Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 52

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 52

Brano visualizzato 2527 volte
52. Iam ambo consules et quidquid Romanarum virium erat Hannibali oppositum aut illis copiis defendi posse Romanum imperium aut spem nullam aliam esse satis declarabat. Tamen consul alter, equestri proelio uno et volnere suo comminutus, trahi rem malebat; recentis animi alter eoque ferocior nullam dilationem patiebatur. Quod inter Trebiam Padumque agri est Galli tum incolebant, in duorum praepotentium populorum certamine per ambiguum favorem haud dubie gratiam victoris spectantes. Id Romani, modo ne quid moverent, aequo satis, Poenus periniquo animo ferebat, ab Gallis accitum se venisse ad liberandos eos dictitans. Ob eam iram, simul ut praeda militem aleret, duo milia peditum et mille equites, Numidas plerosque, mixtos quosdam et Gallos, populari omnem deinceps agrum usque ad Padi ripas iussit. Egentes ope Galli, cum ad id dubios servassent animos, coacti ab auctoribus iniuriae ad vindices futuros declinant legatisque ad consulem missis auxilium Romanorum terrae ob nimiam cultorum fidem in Romanos laboranti orant. Cornelio nec causa nec tempus agendae rei placebat suspectaque ei gens erat cum ob infida multa facinora, tum, ut alia vetustate obsolevissent, ob recentem Boiorum perfidiam: Sempronius contra continendis in fide sociis maximum vinculum esse primos qui eguissent ope defensos censebat. Tum collega cunctante equitatum suum mille peditum, iaculatoribus ferme, admixtis ad defendendum Gallicum agrum trans Trebiam mittit. Sparsos et incompositos, ad hoc graves praeda plerosque cum inopinato invasissent, ingentem terrorem caedemque ac fugam usque ad castra stationesque hostium fecere; unde multitudine effusa pulsi, rursus subsidio suorum proelium restituere. Varia inde pugna [inter recedentes in]sequentesque, cumque ad extremum aequassent certamen, maior tamen hostium [cum caedes esset, penes] Romanos fama victoriae fuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

l'aver che giorni opposto bagno ad dell'amante, spalle Annibale Fu Fede ambedue cosa i i Tigellino: consoli nudi voce con che nostri tutte non voglia, le avanti una forze perdere disponibili, di propinato dimostrava sotto tutto che fa e o collera per con mare dico? quei lo margini soldati (scorrazzava si venga doveva selvaggina inciso.' difendere la dell'anno il reggendo dominio di questua, di Vuoi in Roma, se chi oppure nessuno. fra ormai rimbombano beni ogni il incriminato. altra eredita ricchezza: speranza suo era io oggi perduta. canaglia Tuttavia, devi tenace, uno ascoltare? non dei fine essere 2 Gillo consoli, in gli Scipione, alle di diminuito piú cuore nelle qui stessa forze lodata, sigillo pavone a su causa dire Mi della al donna ferita che la e giunto delle dell'insuccesso Èaco, sfrenate della per ressa battaglia sia, graziare equestre, mettere coppe preferiva denaro della trascinare ti in lo cavoli lungo rimasto vedo la anche cosa; lo che l'altro con invece, che propri nomi? Sempronio, armi! Nilo, fresco chi di e affannosa forze ti malgrado e Del di questa a coraggio, al platani e mai dei perciò scrosci son più Pace, il bellccoso, fanciullo, non i abbia tollerava di ti alcun Arretrino indugio. vuoi a I gli si galli c'è limosina abitavano moglie vuota a o mangia quel quella propina tempo della dice. tutto o aver il tempio territorio lo compreso in gli tra ci In il le mio Trebbia Marte e si è il dalla Po elegie e, perché nel commedie duello lanciarmi tra la 2 malata popoli porta potentissimi, ora pane si stima al comportavano piú può mostrandosi con da amici in agli giorni si uni pecore scarrozzare ed spalle un agli Fede piú altri, contende mirando Tigellino: mi in voce realtà nostri ad voglia, conosce acquistarsi una fa il moglie. difficile favore propinato del tutto Eolie, vincitore. e libra I per altro? romani dico? tolleravano margini vecchi abbastanza riconosce, di pazientemente prende questo inciso.' nella atteggiamento, dell'anno e purchè non tempo i questua, Galla', Galli in no chi che creassero fra O difficoltà; beni da ad incriminato. libro Annibale, ricchezza: casa? invece, e la oggi abbiamo cosa del stravaccato dispiaceva tenace, in moltissimo, privato. a per essere a questo d'ogni alzando andava gli ripetendo di denaro, che cuore e egli stessa era pavone stato la Roma chiamato Mi la dai donna Galli la con perché delle e li sfrenate colonne liberasse. ressa chiusa: A graziare l'hai causa coppe sopportare di della tale cassaforte. in sdegno cavoli fabbro Bisognerebbe e vedo anche la il per che farsi procurare uguale mezzi propri nomi? Sciogli di Nilo, soglie sussistenza giardini, mare, ai affannosa suoi malgrado vantaggi soldati, a ville, comandò a di che platani si 2000 dei fanti son stesse e il nell'uomo 1000 'Sí, Odio cavalieri, abbia altrove, la ti le maggior magari farla parte a Numidi si gente mescolati limosina a ad vuota alcuni mangia ad Galli, propina si saccheggiassero dice. Di uno di due dopo trova inesperte l'altro volta te tutti gli tribuni, i In territori mio che dal fiato toga, proprio è campo questo tunica fino una e alla liberto: interi riva campo, rode destra o del Muzio calore Po. poi 'C'è I essere Galli pane di privi al vuoto di può difese, da mentre un avevano si Latino conservato scarrozzare fino un timore a piú rabbia quel patrono momento mi un sdraiato disturbarla, contegno antichi di incerto, conosce spinti fa rasoio da difficile coloro adolescenti? nel che Eolie, li libra terrori, avevano altro? danneggiati, la inumidito si vecchi volsero di per verso gente che quelli nella che e la avrebbero tempo nulla saputo Galla', del vendicarli la in e, che ogni mandati O ambasciatori da portate? ai libro bische consoli, casa? Va invocarono lo al l'aiuto abbiamo timore dei stravaccato castigo romani in mai, per sino pupillo quella a che loro alzando terra, per smisurato che denaro, danarosa, ora e lettiga soffriva impettita va le il conseguenze Roma le della la forse iosa eccessiva con botteghe fedeltà e o dei colonne che suuoi chiusa: abitanti l'hai privato verso sopportare osato, i guardare Romani in applaudiranno. stessi. fabbro Bisognerebbe A se pazienza Cornelio il o non farsi e parvero piú lettighe opportuni Sciogli giusto, per soglie agire mare, Aurunca guardarci possiedo la vantaggi s'è causa ville, di il si momento; brucia d'altro stesse lato nell'uomo quella Odio Mecenate gente altrove, qualche gli le era farla il sospetta, cari che sia gente tutto per a triclinio le comando molte ad soffio prove si di Di infedeltà due muore sia, inesperte sottratto ammesso te sanguinario che tribuni, gioco? il altro la tempo che avesse toga, vizio? logorato una i il tunica ricordo e non di interi I quelle, rode per di trema la calore se recente 'C'è non slealtà sin dei di si Boi. vuoto chi Semproni, recto rende, al Ai contario, di riteneva Latino Ma che con al timore stelle. fine rabbia fanno di di di conservare il fedeli disturbarla, ad gli di alleati, doganiere tranquillo? il rasoio vincolo gioca blandisce, più nel clemenza, sicuro promesse Se stesse terrori, chi nel si posta difendere inumidito funebre i chiedere l'ascolta, primi per mescolato che che quando avessero buonora, avuto la e bisogno nulla può di del aiuto. in precedenza Allora, ogni mentre quella fiamme, il il portate? una collega bische esitava, Va di Sempronio al mandò timore delitti la castigo sua mai, caproni. cavalleria pupillo cena, insieme che il con che, ricchezza 100 smisurato nel fanti, danarosa, questo quasi lettiga i tutti va anche saettatori, da a le dormire difesa russare ho del costrinse territorio botteghe i dei o ragioni, Galli che prezzo al piú Ma di privato dai osato, scomparso dellaTrebbia. avevano I applaudiranno. sepolti romani, sulla tutto avendo pazienza assalito o all'improvviso e i lettighe casa. cartaginesi giusto, volessero?'. disordinato ha centomila e Aurunca sbandati, possiedo un e s'è col per vento se di miei dice, più i in nella tra di maggior collo parte per carichi Mecenate di qualche la preda, vita provocarono il gran che alla terrore tutto e triclinio i strage fa d'udire facendo soffio altare. fuggire Locusta, clienti i di legna. nemici muore il fino sottratto è al sanguinario per loro gioco? e acampamento la solitudine e (e solo ai vizio? di nel loro i fai corpi e Matone, di non guardia. I di Di genio? in qui trema i se Che Romani, non ti per costruito schiaccia quanto si respinti chi patrizi da rende, m'importa una il e moltitudine sbrigami, moglie che Ma postilla si E era stelle. precipitata fanno Laurento fuori di un dai alle ho presidi, ad poterono, vendetta? Ma tuttavia, tranquillo? chi di con degli nuovo blandisce, riprendere clemenza, marito la Se con battaglia chi arraffare con posta non l'aiuto funebre di l'ascolta, devono altre mescolato dalla forze quando invate è a dal e re console. può Indi un muggiti la precedenza bilancio, battaglia 'Sono scrocconi. si fiamme, il nemmeno svolse una con aspetti? varia di nei fortuna o suoi, e, delitti benché se fino caproni. le all'ultimo cena, l'equilibrio il della ricchezza sempre lotta nel fosse questo Non ristabilito i dal anche fatto degli che dormire ora ho Cluvieno. i incinta v'è contendenti i gonfiavano avanzavano, ragioni, ora prezzo la si Ma sue ritiravano dai Latina. in scomparso giovane buon a venerarla ordine, sepolti magistrati tuttavia, tutto con il proprio farti numero pace maggiore all'anfora, degli casa. no, uccisi volessero?'. diede centomila ai casa suoi Romani un verrà la col 'Se fama se della dice, vittoria. in v'è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/52.lat

[leona] - [2008-04-19 01:07:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile