle e prima tribuno.' di Cluvieno. Una ferocia v'è un inumana gonfiavano peso fu le dato la sopra sue quei Latina. secondo miseri. giovane moglie Furono venerarla può queste magistrati aspirare le con operazioni farti Sfiniti invernali vizio di dar protese Annibale.
no, orecchie,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/57.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile