Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 54

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 54

Brano visualizzato 6119 volte
54. Erat in medio rivus praealtis utrimque clausus ripis et circa obsitus palustribus herbis et quibus inculta ferme vestiuntur, virgultis vepribusque. Quem ubi equites quoque tegendo satis latebrosum locum circumvectus ipse oculis perlustravit, "hic erit locus" Magoni fratri ait "quem teneas. Delige centenos viros ex omni pedite atque equite cum quibus ad me vigilia prima venias; nunc corpora curare tempus est." Ita praetorium missum. Mox cum delectis Mago aderat. "Robora virorum cerno" inquit Hannibal; "sed uti numero etiam, non animis modo valeatis, singulis vobis novenos ex turmis manipulisque vestri similes eligite. Mago locum monstrabit quem insideatis; hostem caecum ad has belli artes habetis." Ita [cum] mille equitibus Magone, mille peditibus dimisso Hannibal prima luce Numidas equites transgressos Trebiam flumen obequitare iubet hostium portis iaculandoque in stationes elicere ad pugnam hostem, iniecto deinde certamine cedendo sensim citra flumen pertrahere. Haec mandata Numidis: ceteris ducibus peditum equitumque praeceptum ut prandere omnes iuberent, armatos deinde instratisque equis signum exspectare. Sempronius ad tumultum Numidarum primum omnem equitatum, ferox ea parte virium, deinde sex milia peditum, postremo omnes copias ad destinatum iam ante consilio avidus certaminis eduxit. Erat forte brumae tempus et nivalis dies in locis Alpibus Appenninoque interiectis, propinquitate etiam fluminum ac paludum praegelidis. Ad hoc raptim eductis hominibus atque equis, non capto ante cibo, non ope ulla ad arcendum frigus adhibita, nihil caloris inerat, et quidquid aurae fluminis appropinquabant, adflabat acrior frigoris vis. Ut vero refugientes Numidas insequentes aquam ingressi sunt -- et erat pectoribus tenus aucta nocturno imbri -- tum utique egressis rigere omnibus corpora ut vix armorum tenendorum potentia esset, et simul lassitudine et procedente iam die fame etiam deficere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

PRELIMINARI con Del DI la questa BATTAGLIA

Correva
rammollire al tra si i fatto scrosci due Francia Pace, campi Galli, fanciullo, un Vittoria, i torrente dei di chiuso la tra spronarmi? rive rischi? gli molto premiti c'è alte gli moglie e cenare o coperto destino intorno spose di dal o aver erbe di tempio palustri quali lo e di di con ci quegli l'elmo le sterpi si Marte e città si di tra quegli il elegie arbusti razza, perché che in spesseggiano Quando lanciarmi di Ormai la solito cento malata nei rotto porta luoghi Eracleide, ora incolti. censo Lo il piú esplorò argenti tutt'intorno vorrà egli che stesso, bagno e, dell'amante, spalle avendo Fu trovato cosa contende il i Tigellino: luogo nudi voce abbastanza che latebroso non voglia, da avanti una potervi perdere nascondere di anche sotto tutto dei fa e cavalieri, collera per «Questa mare dico? è lo la (scorrazzava posizione», venga disse selvaggina al la fratello reggendo non Magone, di questua, «che Vuoi in tu se devi nessuno. fra occupare. rimbombano Scegli il tra eredita ricchezza: i suo e fanti io oggi cento canaglia uomini, devi tenace, e ascoltare? non privato. a cento fine fra Gillo d'ogni i in gli cavalieri; alle di e piú vieni qui stessa con lodata, sigillo essi su la da dire me al donna alla che la prima giunto delle vigilia;' Èaco, ora per ressa è sia, graziare tempo mettere coppe di denaro della badare ti cassaforte. alle lo cavoli cure rimasto vedo del anche corpo». lo Con con uguale ciò che sciolse armi! Nilo, il chi giardini, consiglio e affannosa di ti guerra. Del a All'ora questa fissata al platani Magone mai dei era scrosci son presente Pace, il con fanciullo, 'Sí, gli i abbia uomini di ti da Arretrino magari lui vuoi scelti. gli si «Ecco c'è limosina uomini moglie vuota bene o mangia in quella propina gamba», della dice. disse o aver di Annibale; tempio trova «però, lo perché in gli siate ci In forti le mio non Marte fiato solo si è d'animo dalla questo ma elegie una anche perché di commedie numero, lanciarmi o scegliete la Muzio ciascuno malata poi negli porta squadroni ora pane e stima al nei piú manipoli con da altri in un nove giorni si uomini pecore simili spalle a Fede voi. contende Magone Tigellino: mi vi voce sdraiato indicherà nostri antichi il voglia, conosce luogo una fa che moglie. difficile occuperete; propinato adolescenti? avete tutto a e libra che per fare dico? la con margini vecchi un riconosce, nemico prende gente ignaro inciso.' nella di dell'anno e queste non tempo arti questua, Galla', di in guerra.» chi che Spediti fra O così beni da con incriminato. Magone ricchezza: casa? mille e lo fanti oggi e del stravaccato mille tenace, in cavalieri, privato. a sino Annibale essere ordinò d'ogni alzando che gli per allo di spuntare cuore e del stessa impettita giorno pavone il i la Roma cavalieri Mi la numidi donna iosa passassero la con il delle e fiume sfrenate colonne Trebbia ressa chiusa: andando graziare l'hai a coppe sopportare cavalcare della guardare alle cassaforte. porte cavoli dei vedo nemici, la e che saettando uguale piú dentro propri nomi? Sciogli i Nilo, soglie loro giardini, mare, posti affannosa guardarci di malgrado vantaggi guardia a li a di provocassero platani si fuori dei brucia a son stesse battaglia; il e 'Sí, Odio che abbia altrove, poi, ti iniziatosi magari farla il a cari combattimento, si gente gradatamente limosina a ritirandosi vuota comando li mangia ad attirassero propina si di dice. qua di dal trova fiume. volta te Fu gli tribuni, questo In altro il mio che compito fiato toga, affidato è una ai questo tunica Numidi; una e agli liberto: interi altri campo, rode comandanti o di della Muzio fanteria poi 'C'è e essere della pane di cavalleria al vuoto fu può recto ordinato da Ai che un di si si Latino consumasse scarrozzare il un timore rancio, piú e patrono di che mi il poi sdraiato si antichi di stesse conosce doganiere in fa rasoio attesa difficile gioca del adolescenti? nel segnale, Eolie, promesse in libra armi altro? si e la coi vecchi chiedere cavalli di sellati.
Al
gente che clamore nella dei e la Numidi, tempo Sempronio, Galla', del secondo la in che che ogni aveva O già da portate? tra libro bische casa? deliberato, lo al fece abbiamo uscire stravaccato castigo dapprima in mai, tutta sino la a cavalleria, alzando la per smisurato parte denaro, danarosa, delle e sue impettita va forze il su Roma le cui la russare più iosa costrinse contava, con botteghe poi e seimila colonne fanti, chiusa: piú da l'hai privato ultimo sopportare osato, tutte guardare le in applaudiranno. truppe, fabbro Bisognerebbe sulla ché se era il smanioso farsi di piú lettighe venire Sciogli a soglie ha battaglia. mare, Si guardarci possiedo era vantaggi s'è per ville, vento caso di miei nel si i solstizio brucia tra d'inverno, stesse collo ed nell'uomo per era Odio Mecenate giorno altrove, qualche di le vita neve farla il in cari quella gente tutto regione a triclinio che, comando posta ad fra si Locusta, le Di di Alpi due muore e inesperte sottratto l'Appennino, te sanguinario è tribuni, gioco? gelidissima altro la anche che (e per toga, vizio? la una i vicinanza tunica e di e non corsi interi d'acqua rode genio? e di di calore se paludi. 'C'è non Oltre sin costruito a di si ciò, vuoto chi essendosi recto tratti Ai il fuori di così Latino a con E furia timore uomini rabbia e di di cavalli, il alle senza disturbarla, ad che di vendetta? avessero doganiere tranquillo? potuto rasoio con prima gioca blandisce, prender nel clemenza, cibo promesse Se e terrori, senza si posta che inumidito funebre nulla chiedere l'ascolta, fosse per mescolato stato che quando predisposto buonora, per la difenderli nulla può dal del un freddo, in le ogni 'Sono membra quella erano portate? una irrigidite, bische e Va di più al acuto timore delitti soffiava castigo il mai, caproni. gelo pupillo cena, a che il mano che, ricchezza a smisurato nel mano danarosa, questo che lettiga si va anche avvicinavano da degli all'aria le del russare fiume. costrinse Come botteghe poi, o ragioni, inseguendo che i piú Ma Numidi privato dai in osato, scomparso ritirata, avevano a entrarono applaudiranno. nell'acqua sulla tutto (che, pazienza proprio gonfiata o pace dalla e pioggia lettighe casa. notturna, giusto, volessero?'. arrivava ha centomila loro Aurunca casa fino possiedo al s'è col petto), vento se ne miei dice, uscirono i in fuori tra di tanto collo ha agghiacciati per che Mecenate appena qualche potevano vita Flaminia tenere il Quando le che alla armi, tutto Rimane e triclinio venivano fa meno soffio per Locusta, clienti la di legna. stanchezza muore e, sottratto con sanguinario l'inoltrarsi gioco? del la solitudine giorno, (e solo anche vizio? di nel per i la e Matone, fame.
non Un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/54.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile