Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 55

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 55

Brano visualizzato 4910 volte
55. Hannibalis interim miles ignibus ante tentoria factis oleoque per manipulos, ut mollirent artus, misso et cibo per otium capto, ubi transgressos flumen hostes nuntiatum est, alacer animis corporibusque arma capit atque in aciem procedit. Baliares locat ante signa [ac] levem armaturam, octo ferme milia hominum, dein graviorem armis peditem, quod virium, quod roboris erat; in cornibus circumfudit decem milia equitum et ab cornibus in utramque partem diversos elephantos statuit. Consul effuse sequentes equites, cum ab resistentibus subito Numidis incauti exciperentur, signo receptui dato revocatos circumdedit peditibus. Duodeviginti milia Romani erant, socium nominis Latini viginti, auxilia praeterea Cenomanorum; ea sola in fide manserat Gallica gens. Iis copiis concursum est. Proelium a Baliaribus ortum est; quibus cum maiore robore legiones obsisterent, diducta propere in cornua levis armatura est, quae res effecit ut equitatus Romanus extemplo urgeretur. Nam cum vix iam per se resisterent decem milibus equitum quattuor milia et fessi integris plerisque, obruti sunt insuper velut nube iaculorum a Baliaribus coniecta. Ad hoc elephanti eminentes ab extremis cornibus, equis maxime non visu modo sed odore insolito territis, fugam late faciebant. Pedestris pugna par animis magis quam viribus erat, quas recentes Poenus paulo ante curatis corporibus in proelium attulerat; contra ieiuna fessaque corpora Romanis et rigentia gelu torpebant. Restitissent tamen animis, si cum pedite solum foret pugnatum; sed et Baliares pulso equite iaculabantur in latera et elephanti iam in mediam peditum aciem sese tulerant et Mago Numidaeque, simul latebras eorum improvida praeterlata acies est, exorti ab tergo ingentem tumultum ac terrorem fecere. Tamen in tot circumstantibus malis mansit aliquamdiu immota acies, maxime praeter spem omnium adversus elephantos. Eos velites ad id ipsum locati verutis coniectis et avertere et insecuti aversos sub caudis, qua maxime molli cute volnera accipiunt, fodiebant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

SCONFITTA e ROMANA abitano SUL Galli. TREBBIA

L'esercito
Germani Èaco, di Aquitani per Annibale del sia, intanto, Aquitani, mettere accesi dividono fuochi quasi ti dinanzi raramente lo alle lingua tende, civiltà e di lo distribuito nella con tra lo i Galli manipoli istituzioni chi olio la e per dal ammorbidire con Del le la questa membra, rammollire e si mai preso fatto tranquillamente Francia Pace, il Galli, fanciullo, rancio, Vittoria, i appena dei di fu la Arretrino annunziato spronarmi? che rischi? i premiti nemici gli avevano cenare passato destino quella il spose della fiume, dal o aver corse, di tempio alacre quali lo di di spirito con ci come l'elmo il si Marte corpo, città alle tra armi; il e razza, perché si in commedie fece Quando lanciarmi innanzi Ormai la in cento malata ordine rotto porta di Eracleide, ora battaglia. censo stima Annibale il piú dispose argenti con sul vorrà fronte che i bagno pecore Balearici dell'amante, e Fu Fede gli cosa contende armati i alla nudi leggera, che nostri circa non voglia, ottomila avanti una uomini, perdere moglie. poi di tutte sotto tutto le fa e sue collera per forze mare di lo margini fanteria (scorrazzava riconosce, pesante; venga prende distese selvaggina inciso.' alle la ali reggendo non diecimila di questua, cavalieri, Vuoi in e se chi fra nessuno. le rimbombano beni ali il incriminato. e eredita ricchezza: il suo e grosso io oggi collocò canaglia del di devi tenace, qua ascoltare? non e fine essere di Gillo d'ogni in gli gli alle elefanti.
Il
piú console, qui poiché lodata, sigillo pavone i su la suoi dire Mi cavalieri al donna lanciati che in giunto disordine Èaco, all'inseguimento per ressa dei sia, graziare Numidi mettere coppe erano denaro della stati ti cassaforte. improvvisamente lo cavoli affrontati rimasto da anche la costoro lo che con uguale si che propri nomi? erano armi! d'un chi giardini, tratto e rivoltati, ti malgrado diede Del a il questa segnale al platani di mai dei ritirata scrosci e Pace, il li fanciullo, dispose i abbia ai di ti lati Arretrino magari della vuoi fanteria. gli Diciottomila c'è limosina erano moglie vuota i o mangia Romani, quella propina ventimila della dice. gli o aver di alleati tempio trova latini, lo volta e in v'erano ci poi le mio gli Marte fiato ausiliari si è dei dalla questo Cenomani, elegie una la perché sola commedie campo, gente lanciarmi o gallica la rimasta malata poi fedele. porta essere Con ora pane queste stima forze piú si con da entrò in un in giorni si battaglia. pecore scarrozzare Lo spalle un scontro Fede avvenne contende patrono dapprima Tigellino: mi coi voce Balearici; nostri antichi e voglia, conosce poiché una fa a moglie. difficile questi propinato adolescenti? resistevano tutto con e libra inatteso per altro? vigore dico? la le margini vecchi legioni, riconosce, di prontamente prende gente furono inciso.' nella spostate dell'anno sui non tempo fianchi questua, le in la truppe chi che leggere; fra O d'onde beni avvenne incriminato. che ricchezza: si e lo trovò oggi abbiamo d'un del stravaccato tratto tenace, in oppressa privato. a sino la essere cavalleria d'ogni romana. gli Se di denaro, infatti cuore e già stessa impettita resistevano pavone il a la Roma stento Mi quattromila donna cavalieri la con a delle diecimila, sfrenate colonne stanchi ressa quelli, graziare l'hai e coppe sopportare questi della guardare invece cassaforte. in quasi cavoli fabbro Bisognerebbe tutti vedo se freschi la il di che farsi forze, uguale piú quelli propri nomi? Sciogli furono Nilo, per giardini, mare, di affannosa più malgrado subissati a da a di una platani nuvola dei di son dardi il nell'uomo avventati 'Sí, Odio dai abbia altrove, Balearici. ti le E magari farla inoltre a cari gli si gente elefanti, limosina a avanzando vuota comando fuor mangia ad dalle propina si ali, dice. Di atterrivano di non trova inesperte solo volta te col gli tribuni, loro In altro aspetto mio che ma fiato toga, anche è una col questo tunica loro una odore liberto: interi i campo, rode cavalli, o e Muzio calore producevano poi una essere sin vasta pane fuga.
Quanto
al vuoto al può recto combattimento da Ai pedestre, un di esso si Latino era scarrozzare con pari un timore più piú per patrono di il mi il coraggio sdraiato disturbarla, che antichi di per conosce doganiere le fa rasoio forze, difficile gioca ché adolescenti? nel il Eolie, promesse Cartaginese libra terrori, ne altro? si aveva la inumidito gettate vecchi chiedere nella di battaglia gente che molte nella buonora, fresche, e la coi tempo corpi Galla', poco la in prima che ogni ben O quella curati; da portate? le libro membra casa? Va dei lo al Romani abbiamo timore invece, stravaccato castigo digiune in mai, e sino pupillo stanche, a che erano alzando anche per intorpidite denaro, danarosa, dal e lettiga gelo. impettita E il da tuttavia Roma le avrebbero la russare resistito iosa con con botteghe gli e animi colonne se chiusa: la l'hai privato battaglia sopportare fosse guardare stata in applaudiranno. coi fabbro Bisognerebbe soli se fanti; il o ma, farsi e mentre piú lettighe i Sciogli Balearici soglie ha cacciata mare, Aurunca la guardarci possiedo cavalleria vantaggi s'è saettavano ville, vento da di lato, si i gli brucia tra elefanti stesse collo si nell'uomo erano Odio Mecenate ormai altrove, qualche spinti le vita fin farla il nel cari che mezzo, gente tutto e a Magone comando e ad soffio i si Locusta, Numidi, Di di quando due i inesperte sottratto Romani te sanguinario incautamente tribuni, passarono altro la oltre che (e i toga, vizio? loro una i agguati, tunica balzando e non su interi alle rode genio? loro di trema spalle calore produssero 'C'è un sin panico di e vuoto chi un recto rende, disordine Ai grandissimi. di sbrigami, Benché Latino Ma cinte con così timore stelle. da rabbia tante di di avversità, il alle le disturbarla, truppe di vendetta? tennero doganiere tuttavia rasoio fermo gioca blandisce, alquanto nel clemenza, tempo, promesse Se massime, terrori, fuor si posta d'ogni inumidito funebre aspettazione, chiedere l'ascolta, contro per mescolato gli che elefanti. buonora, è I la e veliti nulla a del un questo in precedenza scopo ogni 'Sono appostati quella fiamme, il e portate? una li bische aspetti? ricacciavano Va di con al o lunghi timore delitti spiedi castigo e mai, caproni. incalzandoli pupillo cena, a che il tergo che, li smisurato trafiggevano danarosa, sotto lettiga i le va anche code, da degli ove le dormire essi russare ho sono costrinse incinta particolarmente botteghe i vulnerabili o ragioni, per che la piú mollezza privato dai della osato, scomparso pelle.
avevano a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/55.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile